Apu da The Simpsons: The Problem with Avere un problema

I sussurri che circondano la rappresentazione razzista della comunità dell'Asia meridionale in uno degli spettacoli più famosi al mondo - I Simpson - sono tornati a perseguitare l'industria dell'intrattenimento. Discutiamo se c'è un modo per districare il nodo Apu.

Apu da The Simpsons: The Problem with Avere un problema

Il personaggio di Apu è stato criticato per essere razzista e giocare con gli stereotipi. Anche essere doppiato da un americano bianco non aiuta.

I Simpson è la sitcom in prima serata più longeva negli Stati Uniti, avendo trovato il vento sotto le ali per la prima volta nel 1987.

Lo spettacolo di satira sociale e politica è la versione Fox di Sharmaji ka beta con 29 stagioni complete di successo e tre brevi, che dominano gli schermi negli Stati Uniti e successivamente nel mondo.

Oltre alle leggendarie previsioni delle principali pietre miliari politiche nella storia americana, incluso quel misterioso riferimento all'9 settembre, il presidente Trump e la Disney che hanno preso il controllo della Fox, lo spettacolo ha anche dato al mondo uno dei personaggi più dibattuti di tutti i tempi: Apu.

Quando è uscito per la prima volta dal tavolo da disegno dei Simpson, il dottor Apu Nahasapeemapetilon Jr non avrebbe mai immaginato nei suoi sogni più sfrenati che sarebbe stato l'occhio di un'enorme tempesta razziale.

Diversi attori e comici di origine indiana hanno parlato del pietoso stato di rappresentanza degli indiani nella cultura pop americana.

Questo ha visto anche un documentario intitolato Il problema con Apu realizzato nel 2017.

L'acceso dibattito tra una comunità che aveva imparato a difendere il modo in cui veniva interpretato e coloro che stavano realizzando la rappresentazione è culminata con un episodio salato di I Simpson nel mese di aprile 2018.

Diversi netizen in tutto il Twitterverse hanno denunciato gli improvvisi "scoppi di identità" che la comunità sta attualmente vivendo.

Con la cultura del fiocco di neve che attualmente attira i cittadini socialmente attivi in ​​tutto il mondo, molte persone hanno richiamato l'attenzione su come I Simpson è interamente circa la parodia dello stereotipo.

Nel frattempo, se le menti dietro lo spettacolo si sono sparate ai piedi con questa risposta è un altro problema.

La domanda più grande qui è: il dibattito Apu è un non-problema? Se non lo è, perché è così difficile da capire?

Di cosa parla il dibattito "Simpsons-Apu"?

Questo dibattito razziale non è derivato da un indiano che un giorno si è svegliato improvvisamente determinato ad avere un problema con la rappresentazione del suo popolo sullo schermo.

La questione Apu trova le sue radici nel lontano 2013 in a pezzo scritto per l'Huffington Post dal critico culturale Mallika Rao. Lei scrive:

"A partire dal 2012, Asiatica Gli americani erano così ricchi e numerosi un rapporto Nielsen sostenevano che avrebbero formato la diciottesima economia più ricca del mondo se si fossero divisi nella loro nazione.

“Nel frattempo, nell'immaginario Springfield, Apu vende ancora hot dog con un accento buffo. Affascinante e occasionalmente saggio può essere, ma la sua eredità è quella che continua a contrastare gli attori indiani che cercano di interpretare personaggi tridimensionali ".

Il pezzo fa anche riferimento alla voce de facto del movimento Anti-Apu, Hari Kondabolu.

Il fumetto di 35 anni è il cervello dietro il documentario Il problema con Apu, che lo vede parlare con diversi comici e attori tra cui Hasan Minhaj, Aziz Ansari, Kal Penn e Russell Peters tra molti altri.

Per Hari e tutte le persone con cui parlava, Apu era un odiato promemoria del tipo di impressione che l'America ha della quintessenza dell'immigrato indiano.

Apu è un dottorando, il primo della sua classe di 7,000,000 (sì, il riferimento alla popolazione in forte espansione è chiaro). Lavora in un minimarket e ci preme le mani namastè quando si presenta l'occasione.

Come ogni altro sogno indiano, anche lui ha un matrimonio combinato, un'unione che gli dà otto figli. La causa però non è questa.

I Simpson, come hanno sottolineato i detrattori, è uno spettacolo costruito su stereotipi.

Ciò che ha veramente colpito ogni sud asiatico nel modo sbagliato è che l'uomo dietro questo carattere indiano intelligente ma astuto con un forte accento è un uomo bianco di nome Hank Azaria.

Un paese di un miliardo ma nessuno abbastanza buono per essere Apu

Il primo sproloquio di Hari non è arrivato nel 2017. Era una comprensione attentamente strutturata di come il razzismo stesse rafforzando proprio il soffitto che gli artisti desi-americani stavano cercando di infrangere in primo luogo.

