I 5 fatti più affascinanti sull'opera teatrale "Anarkali" di Imtiaz Ali Taj

"Anarkali" è un'opera teatrale che cattura l'essenza dell'Impero Moghul nel 1600 e presenta una storia d'amore che incontra una tragica fine.

I 5 fatti più affascinanti sull'opera teatrale "Anarkali" di Imtiaz Ali Taj - F

Questa versione stravagante si distingue dagli altri adattamenti.

L'opera teatrale di Imtiaz Ali Taj "Anarkali" è ambientata a Lahore nel 1600, un'epoca in cui l'influenza dei Moghul ispirò in modo significativo il commercio, i trasporti e l'architettura.

Per comprendere i personaggi, il contesto e il background storico, approfondiamo aspetti dell'opera che meritano ulteriori indagini.

Scopriamo i resoconti di William Finch per fornire una risorsa di prima mano che suggerisce lo stile di vita e l'ambiente di Lahore nel 1600.

Inoltre, per comprendere meglio i personaggi, approfondiamo la storia dei Moghul e dipingiamo un quadro della società in cui vivevano.

Inoltre, otteniamo informazioni sullo stile di vita degli imperatori menzionati nell'opera.

Ci sono stati molti adattamenti, a testimonianza di questa storia leggendaria.

Tuttavia, c'è una discrepanza riguardo all'autenticità della storia.

Secondo The Times of India: “Gli storici credono che Anarkali potrebbe essere un personaggio immaginario o un composto di più individui.

"Altri sostengono che, mentre i dettagli esatti della sua vita potrebbero essere oscurati dal tempo e dagli abbellimenti, potrebbe esserci un fondo di verità negli elementi centrali della sua storia."

Contesto

I 5 fatti più affascinanti sull'opera teatrale "Anarkali" di Imtiaz Ali Taj"Anarkali" è una famosa opera teatrale scritta da Imtiaz, celebrata per la trama e la caratterizzazione ben organizzate, che offre un'interpretazione intrigante della storia classica.

La storia è incentrata su Anarkali, una schiava portata alla corte di Akbar, dove divenne rapidamente una delle sue preferite. Akbar, infatuato della sua bellezza, la chiamò “bocciolo di melograno”.

Secondo il folklore, Jahangir, allora principe, si innamorò di Anarkali.

Sono stati sorpresi a ballare insieme nello Sheesh Mahal (Palazzo degli Specchi). Indignato, Akbar assistette alla loro danza intima riflessa negli specchi e ordinò che Anarkali fosse sepolto vivo.

Alcuni resoconti suggeriscono che sia stata avvelenata da una delle amanti di Akbar per gelosia, mentre altri sostengono che sia stata sigillata all'interno di un muro.

Jahangir, ancora profondamente innamorato ma segnato dalla morte del suo amante, costruì una tomba sulla tomba di Anarkali dopo la sua ascensione al trono.

Questo racconto senza tempo è una celebre storia d'amore e l'autore ha lasciato un segno indelebile nella letteratura urdu.

L'Anarkali Bazar di Lahore, che prende il nome da Anarkali, e la sua tomba continuano a rendere omaggio alla sua storia.

Colonialismo

I 5 fatti più affascinanti sull'opera teatrale 'Anarkali'-2 di Imtiaz Ali TajNello spettacolo, un tema chiave che emerge sono le ideologie coloniali sottilmente intrecciate.

Rappresenta essenzialmente una forma di dominio politico e di controllo sul paese. Lo spettacolo trasmette il senso della responsabilità dei Moghul nella governance e delle conseguenti disparità economiche.

C’è sia giustificazione che critica di queste leggi, contratti e teorie da parte dei teorici politici.

Sotto l'Impero Mughal (1526 – 1799), Lahore fu un importante centro commerciale, sperimentando una successione di gruppi dominanti.

I regni sorsero quando l'Impero Moghul mantenne una stretta presa su Kabul, anche se i gruppi afghani iniziarono a sfidare i governanti.

I monumenti di Lahore testimoniano gli sforzi dei grandi Moghul per intrecciare la cultura e preservare la storia. L'architettura funge da omaggio.

Con la sua crescita come impero Moghul, la reputazione di Lahore si diffuse in tutta Europa.

I governanti Moghul, per tutto il XVI secolo, costruirono fortezze, palazzi, giardini pubblici e privati, moschee e mausolei per regine e altri importanti reali.

