Sanju: Ranbir Kapoor parla di interpretare Sanjay Dutt

In un'intervista speciale con DESIblitz, la superstar di Bollywood Ranbir Kapoor parla del ruolo di Sanjay Dutt nel prossimo biopic, Sanju.

Sanju: Ranbir Kapoor parla di interpretare Sanjay Dutt

"Non vedo l'ora della reazione di Sanjay"

La star di Bollywood Ranbir Kapoor interpreta il ruolo di un'icona della recitazione nell'attesissimo film biografico, Sanju.

L'avvincente narrazione del film segue la vita della superstar indiana, Sanjay Dutt, e il suo viaggio sia come artista che come individuo.

Diretto da Rajkumar Hirani, Sanju cattura gli alti e bassi della vita di Dutt, dai suoi anni tormentati e pieni di droga ai cuori conquistati in tutto il mondo.

In un'intervista con DESIblitz, Ranbir Kapoor si apre sulla sua interpretazione di Sanjay Dutt, il suo rapporto con suo padre e altro ancora.

Sanju: La storia di una superstar

Il regista Rajkumar Hirani, noto per i superhits 3 idioti ed PK, afferma che Ranbir è stata la sua prima scelta per il ritratto di Sanjay, nonostante non avesse mai lavorato con lui prima.

Per quanto Kapoor fosse entusiasta di essere avvicinato per il ruolo, aveva anche i suoi dubbi. Dice a DESIblitz:

“È stata una cosa importante, sono sempre stato un grande fan del suo lavoro.

"Ho amato ogni suo film e ho avuto l'opportunità di lavorare con lui in un film biografico su Sanjay Dutt - ma c'erano molte paure e molti dubbi che avevo se potessi farlo da solo perché Sanjay Dutt's vita, la sua personalità è molto diversa dalla mia.

“Come potrei farcela? Ma una volta che ho letto la sceneggiatura e ho visto la fiducia del signor Hirani in me, questo mi ha davvero dato fiducia e abbiamo costruito il personaggio giorno dopo giorno. È stato un viaggio piuttosto stimolante per me ".

Il film si concentra sulla storia di successo del controverso attore e sulle sue battaglie con i suoi demoni interiori - fissandosi su tre fasi della vita di Sanjay in particolare - il suo periodo di tossicodipendenza, le sue numerose relazioni amorose e il suo tempo dietro le sbarre dopo le esplosioni di Mumbai del 1993.

Le speranze sono già alte per l'uscita del film, con il trailer per Sanju ottenendo oltre 30 milioni di visualizzazioni in 48 ore, rendendolo il teaser di film hindi più visto di tutti i tempi.

Lo struggente libro di memorie mostra un misto di attori freschi ed esperti, tra cui il grande Paresh Rawal che interpreta il padre di Dutt, Sunil, e Dil se l'attrice Manisha Koirala nel ruolo di Nargis, la madre di Dutt.

Al fianco di Ranbir Kapoor recitano anche Anushka Sharma, Sonam Kapoor e Dia Mirza, oltre alle apparizioni cameo di Tabu, Boman Irani e lo stesso Sanjay Dutt.

Sanju è attesa anche per la sua fantastica colonna sonora, con la musica del vincitore del Grammy Award AR Rahman, insieme ai compositori Rohan Rohan e Vikram Montrose.

Ranbir Kapoor: Diventare Sanjay Dutt

Nonostante abbia passato settimane intere per ottenere ogni aspetto di Dutt, Ranbir spiega che ha poco in comune con il Munnabhai stella:

"L'unica somiglianza che ho con lui è il suo rapporto complesso con suo padre, il signor Sunil Dutt", ammette Ranbir.

“Era qualcosa a cui mi relazionavo davvero, qualcosa che condividevo con mio padre anche come attore e con lui anche come attore.

"C'è una certa paura, una certa ammirazione, un certo rispetto e amore che ho per lui."

Oltre alla connessione emotiva con i suoi genitori, Ranbir aggiunge che era necessaria una maggiore preparazione per affrontare le impegnative fisicità del ruolo.

In modo impressionante, vediamo Ranbir trasformarsi nel corso del film, dagli anni venti di Sanjay fino ai cinquant'anni:

“Ho dovuto mettere su 20 kg per il ruolo e ho dovuto interpretarlo non solo in [un] periodo di tempo, ma da quando aveva vent'anni, trenta, quaranta e cinquanta.

