Vita notturna a Karachi: il passato e il cambiamento

DESIblitz esplora come si è trasformata la vita notturna di Karachi negli anni '60 e '70 e perché si è verificato un cambiamento così drastico.

Vita notturna a Karachi: il passato e il cambiamento - 1

"L'intrattenimento serale è stato annunciato come 'Cena, Ballo, Cabaret'."

La vita notturna di Karachi ha attraversato anni di trasformazione. Dai vivaci club degli anni '70 ai vivaci centri gastronomici e alla scena underground che vediamo nel 2021.

Karachi è la città più grande e cosmopolita del Pakistan.

La città funge da hub di trasporto del paese ed è sede dei più grandi porti marittimi del Pakistan. Accanto a questo, Karachi è il principale centro industriale e finanziario del Pakistan.

Mentre nel 21° secolo Karachi è nota per essere il fulcro finanziario e dei trasporti del Pakistan, negli anni '70 era famosa anche per qualcos'altro.

Il Pakistan è spesso noto per essere un paese conservatore che vieta l'alcol e le discoteche. Tuttavia, non è sempre stato così.

La città è stata infatti coniata per la prima volta come la "Città delle luci" per la sua vivace vita notturna negli anni '60 e '70.

La vita notturna attiva di Karachi e l'atteggiamento "vivi e lascia vivere" possono essere uno shock per molti

Negli anni successivi all'indipendenza del 1947, Karachi divenne famosa per la sua vita notturna.

DESIblitz esplora la vita passata di Karachi in modo più dettagliato, in particolare esaminando la club culture degli anni '70 e come la vita notturna ha subito un cambiamento.

Il Pakistan negli anni '60-'70

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

Dagli anni '50 agli anni '70, l'ambiente notturno a Karachi era molto diverso da quello che molti si sarebbero aspettati.

Il ballerino di cabaret, Marzyeh Kanga, ha detto al Tribune:

“Molto indietro negli anni '60 e '70, Karachi era un posto molto diverso in cui stare. Avevamo bar e spettacoli di danza e la società era libera e non "frustrata" come lo è ora".

Negli anni successivi all'indipendenza del 1947, il Pakistan aveva un atteggiamento molto liberale. Giornalista, Guillaume Lavallie, mantenuto:

"L'epoca d'oro è iniziata negli anni '1950 ed è proseguita fino al proibizionismo nel 1977, seguito da una serie di politiche che hanno drasticamente alterato la società".

Prima che Islamabad diventasse la capitale del Pakistan, Karachi era infatti la capitale del paese.

Come capitale, Karachi ha assistito a una fiorente industria turistica ed è stata la sede delle ambasciate dei paesi.

A causa di ciò, molti occidentali hanno visitato la città. Considerata una delle capitali più pulite del mondo, l'alcol era disponibile gratuitamente e la scena dei locali notturni era vivace.

Esaminando la cultura del Pakistan degli anni '60, Il Cittadino stati:

"Negli anni '1960 e '70, la vita pubblica del Pakistan era dominata dall'élite liberale e istruita in occidente".

Anche il Pakistan faceva parte del "sentiero hippie", quindi il paese è stato visitato da molti stranieri.

Il sentiero hippie era il viaggio via terra compiuto dagli hippy dalla metà degli anni '50 alla fine degli anni '70. Il viaggio, iniziato in Europa, si è concluso in India.

Il Pakistan è stata infatti una tappa fondamentale e famosa di questo viaggio. I viaggiatori spesso partivano da Londra, poi proseguivano per la Turchia, Teheran, Herat, Kabul e poi il Pakistan.

An articolo by Propergaanda fa luce sul loro ingresso in Pakistan:

“Arriverebbero per la prima volta a Landi Kotal dopo aver attraversato il Khyber Pass.

“Molti viaggiatori hanno raccontato di aver incontrato molti contrabbandieri che tentavano apertamente di vendere loro oppio o armi contraffatte per le quali la città era famigerata.

“Dopo di che quelli sul sentiero sarebbero scesi a Peshawar. Dove hanno cercato il famoso hashish del Pakistan”.

Rivelano ulteriormente il loro viaggio:

"Dopo aver organizzato una festa del fumo a Peshawar, la prossima tappa per gli hippy sul sentiero sarebbe Lahore".

Nel complesso il Pakistan ha avuto un atteggiamento più liberale, tuttavia, l'energica vita notturna è stata maggiormente testimoniata a Karachi in quel momento

Leon Menezes, un cantante della band "The In Crowd", che era popolare in questo periodo, ha parlato esclusivamente con DESIblitz. Ha affermato:

“Karachi era una capitale davvero molto divertente.”

In un articolo, scritto da Leon, lui menziona:

“Con la città piena di ambasciate e servita da una miriade di compagnie aeree straniere, il mix di clienti internazionali e locali si è divertito fino alle prime ore del mattino.”

La vita notturna di Karachi includeva club d'atmosfera, musica dal vivo culturale, alcol e ballerini esotici. Ha mostrato l'energia vivace che ha alimentato lo sviluppo del Pakistan dopo aver raggiunto l'indipendenza.

discoteche

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

Karachi ha ospitato molti locali notturni e bar negli anni '60 e '70. I club erano principalmente su un piano in un hotel.

Leon cita il legame con l'alcol, affermando:

“Gli hotel avevano bar ben forniti, comprese birre locali, e soddisfacevano un'ampia selezione di gusti.”

Alcuni dei locali notturni hotspot erano:

  • La discoteca del Metropole Hotel
  • Attico all'Hotel Excelsior
  • Camera Nasreen all'Intercontinental Hotel
  • La- Gourmet al Palace Hotel
  • Playboy al Taj Hotel

I famosi locali notturni negli hotel si rivolgevano a una clientela diversa, con Leon che affermava:

“Hotel Metropole e Palace Hotel, The Beach Luxury – e più tardi l'Inter-Continental sono stati i gioielli della corona.

“Mentre gli hotel Excelsior, Imperial, Taj e Central offrivano un insieme di intrattenimento più audace.”

Parlando con DESIblitz, Leon ha espresso come la discoteca al Metropole abbia attirato più pubblico più giovane:

“La parte della discoteca del Metropole non era di fascia alta; è stato molto casuale.”