In un episodio della serie FX Totalmente di parte con W Kamau Bell, ha criticato il doppiatore Azaria (che era ebreo di discendenza), definendolo "un ragazzo bianco che fa l'impressione di un ragazzo bianco che prende in giro mio padre".

Ha coperto molti altri stereotipi comodamente annidati nel cinema e nei film tradizionali in America.

Questo, tuttavia, era più di un semplice uomo "bianco" che raccontava la storia di un uomo "marrone" apparentemente meglio di quanto possa fare qualsiasi persona della terra della fabbrica di bambini.

Cosa ne è stato di ciò che l'apparente giustificazione di queste scelte.

Hank Azaria dà la voce ad Apu in The Simpsons

In un'intervista radiofonica nel 2007, Hank Azaria ha spiegato il suo accento e ha ricordato l'incontro con gli scrittori quando ha plasmato la voce di Apu:

"Subito mi hanno detto 'Sai fare un accento indiano e quanto puoi renderlo offensivo?' fondamentalmente."

Il punto qui non è dipingerlo come razzista. Il punto non è nemmeno con quanta disinvoltura possa essere spacciato per accettabile.

La domanda qui è: perché lo spettacolo è così immune al cambiamento?

Quando i sistemi di tutto il mondo stanno regolando il loro cablaggio per essere più inclusivi, perché Apu deve ancora suonare come fa e comportarsi come si comporta?

Perché Apu deve ancora perpetuare l'idea americana di un immigrato indiano quando la comunità ha fatto un milione di passi avanti?

Il curioso caso del Brownface

I Simpson non è l'unico programma di intrattenimento tradizionale che ha navigato in acque difficili.

La Disney ha spesso avuto problemi con le scelte di casting per personaggi di origine etnica.

Il casting di Naomi Scott nel prossimo Aladdin il film live-action ha fatto arrabbiare la gente.

Chi può dimenticare la controversia "faccia nera" di Robert Downey Jr quando Tropic Thunder è uscito nel 2008?

Rachel mantiene una faccia seria mentre recita il suo accento "Bombay" in un episodio dello show di successo AMICI Sentiamo il pubblico dal vivo scoppiare in una risata.

Un leggero contrasto con queste rappresentazioni è Rajesh Koothrappali della CBS La teoria del Big Bang.

Un uomo ricco e brillante con un discutibile senso della moda, una dipendenza malsana dai suoi genitori e l'incapacità di trovare una ragazza è stato un personaggio celebrato per tutta la vita dello show.

Il lato positivo qui, tuttavia, è che l'uomo che interpreta il personaggio qui è indiano, a differenza degli uomini / donne bianchi nella maggior parte degli altri esempi pensabili.

https://twitter.com/wcalexander/status/991481085677658112

Apu e il potere delle etichette culturali

Nel documentario di Hari, fa risalire Apu all'origine stessa del personaggio.

Si vede una piccola clip in bianco e nero del regista indiano Satyajit Ray Trilogia Apu. Il personaggio titolare è stato l'ispirazione per il controverso personaggio dello show.

John Powers, critico cinematografico e televisivo di Vogue interrompe la narrazione e sottolinea:

“Qui (Ray's Apu) è un essere umano multidimensionale che cresce, vivendo attraverso il dolore, la tragedia e la bellezza. Per poi associare quel nome ad Apu, il proprietario del minimarket è un enorme calo ".

Per Hari, però, Apu rappresenterà sempre un timbro sulla comunità dei migranti indiani che rifiuta di svanire.

Quando il suo film è uscito, ha detto in un'intervista a The Guardian:

“Ci sono un miliardo di ragioni per amare I Simpson e Apu era uno di loro. Ma quando ti siedi al liceo, che è, penso per la maggior parte di noi, il punto più basso della nostra vita, ti rendi conto che [Apu] era uno strumento per i bambini che ti inseguivano.

“E questo era perfetto, giusto? Una caricatura con questo accento ridicolo che nessuno ha. "

video
riempimento a tutto tondo

Diversi artisti, tra cui Priyanka Chopra, hanno espresso il loro disprezzo per il personaggio. Chopra lo chiamava "la rovina della sua esistenza. "

Una volta rappresentati da autisti di Uber, proprietari di gastronomie e terroristi nella migliore delle ipotesi, ora abbiamo molti altri volti per rappresentare indiani e desi americani allo stesso modo.

Per inciso, Hank Azaria, che ha sostenuto che lo sfogo radiofonico iniziale di Hari lo ha profondamente disturbato, lo ha detto The Late Show con Stephen Colbert mostrare:

“Certo che capisco ... le persone qui nella comunità dell'Asia meridionale sono rimaste piuttosto sconvolte dalla voce e dalla caratterizzazione.

