Navdeep Singh un "eroe" durante la protesta degli agricoltori del Punjab

In un incidente notevole durante le proteste degli agricoltori in corso in India, Navdeep Singh ha spento un cannone ad acqua puntato contro i manifestanti.

Navdeep Singh contadino

Navdeep Singh è stato ammonito per un tentativo di omicidio

L'agricoltore di ventisei anni Navdeep Singh viene salutato come un "eroe" della protesta dei contadini indiani che provengono principalmente dal Punjab e dall'Haryana.

Navdeep Singh è riuscito a salire su un cannone della polizia e ha interrotto il flusso d'acqua ad alta velocità diretto verso gli agricoltori che protestavano.

È stato accusato di un tentativo di omicidio dalla polizia di Haryana.

Navdeep Singh è stato ammonito per un tentativo di omicidio insieme al presidente dello stato dell'Unione Bharatiya Kisan Gurnam Singh Chaduni.

La polizia li ha accusati di aver infranto le barricate della polizia e di aver tentato di investire i poliziotti con un rimorchio.

Un video dell'azione audace è andato virale sui social media.

Nel video, Navdeep Singh può essere visto saltare da questo camion a un veicolo della polizia e chiudere il rubinetto di un cannone ad acqua, tra gli applausi dei manifestanti.

L'incidente è avvenuto il 25 novembre tra centinaia di migliaia di agricoltori che sfidavano gas lacrimogeni e cannoni ad acqua.

I contadini indiani hanno violato massicci blocchi costituiti da enormi massi, recinzioni spinate e cumuli, per marciare verso Delhi dal Punjab.

Si stanno svolgendo le proteste contro le nuove leggi agricole.

Finora le proteste per lo più pacifiche sono andate avanti per oltre 2 mesi, avendo ucciso 13 agricoltori fino ad oggi.

Il trattamento riservato agli agricoltori in viaggio verso Delhi ha suscitato severe critiche sui social media, compresi i politici.

Gli atti del giovane agricoltore di saltare dal suo trattore al veicolo della polizia con il cannone ad acqua hanno conquistato i cuori.

Quali sono le richieste degli agricoltori indiani?

Gli agricoltori indiani protestano con veemenza contro le tre leggi di riforma agricola approvate dal Parlamento indiano nel settembre 2020.

I sindacati degli agricoltori dicono che queste regole non sono a loro favore e promuoveranno la privatizzazione del settore agricolo.

E a loro volta avvantaggiano gli accumulatori e le grandi società.

Dicono che queste leggi indeboliscono le prospettive future del settore che impiega il 58% della popolazione del paese.

I progetti di legge sull'agricoltura cercano collettivamente di fornire agli agricoltori molteplici canali di marketing, rompendo diversi monopoli.

Compreso quello dei mandis regolamentati dal governo (iarde di mercato) e fornisce un quadro giuridico per gli agricoltori per stipulare contratti prestabiliti.

Negli ultimi giorni migliaia di contadini provenienti da Punjab, Haryana, Rajasthan e Uttar Pradesh hanno marciato verso Delhi.

I contadini, attraverso la marcia Dilli Chalo, hanno deciso di esercitare pressioni sul governo affinché revochi le leggi agricole approvate di recente.

Gli agricoltori chiedono al Centro di ritirare le tre legislazioni o di garantirle sui prezzi minimi di sostegno (MSP).

L'MSP è un "prezzo minimo" per qualsiasi raccolto che il governo indiano considera remunerativo per gli agricoltori e quindi meritevole di "sostegno".

Gli agricoltori stanno protestando affinché il governo approvi una nuova legge formulata dopo una più ampia consultazione con le parti interessate.



Akanksha è laureata in media e attualmente sta conseguendo una laurea in giornalismo. Le sue passioni includono attualità e tendenze, TV e film, oltre ai viaggi. Il suo motto di vita è "Better an oops than a what if".




  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Qual è il tuo film cult asiatico britannico preferito?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...