Menziona inoltre il costo e le dimensioni di una bevanda alcolica:

"La birra costava 10 rupie a bottiglia per una bella bottiglia grande, che la maggior parte di noi non poteva permettersi."

Gli hotel erano abbastanza vicini l'uno all'altro, in luoghi come Napier Road e Saddar.

Accanto a questi grandi locali notturni, c'erano bar di fascia bassa e negozi di liquori sparsi per Karachi.

Discoteche e bar sono stati visitati da una serie di persone a Karachi. In particolare, molte celebrità e politici erano soliti bere qualcosa da loro. Leone dice”

“Venivano anche persone come il signor Bhutto, e tutte queste altre persone che poi sono diventate politici di alto livello”.

A video dal Citizens Archive of Pakistan mette in evidenza anche la scena notturna al Metropole:

“Esso [Metropole] era un hotel molto moderno. Le persone che hanno visitato questo hotel erano più giovani, così come molti stranieri.

"Ogni sera si ballava e poi a New York la gente portava un'intera sala - è stato un momento così bello".

Le feste di Capodanno nei locali notturni erano di gran moda allora. Leon spiega come l'atmosfera alla vigilia di Capodanno non fosse come nessun'altra:

“Non potevi trovare uno spazio da nessuna parte se volevi uscire a Capodanno perché c'erano persone in ogni discoteca e luogo.”

Con una scena dei club così incredibilmente inclusiva, Karachi è diventato un punto caldo commovente nell'Asia meridionale.

Tuttavia, è stato l'intrattenimento all'interno di questi club e bar che ha portato un inevitabile cambiamento culturale.

Musica dal vivo

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

Qualcosa che caratterizzava i locali notturni e i bar di Karachi erano le band che suonavano dal vivo.

Molte persone sono andate a questi eventi per ascoltare dell'incredibile musica dal vivo che veniva eseguita principalmente da band locali che erano grandi negli anni '60 e '70.

Alcuni dei bande spesso suonava sei sere a settimana nei posti più caldi.

La band leggendaria, Talismen, suonava al nightclub del Beach Luxury Hotel e la band blues, i Keynotes, suonava alla Nasreen Room dell'Intercontinental Hotel.

Mentre la famosa band, The In Crowd, suonava spesso alla Discotheque del Metropole Hotel.

Leon Menezes era nella band, che si formò nel 1968-69 e consisteva di cinque membri.

The In Crowd è cresciuto in popolarità durante questo periodo e ha suonato nei locali notturni, così come all'inaugurazione del presidente Zulfikar Ali Bhutto.

Leon, parlando con DESIblitz, richiama alcuni primi ricordi:

“Mio fratello Ivan ed io abbiamo suonato in gruppi da quando eravamo a scuola. Aveva due anni più di me.

"Suonavamo dove potevamo: matrimoni, feste, scuole, e alla fine siamo cresciuti fino a suonare nei nightclub".

Le band di musica dal vivo suonavano principalmente cover di musica occidentale. Era un misto di musica dance, rock, pop e jazz.

Parlandoci specificamente di The In Crowd, Leon esprime:

"Così, abbiamo iniziato come band 'dance' e The In Crowd si è evoluto un po' per introdurre la musica di Santana, Deep Purple, King Crimson, Chicago, Hendrix, suonando anche musica 'dance' al The Discotheque."

Parlando dei suoi giorni di band, Leon ha detto:

“In questo momento, qualunque musica sia disponibile in qualsiasi parte del mondo è disponibile per te in questo momento, a quei tempi non era il caso.

“Ascoltavamo la radio e poi venivamo a provare quelle canzoni – questo è quello che facevamo.

"Avevamo questo piccolo registratore a cassette Phillips e lo abbiamo registrato dalla BBC e da Voice of America, poi siamo andati a fare pratica."

Durante questo periodo emerse una band femminile pakistana, le Xavier Sisters. Le Xavier Sisters erano un gruppo di cinque sorelle, formatosi nel 1961. Hanno guadagnato lo status di prima band di sole ragazze del Pakistan.

Un Instagram settimana per conto Purana Pakistan note:

"Nel 1969, le Xavier Sisters sono diventate la prima band con sede a Karachi ad avere un contratto internazionale che le ha portate a Teheran".

Teheran è la capitale dell'Iran, il che significava che l'esclusiva band femminile aveva un accordo di musica fuori dal paese. La prima band di Karachi a farlo.

Le Xavier Sisters hanno suonato in tutta Karachi, compreso l'Intercontinental Hotel. Cantavano canzoni pop, jazz e dance in inglese.

Tuttavia, dopo molti successi e riconoscimenti, il gruppo si sciolse nel 1975 quando la loro famiglia emigrò in Canada.

Le band dal vivo erano estremamente popolari in questi giorni. Le band più amate venivano spesso prenotate rapidamente. Leon ha mantenuto:

"Come musicista, saresti prenotato con 6 mesi di anticipo solo per suonare per la notte di Capodanno."

La musica dal vivo in questi club era molto amata e la principale forma di intrattenimento lì. Leon menzionato come la musica ha incorniciato la notte:

"L'ordine della musica era che ti scaldavi e poi suonavi alcune canzoni più popolari, e (poi) suonavi la musica più forte."

Ha aggiunto che l'amore è entrato nell'equazione quando la notte ha iniziato a calare:

"Verso la fine della serata, ti rilassi perché le persone avevano intenzioni romantiche".

A parte la musica dal vivo nei locali notturni, Leon ricorda:

“C'era una meravigliosa tradizione di fare jam session la domenica, in vari posti e le persone si riunivano, cantavano e ballavano.”

La musica dal vivo veniva suonata anche alle sfilate come ricorda Leon:

“All'improvviso è arrivata questa cosa per le sfilate di moda e c'era musica dal vivo.

“Gli hotel avrebbero avuto una battaglia tra le band e avrebbero suonato 5 o 6 band e fatto una sfilata di moda, ha raccolto molto. Al giorno d'oggi le sfilate sono fatte in modo molto diverso".

La scena musicale LIVE è ciò che ha reso i locali notturni così popolari in questo periodo.

Sebbene la maggior parte della musica fosse occidentalizzata, il talento non filtrato di questi musicisti ha elevato l'arte in Pakistan e ha reso la musica molto più accettata.

