Quali sono le differenze tra il teatro indiano e quello pakistano?

Il teatro pakistano e quello indiano mostrano notevoli differenze nel motivo per cui viene rappresentato il teatro, nelle sue componenti, sfide, contenuti e scopi.


Dopo l'indipendenza nel 1947, il teatro faticò a sopravvivere.

Molte influenze hanno plasmato il modo in cui sono stati fondati i teatri pakistani e indiani.

Non solo, ma svolgono anche ruoli diversi nella società e nelle comunità.

Il teatro funge da spazio di fuga, ma affronta anche problemi e porta alla luce alcune ideologie e rappresentazioni della verità.

Nel corso degli anni i teatri si sono evoluti in termini di utilizzo e accoglienza.

Tuttavia, alcune tradizioni vengono preservate, con una chiara enfasi nel mantenerle vive nonostante le influenze esterne che hanno plasmato il teatro moderno.

Le differenze sono evidenziate di seguito; alcuni argomenti presentano notevoli differenze, mentre altri condividono somiglianze.

Le motivazioni dietro le produzioni teatrali

5 differenze tra il teatro pakistano e quello indianoIn Pakistan, durante il regno di Generale Zia-ul-Haq nel 1977 il teatro era parte integrante della società.

Tuttavia, il liberalismo e la libertà di parola hanno sofferto a causa delle politiche di militanza avviate da Zia.

Di conseguenza, gli attivisti si sono rivolti a luoghi privati, poiché il movimento ha negato il permesso ai palcoscenici di presentare ideologie critiche nei confronti della dittatura. 

Questo periodo vide una reazione contro l'élite militare, con attivisti teatrali che utilizzarono il mezzo per mettere in luce questioni sociali e politiche.

Il Movimento per la restaurazione della democrazia e la Forum d'azione delle donne spettacoli messi in scena in risposta alle politiche del governo.

“Il Movimento per il Restauro della Democrazia (MRD), formato nel 1983, mirava a fare pressione sul regime dittatoriale di Muhammad Zia-ul Haq affinché tenesse elezioni e sospendesse la legge marziale”.

Inoltre, gli obiettivi del Women's Action Forum includevano l'aumento della rappresentanza delle donne in parlamento, la sensibilizzazione sulla pianificazione familiare e il rilascio di dichiarazioni pubbliche sulle questioni femminili.

Ad esempio, "Dard Kay Faasley" (Distances of Pain, 1981) di Tehrik-e-Niswan, è un'opera teatrale sulla sofferenza delle donne in tempi di fanatismo nazionale ed estremismo.

Inoltre, "Juloos/Procession" (1984) di Ajoka ritrae lo stile di vita degli uomini nelle grandi città e allude ad alcune questioni sociali.

Il teatro politico divenne una pratica in cui le agende politiche venivano messe in discussione e analizzate, contribuendo alla coltivazione di una rivoluzione sociale.

Il teatro pakistano offre una visione dei valori culturali, sociali e politici dominanti del paese, influenzando gli spettatori con idee stimolanti e penetranti.

C’era un senso di cultura di opposizione che sostituiva le culture dominanti, in particolare negli anni ’80.

In confronto, il teatro indiano trae influenze dalla poetica di Aristotele.

La teoria estetica del rasa influenza l'aspetto del teatro, che include la filosofia e l'aggiunta del dramma sanscrito scritto da importanti drammaturghi come Bhasa, Kalidasa, Shudraka, Vishakadatta, Bhavabhuti e Harsha durante il primo secolo.

Il pubblico target era il ceto medio e operaio metropolitano, divertito dai commenti sociali e dal melodramma della vita quotidiana rappresentati nelle opere teatrali.

Le opere teatrali non servivano solo in funzione del dramma, ma offrivano anche una critica alla vita.

Nel 19° secolo, il teatro indiano emerse come un'enorme fonte di intrattenimento nelle città metropolitane emergenti come Calcutta, Delhi, Mumbai e Chennai.

Gli esperimenti dell'IPTA (Indian People's Theatre Association) erano associati al realismo socialista, impegnato nell'idea che il teatro potesse essere utilizzato per il cambiamento sociale.

Nel sud dell’India, il teatro armonizzava le forme tradizionali con i messaggi sociali, utilizzando metodi antichi per produzioni contemporanee.

