La storia dei dolci pakistani

I dolci popolari in Pakistan hanno avuto una ricca gamma di influenze. Esploriamo la storia dei dolci pakistani.

La storia dei dolci pakistani f

Nel sud, i dolci pakistani sono floreali e più speziati.

C'è un'abbondanza di dolci pakistani, molti dei quali hanno influenze da altri paesi dell'Asia meridionale, tra cui Turchia e India.

I dolci hanno storie interessanti in termini di funzione e scopo. Ci sono anche ragioni simboliche per cui vengono mangiati.

Nella società moderna, i dolci pakistani sono comunemente apprezzati durante le celebrazioni e regalati a familiari e amici.

Tutto ebbe inizio con la scoperta dello zucchero in India circa 2,500 anni fa.

Originariamente veniva estratto dalle piante di canna da zucchero e inizialmente veniva utilizzato nella sua forma grezza come dolcificante.

Nel corso del tempo si trasformò in zucchero e divenne rapidamente popolare, essendo utilizzato in vari alimenti.

Tra questi c'erano i dolci. Sono stati creati con sapori, colori e consistenze diversi.

Il Impero Mughal ha avuto un'enorme influenza sui dolci.

Le influenze culinarie persiane e dell'Asia centrale hanno introdotto tecniche come l'uso dello sciroppo di zucchero per dolcificare e l'incorporazione di ingredienti come zafferano, acqua di rose e frutta secca nei dolci.

Anche il Raj britannico introdusse la propria gamma di tecniche prima che la Partizione vedesse i dolci arrivare in Pakistan, dove furono ulteriormente sviluppati.

Esploriamo la storia dei dolci pakistani.

Come il Raj britannico trasformò gli indiani Mithai

La storia dei dolci pakistani - mithai

Quando governava il Raj britannico, nuovi ingredienti e tecniche furono incorporati nei dessert.

Ingredienti come zucchero raffinato, lievito, cacao e aromi vari furono integrati nei dolci indiani, portando alla creazione di nuove varietà di dessert e ricette fusion.

Gli inglesi portarono tecniche e attrezzature moderne per la lavorazione e la cottura degli alimenti.

Ciò includeva metodi migliorati per la raffinazione dello zucchero, che portarono alla produzione di varietà di zucchero più fini che furono ampiamente utilizzate nei dolci indiani.

Inoltre, l'uso di forni e teglie introdotti dagli inglesi ha influenzato la preparazione di dolci da forno come torte e pasticcini in India.

Il periodo portò anche a scambi culturali tra le tradizioni culinarie indiane e britanniche.

Ad esempio, i dolci britannici come budini e creme pasticcere hanno influenzato lo sviluppo dei dolci indiani come il kheer (budino di riso) e il phirni (budino di semolino).

Questi dessert incorporavano ingredienti e sapori locali, creando piatti ibridi unici.

Da dove provengono questi dolci in Pakistan?

Il Pakistan è ricco di molte culture, ma molte delle sue opzioni culinarie sono state influenzate dagli immigrati musulmani provenienti dall'India.

A causa della vasta inclusione di molte etnie, le ricette sono abbondanti.

Il paesaggio di valli profonde, clima e terreno diversi hanno portato alla coltivazione di frutta e spezie.

Il Nord è ricco di frutti succulenti come melograni, gelsi e ciliegie, oltre a pistacchi, noci e pinoli.

Nelle valli di Chitral, Kalash, Gilgit e Hunza il latte caldo viene aromatizzato con miele locale e nei mesi più caldi le albicocche vengono essiccate e servite con formaggio fresco.

Nel sud, i dolci pakistani sono floreali e più speziati.

Il latte infuso allo zafferano e al cardamomo, così come i budini di riso e i dolci al latte di bufala, hanno guadagnato popolarità.

Nella regione meridionale del Sindh, i dolci rispecchiano le varie comunità. Ci sono influenze da Mumbai, Punjab orientale e Hyderabad.

I campi estivi del Sindh sono ricchi di canne da zucchero mature, insieme a guaiave rosa e manghi. In inverno ci sono le carote rosse dolci.

Questi sono gli ingredienti prevalenti nelle loro dolci invenzioni. I negozi di dolciumi vendono dolci colorati fatti a mano con zucchero grezzo e spezie. Vengono venduti al chilo.

In confronto, i sapori sono leggermente diversi a Lahore, conosciuta come la capitale alimentare del Pakistan.

A causa delle terre fertili della provincia del Punjab, i dolci popolari includono halwa di verdure e budini di riso.

Una parte della cultura pakistana è essere ospitale con i propri ospiti e servire dolci.

Peda

dolci pakistani

Nel 19° secolo, il peda fece il suo debutto nelle vivaci cucine dei negozi di dolciumi di Dharwad, nel cuore del Karnataka, in India.

Le origini di questa deliziosa delizia possono essere fatte risalire agli abili pasticceri e ai maestri artigiani che hanno realizzato ogni lotto con precisione e cura.

Inizialmente la ricetta della peda era un segreto gelosamente custodito, tramandato di generazione in generazione all'interno di queste famiglie di dolciumi, garantendone l'esclusività e l'unicità.

Col passare del tempo e la reputazione di peda diffondendosi in lungo e in largo, cominciò a trascendere le sue umili origini ed entrare nel regno del significato culturale.

