I medici pakistani rifiutano di aiutare la paziente incinta COVID-19

Una donna incinta di Lahore è entrata in travaglio, ma i medici si sono rifiutati di aiutarla. Successivamente è stato rivelato che è risultata positiva al COVID-19.

I medici pakistani si rifiutano di aiutare la paziente incinta COVID-19 f

Ciò ha spinto i medici a smettere di aiutarla.

I medici dell'ospedale Shaikh Zayed di Lahore si sono rifiutati di aiutare una donna incinta che in seguito è risultata positiva al Coronavirus.

La donna è stata curata da un altro gruppo di medici che hanno partorito il suo bambino tramite taglio cesareo.

La donna ha partorito il 26 marzo 2020 ed è stata testata per il virus mortale il giorno successivo. I risultati hanno rivelato che ce l'aveva.

Il dottor Mohammad Ikram ha spiegato che la donna aveva visitato il ospedale in mattinata e ha incontrato un professore associato.

È stata poi trasferita a medici che sono rimasti scioccati quando ha detto loro che suo marito era tornato da poco dall'Iran.

I medici sono diventati ancora più ansiosi quando hanno scoperto che il marito della donna aveva il Coronavirus.

Ciò ha spinto i medici a smettere di aiutarla. Hanno poi detto alla donna di lasciare l'ospedale.

La donna se ne andò ma finì per tornare più tardi quel giorno, lamentando forti dolori del parto.

Un altro gruppo di medici l'ha ammessa e l'ha curata.

Il dottor Ikram ha detto che la donna è stata sottoposta a un taglio cesareo e il bambino è stato partorito.

Nel frattempo, i medici hanno saputo della diagnosi positiva del marito e hanno informato l'amministrazione dell'ospedale.

Il dottor Ikram ha detto che sono stati presi dei tamponi che hanno rivelato che la donna aveva COVID-19.

I cinque medici che hanno curato la donna rimangono in quarantena. Il dottor Ikram ha aggiunto di essere rimasto scioccato dal fatto che la donna non avesse mostrato sintomi.

I medici che si sono rifiutati di curare la donna incinta hanno dichiarato che non riprenderanno le funzioni fino a quando non saranno stati forniti dei kit di protezione.

Attualmente la donna e il suo bambino rimangono in isolamento in ospedale mentre i medici attendono i risultati per vedere se il neonato ha il Coronavirus.

Un altro uomo in ospedale era risultato positivo. Il dottor Ikram ha spiegato di aver visitato per la prima volta il pronto soccorso dove ha ricevuto le prime cure.

Successivamente è stato indirizzato al reparto di reumatologia dove è stato successivamente ricoverato presso l'unità medica.

Il dottor Ikram ha rivelato che il paziente potrebbe essere entrato in contatto con diverse persone, inclusi medici, infermieri, paramedici e guardie di sicurezza, esponendoli al Coronavirus.

Il dottor Ajmal Tahir è il medico principale per i pazienti affetti da Coronavirus all'ospedale Shaikh Zayed. Ha confermato che entrambi i pazienti rimangono in isolamento in due diversi ospedali.

Sulle denunce secondo cui ai medici non venivano forniti dispositivi di protezione, il dottor Tahir ha affermato che l'ospedale aveva acquistato 4,000 DPI e che venivano forniti ai medici.

Dhiren è una laureata in giornalismo con la passione per i giochi, la visione di film e lo sport. Gli piace anche cucinare di tanto in tanto. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".