Le lotte per gli appuntamenti e gli stigmi delle persone disabili Desi

Tutti possono identificarsi con le difficoltà negli appuntamenti. Ma quali stigmi devono affrontare i disabili dell’Asia meridionale? Unisciti a noi mentre affrontiamo alcuni di questi problemi.

Le difficoltà negli appuntamenti affrontate dalle persone disabili Desi

"È un commento che ancora mi perseguita"

Nel mondo degli appuntamenti, alcune persone spesso si ritrovano con problemi irrisolti e domande senza risposta.

Nella comunità dell’Asia meridionale, lo stigma è diffuso e le persone possono essere obbligate a soddisfare determinate aspettative da parte della società.

Questi problemi possono essere problematici ma possono essere più difficili per le persone Desi con disabilità fisiche.

Siamo in un’era in cui cerchiamo continuamente di raggiungere l’uguaglianza e l’empowerment.

Tuttavia, questo non vuol dire che le persone disabili non incontrino ancora stigmi durante il loro percorso di appuntamenti.

DESIblitz ti invita a unirti a noi in un viaggio importante, in cui presentiamo alcune delle difficoltà di appuntamenti affrontate dalle persone Desi disabili.

Ipotesi

Le difficoltà negli appuntamenti affrontate dalle persone disabili Desi

Nella comunità dei disabili Desi, le ipotesi fatte sia sulla loro condizione medica che sulle loro capacità sono motivo di preoccupazione e possono rivelarsi un ostacolo quando si tratta di uscire con qualcuno.

Vice ha parlato con Sweta Mantrii, una comica affetta da spina bifida che le impone di usare le stampelle per camminare.

Sweta espone dettagliatamente il presupposto secondo cui le persone disabili troveranno vera facilità solo sposando qualcuno che ha anche lui una disabilità. Lei spiega:

“Come persona con disabilità che ha vissuto in India tutta la sua vita, mi è sempre stato detto che uscire con un'altra persona con disabilità sarebbe stato più facile.

“Siamo condizionati a credere che se abbiamo qualche disabilità, dovremmo sposarci solo con qualcuno che abbia anche lui una disabilità.

"È una visione ristretta, ma mi viene ancora detto costantemente che le persone che si trovano in situazioni simili saranno in grado di capirsi meglio."

A questa nozione si aggiunge Noor Pervez, una persona autistica che soffre anche di disabilità fisica, che ricorda un'occasione in cui si è sentita un peso per il suo ex compagno:

"Ha avuto difficoltà a spingermi fisicamente e a navigare sui marciapiedi della città."

“Le ho dato una possibilità diverse volte (eravamo in un gruppo numeroso, quindi le ho chiesto se era sicura di non volere che qualcuno prendesse il sopravvento.

“Ma lei ha insistito per continuare perché era un modo per dimostrare che ci teneva a me e che la mia disabilità non era un ostacolo.

“All'inizio ho pensato che fosse romantico finché non l'ho vista di nuovo di persona quando avevo il mio scooter a motore e lei ha esultato per quanto fosse bello 'non dovermi più spingere'.

"Essendo una persona orgogliosa della mia disabilità, voglio che lo sia anche il mio partner."

Norme patriarcali e asessualità

Sweta ritiene inoltre che la società patriarcale indiana sia intrecciata con presupposti negativi:

“Penso decisamente che sia più difficile soprattutto in India a causa di tutto lo stigma che ci circonda.

“Il nostro Paese è patriarcale e la società continua a credere che le donne appartengano alla cucina.

“Quindi pensano che la mia disabilità sia uno svantaggio perché invece di poter aiutare in casa, danno per scontato che io sia quello che ha costantemente bisogno di aiuto.

“Le donne con disabilità non sono considerate idonee al matrimonio con uomini normodotati.

“Siamo spesso visti come indesiderabili perché alla gente piace dare per scontato che non possiamo contribuire fisicamente come può fare una donna normodotata.

" Viene data troppa importanza al tuo aspetto rispetto al tuo contributo emotivo al matrimonio o alla famiglia."

Approfondisce anche il presupposto stereotipato secondo cui tutte le persone disabili devono essere asessuali:

"Alla gente piace anche presumere che siamo asessuali o che ovviamente non ne abbiamo."