Questo dominio si intensificò rapidamente poiché il desiderio di potere e autorità dei Moghul li portò a incorporare elementi di influenze hindi, persiane e dell'Asia centrale nei monumenti che costruirono.

C'era un consenso comune nell'impressionare i propri sudditi con dimostrazioni di ricchezza.

Il colonialismo opera annettendo territori per espandere gradualmente la società.

Nel XVI secolo, il colonialismo fu facilitato dai progressi tecnologici, in risonanza con altri paesi.

I progetti coloniali europei si concentravano sul trasporto di un gran numero di persone attraverso l’oceano per mantenere il controllo politico.

Secondo Il passato della Namibia: “Questa voce utilizza il termine colonialismo per descrivere il processo di insediamento europeo, di esproprio violento e di dominio politico sul resto del mondo, comprese le Americhe, l’Australia e parti dell’Africa e dell’Asia”.

Tuttavia, sono emersi critici come il Mahatma Gandhi. È riconosciuto per la sua leadership nel movimento indipendentista indiano e per le sue teorie sulla resistenza politica.

Una delle sue teorie, satyagraha, significa “aggrapparsi alla verità” e descrive la disobbedienza civile e la resistenza non violenta.

La teoria di Gandhi riflette il concetto indù di ahimsa, o “evitare il danno”, sebbene questo principio venga applicato nel contesto della lotta anticoloniale.

Storia degli imperatori Moghul

I 5 fatti più affascinanti sull'opera teatrale "Anarkali" di Imtiaz Ali TajLa dinastia Moghul fu fondata da un principe turco Chagatai di nome Zahir-ud-din Muhammad Babur (1526-1530).

Il padre di Babur, Umar Shaykh Mirza, governava Fergana, che si trova a nord della catena montuosa dell'Hindu Kush.

Nel 1494 Babur ereditò questo territorio.

Nel 1504 aveva conquistato Kabul e Ghazni e nel 1511 conquistò Samarcanda. In seguito a queste conquiste, si rese conto che avrebbe dovuto rivolgersi a sud-ovest per stabilire il suo impero in India.

Nel Punjab ha condotto diverse escursioni negli habitat tribali.

Tra il 1519 e il 1524 invase Bhera, Sialkot e Lahore.

Aveva un vivo interesse nella conquista dell'Hindustan, trovando la politica della zona particolarmente allettante.

Babur rivolse quindi la sua attenzione a Delhi, ottenendo il sostegno dei nobili di Delhi.

Nella prima battaglia di Panipat, le truppe di Babur avanzarono e incontrarono in battaglia l'esercito del sultano di Delhi.

Nell'aprile del 1526 aveva acquisito il controllo di Delhi e Agra, continuando la sua conquista per garantire l'Hindustan come suo impero.

Ha poi dovuto affrontare una sfida quando i Rajput, sotto la guida di Rana Sanga di Mewar, hanno minacciato di riprendere il potere nell'India settentrionale. 

Tuttavia, Babur agì rapidamente, guidando una spedizione contro Rana e sconfiggendo le sue forze, grazie in gran parte al suo efficace posizionamento delle truppe.

Il suo prossimo obiettivo erano i Rajput di Chanderi.

Gli afghani e il sultano del Bengala unirono le forze e iniziarono l'ascesa in Oriente, culminando nella battaglia di Ghaghara vicino a Varanasi nel 1528. Nonostante avesse vinto le battaglie, Babur lasciò la spedizione incompiuta, forse per una sua svista.

Sfortunatamente, la salute di Babur iniziò a peggiorare, costringendolo a ritirarsi dai suoi progetti in Asia centrale.

Nasir-ud-din Muhammad Humayun (1530-1540; 1555-1556), figlio di Babur, condivideva la sua visione di un impero prospero, sebbene dovesse affrontare meno pericoli.

Le questioni di Mughal la supremazia e il conflitto tra afghani e Moghul, nonché le sfide dirette al dominio Moghul in Rajasthan, divennero meno evidenti dopo la morte di Bahadur Shah del Gujarat nel 1535.

Nel frattempo, Sher Shah di Sur, un soldato afghano, conquistò il potere nel Bihar e nel Bengala, sconfiggendo Humayun nel 1539 ed espellendolo dall'India nel 1540.

Nel 1544, Humayun ricevette aiuti militari da Shah Tahmasp e conquistò Kandahar nel 1545. Tentò di impossessarsi di Kabul tre volte da suo fratello Kamran.