Danza

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

Anche se la musica dal vivo e le band stavano esplodendo nella vita notturna di Karachi, c'erano mezzi di intrattenimento più glamour che vengono trascurati. la Tribune afferma:

"I night club - con alcol legale e danzatrici del ventre professioniste, che fanno vorticare elegantemente i loro corpi - sono (quasi) un tempo dimenticato in Pakistan."

Leon Menezes lo ha sottolineato riportando:

“L'intrattenimento serale è stato classificato come 'Cena, Ballo, Cabaret'.”

Accanto alla musica e all'alcol, i ballerini di cabaret erano una delle principali forme di intrattenimento. cabaret tra la metà degli anni '50 e '70 si tenevano spettacoli di danza in alcuni dei maggiori hotel.

Alcuni di questi hotel includono Hotel Metropole, Palace Hotel, InterContinental Hotel Beach Luxury Hotel e The Excelsior.

Gli spettacoli avevano spesso ballerini locali, mentre alcuni spettacoli includevano artisti internazionali.

Questi artisti globali provenivano solitamente da Libano, Russia e Turchia. Hanno girato diversi paesi per le esibizioni.

Leon, parla della serie di spettacoli, dicendo:

“Le esibizioni sono passate dalla raffinatezza di classe al vero e proprio squallore.”

Un popolare ballerino pakistano era Panna, che era anche una star del cinema. Era una ballerina abituale e molto amata al primo nightclub di Karachi, Le Gourmet, situato nel Palace Hotel.

Un altro famoso artista di cabaret pakistano era Marzyeh Kanga, noto come Marzi, che ha lavorato come artista di cabaret per venticinque anni.

Marzi amava ballare fin da piccola, eppure a diciotto anni ha intrapreso la carriera.

La sua atmosfera giovane ed energica le ha permesso di esibirsi in molti club di Karachi.

Ha ballato nella discoteca Penthouse dell'Hotel Excelsior, così come nella discoteca Nasreen Room dell'Intercontinental Hotel, nella discoteca La Gourmet del Palace Hotel e nella discoteca Playboy del Taj Hotel.

Marzi ha anche ottenuto riconoscimenti internazionali per la sua danza. Ha avuto successo anche a Singapore, così come in Australia dove ha ha vinto il "Premio giovanile per la televisione australiana".

I balli in questi club hanno aggiunto al fascino della vita notturna di Karachi.

In un post LIVE di Instagram, il drammaturgo pakistano Anwar Maqsood ha ricordato di essere cresciuto a Karachi, rivelando:

"Volevano nei ballerini di cabaret di Beirut, Inghilterra, Brasile... ballavano... allora c'erano quattro o cinque hotel".

Ha continuato a esprimere ulteriormente il prezzo per un pass d'ingresso, che era piuttosto costoso all'epoca:

"Allora un biglietto costava Rs 200 (87 pence), che era un sacco di soldi, e dovevi anche comprare le tue bevande".

Guarda il video completo di ciò che Anwar Maqsood ha da dire sulla club culture di Karachi in urdu:

Divieto

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

La frizzante vita notturna di Karachi cambiò drasticamente alla fine degli anni '70 con il divieto del 1977.

Il divieto è quando la produzione, la vendita e il consumo di alcol sono vietati dalla legge.

Storicamente, ci sono stati molti casi di proibizionismo in tutto il mondo. La cosa più famosa è che gli Stati Uniti hanno vietato l'uso di alcol a livello nazionale tra il 1920 e il 1933.

Come discusso, dall'indipendenza del Pakistan nel 1947, il paese ha avuto un atteggiamento abbastanza liberale nei confronti del consumo di alcol.

Il viaggio verso la messa al bando dell'alcol in Pakistan è iniziato nei primi anni '70.

Nel 1973, il governo di Zulfikar Ali Bhutto ha infatti respinto una risoluzione per vietare la vendita di alcolici da parte dei partiti religiosi nell'Assemblea nazionale.

Il governo lo ha respinto perché aveva problemi più grandi da risolvere.

Nel 1977 si tenne un'elezione in cui fu rieletto il governo del Partito popolare pachistano (PPP) guidato da Bhutto.

Tuttavia, ci sono state molte polemiche intorno alle elezioni, con l'Alleanza nazionale pakistana (ANP) che ha accusato il PPP di falsificare i risultati.

Dopo le elezioni, l'Anp ha chiesto "un nuovo voto, il rilascio dei politici dell'opposizione, la chiusura di locali notturni e bar e il divieto totale della vendita di alcolici".

Bhutto ha ceduto alla crescente pressione di queste richieste. Nell'aprile 1977, il governo Bhutto annunciò il divieto di vendita di alcolici e la chiusura di locali notturni e bar.

Durante questo periodo, il governo annullò i piani per l'apertura di un casinò a Karachi, che avrebbe dovuto aprire nel maggio 1977.

Il casinò è stato finanziato da Tufail Shaikh, un uomo d'affari con sede a Karachi.

An Tema dal giornalista Nadeem Farooq Paracha ha proclamato:

“Quando la Bhutto ha concordato con l'opposizione di chiudere i locali notturni e vietare la vendita di bevande alcoliche, Sheikh è rimasto scioccato.

"Tuttavia, Bhutto gli ha detto che era una misura temporanea che avrebbe gradualmente invertito una volta che le cose si fossero raffreddate".

A causa dell'immediata pressione dei partiti religiosi, l'ordine di divieto, emesso dalla Bhutto, doveva essere solo temporaneo. Tuttavia, questo non era il caso.

In un colpo di stato militare, il governo Bhutto fu rovesciato dal generale Zia-ul-Haq nel luglio 1977.

Il defunto Zia-ul-Haq, che in seguito divenne il sesto presidente del Pakistan, dichiarò legge marziale.

La legge marziale è quando un paese è sotto l'autorità militare e il comandante ha l'autorità illimitata per attuare le leggi.

La sua politica principale era "l'islamizzazione del Pakistan". La sua legge marziale ha cambiato drasticamente varie parti della società.

Per far rispettare più "leggi islamiche", voleva contrastare il consumo di alcol.

Durante i giorni di Bhutto, i locali notturni e i bar erano chiusi, tuttavia l'alcol veniva ancora venduto apertamente nei club sociali.

Paracha spiega le ambiguità iniziali:

"L'ordine dell'aprile 1977 aveva delle scappatoie e non comportava alcuna punizione grave contro coloro che vendevano o consumavano alcolici".

