Stigma che circonda la fecondazione in vitro per gli asiatici del sud

La fecondazione in vitro è un noto trattamento di fertilità utilizzato per creare gravidanze di successo. Eppure è antipatico a molti sud asiatici. Esploriamo perché questo è il caso.


"L'impatto mentale che ha avuto è stato drenante"

La Fecondazione In Vitro (IVF) è uno dei tanti trattamenti di fertilità disponibili per aiutare chi non è in grado di concepire naturalmente un bambino.

L'infertilità non solo diminuisce la capacità di produrre prole, ma porta con sé anche imbarazzo, stress e stigma. Questo è evidente per numerosi asiatici del sud, ma le donne sopportano il fardello.

Tuttavia, queste nozioni negative derivano dalla possibile mancanza di conoscenza e atteggiamento della società asiatica.

Credono che avere figli sia visto come l'obiettivo delle coppie sposate. Pertanto, l'incapacità di produrre figli è umiliante.

Esploriamo cos'è la fecondazione in vitro e le ragioni per cui è stigmatizzata.

Cos'è la FIV?

Lo stigma che circonda la fecondazione in vitro per gli asiatici del sud

La fecondazione in vitro è un metodo utilizzato per aiutare le donne a rimanere incinte. Implica la rimozione di un uovo dalle ovaie della donna e la fecondazione con lo sperma al di fuori del corpo.

Questa tecnica di fecondazione viene eseguita in vitro (in vetro).

Di conseguenza, gli embrioni di successo possono essere trasferiti nell'utero della donna nella speranza di una gravidanza.

Processo di fecondazione in vitro

Stigma che circonda la fecondazione in vitro per gli asiatici del sud - procedura

Ci sono sei passaggi cruciali necessari per questo trattamento di fertilità:

  1. Prevenire il ciclo mestruale naturale: i farmaci vengono forniti sotto forma di iniezione o spray nasale. Questo deve essere continuato per due settimane.
  2. Aumento della produzione di uova: l'ormone follicolo-stimolante (ormone della fertilità) deve essere iniettato per 10-12 giorni. Ciò contribuirà ad aumentare la produzione di uova nelle ovaie.
  3. Monitoraggio dei progressi: vengono eseguite scansioni ecografiche in corso per controllare le ovaie. Quasi 38 ore prima di rimuovere le uova, viene utilizzata un'ultima iniezione di ormone per far maturare le uova.
  4. Rimozione delle uova: la sedazione viene utilizzata per estrarre le uova usando un ago attraverso la vagina. Questo può richiedere fino a 20 minuti.
  5. Fecondazione: le uova e lo sperma vengono combinati e controllati dopo 16-20 ore. Vengono trasferiti nell'utero dopo 6 giorni. Viene somministrato un farmaco per preparare il rivestimento dell'utero.
  6. Riassegnazione dell'embrione - utilizzando un catetere (tubo sottile) le uova vengono trasferite nell'utero.

Inoltre, è importante notare che il numero di trasferimenti di uova dipende dalla tua età.

Per gli uomini, il loro sperma saranno raccolti quando verranno estratti gli ovuli della donna. Per determinare quali sono gli spermatozoi più attivi, il loro campione verrà lavato e centrifugato.

Inoltre, si consiglia di eseguire un test di gravidanza dopo due settimane per vedere se si ha successo.

Nonostante questa procedura ampia e costosa, la fecondazione in vitro non sempre ha successo. Devono essere considerate le possibilità che sia inefficace.

Comprensione distorta dell'infertilità

Stigma che circonda la fecondazione in vitro per gli asiatici del sud - comprensione

Convenzionalmente le donne dovrebbero prendersi la colpa dell'infertilità, nonostante entrambi i sessi possano essere improduttivi. Questo è stato fatto per preservare la virilità del maschio.

Problemi di infertilità per le donne dell'Asia meridionale stati:

"C'è un'alta incidenza di sindrome dell'ovaio policistico tra le donne dell'Asia meridionale".

Quindi, questo può farli diventare sterili. Tuttavia, prosegue menzionando:

"Gli uomini rappresentano quasi la metà delle cause di infertilità nelle coppie".

