I designer pakistani subiscono abusi per aver romanticizzato la cultura dello stupro

I designer pakistani Ali Xeeshan e Saira Shakira hanno ricevuto una reazione negativa sui social media per il loro servizio fotografico Crimson, provocati per aver romanticizzato la cultura dello stupro.

I designer pakistani violentano la questione culturale

"Forse nel nostro pubblico in generale ci piace ignorare e non siamo disposti a concedere ciò che è fuori base".

I famosi stilisti pakistani Ali Xeeshan e Saira Shakira sono stati esaminati mentre il loro ultimo servizio fotografico per il loro marchio Crimson presumibilmente promuove la cultura dello stupro.

Crimson è un marchio di lusso scucito, con dettagli spigolosi su materiale di alta qualità.

I designer Ali Xeeshan e Saira Shakira hanno causato polemiche online e sui social media per l'affascinante cultura dello stupro.

Una foto della collezione mostrava il modello Hasnain Lehri che afferra il polso della sua complice Amna Babar, mentre lei sembra spaventata e apparentemente cerca di allontanarsi.

Un'altra immagine mostrava la modella in piedi vestita in una bancarella del mercato, mentre un gruppo di uomini presumibilmente la guarda furtivamente nelle vicinanze.

Ciò ha causato un'enorme reazione online.

Alcuni dei commenti sui social media includevano "Un altro gioiello del servizio fotografico di Ali Xeeshan, perché il feticismo degli abusi e delle molestie è la nuova tendenza".

Gruppo femminista indiano Ragazze a Dhabas ha anche condiviso le immagini sulla loro pagina Facebook per mostrare la loro rabbia nei confronti delle immagini e il suo messaggio evidente.

"Questo è estremamente problematico e francamente piuttosto disgustoso."

"Designer come Saira Shakira stanno romanticizzando la cultura dello stupro a scopo di lucro."

Pakistani-Designers-Stupro-Cultura-Issue-2

Saira Shakira ha difeso il messaggio delle immagini, affermando che vengono viste fuori contesto.

"Nel momento in cui queste immagini verranno scaricate domenica, le persone capiranno che non intendevamo screditare le donne a qualsiasi titolo."

Ali Xeeshan ha tolto l'immagine dal suo account Instagram, sostenendo che non intendeva adornare i maltrattamenti femminili.

"Questo servizio fotografico è stato il mio metodo per mostrare uno specchio al grande pubblico e per delineare che numerosi uomini si comportano in questo modo con le donne".

"Non avevo intenzione di rendere glamour l'abuso femminile."

"In ogni caso, ora ho espulso la foto dal mio Instagram", ha aggiunto.

"Forse nel nostro pubblico in generale ci piace ignorare e non siamo disposti a concedere ciò che è fuori base".

"Tutto ciò che dobbiamo vedere è un delizioso simbolismo."

Anche la modella e attrice protagonista dell'industria cinematografica pakistana, Sanam Saeed, ha partecipato al servizio fotografico.

L'attrice, tuttavia, ha pubblicato un'immagine innocente delle riprese di bambini piccoli in costume da balletto che la guardavano con rispetto.

Anche Abdullah Haris, il fotografo per le riprese, ha commentato il modo in cui le immagini sono state percepite.

"In genere avevo bisogno di essere un produttore cinematografico e avevo semplicemente bisogno di fare una scena con la drammaticità."

"Nella remota possibilità che dai un'occhiata al mio portfolio, il mio lavoro indica prevalentemente donne sicure."

"Non potrei fare deliberatamente una scena che delinei l'occultamento delle donne."

 



Gayatri, laureata in giornalismo e media, è una buongustaia con un interesse per libri, musica e film. È una appassionata di viaggi, ama conoscere nuove culture e vivere seguendo il motto "Sii felice, gentile e senza paura".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Affideresti a qualcun altro di trovare il tuo coniuge?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...