Gli spiedini di "agnello" del ristorante indiano erano montoni

Il gestore di un ristorante indiano è stato multato per aver pubblicizzato falsamente il montone come spiedini di "agnello". Gli ispettori hanno scoperto la truffa dopo che un membro del personale ha tentato di mettere blocchi di montone congelato in sacchetti neri.

Zafran e montone trovati nel ristorante

Gli ispettori sono entrati dal retro e hanno scoperto un membro del personale che metteva blocchi di montone congelato in sacchetti neri.

Probabilmente hai sentito parlare del detto "montone vestito da agnello". Bene, un ristorante indiano è stato preso di mira dopo aver dato vita a questa frase, pubblicizzando falsamente il montone come `` agnello '' kebab.

Il ristorante con sede a Swansea, chiamato Zafran, affermava di vendere l'agnello nel suo menu, ma aveva solo carne di montone nei suoi locali.

Un processo sullo scandalo è stato condotto presso la Swansea Magistrates Court.

Il manager di Zafran, Shamin Miah, si è dichiarato colpevole di aver pubblicato un annuncio che descriveva falsamente il cibo e di non aver fornito informazioni sulla tracciabilità.

Sia Miah che il suo fornitore di carne hanno ricevuto pesanti multe per la truffa.

Gli ispettori del Consiglio di Neath Port Talbot si sono insospettiti per la prima volta del ristorante durante le ispezioni di routine nel luglio 2016. L'unica varietà di carne di pecora in loco era il montone congelato, confezionato in blocchi e conservato in un congelatore orizzontale.

Inoltre, Zafran non conteneva informazioni sulle allergie. Successivamente, il consiglio ha inviato lettere al ristorante e ha organizzato un'altra ispezione, ma hanno deciso di arrivare senza preavviso.

Il personale del comune si è recato sul posto nell'ottobre 2016 e ha acquistato da asporto pasti di agnello. Hanno quindi rivelato la loro identità e il vero scopo della loro visita, effettuando un secondo controllo del cibo del ristorante.

Ancora una volta, hanno trovato solo montone e niente agnello. Miah arrivò presto e affermò che la carne era in realtà hogget, un tipo di carne di pecora che ha un'età compresa tra uno e due anni. Il personale del consiglio gli ha chiesto di fornire documenti per dimostrarlo.

Tuttavia, il manager non è riuscito a consegnare questi documenti. Ciò ha richiesto un terzo ispezione nel gennaio 2017, che rivelerebbe la truffa.

All'arrivo, il personale del consiglio ha chiesto di vedere la conservazione del cibo ma è stato “cortesemente rifiutato di aspettare”. Decisero di entrare dal retro e scoprirono un membro del personale che metteva blocchi di montone congelato in sacchetti neri.

Il personale ha nuovamente omesso di mostrare la documentazione dell'origine della carne. Ciò ha portato il consiglio a convocare Miah per un colloquio formale nel luglio 2017.

Durante lo studio, hanno riconosciuto che il rischio che una persona abbia un'allergia al montone, ma non all'agnello, è “incredibilmente piccolo”. Eppure la tracciabilità della carne aveva importanza nel caso di un focolaio di qualche malattia, poiché non si conosceva la fonte.

L'avvocato difensore del manager, John Allchurch, ha affermato che il suo cliente soffriva di cattive condizioni di salute. Ha aggiunto che i fornitori avevano ingannato Miah riguardo alla carne e che ora si rifornisce di carne da un'altra azienda.

Allchurch ha concluso che "tutto è normale". Tuttavia, per le sue accuse, Miah ha ricevuto una multa di £ 200, insieme alla sua azienda, Zafran Zests Ltd, ha inflitto una multa di £ 640. Deve anche pagare £ 94 per i supplementi alle vittime.

Ora ha un lasso di tempo di 56 giorni per pagare l'intero importo.



Sarah è una laureata in inglese e scrittura creativa che ama i videogiochi, i libri e si prende cura del suo birichino gatto Prince. Il suo motto segue "Hear Me Roar" di House Lannister.

Immagini per gentile concessione di TripAdvisor e WalesOnline.





  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Shahrukh Khan dovrebbe andare a Hollywood?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...