C'è un equilibrio tra gli aspetti stilistici occidentali e indiani del teatro, con ideologie di culture diverse.

Dopo l'indipendenza, il teatro indiano ha subito molte incarnazioni, sostenuto dallo stato.

I drammaturghi approfondiscono l'angoscia moderna della vita quotidiana, mentre gli scrittori più giovani affrontano questioni riguardanti l'identità e la globalizzazione.

Il teatro pakistano si concentra sul cambiamento politico e sull'oppressione, mentre il teatro indiano enfatizza gli aspetti sociali e i messaggi al pubblico.

C'è un più ampio senso di libertà nel teatro indiano, che fa appello a un pubblico più ampio, non solo all'élite come in Pakistan.

Il teatro indiano offre più creatività e innovazione, al contrario del teatro pakistano, che è più limitato e censurato.

Il teatro pakistano deve affrontare maggiori sfide in termini di partecipazione delle donne, mentre il teatro indiano sembra essere progressista e inclusivo.

Componenti principali degli spettacoli

5 differenze tra il teatro pakistano e quello indianoIn Pakistan, Lahore è il centro culturale delle arti dello spettacolo e del teatro.

La tradizione teatrale del Punjab incorpora tragedie, mimi, opere musicali e altro ancora.

Secondo il Università del Punjab, "il teatro popolare sotto forma di tamasha, swing e nautanki è stato praticato nelle zone rurali del Punjab, mentre anche Dastangoi (narrazione) e marionette sono forme consolidate".

Inoltre, la narrazione combina canto e musica strumentale.

Attraverso la voce e l'espressione, i narratori danno ai racconti antichi una svolta moderna.

Nelle storie popolari, i ritmi popolari tradizionali sono parte integrante delle loro narrazioni musicali.

Una componente chiave del teatro pakistano è l'improvvisazione e la improvvisazione.

Gli attori spesso recitano in spettacoli senza una sceneggiatura scritta, facendo affidamento sulla loro creatività.

Comunemente, i comici che conducono spettacoli personali dominano il teatro popolare punjabi.

Ad esempio, Amanullah Khan, un artista, è emerso come un'icona del teatro improvvisato e superfluo.

Il successo di Amanullah rispecchia quello della star del cinema punjabi Sultan Rahi.

Le esibizioni iconiche spesso presentano influenze occidentalizzate, in particolare nella messa in scena e nei costumi.

Occasionalmente, il teatro pakistano introduce nuove ideologie derivate dall'Occidente, accanto a temi e caratterizzazioni tradizionali.

Il teatro include Juggat, una parola punjabi che significa qualsiasi parola, frase o frase che crea un gioco di parole.

Il "Terzo Teatro" enfatizza l'illuminazione, i costumi e gli oggetti di scena minimi, concentrandosi sui movimenti fisici piuttosto che sulla consegna dei dialoghi.

Le componenti includono anche il blocco, il luogo dell'azione e la messa in scena per coinvolgere il pubblico, insieme a una lunga azione incentrata sulla consegna dei dialoghi, sul controllo vocale e sull'equilibrio nel movimento.

Secondo la scrittrice e regista Amy Aniobi, Messa in scena è “la composizione; come la storia può essere raccontata da ciò che vedi, sia immediatamente che rivelandola durante o alla fine di una scena.

"È il modo in cui racconti la storia in base a ciò che vedi e non a ciò che viene detto."

In confronto, il teatro indiano enfatizza la performance dal vivo, concentrandosi sul tempo e sullo spazio.

Un profondo tema di fondo è che il dramma era un dono degli Dei agli esseri umani, secondo il Natyashastra di Bharata.

Questi testi approfondiscono la filosofia e l'essenza del comportamento umano.

Le tradizioni teatrali includono musicisti, ballerini e cantanti, che comprendono forme tradizionali popolari e classiche.

Idee come i rituali arcaici sono presenti nel teatro indiano da diversi secoli.

Esistono tre tipi distinti di teatro indiano, ciascuno con componenti diverse: il periodo classico, il periodo tradizionale e il periodo moderno.

Il periodo classico privilegia la tradizione. Margi è una sottocategoria del teatro classico.

Il teatro sanscrito, rappresentato in occasioni religiose nei templi e nei festival, si rivolge a un certo modello status quo di comportamento umano ideale.

