Mohammed Rouf Ahmed incarcerato per violentatore di 16 anni nell'anno 2000

Autista di minicab di Bradford. Mohammed Rouf Ahmed. è stato finalmente incarcerato per aver rapito e violentato una ragazza di 16 anni nel marzo 2000.

Mohammed Rouf Ahmed

"Non ci arrivi mai veramente, speri di conviverci."

Mohammed Rouf Ahmed, 50 anni, originario di Bradford, è stato incarcerato per 13 anni per aver rapito e violentato una ragazza di 16 anni nel 2000.

Ahmed è stato condannato alla Leeds Crown Court venerdì 27 luglio 2018, dopo essersi dichiarato colpevole nel giugno 2018 per questo attacco del marzo 2000 alla giovane ragazza.

Inizialmente aveva negato il suo ruolo nell'attacco.

La sua condanna per questa violenza sessuale è stata possibile solo dopo che il suo caso è stato riaperto dalla squadra del caso freddo della polizia del West Yorkshire, che è stata in grado di trovare il suo DNA presente nei vestiti delle ragazze.

L'udienza di processo ha sentito come Ahmed, un tassista, ha individuato la ragazza vulnerabile mentre tornava a casa dopo una serata fuori.

La ragazza aveva ordinato un taxi ma non si è presentato. Questo era il punto in cui Ahmed "predatore" l'ha presa di mira.

Ha rapito la ragazza e successivamente l'ha violentata, due decenni fa.

Nel dicembre 2017, Ahmed è stato successivamente arrestato e accusato di reato non recente.

Oltre a questo attacco alla ragazza, Ahmed è stato anche arrestato e incarcerato per 10 anni nel 2010, dopo essere stato condannato per il ripetuto stupro di una giovane madre su un sentiero di una fattoria che era isolato.

La vittima del rapimento e dello stupro nel marzo 2000 ha ora 34 anni. Ha parlato dopo la condanna di Ahmed.

Dichiarazione della vittima di Mohammed Rouf Ahmed

In primo luogo ha riconosciuto che l'incarcerazione di Ahmed non sarebbe stata possibile senza il coraggio della ragazza che si è fatta avanti nel 2009. Perché altrimenti il ​​DNA di Ahmed non sarebbe stato aggiunto al sistema.

Dopo una "giornata emozionante", si è finalmente sentita "in pace" dopo che lui si era dichiarato colpevole di ciò che le aveva fatto.

Come sopravvissuta all'abuso sessuale ha detto:

"Non lo fai mai veramente a patti, speri di conviverci."

Era grata per le persone intorno a lei che l'hanno aiutata a condurre una buona vita e ha aggiunto:

"Ci sono molte persone là fuori, non solo donne, a cui è successa questa cosa orrenda, voglio che sappiano che c'è un mondo di amore e sostegno là fuori."

Era grata per la pazienza e la diligenza degli ufficiali che hanno risolto il suo caso e hanno detto che per il resto della loro vita i "mostri" che commettono un crimine così vile staranno "aspettando di bussare alla porta".

Parlando del risultato, il sovrintendente investigativo Jim Dunkerley della squadra di omicidi e maggiori inquirenti della polizia del West Yorkshire ha dichiarato:

"Ahmed ha freddamente rapito e attaccato una ragazza vulnerabile mentre usciva da casa sua da una serata fuori a Bradford e merita di essere in prigione per quello che ha fatto."

"Ahmed ha negato il suo coinvolgimento quando è stato arrestato, ma in seguito si è dichiarato colpevole in tribunale quando si è confrontato con la forza delle prove contro di lui".

"La sentenza odierna dimostra ancora una volta alle vittime di reati sessuali storici che la polizia del West Yorkshire continua a lavorare per assicurare loro giustizia".

Il detective Dunkerly ha anche evidenziato i progressi scientifici nella risoluzione di tali crimini:

“I progressi scientifici nelle tecniche forensi, uniti alla determinazione del mio team di ottenere giustizia per i mezzi della vittima, qualsiasi criminale come Ahmed che pensa di essere riuscito a farla franca con un crimine grave deve guardarsi alle spalle.

"Quei criminali devono temere che bussino alla porta per dire loro che la loro vita come la conoscono sta volgendo al termine."

"Ahmed pensava chiaramente di essere riuscito a farla franca con i suoi crimini, ma si spera che la sua condanna oggi porti una certa chiusura alla sua vittima".

Dopo che il tribunale ha preso in considerazione la sua richiesta e il rapporto di libertà vigilata, è stato affermato che Ahmed avrebbe scontato dieci anni di detenzione per questo vile crimine che aveva commesso 18 anni fa.



Nazhat è un'ambiziosa donna "Desi" con interessi nelle notizie e nello stile di vita. Come scrittrice con un determinato talento giornalistico, crede fermamente nel motto "un investimento nella conoscenza paga il miglior interesse", di Benjamin Franklin.

Immagine della vittima solo a scopo illustrativo.





  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Il sesso è un problema pakistano?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...