In Karnataka, il peda divenne rapidamente una parte vitale dell'identità culinaria dello stato, apprezzato per la sua consistenza cremosa, il sapore ricco e la bontà che si scioglie in bocca.

L'amore per i peda ha oltrepassato i confini e si è fatto strada nelle regioni vicine, incluso il Pakistan.

baklava

La storia dei dolci pakistani: baklava

Nel XVIII secolo, l'impero assiro preparava focacce a strati, con le noci tritate nel mezzo.

Secoli dopo, gli antichi greci e romani crearono un “torta alla placenta".

Era un dolce composto da strati di pasta, ripieni di formaggio e miele e aromatizzati con foglie di alloro.

Tuttavia, la prima versione del baklava risale a circa 500 anni fa durante l’Impero Ottomano.

Un signore di nome Efkan Güllü e la sua famiglia si occupano di baklava da più di cinque generazioni. 

Una panetteria in Turchia, Gaziantep, proprietaria di Güllüoglu Baklava ha dozzine di filiali in tutto il mondo. 

Güllü è l'ultimo di una lunga serie di pasticceri iniziata con il suo bisnonno, che ha inventato questa deliziosa pasticceria.

La storia racconta che la sua ispirazione colpì mentre si trovava nelle antiche città di Aleppo e Damasco sulla via del ritorno dal pellegrinaggio islamico Hajj nel 1871.

Nel 1520, durante il mese sacro, il sultano ottomano regalò la baklava ai suoi soldati più elitari, i giannizzeri. Questa era conosciuta come la processione della Baklava.

laddoo

Nel IV secolo, Sasruta, un chirurgo indiano, aggiunse ingredienti medicinali a piccole palline di sciroppo di zucchero.

Il primo laddoo era considerato sano. Gli ingredienti includevano arachidi, semi di sesamo e jaggery. 

Sia i semi di sesamo che il jaggery sono considerati salutari secondo i principi ayurvedici.

Si pensava che regolassero la pressione sanguigna, l'indigestione e il comune raffreddore.

Soprattutto le donne incinte e le neo mamme nelle zone rurali mangiavano il laddoo per rafforzare il loro sistema immunitario. 

Inoltre, venivano somministrati alle ragazze adolescenti per aiutarle a regolare i loro ormoni.

In precedenza, i laddoo erano associati alla salute e non erano così dolci come tali.

Nel corso del tempo sono diventate varietà laddoo come sonth, methi e makhana.

Nell'India meridionale, il laddoo al cocco è originario dell'Impero Chola e veniva mangiato dai soldati come portafortuna.

Nel corso degli anni si sono sviluppate diverse varianti di laddoo e in Pakistan il besan laddoo è una versione popolare.

barfi

Un dolce originario dello stato del Rajasthan, barfi è una delizia apprezzata da indiani e pakistani da secoli.

La parola deriva dalla parola persiana "barf" che significa neve. 

Questo nome probabilmente riflette la consistenza liscia e cremosa del dolce, simile alla neve o al ghiaccio.

L'Impero Moghul ha svolto un ruolo significativo nel rendere popolare e perfezionare l'arte di preparare il barfi e altri dolci a base di latte.

Durante l'era Moghul, abili pasticceri e chef nelle cucine reali sperimentavano vari ingredienti e tecniche per creare squisiti dessert.

Hanno perfezionato il processo di addensamento del latte in una massa solida, che ha costituito la base per molti dolci tradizionali indiani, incluso il barfi.

Jalebi

La storia dei dolci pakistani - jalebi

Jalebi ha origine da un piatto persiano chiamato Zalabiya, che significa "pasta attorcigliata".

Dal X secolo, il jalebi è apparso in molti libri di cucina. Originariamente erano serviti ai califfi della dinastia Abbaside.

Un califfo è “il supremo leader religioso e politico di uno stato islamico noto come califfato”.

Questa prelibatezza viaggiò con i commercianti e gli artigiani turchi e persiani fino alle coste indiane.

A partire dal XV secolo, il piatto venne approfondito nella cultura diventando una delizia in occasione di feste e matrimoni.

Il dolce simboleggia gioia, felicità e buona fortuna.

Jalebi è arrivato in Pakistan dopo la Partizione, dove è diventato un'opzione popolare in molte bancarelle di cibo di strada.

Dagli ingredienti indigeni utilizzati nei tempi antichi alle sofisticate tecniche introdotte durante diversi periodi storici, i dolci pakistani si sono evoluti in una vibrante gamma di sapori, consistenze e delizie.

Le radici dei dolci pakistani possono essere ricondotte a ingredienti indigeni come il jaggery, la frutta e le noci, che riflettono le pratiche agricole e il patrimonio culturale della regione.

Nel corso del tempo, le influenze di varie civiltà, tra cui quella persiana, moghul e britannica, hanno contribuito al perfezionamento e alla diversificazione dei dolci pakistani.

Oggi i dolci pakistani non sono solo una fonte di piacere culinario ma anche un simbolo di identità e patrimonio culturale.



Kamilah è un'attrice esperta, conduttrice radiofonica e qualificata in teatro drammatico e musicale. Ama il dibattito e le sue passioni includono l'arte, la musica, la poesia del cibo e il canto.



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    I diritti dei gay dovrebbero essere accettabili in Pakistan?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...