Ogni spettacolo mira ad avere un impatto sul pubblico, poiché rasa crea una bellissima connessione tra l'attore e il pubblico.

All'inizio del XV secolo, il teatro in alcune lingue vernacolari soddisfaceva i bisogni della gente del villaggio.

Natyashastra ha influenzato profondamente alcune regioni.

Una differenza notevole è che il teatro pakistano si concentra sul folklore, mentre il teatro indiano pone una grande enfasi sulla celebrazione della tradizione, come festival e templi.

I gruppi rappresentati in teatro differiscono; Il teatro indiano si rivolge alla gente dei villaggi, in contrasto con l'attrazione specifica del teatro pakistano per il Punjab.

Un'altra differenza è che il teatro indiano si concentra sul movimento fisico, mentre il teatro pakistano enfatizza l'improvvisazione e la improvvisazione.

Le sfide

Per quanto riguarda il teatro pakistano, il paese incontrò diverse tribolazioni dopo l'indipendenza nel 1947, lottando per sopravvivere.

Uno dei motivi è radicato nelle ideologie politiche del Paese, dove si è verificato uno scontro tra il neonato Stato musulmano e ciò che resta dell’influenza indù.

Molti aspetti delle tradizioni indù evidenti nelle arti furono rifiutati dai politici, influenzando le arti, i mestieri e le formazioni culturali che si sovrapponevano.

Una sfida è nata quando il teatro occidentale ha iniziato a influenzare il teatro pakistano in termini di contenuti e adattamenti, portando a una divisione tra i due tipi di teatro.

Di conseguenza, non riuscì a catturare l’attenzione delle classi medie e medio-basse, sebbene rimase popolare tra le élite.

Juggat, basato sulla tradizione popolare, iniziò a sgretolarsi, portando a una divisione tra l'aristocrazia, che propendeva verso la cultura occidentale, e gli ignoranti, che si concentravano maggiormente sull'arte indigena.

Il cinema cominciò a occupare lo spazio del teatro, utilizzato dalle autorità per rappresentare sullo schermo i programmi nazionali.

I governanti coloniali preferivano il cinema al teatro, utilizzandolo come forma di controllo centralizzato.

Di conseguenza, le sale teatrali furono convertite in sale cinematografiche, rendendo il teatro una forma di intrattenimento di nicchia con spettacoli che ora si svolgevano in piccoli teatri locali.

C'è anche un certo pregiudizio contro le donne nel teatro, con alcune famiglie che considerano poco dignitosa la partecipazione delle donne.

Altre sfide includono la mancanza di originalità, con il pubblico incapace di relazionarsi con produzioni che spesso ripetono trame, storie e motivi.

Inoltre, lo standard di queste produzioni era scarso rispetto alle controparti occidentali e indiane, mancando di eleganza e raffinatezza.

Il teatro ha spostato la sua attenzione dall’espressione artistica e dall’individualità al guadagno finanziario, portando a un declino della creatività e a uno spostamento verso un’impresa per fare soldi.

Infine, un problema è la rappresentazione dei pakistani in teatro.

Nonostante il Pakistan sia un crogiolo di culture diverse, il teatro non rappresenta in modo inclusivo tradizioni culturali e intuizioni sociali.

In confronto, il teatro indiano deve affrontare la sfida del declino del teatro contemporaneo poiché i suoi formati sono diventati eccessivamente occidentalizzati, allontanandolo dall'essere riconosciuto come autenticamente indiano.

I drammaturghi indiani hanno faticato a trovare radici autentiche e accurate nel teatro, con Shreeja Narayanan notando la difficoltà nel determinare le origini del teatro indiano.

La traduzione delle opere teatrali inglesi non ebbe la stessa risonanza del teatro occidentale, con i drammaturghi che si concentrarono principalmente sul teatro popolare a causa di questa disconnessione.

La crescita del dramma indiano in inglese presentò un altro problema, poiché l’inglese, parlato correntemente solo da una piccola parte dell’élite, attrae una società sofisticata.

La tecnologia, simile al Pakistan, offre una gamma più ampia di opzioni di intrattenimento, mettendo in ombra il teatro.

La rappresentazione delle storie è intrappolata in uno scontro tra il passato culturale e tradizionale del paese, con i drammaturghi che devono attrarre idee occidentali incorporando al tempo stesso la tradizione.