Tuttavia, questo è cambiato sotto il governo del generale Zia-ul-Haq. Nel febbraio 1979, il suo governo emanò un'ordinanza nota come "Ordine di proibizione (applicazione di Hudd)".

Questo ordine affermava che la vendita di alcolici ai musulmani del Pakistan era sia illegale che anti-islamica.

In base a questo ordine, venivano messe in atto sanzioni e punizioni severe se qualcuno veniva sorpreso a bere o vendere alcolici.

Un articolo di Medium scrive anche su questo particolare problema:

“Attraverso un'ordinanza di divieto, il regime ha aggiunto una punizione di 80 frustate per gli arrestati per vendita e consumo di alcol”.

Tuttavia, la vendita e il consumo di alcol erano consentiti ai non musulmani che vivevano in Pakistan e agli stranieri. Ciò ha portato all'apertura di negozi di alcolici autorizzati.

Gli stranieri e i pakistani non musulmani dovevano ottenere un permesso dal governo per poter acquistare in questi negozi.

Molti dei sostenitori dell'anti-alcol hanno giustificato questa decisione spiegando come l'alcol fosse un'eredità coloniale. Paracha ha condiviso i suoi pensieri sulla questione:

“Fin dalla fine degli anni '1970, i crociati contro l'alcol hanno sostenuto che bere alcolici (da parte dei musulmani in Pakistan) fosse un'eredità coloniale.

"Suggeriscono che l'abitudine di bere bevande alcoliche sia stata imposta ai musulmani della regione dai colonialisti europei".

Paracha ha anche fatto riferimento al leader più rispettato del Pakistan:

"È così che rispondono, specialmente quando gli viene detto che a tutti i principali fondatori del Pakistan, incluso l'avvocato e politico molto rispettato, Mohammad Ali Jinnah, piaceva bere".

Questo è un equivoco. Le bevande alcoliche sono state consumate nell'Asia meridionale per oltre 5000 anni, molto prima dell'Impero britannico, con Paracha che sostiene:

"Gli abitanti della civiltà della Valle dell'Indo stavano preparando bevande alcoliche a base di ingredienti dolci e amidacei".

Anche dopo l'invasione musulmana dell'India nel XIII secolo, "bevande alcoliche, bhang e oppio erano ampiamente disponibili nella regione".

Le leggi sul divieto hanno cambiato notevolmente la cultura del bere del Pakistan e quindi hanno avuto un impatto sulla vita notturna di Karachi.

Come è cambiata Karachi nel 1977?

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

Le leggi proibizioniste degli anni '70 hanno cambiato radicalmente la vita notturna di Karachi.

Ha detto Happy Minwalla, il proprietario del Metropole Hotel ALBA:

“Questo (divieto) ha cambiato completamente l'industria alberghiera in tutto il Pakistan. Karachi era tutto incentrato sull'intrattenimento, sul divertimento, sulle persone che facevano cose. Purtroppo la situazione è cambiata».

Nel 2011, Shehryar Fazli ha scritto un libro intitolato invito. Il libro è ambientato nella Karachi degli anni '70, durante un Pakistan più liberale, poco prima dell'ascesa al potere di Zulfiqar Ali Bhutto.

In un'intervista con Stampa Trust of India (PTI), Fazli espresso:

“Anche se scrivessi negli anni '1980, l'ambientazione del libro sarebbe stata radicalmente diversa.

“Il Karachi di questo romanzo, il Karachi dei bar e dei cabaret, è più o meno svanito nel 1976 con l'introduzione del proibizionismo”.

Questi commenti mostrano quanto sia cambiato il clima sociale a Karachi in un breve periodo di tempo.

La vita notturna degli ultimi tre decenni è completamente svanita a Karachi, con la chiusura delle principali discoteche.

Quando gli è stato chiesto come è cambiata la vita dopo il divieto, Leon Menezes ha detto a DESIblitz:

"Tutto cambia; Karachi era la capitale; molti stranieri; eravamo sulle tracce degli hippie; un sacco di "roba" da fumare e condividere.”

“Dopo il proibizionismo, le cose sono andate tranquille per molto tempo negli anni di Zia-ul-Haq ed è stato difficile ottenere cose.

C'è stato un altro cambiamento, dopo la morte di Zia, e l'arrivo della figlia di Bhutto:

"Quando è arrivata l'era Benazir Bhutto, all'improvviso, mi sono reso conto che c'erano così tante feste in corso e che era disponibile un rinfresco".

"L'atmosfera liberale è tornata, è durata circa tre anni non è durata più a lungo".

Non sono stati solo i club e il lato alcolico della vita notturna a cambiare, anche la scena della musica dal vivo e della danza è stata modificata.

Marzi, il ballerino di cabaret, ha raccontato ALBA sullo stigma intorno alla danza che si è sviluppato:

"La società qui stava diventando sempre più rigida e alla fine i locali notturni hanno chiuso e abbiamo perso quel po' di libertà che avevamo".

Lei continua a rivelare:

"La danza non solo era disprezzata, ma gli artisti erano equiparati alle prostitute".

"Il falso senso di 'superiorità' ci ha danneggiato così tanto e qualunque cosa stia accadendo ora è un riflesso di quel pasticcio".

Non è stata solo Karachi a cambiare, l'intera società pakistana è cambiata drasticamente durante questo periodo.

Un articolo di Propergaanda sosteneva come, insieme alla vita notturna, il sentiero hippie in Pakistan non esistesse più:

“Sfortunatamente, con l'invasione sovietica dell'Afghanistan, la rivoluzione iraniana e le fustigazioni pubbliche dei regimi di Zia e l'iper-islamizzazione, il percorso non è più rimasto sicuro per gli stranieri.

“Verso la fine degli anni '70, non c'era quasi nessuno sulle tracce degli hippie.

“Ora tutto ciò che rimane di questo sentiero e delle sue culture sono le immagini e le storie di coloro che un tempo lo percorrevano”.

Da un'industria così profondamente colta e in forte espansione a un paesaggio ristretto e ristretto, i frequentatori dei club di Karachi erano in subbuglio.

Karachi nel 21° secolo

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

Passeggiando per Karachi, il paesaggio è cambiato drasticamente dagli anni '70.

Gran parte degli hotel che un tempo ospitavano i fiorenti locali notturni sono completamente scomparsi o sono stati portati da diverse compagnie.