“In un certo senso dimenticano che il piacere sessuale è molto più della penetrazione.

"Un ragazzo una volta mi ha chiesto se volevo scopare, e quando ho rifiutato, la sua reazione è stata: 'Oh, pensavo che non avessi abbastanza azione, quindi mi sono offerto'.

“Sono queste ipotesi il problema.

“Invece di dare per scontato o avere paura di avvicinare una persona con disabilità, tutti dovrebbero imparare a chiedere prima di offrire”.

La franchezza di Sweta merita un applauso mentre parla delle difficoltà che le persone disabili possono affrontare.

'Porno d'ispirazione'

Le difficoltà negli appuntamenti affrontate dalle persone disabili Desi - "Inspiration Porn"

Coloro che vivono con una disabilità possono ritrovarsi elogiati per aver fatto cose che sono una seconda natura per le persone normodotate.

Sweta definisce questo atteggiamento come “porno d'ispirazione”. Lei esprime:

“Altri si dedicano al 'inspiration porno', ovvero quando una persona normodotata inizia a glorificare una persona con disabilità per aver fatto le stesse cose che farebbero loro, per il proprio senso di gratificazione.

“Secondo me è la cosa peggiore, perché non ho alcun interesse ad essere questa figura ispiratrice fuori dal comune solo perché ho bisogno delle stampelle per camminare.

“Alla fine ne ho avuto abbastanza dell'imbarazzo e ho menzionato il mio invalidità nella mia biografia e nella foto visualizzata, ma con una leggera svolta.

“Ho scritto: 'Sono così perché i miei genitori non lo hanno fatto correttamente'.

“Gli uomini lo trovavano divertente e intrigante e i colpi giusti continuavano ad arrivare.

"Sfortunatamente, ancora una volta, è stato perché questi uomini volevano dedicarsi al 'porno d'ispirazione' o semplicemente conoscermi in modo non romantico, e quasi sempre finivano per farmi amicizia."

Queste parole evidenziano che un aspetto chiave per superare questi problemi di appuntamenti è la necessità di trattare tutti allo stesso modo.

Dote

Le difficoltà negli appuntamenti affrontate dalle persone disabili Desi - Dote

In un rapporto dell'Hindustan Times, fanno luce su Shweta Mahawar.

A cui è stata diagnosticata la poliomielite da bambina, Shweta usa una sedia a rotelle come supporto.

Ha sperimentato una serie di sfide mentre si trovava sui siti dei matrimoni.

La dote è la pratica comunemente vista nei matrimoni dell'Asia meridionale, in cui di solito la famiglia dello sposo richiede alla sposa affinché il matrimonio vada avanti.

Queste possono variare dalle richieste finanziarie a quelle materialistiche.

Shweta rivela le richieste di dote che ha incontrato sui siti dei matrimoni:

“I miei genitori non avevano molti risparmi perché dovevano spendere una buona parte del loro reddito per le mie spese mediche.

"Quindi soddisfare quelle richieste di dote era fuori questione."

Fortunatamente, Shweta ha incontrato suo marito, Alok Kumar, tramite la defunta app Inclov, che ha chiuso i suoi sistemi nel 2019.

La dote è qualcosa che spesso viene disapprovato, ma è ancora estremamente diffuso.

A volte, le famiglie senza membri disabili hanno difficoltà con questo. Si possono quindi immaginare le difficoltà delle persone con disabilità.

Mancanza di infrastrutture

Le difficoltà negli appuntamenti affrontate dalle persone disabili Desi: mancanza di infrastrutture

Nei paesi dell’Asia meridionale che stanno ancora sviluppando le proprie infrastrutture, la mancanza di accessibilità per i residenti disabili rappresenta un grave problema.

L'attività fisica come tenersi per mano e portarsi a vicenda è comune nelle relazioni romantiche.

Tuttavia, la cura di sé è fondamentale per tutti.

Nei luoghi in cui c'è meno sostegno alla mobilità, questo rappresenta un ostacolo per le persone disabili, che desiderano apparire indipendenti.

Sweta Mantrii parla della tensione che ciò può causare:

“Penso che uno dei motivi principali per cui le persone non sono abbastanza sensibilizzate su questo problema sia la mancanza di infrastrutture adeguate per le persone con disabilità in [India].