Nel 1555 riconquistò Lahore e poi procedette a recuperare Delhi e Agra dal ribelle governatore afghano del Punjab.

L'opera fa riferimento all'imperatore Moghul Jalal-ud-din Muhammad Akbar (1556-1605), considerato uno dei più grandi imperatori, che salì al trono all'età di 13 anni.

Sotto la sua guida, l’impero Moghul raggiunse il suo apice. Akbar attuò politiche per abolire le tasse e incoraggiare la tolleranza religiosa.

La sua corte era un centro di arte e cultura, attirando studiosi e artisti da tutto il mondo.

Un altro imperatore menzionato è Nur-ud-din Muhammad Jahangir (1605-1627).

Nella commedia, è ritratto come l'amante di Anarkali.

Ha continuato le politiche di tolleranza di suo padre e un focus sulle arti.

Ha realizzato molte imprese rivoluzionarie, come espandere l'impero mantenendo rapporti pacifici con altri regni.

Nei dipinti è raffigurato come un grande sovrano e la sua corte era un centro di eccellenza artistica.

Gli successe l'imperatore Moghul Shahab-ud-din Muhammad Shah Jahan (1628-1658).

Shah Jahan è rinomato per i suoi successi architettonici, come la costruzione del Taj Mahal, costruito in memoria di sua moglie.

Il suo regno influenzò lo sviluppo economico e culturale.

Altri monumenti degni di nota includono il Forte Rosso e il Jama Masjid a Delhi.

Infine, ci fu l'imperatore Mughal Muhi-ud-din Muhammad Aurangzeb Alamgir (1658-1707).

Aurangzeb ha dovuto affrontare sfide come la resistenza delle potenze regionali.

Inoltre, il suo regno fu testimone del declino dell'Impero Moghul, non solo a causa dell'incapacità di respingere le invasioni esterne ma anche a causa di problemi interni.

Osservazioni di William Finch

I 5 fatti più affascinanti sull'opera teatrale "Anarkali" di Imtiaz Ali TajUn commerciante inglese al servizio della Compagnia delle Indie Orientali, William Finch viaggiò in India durante il regno di Jahangir.

Insieme al capitano Hawkins, frequentò la corte Moghul per stabilire relazioni commerciali tra India e Inghilterra.

Finch esplorò molte città dell'India e documentò le sue scoperte in un diario che fu successivamente pubblicato. Il suo racconto descrive i percorsi che seguì da Delhi a Lahore e segna la prima menzione di Anarkali nei suoi scritti.

L'autenticità della storia è stata dibattuta. Finch descrive il Forte di Lahore, la tomba in costruzione di Anarkali e i giardini fuori città.

Nota anche la sorprendente somiglianza di Jahangir nei dipinti cristiani. Finch e Hawkins dovettero affrontare l'opposizione dei portoghesi e ottennero il permesso dal governatore di Cambay di scaricare le merci dalle loro navi.

Il viaggiatore e il capitano rimasero alla corte Moghul per un anno e mezzo, durante il quale Finch suscitò l'interesse dell'imperatore Jahangir.

Sebbene a Finch sia stato offerto un posto permanente al servizio di Jahangir e sia stato tentato, alla fine ha rifiutato.

Le ulteriori esplorazioni di Finch includerono Byana e Lahore, dove fece osservazioni sui mercati e sull'uso di prodotti naturali nei vari distretti che visitò.

Nel 1612, l'imperatore Moghul estese i privilegi a Finch e Hawkins, guidando la Compagnia delle Indie Orientali a fondare la loro prima piccola fabbrica a Surat quell'anno.

Le esplorazioni di Finch di Delhi, Ambala, Sultanpur, Ayodhya e Lahore hanno fornito preziose annotazioni nel suo diario.

I suoi documenti furono usati per stabilire una comprensione di queste città e furono riconosciuti da diverse persone, tra cui il reverendo Samuel Purchas nel suo capitolo “Pellegrini”.

Ad Ayodhya, le osservazioni di Finch sulla scarsità di moschee sono intriganti.

Secondo il suo diario, scrisse delle rovine del castello e delle case di Ranichand, che gli indiani veneravano come appartenenti a un grande dio che si incarnò per osservare lo spettacolo del mondo.