In luoghi come il Karnataka, il teatro professionale sopravvive ma non è mainstream.

Nel Maharashtra, il teatro professionale interagisce con il teatro elitario, mentre in Assam e Kerala, il teatro professionale non ha visto cambiamenti significativi.

Alcuni teatri sono accessibili solo attraverso sistemi educativi, seminari e simposi, con la distanza tra le popolazioni rurali e urbane, la mancanza di sponsorizzazioni e la disponibilità di spazi scenici che continuano a sfidare il teatro indiano.

Il teatro hindi negli anni '1960 soffriva di mancanza di spazi per le prove, pubblicità e scelta della sceneggiatura, con drammaturghi come Girish Karnad, Vijay Tendulkar e Badal Sircar che operavano con modestia per presentare opere contemporanee.

Un grave fallimento della traduzione è stato che la maggior parte dei lettori non poteva accedere alla sceneggiatura nella sua versione originale o in hindi.

Una differenza è che mentre il teatro pakistano deve affrontare critiche per l'associazione delle donne al teatro, la preoccupazione maggiore del teatro indiano è l'occidentalizzazione dei suoi contenuti.

Nel teatro pakistano c'è uno scontro tra elementi indù e musulmani nelle produzioni, mentre nel teatro indiano lo scontro è più interno, tra le classi e la loro ricezione del teatro.

Allo stesso modo, entrambi i teatri affrontano la sfida del passaggio dell’intrattenimento dal teatro al cinema.

Personaggi e temi

5 differenze tra il teatro pakistano e quello indianoIn termini di produzioni teatrali pakistane, 'Bullha', scritto da Shahid Nadeem, racconta la storia del viaggio di Bulleh Shah.

Mette in mostra le sue umili origini come poeta sufi di nome Bulleh Shah (1680-1759), che fu perseguitato dai chierici e dai governanti di Kasur.

La produzione presenta qawwali e dhama dal vivo, una danza devozionale, che rappresenta un momento di disintegrazione dell'Impero Mughal.

Lo spettacolo presenta ribellioni, conflitti civili e religiosi attraverso conflitti interni, caos politico e Bulleh Shah come sostenitore della speranza e dell'uguaglianza umanitaria.

La sua voce, che risuona di amore e tolleranza, contrasta con il bigottismo e l'odio della popolazione più ampia.

'Bullha' è un omaggio a lui, basato sugli eventi della sua vita comunicati attraverso la sua poesia, che funge da lezione per il Pakistan di oggi e influenza fortemente la sua ricerca della verità in un mondo di opposizione e guerre.

Un'altra commedia, 'Hotel Mohenjodaro', ritrae il Pakistan conquistato dai mullah in cerca di potere, dove la musica, l'intrattenimento e gli abiti moderni vengono improvvisamente banditi in nome dell'Islam.

Il capo dello Stato, l'ameer, viene scelto senza elezioni, provocando l'uccisione di leader religiosi e creando l'anarchia.

Shahid Nadeem ha adattato questa storia in un'opera teatrale.

'Uddanhare', fondamentale per la spartizione dell'India e del Pakistan nel 1947, si basa su interviste con l'Archivio dei cittadini del Pakistan.

Include resoconti di testimoni oculari degli eventi avvenuti nel Punjab orientale nel 1947, affrontando la situazione delle comunità minoritarie durante i significativi cambiamenti di potere in Pakistan e approfondendo le forze del male che influenzano la pace del paese.

Secondo l’Istituto Ajoka, la storia del giovane Akhlaq e del suo amico Haleema è intrecciata con l’amore duraturo di due piccioni, Raja e Rani, rappresentando non solo odio e violenza ma anche nobili valori umani di speranza, pace e umanità.

Al contrario, il teatro indiano presenta la straordinaria commedia "Andha Yug', scritto da Dharamvir Bharati nel 1953.

Approfondisce la guerra di Kurukshetra, descrivendone gli orrori e sollevando domande rilevanti sull'eterno enigma del bene contro il male.

La commedia ruota attorno a Gandhari, che, incapace di comprendere la giustizia divina nel perdere tutti i 100 membri del suo popolo, maledice Krishna, dando vita a una narrazione agghiacciante che funge da preludio alle conseguenze del Brahmastra di Hiroshima.