Parlando su alcuni di questi locali notturni hotspot, Leon cita:

“Il Metropole è andato in rovina, infatti, sono in procinto di vendere negli ultimi anni, ma ci sono così tanti inquilini che non vogliono andarsene.

“La catena intercontinentale è stata tirata fuori dai servizi pakistani limitati, quindi si è convertita. Il Palace Hotel molti anni fa è diventato lo Sheraton Hotel.

“L'Airport Hotel ha continuato a peggiorare in termini di qualità e poi Ramada ha preso il sopravvento e hanno rinnovato l'intero posto.”

Esprime ulteriormente le differenze rispetto al passato:

"Negli hotel non c'è più musica dal vivo o cose del genere."

Anche se i giorni dell'alcol, delle danzatrici del ventre e dei locali notturni potrebbero essere finiti, ciò non significa che la vita notturna di Karachi sia finita.

Un articolo del 2015 di ALBA mantenuto:

"Il proibizionismo è stata la campana a morto per i club, ma non ha sradicato la sete di vita notturna".

Nel frattempo, dice Paracha, anche con il divieto in vigore, l'alcol era ancora ampiamente disponibile:

"Nonostante il divieto sull'alcol del 1977 e l'ulteriore rafforzamento di questo divieto nel 1979, il consumo di alcol è rimasto prevalente (principalmente a causa del contrabbando e delle distillerie illegali)."

Essendo uno "stato secco" durante l'era moderna, l'alcol è ancora molto consumato in Pakistan.

Tuttavia, viene fatto principalmente a porte chiuse e alle feste in casa, piuttosto che pubblicamente come prima.

Negli anni '70, gli eventi nei club erano pubblicizzati apertamente. Tuttavia nel 2021 gli eventi non vengono pubblicizzati sui social, si circola principalmente con il passaparola o se si conoscono determinate persone.

La vita notturna è celebrata illecitamente, specialmente dall'élite di Karachi alta società. Fazli, l'autore di invito, illumina PTI:

“Ovviamente, non puoi semplicemente entrare in un bar o in una discoteca come potevi allora.

"Ma le persone si divertono ancora, mentre gli stabilimenti teoricamente 'sotterranei' operano e prendono gli 'accordi' necessari in modo che le autorità guardino dall'altra parte".

“Quindi, la vita notturna è ancora viva e vegeta, anche se è molto più limitata.”

È interessante notare che si potrebbe pensare che lo sviluppo dei social media e della tecnologia rivitalizzi la scena dei club di Karachi.

Tuttavia, sembra che sia andata nella direzione opposta, dove alcune feste ed eventi sono più segreti del mainstream.

Behind Closed Doors

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

Il divieto ha avuto un effetto devastante sulla vita notturna di Karachi negli anni '70, tuttavia, la sete di feste è ancora ricca.

Una volta era una fiorente vita notturna piena di musicisti dal vivo e balli inarrestabili, c'è una nuova ondata di club e bar underground che iniziano a fiorire.

Anche se Karachi ha ancora degli spazi particolari dove festeggia arte, musica e cultura, può essere estremamente limitato.

La musica moderna come l'indie e l'hip hop è disapprovata e la mancanza di alcol fa sì che le persone vadano in profondità a Karachi per soddisfare tutte le loro esigenze.

Con il ritorno degli studenti pakistani che hanno assaporato il vivace divertimento dei paesi occidentali, club e bar underground sono diventati dei punti di riferimento.

Senza inviti pubblici o post sui social media, questi eventi nascosti sono estremamente riservati. Solo gli amici intimi o il passaparola ti indirizzeranno a queste feste rimbalzanti.

Con l'alcol che scorre in un paese in cui è limitato, numerosi locali si recano in questi luoghi per socializzare, divertirsi e ascoltare LIVE band vecchie o nuove.

Akeel Akhtar, il proprietario della discoteca privata "Hard Rock Cafe", rivela:

“Non esiste un luogo dove le persone possono andare e ascoltare questo tipo di musica. La musica dal vivo ha una sua energia.”

"Quindi, tutte le nostre persone che sono cresciute qui amano questa roba, riporta alla mente ricordi per loro."

Molte socialità ricche che hanno la capacità di organizzare eventi privati ​​spesso rinnovano le loro case in club.

Sebbene l'alcol sia venduto nelle "enoteche", più bevande e marchi di lusso vengono consegnati alle case private dai contrabbandieri.

La sensazione nostalgica degli anni '70 offre un'atmosfera come nessun'altra e molte persone cercano di reimmaginare quelle esperienze in un clima più moderno.

Diventare moderni significa che c'è stato un aumento delle feste sotterranee per le persone gay che si sentono al sicuro all'interno dell'ondata di eventi privati.

Essere apertamente gay in Pakistan è roccioso e considerato illegale. I diritti LGBTQ+ sono disuguali e molte persone possono affrontare forti contraccolpi e imbarazzo da parte delle autorità e delle famiglie.

Tuttavia, a porte chiuse, tutti sono i benvenuti. Come gli altri club nascosti, la scena gay può essere trovata solo attraverso il passaparola, ma gli eventi sono sorprendentemente vasti.

Salman, un gay originario di Karachi che si è trasferito negli Stati Uniti, disse:

“Conviene conoscere un locale di cui ti fidi. Ad esempio, quando i miei amici gay olandesi/tedeschi sono venuti a trovarci, siamo stati in grado di andare a una festa gay.

“Oltre a un concorso di bellezza transgender perché all'epoca ero coinvolto e connesso alla comunità LGBTQ locale”.

Sebbene i luoghi pubblici incarnino ancora la vivacità di Karachi, questi spazi sotterranei non sono solo focalizzati sull'alcol, ma forniscono un posto per tutti i suoi abitanti.

Spiagge di Karachi

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

La vita notturna di Karachi è cambiata drasticamente rispetto alla musica sfacciata e alle vivaci feste degli anni '70. Tuttavia, la scena della festa esiste ancora, ma si è spostata dai club ad altri mezzi di intrattenimento.

Un'enorme attrazione locale e turistica è Spiaggia di Clifton. Un punto di riferimento iconico che è rimasto prominente dagli anni '60.

Conosciuta anche come “Vista Mare”, è una delle spiagge più famose al mondo.