“Se l’infrastruttura fosse leggermente più inclusiva, non ci sarebbe così tanto stigma”.

“Perché vedresti persone con disabilità in giro e saresti più esposto a vederle in giro.

“Se ci fosse una scalinata senza ringhiera, ovviamente impiegherei più tempo a salirla, quindi sembrerei in difficoltà, mentre una buona infrastruttura farebbe pensare che io sia indipendente.

“Quando crei una gerarchia di aiutante e aiutante, dimentichi il concetto di codipendenza.

"Ma nonostante tutto, sono ancora in piedi."

Il Regno Unito contro l’India

Akshay*, un indiano britannico che vive nel Regno Unito, è affetto da paralisi cerebrale che compromette la sua mobilità.

Dice che se mai si sposasse con una ragazza che vive in India, la mancanza di infrastrutture sarebbe un problema per lui:

“Vivo nel Regno Unito e sono estremamente indipendente: lavoro, cucino e guido. Inoltre, vado in palestra e faccio la spesa.

“Ho una famiglia in India e ci sono stata molte volte, ma sempre con il sostegno.

“Le strade sono molto pericolose in India. Gli automobilisti non sono così cortesi nei confronti dei pedoni come nel Regno Unito.

«Pertanto ho bisogno di molta assistenza quando mi sposto in India, cosa di cui non ho bisogno quando sono a casa.

“È quasi come se fossi due persone diverse. Indipendente nel Regno Unito, ma ho costantemente bisogno di aiuto quando vado a visitare l'India.

“Quindi penso che se mai sposassi qualcuno dall’India, lei dovrebbe venire nel Regno Unito.

“Perché non sarei in grado di essere il mio io naturale e indipendente se fossi in India con lei.

"So che potrebbe sembrare egoista, ma una migliore infrastruttura qui nel Regno Unito significherebbe che sarei un partner migliore."

Satyamev Jayate (2012)

Nel 2012, il programma televisivo di Aamir Khan Satyamev Jayate esplorato l'impatto dei problemi delle infrastrutture indiane sui disabili.

All'interno dell'episodio, viene riprodotto un video clip in cui le persone disabili tentano di salire sulle rampe.

Tentano anche di entrare negli edifici governativi e di salire sugli autobus.

Le difficoltà vengono mostrate quando cercano di portare a termine tali compiti.

Aamir poi si chiede: “Come vivranno una vita normale le persone disabili?”

Shani Dhanda

Le difficoltà negli appuntamenti affrontate dalle persone disabili Desi - Shani Dhanda

Nel 2019, Shani Dhanda, una Project Manager con sede a Londra, ha rivelato gli atteggiamenti che ha dovuto affrontare come disabile dell'Asia meridionale.

È nata con la malattia delle ossa fragili e, di conseguenza, ha un'altezza di 3'10.

Facciamo luce sulla sua disabilità, Shani spiega:

“Gestire la mia condizione è di per sé come un lavoro a tempo pieno perché vivo in un mondo che non è progettato per me.

“Nella quotidianità significa che non posso usare i trasporti pubblici.

“Non posso entrare in un negozio, comprare qualcosa e indossarlo subito perché devo farlo su misura.

“Fare la spesa è un incubo e non posso portare molto con me o camminare per lunghe distanze.

“Tuttavia, ho trovato soluzioni creative a questi problemi. Guido un'auto adattata.

"Compro top e li indosso come vestiti e possiedo molti sgabelli e scale a pioli."

Atteggiamenti "tabù".

Shani ha continuato a spiegare l'aspetto culturale delle disabilità e come sia difficile gestirle all'interno delle comunità dell'Asia meridionale:

“Tuttavia non deve essere stato facile per i miei genitori.

“La disabilità non è sempre ben compresa o accolta nella comunità dell’Asia meridionale”.

Descrivendo nel dettaglio l'ignoranza che deve affrontare, Shani continua:

“Qualcuno una volta mi ha detto 'Sei così perché hai fatto qualcosa di brutto nella tua vita passata'.

“Il mio primo pensiero è stato: 'WTF? Ora dovrei sentirmi in colpa per qualcosa che potrei aver fatto in una vita passata?'