Queste rovine ospitarono i Bramini che registrarono i nomi di tutti gli indiani che si bagnavano nel vicino fiume.

I resoconti di Finch offrono una vivida rappresentazione del regno di Jahangir come imperatore Mughal, creando il contesto per comprendere il suo personaggio.

Si potrebbe interpretare Jahangir come un atto di beneficenza per aver offerto opportunità a Finch e Hawkins e per aver creato una tomba per Anarkali, nonostante l'assenza di moschee.

Tuttavia, l'intenzione dietro la visita in tribunale di Finch e Hawkins, principalmente quella di concludere accordi commerciali, potrebbe modellare o oscurare la loro percezione di Jahangir, concentrandosi meno sulle indagini personali e più sugli interessi commerciali.

Lahore nel 1600

I 5 fatti più affascinanti sull'opera teatrale "Anarkali" di Imtiaz Ali TajLa commedia è ambientata a Lahore nel 1600.

Dopo che Lahore ottenne ricchezza e opulenza, Akbar costruì il Forte di Lahore, noto anche come Shahi Qila.

Successivamente, Jahangir adornò il forte con uccelli e animali selvatici, mentre l'imperatore Shah Jahan utilizzò marmo bianco, pietre e gioielli incastonati nell'architettura.

Proseguendo il lavoro di Jahangir, Shah Jahan creò bellissimi monumenti, ad esempio il Taj Mahal, per sua moglie.

Controverso, temendo la bancarotta, imprigionò suo padre in un'alta torre.

I Moghul svilupparono risorse e raccolsero capitali, portando a dialoghi e interazioni scintillanti con altre province.

Nel loro regno si verificò una progressione dell’urbanizzazione, così come la creazione di un solido dominio politico.

Pertanto, i centri urbani adottarono le funzioni di essere commerciali, amministrativi e religiosi.

Lahore sfruttò l'economia sotto l'Impero Moghul attraverso scambi interni ed esteri.

La città progredì in termini di strutture di trasporto, distribuzione dell'acqua e commercio, sia all'interno che all'esterno dell'Impero Mughal.

A Lahore, molti ricchi mercanti si sparsero successivamente in tutta l'India, detenendo la chiave di aree come Kabul, Balkh, Kashmir, Persia, Multan, Bhakkar e Thatta.

I bazar, sebbene un po' disordinati, erano abbondanti di contee, merci e animali che offrivano un rifugio sicuro in cui risiedere temporaneamente.

Con il fiorire del commercio, alcuni mercanti furono riconosciuti per il loro carattere, come il sufi Pir Hassu Teli, noto per la sua onestà, che non mentiva né imbrogliava mai nessuno.

La sua filosofia era quella di accettare le perdite attuali per profitti futuri e vagava per le strade di notte per garantire la sicurezza delle persone. Consigliò ad altri commercianti di trattenere le loro azioni finché i prezzi non aumentarono.

Secondo Sage Journals: "Husain Khan Tukriya, il governatore di Lahore, acquistò destrieri iracheni e dell'Asia centrale al prezzo richiesto dai commercianti, credendo che 'un vero commerciante non pretende mai troppo'."

Questi mercanti usavano animali, carri e grandi barche per il trasporto a Lahore. I buoi, chiamati tandas, venivano usati dai commercianti indiani per il trasporto di cereali, sale e zucchero.

“Della navigazione fluviale nel Punjab, la testimonianza fornita da William Finch (1609–1611), il commerciante compagno di Hawkins, osservò che da Lahore lungo il Ravi e l'Indo, molte barche di 60 tonnellate o più andavano a Thatta nel Sind, un viaggio di circa 40 giorni”.

Lahore fungeva da centro di produzione per i tessitori di tappeti, un'industria vitale nel 1600 che soddisfaceva le richieste dei mercati interni ed esteri.

Sotto il governo di Akbar, egli nominò operai esperti per questo compito, portando alla fioritura di più di mille karkhana a Lahore.

Lì veniva tessuto uno scialle chiamato mayan, composto da seta e lana combinate per creare chiras (turbanti) e fotas (fasce per i lombi).

Lahore attirò l'attenzione dei commercianti dell'Asia occidentale, che usarono la città per trasportare l'indaco, una pianta tropicale, attraverso Qandahar, Isfahan e Aleppo.

Di conseguenza, i mercanti armeni arrivarono con una pletora di tessuti persiani.