"Ghalib a Nuova Delhi", scritto da M. Sayeed Alam, cattura con ironia l'essenza della capitale nazionale attraverso il viaggio del poeta urdu e persiano del XIX secolo Mirza Ghalib, evidenziando il suo spirito e la sua saggezza riguardo alla società moderna.

Infine, "Gagan Damama Bajyo", di Piyush Mishra, dimostra la vita di combattente per la libertà Shaheed Bhagat Singh, offrendo una prospettiva diversa sulla lotta dell'India per la libertà di parola.

Nel teatro indiano, i temi comuni sono legati all’ingiustizia, mentre il teatro pakistano si concentra principalmente sui conflitti sociali.

Tuttavia, entrambi i teatri affrontano la guerra, il silenzio e le lotte che ne derivano, attingendo alla storia per fornire informazioni sul background dei rispettivi paesi.

Scopo dei teatri

5 differenze tra teatro pakistano e indiano (2)Nel regno del teatro pakistano, in particolare al Istituto Ajoka, la missione è creare un teatro significativo che affronti argomenti specifici.

Questi includono laicità, democrazia e questioni egualitarie all’interno del Pakistan, per promuovere la qualità.

L'istituto si sforza di fondere le forme tradizionali con le tecniche moderne, il tutto promuovendo la consapevolezza attraverso l'intrattenimento che ha uno scopo sociale.

Un obiettivo chiave è la promozione della pace attraverso produzioni innovative e i messaggi sottostanti.

Allo stesso modo, il Centro d'arte Alhamra con sede a Lahore cerca di trasformare il panorama culturale della città.

Affronta temi come la spartizione del 1947, la Guerra Fredda, il Movimento dei Non Allineati e varie forme di dominio, con l'obiettivo di portare in primo piano questi temi significativi.

Artisti come Seema Nursrat esplorano i problemi della polizia e dell'urbanizzazione dagli anni '1970 a oggi, rendendo omaggio anche alla letteratura urdu e affrontando specifici confini sociali.

Al contrario, il teatro indiano, esemplificato da Jatra Bengal, un rinomato teatro popolare in India e Bangladesh, mira a intrecciare la mitologia indù e il folklore popolare nelle sue produzioni, evidenziando in particolare questi elementi.

Gli artisti fanno dichiarazioni politiche sull'inizio del XX secolo, con lo scopo originale di mostrare processioni danzanti nei cortili dei templi nel XV secolo.

Teatro Prithvi, un'altra pietra angolare del teatro indiano, è dedicato alla promozione dello spettacolo e delle belle arti.

Fin dalla sua istituzione nel 1975, il trust ha mirato a:

  • Promuovere il teatro professionale, in particolare il teatro hindi, fornendo uno spazio teatrale ben attrezzato a costi ragionevoli.
  • Sovvenzionare e sostenere aspiranti e meritevoli artisti di scena, tecnici, ricercatori, ecc.
  • Offrire assistenza medica ed educativa agli operatori teatrali e ai loro figli.

Una distinzione notevole è che il teatro pakistano cerca di creare un cambiamento sociale, mentre il teatro indiano si concentra sull'educazione del pubblico sulla mitologia e sulla cultura indù.

Il teatro pakistano è progressista e abbraccia la modernizzazione e le influenze contemporanee, mentre il teatro indiano mira a rimanere rilevante ai tempi attuali.

Nonostante le differenze di ispirazione, influenza e contenuto – con il teatro pakistano in declino e il teatro indiano in piena fioritura – entrambe le forme rappresentano ideologie e verità tratte da esperienze personali attraverso interpretazioni recitative e scelte di produzione teatrale.

Le produzioni possono evidenziare le ingiustizie del passato, come guerre e storie di vita reale, ma è fondamentale riconoscere che le percezioni varieranno in base alle esperienze individuali.

Pertanto, mentre alcuni aspetti possono trovare risonanza in una generazione, potrebbero non esserlo in un’altra, sottolineando il diverso impatto del teatro su pubblici diversi.



Kamilah è un'attrice esperta, conduttrice radiofonica e qualificata in teatro drammatico e musicale. Ama il dibattito e le sue passioni includono l'arte, la musica, la poesia del cibo e il canto.



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    L'educazione sessuale dovrebbe essere basata sulla cultura?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...