Gli alti e bassi nel viaggio di Miss Universo di Erica Robin

Erica Robin ha dettagliato il suo viaggio per diventare Miss Universo Pakistan, rivelando gli alti e bassi lungo il percorso.

Miss Universo Pakistan Erica Robin risponde a Backlash f

"Ma poi ho iniziato a ricevere minacce."

A soli 25 anni, Erica Robin ha lasciato un segno significativo come la prima Miss Universo Pakistan. Il suo viaggio verso questo traguardo, tuttavia, è stato tutt’altro che facile.

Nonostante la facciata glamour dei concorsi di bellezza, Erica ha dovuto affrontare numerose sfide e ostacoli lungo il percorso.

Ha condiviso la sua storia sul podcast di Frieha Altaf FPerché.

Fin dall’inizio, Erica ha incontrato scetticismo e critiche, in particolare sui social media, dove i troll l’hanno presa di mira senza sosta.

Ha detto che non aveva idea del funzionamento di Miss Universo.

Erica ha rivelato: "Ho compilato il modulo senza nemmeno sapere se fosse autentico, e poi ho ricevuto un'e-mail che mi informava che ero stata selezionata".

Alla fine è stata intervistata e tra 200 modelle, è stata selezionata come una delle 20 candidate Miss Universo Pakistan.

Tuttavia, Erica è stata oggetto di commenti offensivi e persino di minacce, offuscando quello che avrebbe dovuto essere un momento celebrativo.

Ha detto: “Doveva essere un momento speciale. Ma poi ho iniziato a ricevere minacce”.

Uno degli aspetti più scoraggianti del viaggio di Erica è stata la rigorosa preparazione richiesta per il concorso di bellezza.

Ha dovuto sottoporsi a una formazione approfondita per migliorare le sue capacità di camminare e parlare in pubblico, aree in cui inizialmente le mancava sicurezza.

“L’allenamento è stato duro. Ho pianto di notte. Mi hanno detto che non sapevo camminare correttamente e non potevo parlare davanti alla telecamera per salvarmi la vita!

"Dovevo esercitarmi a parlare allo specchio ogni mattina mentre mi truccavo!"

Inoltre, Erica ha dovuto affrontare ostacoli burocratici per ottenere i documenti di viaggio per il concorso.

Ma Erica Robin ha insistito, dimostrando il suo incrollabile impegno nel rappresentare il Pakistan sulla scena globale.

Anche i vincoli finanziari hanno rappresentato una sfida significativa per Erica.

Nonostante rappresenti il ​​suo paese, ha ricevuto poco sostegno finanziario né dal governo né dall’industria della moda.

Erica Robin ha dovuto finanziare di tasca propria gran parte delle spese di formazione e di viaggio.

Nonostante questi ostacoli, Erica è rimasta salda nella sua ricerca del successo.

Ha perseverato nei momenti più difficili, facendo affidamento sulla propria determinazione e intraprendenza per superare le avversità.

Erica ha anche fatto luce sulle idee sbagliate e sugli stereotipi che circondano il Pakistan.

Mentre gareggiava sul palcoscenico globale, Erica ha sfidato le nozioni preconcette sul suo paese.

Guardando al futuro, Erica spera di ispirare altre giovani donne a perseguire i propri sogni, indipendentemente dalle sfide che potrebbero dover affrontare.

Vede la sua esperienza come una piattaforma per difendere le cause in cui crede, in particolare quelle legate all'uguaglianza di genere e all'emancipazione delle donne.

Un utente dei social media ha detto: “È una donna molto forte. In realtà ha rappresentato il Pakistan in una luce positiva a livello internazionale. E anche questo a sue spese.

Uno ha detto: “Sono così orgoglioso di lei. Coloro che minacciano di morte dovrebbero essere ritenuti responsabili”.

Un altro ha aggiunto: “Il fatto che il governo non sponsorizzi queste cose è la ragione per cui il Pakistan non potrà mai prosperare”.



Ayesha è una studentessa di cinema e teatro che adora la musica, l'arte e la moda. Essendo molto ambiziosa, il suo motto per la vita è: "Anche gli incantesimi impossibili sono possibili".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    È giusto abortire per "izzat" o per onore?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...