“Ho già provato a esprimerlo in passato. Sai, l'idea che qualcuno, giovane o vecchio, passato o presente, sia stato vittima di bullismo o preso in giro in base al personaggio di Apu, mi rende davvero triste. Certamente non era mia intenzione. "

Il problema di avere un problema

Ci sono state spiegazioni e ulteriori spiegazioni sulla questione. Hari ha anche avuto modo di parlare con Dana Gould, uno degli scrittori ed ex produttori dello spettacolo.

La persona che è rimasta vistosamente scomparsa dal film era Hank Azaria. Verso la fine del documentario di 49 minuti, Hari riceve un messaggio da Azaria.

Quest'ultimo lo elogia per lo sforzo di mettere insieme il documentario. Tuttavia, dice anche che desidera non essere in balia della modifica di Hari.

Hari è visibilmente turbato e dice che questo rappresenta tutto ciò che è ingiusto I Simpson' enigma. Hank Azaria può scegliere come essere rappresentato mentre il personaggio che dà voce non lo fa.

I creatori dello spettacolo, attraverso le numerose discussioni, hanno cercato di mantenere un fronte accomodante. Sì, la parola è provato.

I Simpson ha detto il creatore Matt Groening un'intervista con The USA Today:

“Sono orgoglioso di quello che facciamo nello show. E penso che sia un momento nella nostra cultura in cui le persone amano fingere di essere offese ".

La loro risposta alla controversia attraverso l'episodio intitolato "No Good Read Goes Unpunished" è un altro passo indietro. Nell'episodio, Marge legge una versione politicamente corretta di un libro a sua figlia indifferente, Lisa.

Lisa, in risposta, dice: “Qualcosa che è iniziato decenni fa ed è stato applaudito e inoffensivo, ora è politicamente scorretto. Cosa sai fare?"

Questa risposta "Oh beh" dallo spettacolo rappresenta in gran parte gli atteggiamenti tradizionali verso le culture delle minoranze.

Hari Kondabolu si è affrettato a rispondere. Il suo tweet recitava:

“In“ The Problem with Apu, ”ho usato Apu & The Simpsons come punto di ingresso in una più ampia conversazione sulla rappresentazione dei gruppi emarginati e perché questo è importante. I Simpson la risposta di stasera non è un colpo a me, ma a ciò che molti di noi considerano un progresso.

Le stelle sono a favore di Apu?

Il dibattito ha lasciato la diaspora divisa. In una sezione si sente che stiamo puntando il dito perché ora possiamo farlo.

Un commento su un pezzo intitolato "Una resa dei conti in ritardo per Apu" sul New York Times diceva:

“Questo è un commento ridicolo su un indiano autodidatta e laborioso che per caso possiede e lavora in un negozio dove il suo accento non gli farà male.

“Gli indiani sono di tutti i tipi, dagli amministratori delegati di Google e Microsoft agli Apus di Deli Marts e Kwik-E-Marts ai tassisti di New York City.

«Io stesso sono indiano e professore alla Rutgers Business School, e non sono minimamente offeso dall'accento di Apu. Sorridi e superalo. "

Ci sono persone che chiedono che il personaggio venga ritirato o che Hank Azaria venga sostituito, ovviamente. Il problema non è così unidimensionale come quello, vero?

Gli asiatici del sud, ancora oggi, si trovano ad essere oggetto di scherno per i loro cognomi lunghi, il colore della pelle o l'accento. Forse la comunità trova più difficile oggi di prima lasciare che le cose scivolino.

Dopotutto, intanto I Simpson sono congelati nel tempo, gli asiatici del sud si sono evoluti ovunque. Apu sembra essere qui per restare.

Il racconto non è mai stato uno che lo spodestasse comunque. Lo spettacolo parodia non solo gli indiani ma anche l'americano medio.

Se convincere artisti bianchi a dare voce a personaggi etnici è la scelta di casting, allora così sia con tutti i mezzi. Tuttavia, lo stupore deve finire.

Fino ad allora, troverai gli asiatici del sud che aspettano pazientemente come hanno fatto. In attesa di una migliore rappresentazione e una risposta migliore di una semplice scrollata di spalle.

"Grazie, venga a trovarci di nuovo."



Lavanya è una laureata in giornalismo e una Madrasi azzurra. Attualmente oscilla tra il suo amore per i viaggi e la fotografia e le scoraggianti responsabilità di essere una studentessa MA. Il suo motto è: "Aspira sempre di più: denaro, cibo, drammi e cani".

Immagini © 2014 Fox, © 2015-2016 Fox, Larry King Now, TruTV, THE SIMPSONS ™ e © 2015 TCFFC





  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Chi è la miglior Item Girl in Shootout a Wadala?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...