Eppure questa questione è mantenuta strettamente privata. La signora Hussain, una donna pakistana di 59 anni, era convinta di infertilità. Lei spiega:

“Da giovane donna all'epoca, credevo ci fosse qualcosa di sbagliato in me. Cercavamo di avere figli da più di due anni. Tutti erano sicuri che avesse qualcosa a che fare con me. Dopo molti test, è venuto fuori che stavo bene, ma mio marito no. "

È fondamentale notare che gli asiatici del sud sono consapevoli delle influenze medicinali nell'infertilità rispetto a fattori spirituali o soprannaturali. Tuttavia, la costruzione del pregiudizio di genere si appoggia alle donne.

Imbarazzo

Stigma che circonda la fecondazione in vitro per gli asiatici del sud - imbarazzo

L'infertilità è una delle principali cause di preoccupazione tra le comunità dell'Asia meridionale. Immediatamente, il dito viene puntato una donna poiché sono accusati di questo.

Tradizionalmente, le donne sono associate alla maternità. Per loro, la gravidanza è culturalmente fissa.

Questo obbligo inflitto può avere gravi effetti sulla salute. La signora Hussain non era in grado di concepire e ha lottato per farcela. Ha dichiarato:

“È stato un periodo difficile. La famiglia allargata e la comunità più ampia avrebbero spettegolato. Mio marito ed io siamo diventati noti come la coppia che non poteva avere figli. Il mentale l'impatto che ha avuto è stato drenante. "

Ha continuato spiegando come si sentiva:

“Ho continuato a incolpare me stesso anche se sapevo che non era colpa mia. Era davvero imbarazzante quando altre persone commentavano da quanti anni ero stato sposato ma non avevo ancora figli. Penso che si chiedessero indirettamente se il mio rapporto con mio marito andasse bene ".

Tuttavia, l'imbarazzo non si ferma qui. Si dirama verso il trattamento della fertilità, in questo caso la fecondazione in vitro.

Molte donne asiatiche farebbero fatica a parlare con i praticanti maschi dei loro tentativi infruttuosi di cercare di avere un figlio. Di solito, ci si aspetterebbe che si avvicinassero per assistenza medica prima delle loro controparti maschi.

Il modo in cui la società vede l'infertilità influenza il modo in cui la coppia viene percepita e questo influisce sul comportamento nei confronti della fecondazione in vitro: è un effetto domino.

Pertanto, le coppie faranno del loro meglio per mantenere questo tipo di trattamento nascosto alla famiglia e alla comunità.

Mancanza di conoscenza  

Stigma che circonda la fecondazione in vitro per gli asiatici del sud - mancanza di conoscenza

La conoscenza limitata deriva dall'ignoranza delle famiglie e delle comunità, dall'imbarazzo e dalla mancanza di supporto medico. Pertanto, questa è una barriera predominante affrontata dagli asiatici del sud.

La fecondazione in vitro è un noto trattamento di fertilità; tuttavia, molti sud asiatici ne sanno molto poco.

Questo perché è correlato a questioni sessuali che non vengono discusse apertamente.

Di conseguenza, la fecondazione in vitro viene stigmatizzata.

Inoltre, le cose si complicano quando c'è una barriera linguistica. Gli asiatici del sud che non parlano inglese hanno difficoltà a comunicare con gli operatori sanitari.

Quando si discute di possibili trattamenti per la fertilità come la fecondazione in vitro, i termini tecnologici li eliminerebbero. Poiché è considerata una questione imbarazzante, la loro riluttanza ad avere un interprete limita la loro comprensione.

Inoltre, l'idea che un altro individuo conosca i propri problemi fa temere che la riservatezza non venga mantenuta.

Tuttavia, anche gli operatori sanitari sono da biasimare. Forniscono un supporto limitato come la mancanza di consulenza alle minoranze etniche.

Questo ostacolo si traduce nel loro malinteso su cosa sia la fecondazione in vitro e su come potrebbe essere utile. È un trattamento medico e non dovrebbe essere declassato a tal punto.

Nel complesso, è evidente che l'istruzione è necessaria per aiutare a ridurre lo stigma che circonda la fecondazione in vitro per gli asiatici del sud. L'incapacità di avere figli non dovrebbe essere vista come una debolezza.

Piuttosto il sostegno e l'accettazione sono necessari da parte dei membri della famiglia e dei professionisti medici. 



Ayesha è una laureata inglese con un occhio estetico. Il suo fascino risiede nello sport, nella moda e nella bellezza. Inoltre, non evita gli argomenti controversi. Il suo motto è: "non esistono due giorni uguali, questo è ciò che rende la vita degna di essere vissuta".

Immagini per gentile concessione di Google Immagini.




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Quale termine descrive la tua identità?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...