Il bellissimo lungomare, le onde colorate e i maestosi tramonti offrono ai visitatori viste meravigliose e un'abbondanza di attività.

In precedenza offriva solo pochi negozi, la spiaggia di Clifton ora vanta corse di cammelli, passeggini da spiaggia, cibo di strada, sfilate e celebrazioni per i principali eventi.

Una posizione mozzafiato con lavori di ristrutturazione moderni permette a molte persone di crogiolarsi al sole di Karachi mentre si godono la natura rilassante dell'oceano.

Sebbene sia incredibilmente affollata durante il giorno, la spiaggia è aperta 24 ore su XNUMX, quindi rimane un punto di riferimento per la gente del posto che è fuori a godersi le altre attrazioni di Karachi.

Un'altra spiaggia incredibile che si presta a più attività serali è 'Do Darya'. Questa è una splendida spiaggia che vanta un'abbondanza di ristoranti sul lungomare che si animano nelle ore successive.

Durante la notte, gli edifici circostanti sono elegantemente illuminati e consentono alla gente del posto e ai visitatori di assistere veramente alla "Città delle luci".

La gente del posto e i turisti possono rifarsi gli occhi sulle splendide onde illuminate dalla luna, mentre si tuffano nel cibo delizioso in posti come il ristorante Sajjad e Kababjees.

L'amore per il cibo di Karachi non è evidenziato solo nei ristoranti sulla spiaggia, ma anche nei barbecue serali sulla spiaggia che si tengono lungo la costa. In particolare sulla spiaggia di Hawke's Bay.

Carni sfrigolanti, succhi freddi e odore di carbone sono tutti in mostra. La maggior parte dei barbecue qui inizia di giorno e prosegue fino a notte fonda, inebriando le mandrie di persone.

La spiaggia è rappresentativa della vita notturna in continua evoluzione di Karachi.

Ciò dimostra che la vita notturna di Karachi si è evoluta per essere più inclusiva di bambini e famiglie. Non si tratta solo di andare in discoteca o di danze esotiche, ma di creare una nuova cultura della vita notturna per tutti.

Con altre splendide spiagge come Cape Mount e Tushan, la costa esotica di Karachi offre un'atmosfera contrastante dal suo turbolento epicentro.

Cricket

Vita notturna a Karachi: il passato e il cambiamento

Poiché la tradizionale vita notturna di Karachi ha iniziato a indugiare dopo gli anni '70, l'apprezzamento e la crescita di cricket in Pakistan avanzato.

Quando fu costruito lo Stadio Nazionale nel 1955, lo sport tanto amato portò unità, divertimento e storia.

Essendo il più grande campo da cricket del Pakistan, la sede incarna l'atmosfera vivace di Karachi e dei suoi abitanti.

Con oltre 40,000 posti a sedere, il Pakistan ha compiuto un'impresa incredibile evitando una sconfitta di prova a terra dal 1955 al 2000.

Altri record degni di nota includono gli otto wicket di Imran Khan per 60 punti contro l'India nel 1982 e i 313 punti di Younis Khan contro lo Sri Lanka nel 2009.

Questo successo ha portato il ringiovanimento della zona, soprattutto con l'introduzione di proiettori che hanno permesso di giocare di notte.

La gente del posto aveva una nuova definizione di "vita notturna".

L'imponente statura dello stadio gli ha permesso di ospitare partite della Coppa del Mondo di cricket, intense rivalità con la squadra indiana e nel 2018 ha ospitato la sua prima finale della Pakistan Super League (PSL).

Fin dalla sua istituzione nel 2016, il National Stadium ha ospitato tre affascinanti finali del PSL tra il 2018-2020.

È anche la casa del team PSL, Karachi Kings, che ha vinto il suo primo titolo nel 2020 dopo aver battuto i Lahore Qalandars.

Portando masse di festeggiamenti, il cricket ha permesso alle imprese locali di crescere mentre branchi di persone si godono i festeggiamenti.

Qui, famiglie, adolescenti, anziani possono uscire al caldo della sera e assorbire partite intense per tutta la notte.

Godendo del cibo locale e dell'atmosfera chiassosa, il cricket ha fornito un enorme cambiamento nell'intrattenimento notturno di Karachi.

Descritto come "fortezza del cricket pakistano", il giubilo che lo stadio e lo sport hanno portato alla scena dell'intrattenimento e della vita notturna di Karachi è inestimabile.

Porto Grand

Vita notturna a Karachi: il passato e il cambiamento

Anche se Karachi potrebbe non offrire gli stessi club e bar occidentalizzati degli anni '70, il Porto Grand complesso fa bene a riempire quel vuoto.

L'hub scintillante pone l'accento sull'industria alimentare di Karachi. Poiché l'alcol è stato vietato dopo il proibizionismo, l'aumento dei ristoranti di cibo e bevande ha eccelso.

Il Port Grand regala alle persone eccezionali venditori di cibo di strada, bancarelle moderne, magnifiche viste sul mare e un'architettura meravigliosa.

Un luogo meravigliosamente vivace che celebra la cultura di Karachi e per questo è stato premiato come "Marchio dell'anno" nel 2016.

Il presidente di Port Grand, Shahid Firoz, dà una visione positiva di questo luogo:

“I paesaggi e l'ambiente naturale di Port Grand si prestano ai ricordi eccezionali che le persone creano in questa deliziosa destinazione.”

Questa posizione ideale è perfetta per molti nativi di Karachi, giovani e meno giovani, che desiderano bere, mangiare, socializzare e creare ricordi.

La modernità di Port Grand è evidente attraverso le sue diverse cucine come Chow Wow e Angelini's Pizza.

Tuttavia, offre anche numerosi mezzi di intrattenimento come il karaoke e un cinema 6D.

Sebbene il porto sia severo con le sue regole come niente alcol o cibo esterno, rafforza solo quanto sia affascinante il posto e quanto si presti al divertimento.

Quindi, anche se Karachi ha preso le distanze dai club esotici degli anni '70, ha fatto incredibilmente bene a sostituire quei buchi con punti focali più ricchi di cultura.

Cibo e bevande

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

Mentre molti residenti si interrogano sulle strade illuminate di notte, le capanne del cibo di strada e i ristoranti infuocati servono cibo locale e delizioso.