"Per ottenere i suoi modi giusti, il suo modo di camminare, il modo in cui parla, certi sguardi e probabilmente solo per capirlo come persona."

Tuttavia, spiega che un fattore che viene spesso trascurato quando si diventa un personaggio così complesso è comprendere Sanjay Dutt a livello mentale ed emotivo:

"Essere lui a livello emotivo era molto più difficile", dice Ranbir.

“Essere lui a livello fisico è stata la parte facile… riuscire a capire il livello emotivo del personaggio è stato davvero scoraggiante.

"C'erano volte in cui lo chiamavo nel cuore della notte per chiedergli come si sentiva le volte in cui sua madre morì o quando suo padre morì, il tempo che ha trascorso in prigione o come è entrato nella droga e ha combattuto solo così potevo avere una rappresentazione fedele di quello che stava succedendo nella sua testa.

"Gli sono sempre stato vicino ma ho davvero scoperto un altro Sanjay da lui [dopo il film]".

Cosa aspettarsi da Sanju

In particolare, Ranbir sottolinea l'importanza di prestare attenzione quando interpreta un altro attore, sottolineando il fatto che bisogna fare giustizia quando si assumono tali ruoli:

“C'è una linea sottile per non sembrare come se stessi cercando di imitarlo, quindi ho dovuto stare molto attento. Il modo in cui cammina, parla, il modo in cui sono i suoi occhi ", dice Ranbir.

"Il film mostra Sanjay Dutt in un modo molto umano - come la persona imperfetta che era, cosa c'era dietro le quinte e capire questo umano, il suo cuore, la sua testa e la sua anima è stata un'esperienza davvero incredibile."

Kapoor sottolinea che il film può essere apprezzato da tutti, con numerose lezioni da imparare.

Ribadisce inoltre che il film non è interamente basato sulle cadute di Dutt, ma anche sulle sue numerose vittorie:

“Puoi imparare dai suoi errori e dal valore della famiglia. Ci sono anche molti momenti divertenti nella sua vita a parte l'intensità. "

Ascolta la nostra intervista completa con Ranbir Kapoor qui:

Sebbene la star abbia studiato alla New York Film Academy e viaggi regolarmente per il mondo, Ranbir rimane vicino alle sue radici, in particolare quando si tratta di cibo:

"Quando sono in India mi attengo al cibo indiano che è cibo di conforto come daal sabzi, chaawal, pollo e carne".

Nato nella famiglia Kapoor, Ranbir è cresciuto seguendo le orme dei suoi genitori, Rishi Kapoor e Neetu Singh e del nonno, Raj Kapoor - probabilmente uno dei più grandi e influenti attori del cinema di Bollywood.

Nonostante il suo lignaggio familiare, il giovane Kapoor ammette che il suo viaggio nella recitazione è stato molto organico:

“Non mi hanno mai fatto sedere [i genitori] e mi hanno dato ottimi consigli su come fare l'attore. Mi hanno dato l'indipendenza per fare le mie scelte, mi hanno dato l'indipendenza per prendermi il merito dei miei successi o sentire i miei fallimenti, il che mi ha davvero reso quello che sono oggi ".

Non sorprende che Raj Kapoor continui ad essere una grande fonte di ispirazione per Ranbir e si diverte a guardare i suoi film regolarmente:

“Ero molto giovane quando mio nonno è morto. Sono un grande fan del suo lavoro e un grande fan di ciò che ha fatto per il cinema e sono davvero orgoglioso di appartenere a questa famiglia ".

Alla domanda su cosa spera di ottenere Sanju, risponde umilmente:

“Non vedo l'ora della reazione di Sanjay e della reazione del pubblico.

“Voglio che riviva quei momenti in modo più profondo. Ha toccato un lato della sua vita che è molto onesto, molto vero ed è stato fatto con dignità e rispetto ".

Probabilmente il film hindi più atteso dell'anno, Sanju uscirà nei cinema di tutto il mondo venerdì 29 giugno 2018.

Giornalista capo e scrittore senior, Arub, è laureata in giurisprudenza spagnola, si tiene informata sul mondo che la circonda e non ha paura di esprimere preoccupazione per questioni controverse. Il suo motto nella vita è "vivi e lascia vivere".

Immagini per gentile concessione della pagina Facebook ufficiale di Ranbir Kapoor e della pagina Facebook di Sanju Film.




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Qual è la tua canzone preferita di Diljit Dosanjh dai suoi film?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...