A Lahore furono costruite grandi navi e inviate verso la costa, denominata porto di Lahori Bandar.

Akbar utilizzò il legname dell'Himalaya per costruire qui le navi, assicurando che l'industria della costruzione navale prosperasse e fosse accessibile ai principali fiumi.

Adattamenti cinematografici 

I 5 fatti più affascinanti sull'opera teatrale "Anarkali" di Imtiaz Ali TajIl primo adattamenti sono stati prodotti come film muti, con due film degni di nota 1928: Gli amori di un principe Moghul ed Anarkali.

Il primo era un adattamento diretto da Charu Roy e Prafulla Roy, mentre il secondo era diretto da RS Choudhury e aveva come protagonista l'attrice protagonista indiana, Sulochana.

Il film ha avuto un successo significativo ed è considerato uno dei migliori film di Sulochana.

Successivamente apparve in altri due film di Anarkali: il primo, un musical del 1935, fu diretto anch'esso da RS Choudhury.

Questi film erano ricchi di romanticismo, dramma e temi di amore proibito e ribelle, trasmettendo efficacemente l'atmosfera di tradimento, gelosia e scontri tra padre e figlio della corte Mughal.

Nella versione del 1953, Sulochana interpreta Rani Jodhabai, la madre Rajput di Salim.

Diretto da Nandlal Jaswantlal e interpretato da Pradeep Kumar, questo film è stato un successo!

In particolare, ha visto grandi esibizioni di Bina Rai, Mubarak e Kuldip Kaur. Kaur ha conferito serietà al suo ruolo di cortigiana intrigante.

L'incredibile colonna sonora di Ramachandra in questo film è ricordata ancora oggi.

Mette in mostra il meraviglioso canto di Lata Mangeshkar.

La musica è notevole, soprattutto nella giustapposizione nella canzone "Yeh Zindagi Usi Ki Hai", in quanto ritrae una storia d'amore e la tragica fine di Anarkali, sepolta tra i muri.

Lahore presentò la sua versione nel 1958, con Noor Jehan, altrimenti conosciuta come la “regina della melodia”, e il grande attore Himalaywala nel ruolo di Akbar.

Tuttavia, questa produzione non ebbe lo stesso successo delle sue controparti indiane, principalmente perché la scala era inferiore a causa dei vincoli di budget.

Nel 1960, il rilascio di Mughal-e-Azam, diretto da K. Asif, ha segnato un momento significativo.

La sua visione ha evidenziato il lavoro d'amore nella storia, aggiungendo un tocco di realismo e autenticità al racconto leggendario.

Questa versione stravagante si distingue dagli altri adattamenti.

È stato un film costoso da produrre, costando 1.5 crore di rupie e girato in oltre 500 giorni.

Sarti di Delhi hanno cucito i costumi, mentre gli orafi di Hyderabadi hanno realizzato i gioielli.

Gli artigiani di Kolhapur realizzarono le corone e i fabbri del Rajasthan fabbricarono scudi, spade, lance, pugnali e armature.

Gli specialisti sono stati impiegati per creare i ricami sui costumi di Surat-Khambayat.

Calzature elaborate furono ordinate ad Agra.

Questo film funge da spettacolo, catturando la grandiosità della corte Mughal, ad esempio, la famosa scena della Sala degli Specchi tra Anarkali e Jahangir.

Un punto culminante di questo film è stato il cantante classico Bade Ghulam Ali Khan, che ha eseguito due canzoni, "Prem Jogan Ban Ke" e "Shubh Din Ayo", con la prima notevolmente più intensa della seconda.

Oltre ai film, la saga ha ispirato spettacoli teatrali, porzioni di sequenze di canzoni e parodia, incluso il film Tamil Illara Jyothi (1954) Chashme Buddoor (1981) Chameli Ki Shaadi (1986) Maan Gaye Mughal-e-Azam (2008) e, più recentemente, Pronto (2011).

Lahore nel 1600 prosperava sotto l'influenza degli imperatori Mughal.

Inoltre, indagare su questi imperatori fornisce informazioni sui personaggi ritratti nell'opera.

Tuttavia, molteplici adattamenti mostrano diverse interpretazioni della storia.



Kamilah è un'attrice esperta, conduttrice radiofonica e qualificata in teatro drammatico e musicale. Ama il dibattito e le sue passioni includono l'arte, la musica, la poesia del cibo e il canto.



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Considereresti un matrimonio interrazziale?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...