I commensali di Karachi sono pieni di persone sorridenti che divorano piatti culturali come i Bihari tikkas alla Meerath Kebab House o il Peshawari chapli kebab all'A-one.

Mentre la sera si avvicina, ogni ristorante offre un'atmosfera così inebriante per gente del posto e turisti.

Con culture diverse che si infiltrano nell'industria alimentare di Karachi, ci sono molti luoghi famosi in cui i nativi giurano.

Il Cafe Flo situato a Clifton è una destinazione privilegiata poiché rimane aperto fino alle prime ore del mattino.

Serve il meglio della cucina francese, questo paradiso sofisticato è un luogo elettrizzante dove gustare ottimo cibo come salmone affumicato e pollo al burro alle erbe.

Per un'esperienza più sud-asiatica, il Lal Qila Il ristorante offre un'allettante celebrazione del Mughlai e della cucina tradizionale pakistana.

La splendida architettura, i paesaggi culturali e l'arredamento colorato contribuiscono a illuminare questo bellissimo ristorante sullo sfondo della sera.

Trasformandosi in un cortile musicale in occasioni speciali, Lal Qila illustra la versatilità e l'arte di cui i ristoranti di Karachi sono orgogliosi.

Poiché le feste serali si orientano verso i ristoranti anziché i club pubblici, molti stabilimenti offrono una vasta gamma di intrattenimenti.

Ad esempio, il Ramada Plaza Hotel lo esemplifica con un barbecue all'aperto a bordo piscina che attira centinaia di visitatori ogni giorno per una notte da ricordare.

È interessante notare che, come Menezes aveva affermato in precedenza in modo preoccupante, il Ramada aveva rilevato l'Airport Hotel.

Tuttavia, questo cambiamento nel panorama di Karachi ha indubbiamente portato un boom in una nuova forma di vita notturna.

Quindi, per quanto manchino i ricordi dei club degli anni '70, la cultura di Karachi è diminuita o semplicemente cambiata?

Inoltre, The Kolachi è un altro ristorante che incarna il cambiamento nella vita notturna di Karachi.

Qui, i commensali possono godersi la splendida brezza marina insieme a piatti sontuosi come il Kolachi karahi.

Piatti di pesce fresco e bevande esotiche rilassano i turisti e la gente del posto che possono crogiolarsi nelle luci incantevoli della riva di Karachi quando sono accesi di notte.

Inoltre, per coloro che vogliono solo dissetarsi, Karachi ha luoghi affollati pieni di frullati fruttuosi, tè potenti e succhi gustosi.

Baloch Ice Cream ha una serie di deliziose prelibatezze e frullati dove gente del posto e turisti possono concedersi a tarda notte.

Fanoos è un altro ristorante profondo che simboleggia il cambiamento nella vita notturna di Karachi.

Aperto a tutte le ore e con occasionali esibizioni di band dal vivo, i visitatori possono nutrirsi con i migliori caffè e pasticcini.

Tuttavia, per quanto la vita notturna di Karachi abbia visto un boom di ristoranti fiorenti, anche i loro venditori di cibo di strada hanno visto un aumento di popolarità.

Burns Road è particolarmente popolare grazie ai suoi numerosi ristoranti e venditori di cibo che producono cibo autenticamente fresco.

Con molti stabilimenti aperti da oltre 50 anni, le loro ricette sono invariate, il che potrebbe spiegare quanto siano adorabili i piatti.

Come molti ristoranti, Burns Road è aperto fino alle prime ore del mattino e le persone possono banchettare con pesce fritto umido, gelato Peshawari e lassi dolci.

Waqas Ali, uno studente di ingegneria, spiega il suo amore per Burns Road:

"Atmosfera sicura, pulita e colorata, cibo sontuoso e una notte mite... cos'altro vuoi?"

Evidentemente, il cambiamento nella vita notturna di Karachi ha portato al boom dell'industria alimentare e delle bevande.

Il brusio intorno ai ristoranti di Karachi rende omaggio alla sua diversità, ma rafforza anche il modo in cui questi luoghi sono diventati divertenti dagli anni '70.

Centri commerciali

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

Per quanto agli abitanti di Karachi e agli stranieri piaccia bere e cenare la sera, i centri commerciali sono diventati molto popolari anche di notte.

Molti centri commerciali sono aperti fino a tardi e offrono esperienze coinvolgenti grazie alla fusione di negozi culturalmente ricchi e marchi più occidentali.

Con numerosi centri commerciali situati intorno a Karachi, Centro commerciale Dolmen si distingue come il punto di riferimento. Il più grande centro commerciale di Karachi è un fulcro di marchi di fascia alta, caffè e centri di intrattenimento.

Situato vicino al mare, la bellezza e l'arredamento moderno del centro commerciale offrono un elegante santuario per gli amanti dello shopping.

Con marchi impressionanti come Nike e Timberland, Dolmen Mall è un piacere per i consumatori.

A Karachi, lo shopping è una grande attrazione, che sia nelle bancarelle del mercato o nei centri stravaganti. Quindi, non sorprende quanto siano popolari i centri commerciali.

Il LuckyOne Mall è particolarmente importante. Inaugurato nel maggio 2017, è considerato uno dei più grandi centri commerciali del mondo, con oltre 200 rivenditori.

Una delizia per gli amanti dello shopping, il centro commerciale comprende anche un parco a tema a due piani e una strada del cibo all'aperto, la prima del suo genere.

Con un design così fresco e innovativo, i centri commerciali di Karachi sono un galà di intrattenimento. Una volta arrivati, i visitatori possono trovare tutto a loro disposizione.

Ciò è evidenziato dall'incredibile Atrium Mall di Karachi. Ancora una volta, un punto focale di marchi, ristoranti e caffè di fascia alta, il centro commerciale vanta anche un cinema 3D interno.

Sciami di persone possono acquistare i loro abiti per il fine settimana, gustare il loro piatto pakistano preferito e poi concludere la serata con gli amici guardando un film.

Inoltre, si ritiene che il Forum sia uno dei centri commerciali più frequentati di Karachi.

Apprezzato da numerosi visitatori ogni giorno, il centro organizza spesso eventi come il salone dell'auto. che onora le auto d'epoca e classiche.

I centri commerciali di Karachi sono sicuramente uno dei settori più popolari della vita notturna della città.