"E qualche anno fa, mentre stavo andando al lavoro, un anziano asiatico mi disse: 'È un vero peccato, non ti sposerai mai e non avrai mai figli'.

"È un commento che ancora mi perseguita perché il matrimonio è qualcosa di cui ogni donna asiatica è consapevole, indipendentemente dal fatto che tu voglia davvero sposarti o meno."

Tuttavia, Shani ha scelto mirabilmente di accettare se stessa. È questo atteggiamento positivo che l'ha portata ad essere riconosciuta per i suoi sforzi. Lei conclude:

“Ho l’impulso di fondo di creare un cambiamento per gli altri.

“Sono stato nominato come una delle persone disabili più influenti in Gran Bretagna nella Shaw Trust Power List 2018.

“Se non posso fare qualcosa, trovo semplicemente un modo diverso di farlo. La mia peggiore paura è essere vivo e non vivere”.

Inclusività nelle app di incontri

Le difficoltà negli appuntamenti affrontate dalle persone disabili Desi - Inclusività nelle app di incontri

Quando si cerca un potenziale partner o compagno, una delle massime priorità per le persone con disabilità è l'accettazione e l'inclusività.

La speranza è che non vengano trattati diversamente dalle persone normodotate.

Per chiunque desideri iniziare una connessione romantica o una relazione, le app di appuntamenti sono una fonte chiave per iniziare questo viaggio.

Tuttavia, non molte app sono inclusive nei confronti degli utenti disabili. L'attivista per i diritti Nipun Malhotra mette in dubbio questa mancanza di inclusività:

“Proprio come le domande sull’orientamento sessuale, gli hobby e gli interessi, le app di appuntamenti dovrebbero includere domande sull’apertura o meno di una persona a uscire con persone con disabilità.

"Molte app richiedono agli utenti di imitare i gesti delle mani, cosa che non è possibile per una persona con disabilità locomotoria come me."

Secondo Tempi di Hindustan, Minal Sethi ha lanciato la sua app, MatchAble nel settembre 2022.

L'obiettivo dell'app è fornire agli utenti disabili un'opportunità e una piattaforma per il loro processo di appuntamenti. Minal dice:

"Attraverso l'app, vogliamo consentire connessioni autentiche e rendere più facile per le persone con disabilità trovare persone che le capiscano."

Questo sforzo è altamente lodevole e rappresenta innegabilmente un passo nella giusta direzione.

Tuttavia, la generale mancanza di inclusività è ancora un problema tra le app di appuntamenti e le difficoltà relative agli appuntamenti.

Prossimi passi?

Non c’è dubbio che la comunità dell’Asia meridionale stia migliorando.

Sukhjeen Kaur, che soffre di artrite reumatoide, è la fondatrice e CEO di Chronically Brown, una piattaforma che celebra l'essere castani e disabili.

Kaur raggio sull'avvio della campagna #Desiabled che mira a ridurre lo stigma che circonda la disabilità tra gli asiatici del sud:

“Abbiamo ricevuto oltre 500 post su più canali di social media.

"Ciò ha anche portato a essere nominati per il National Diversity Award 2021."

“La nostra speranza è di rendere più semplice l’attivismo digitale per i disabili dell’Asia meridionale e incoraggiare le organizzazioni per i disabili a includere più sud-asiatici nei loro eventi, workshop e altro ancora!”

Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare. Esiste una lotta innegabile per le persone disabili che vogliono creare nuove relazioni.

I problemi con gli appuntamenti sono inevitabili per tutte le persone, indipendentemente dalla loro condizione.

Tuttavia, le persone con disabilità Desi possono affrontare diversi problemi che molti trascurano.

Gli stigmi, i presupposti e le circostanze relative alle condizioni di salute sono problematici e necessitano di una considerazione urgente.

Mentre continuiamo a sostenere l’inclusione, l’uguaglianza e l’armonia, la realizzazione di tali lotte per gli appuntamenti è essenziale.



Manav è un laureato in scrittura creativa e un ottimista irriducibile. Le sue passioni includono leggere, scrivere e aiutare gli altri. Il suo motto è: “Non aggrapparti mai ai tuoi dolori. Sii sempre positivo."

* I nomi sono stati cambiati per l'anonimato.




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Esiste la corruzione all'interno della comunità pakistana?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...