Lo studente di dottorato risolve un problema di grammatica sanscrita di 2,500 anni

Un problema grammaticale sanscrito che ha lasciato perplessi gli studiosi per 2,500 anni è stato risolto da uno studente di dottorato dell'Università di Cambridge.

Lo studente di dottorato risolve un problema grammaticale sanscrito di 2,500 anni f

"questi schemi hanno iniziato a emergere e tutto ha iniziato ad avere un senso".

Uno studente di dottorato dell'Università di Cambridge ha risolto un problema grammaticale sanscrito vecchio di 2,500 anni.

Il ventisettenne Rishi Rajpopat ha decifrato una regola insegnata da Panini, un maestro dell'antica lingua sanscrita vissuto circa 2,500 anni fa.

Il sanscrito è parlato principalmente in India da circa 25,000 persone.

Rishi ha detto di aver avuto "un momento eureka a Cambridge" dopo aver trascorso nove mesi "non arrivando da nessuna parte".

Ha detto: “Ho chiuso i libri per un mese e mi sono semplicemente goduto l'estate: nuotando, andando in bicicletta, cucinando, pregando e meditando.

"Poi, a malincuore sono tornato al lavoro e, in pochi minuti, mentre giravo le pagine, questi schemi hanno iniziato a emergere e tutto ha iniziato ad avere un senso".

Rishi ha spiegato che "passerebbe ore in biblioteca anche nel cuore della notte", ma aveva ancora bisogno di lavorare per altri due anni e mezzo sul problema.

Sebbene non sia ampiamente parlato, il sanscrito è la lingua sacra dell'induismo e nel corso dei secoli è stato utilizzato nella scienza, nella filosofia, nella poesia e in altra letteratura secolare dell'India.

La grammatica di Panini, nota come Astadhyayi, si basava su un sistema che funzionava come un algoritmo per trasformare la base e il suffisso di una parola in parole e frasi grammaticalmente corrette.

Tuttavia, due o più regole di Panini spesso si applicano contemporaneamente, con conseguenti problemi.

Panini insegnava una “metarule”, che tradizionalmente viene interpretata dagli studiosi nel senso di “in caso di conflitto tra due regole di uguale forza, vince la regola che viene dopo nell'ordine seriale della grammatica”.

Tuttavia, questo spesso portava a risultati grammaticalmente errati.

Rishi ha rifiutato l'interpretazione tradizionale della metaregola.

Invece, ha sostenuto che Panini intendeva che tra le regole applicabili rispettivamente al lato sinistro e destro di una parola, Panini voleva che scegliessimo la regola applicabile al lato destro.

Usando questa interpretazione, scoprì che la “macchina linguistica” di Panini produceva parole grammaticalmente corrette quasi senza eccezioni.

Rishi ha detto:

"Spero che questa scoperta infonda negli studenti indiani fiducia, orgoglio e la speranza che anche loro possano realizzare grandi cose".

Il suo supervisore a Cambridge, il professore di sanscrito Vincenzo Vergiani ha dichiarato:

“Ha trovato una soluzione straordinariamente elegante a un problema che ha lasciato perplessi gli studiosi per secoli.

"Questa scoperta rivoluzionerà lo studio del sanscrito in un momento in cui l'interesse per la lingua è in aumento".

Dhiren è una laureata in giornalismo con la passione per i giochi, la visione di film e lo sport. Gli piace anche cucinare di tanto in tanto. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Cosa ne pensi di Agneepath

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...