Anche se Karachi è sempre stato interessato a moda e shopping, i centri commerciali si sono reinventati per adattarsi ai nuovi aspetti della vita notturna di Karachi.

Cibo, bevande, moda, cinema, musica dal vivo sono tutti elementi diversi dell'intrattenimento serale e i centri commerciali racchiudono queste magiche qualità della vita notturna di Karachi sotto lo stesso tetto.

Intrattenimento

Karachi Nightlife_ Il passato e il cambiamento

Sebbene i ristoranti, i centri commerciali e le spiagge di Karachi abbiano un'abbondanza di elementi gioiosi, il cambiamento nella vita notturna ha significato un ringiovanimento di altre forme di intrattenimento.

La celebrazione e l'amore per la musica LIVE significano che i concerti all'aperto hanno avuto un grande successo.

Nel 2015, le star musicali Shafqat Amanat Ali Khan, Rahat Fateh Ali Khan e Umair Jaswal hanno onorato Karachi al concerto di Jashan-e-Pakistan.

Nel 2019, il talento locale Atif Aslam si è esibito al Beach Park di Clifton così come il DJ olandese Alex Cruz, che ha assistito alla folla ruggente di Karachi.

Il cambiamento più intelligente nella vita notturna di Karachi è stato il modo in cui le cose sono così facilmente accessibili.

Negli anni '70 l'idea era di uscire, bere, cantare, ballare e poi rifare tutto il giorno dopo.

Tuttavia, ora le persone vanno in spiaggia al tramonto, accendono i barbecue, ballano con musica dal vivo, fanno cene a lume di candela e completano la serata con i dolci. Tutto in un'azione senza soluzione di continuità.

La musica è sempre stata una grande cosa a Karachi dagli anni '50. Quindi, i concerti aperti non sorprendono come una delle fonti di intrattenimento più avvincenti.

L'abbraccio della musicalità e l'apprezzamento degli strumenti Desi non sono un segreto nella "Città delle luci". Pertanto, i concerti serali in cui il pubblico canta a squarciagola i testi si sentono in tutta Karachi.

Tuttavia, l'apprezzamento delle arti non riguarda solo la musica, ma anche il cinema.

Sede di oltre 20 cinema, Karachi ha cinema impeccabilmente moderni dove gente del posto e turisti possono godersi il brivido dei film di Bollywood, Lollywood e Hollywood.

Il cinema Megamultiplex nel Millenium Mall vanta posti a sedere di lusso, AC tanto necessario e sistemi audio coinvolgenti.

Inoltre, il cinema Cinepax consente anche agli ospiti di rilassarsi la sera con poltrone reclinabili, tavoli privati, qualità dell'immagine dinamica e tonnellate di snack.

Come il più famoso cinema catena in Pakistan con dodici cinema in nove città, è evidente quanto Karachi sia affascinata da questa fonte di intrattenimento. Lo sottolinea il cinema The Arena.

L'utilizzo di un progetto DP4K, il più brillante al mondo, e viziando gli ospiti con box VIP, un suono surround all'avanguardia e un arredamento simile a un teatro, rendono questo uno degli spazi più lussuosi di Karachi.

Offre un'esperienza straordinaria per turisti e gente del posto e mostra come la vita notturna di Karachi sia cambiata radicalmente dall'intrattenimento degli anni '70.

Karachi degli anni '70 è un ricordo lontano?

Vita notturna a Karachi: il passato e il cambiamento

Le dinamiche della vita notturna a Karachi sono cambiate drasticamente. Tuttavia, sorge la domanda: la società pakistana tornerà mai a quell'atmosfera più liberale?

Leon discute di come non lo veda accadere:

“La demografia della città è cambiata molto, se guardi indietro a quei tempi la popolazione non era molto, c'erano negozi di liquori ovunque e nessuno si preoccupava di loro.

"Ora la demografia è cambiata completamente, le persone hanno interessi diversi, il sistema di valori è cambiato molto".

Sarà molto difficile che si allenti un po', in termini di concedere certe libertà alle persone”.

I giorni della band di Leon sono molto lontani, ma ora insegna all'Institute of Business Administration di Karachi:

“Sono storie meravigliose da raccontare ai miei studenti che, poveretti, sono troppo lontani dal divertimento.

"Quando racconto agli studenti storie del passato, penso che non mi credano".

Inoltre, Tony Tufail, un ex proprietario di un nightclub di Karachi, ha dichiarato:

"Karachi sarebbe diventato quello che Dubai è diventata in seguito se non fosse stato per il divieto".

Karachi post-indipendenza è stata caratterizzata da alcol, musica dal vivo, discoteche, divertimento e danza del ventre.

La vita notturna di Karachi aveva vivacità e fascino come nessun'altra. Era il paradiso dei festaioli e aveva sempre qualcosa da fare per qualsiasi budget.

Il passato della città può sembrare un pianeta alieno per alcuni, specialmente per coloro che sono cresciuti vedendo un lato diverso del Pakistan.

Nonostante i lontani ricordi della Karachi degli anni '70, è intrigante che i bar e le feste sotterranee accadano ancora, inclusi eventi per diverse comunità come LGBTQ+.

Quindi, potrebbe Karachi avere ancora una volta una vita notturna che trasuda ballerini lussuriosi e musica audace che eclissa la sua vita passata?

Inoltre, il cambiamento nella vita notturna di Karachi si è concentrato maggiormente sull'apprezzamento della bellezza del Pakistan nel suo insieme e della cultura della sua gente.

Un tempo hotel, club e bar erano le principali attrazioni a causa della loro sconfinata gioia. E dopo la fine degli anni '90, spiagge, cinema e centri commerciali sono diventati gli strumenti colorati che hanno attirato gente del posto e turisti.

Invece di cercare di imitare un paesaggio occidentale, la celebrazione di isole panoramiche, venditori di cibo saporito e raffinati hotspot sociali significa che Karachi si sta catapultando ancora una volta come un luogo vibrante.

Nishah è una laureata in storia con un vivo interesse per la storia e la cultura. Le piace la musica, i viaggi e tutto ciò che è Bollywood. Il suo motto è: "Quando hai voglia di mollare ricorda perché hai iniziato".

Immagini per gentile concessione di DAWN, Youlin Magazine, Charcoal+Gravel, Scoreline, Facebook, The Express Tribune, The Trip Advisor, Twitter, The Culture Trip e Asif Hassan.