Indiani in Italia: lavoro, vita e sfruttamento

L'Italia ha la più grande diaspora indiana dopo la Gran Bretagna. Molti indiani in Italia sono riusciti a stabilirsi bene, altri stanno affrontando sfide difficili.


"Faceva molto freddo, i nostri vestiti ci sono stati portati via."

L'Italia ospita una grande comunità indiana. Le statistiche hanno infatti rivelato che il numero di indiani in Italia nel 2016 era di 169,394, il 4.3% di tutti erano cittadini extracomunitari.

Questo la rende la più grande diaspora indiana in Europa dopo la Gran Bretagna. La maggior parte degli indiani proviene da un background punjabi.

Lavorano incessantemente nei settori lattiero-caseario e agricolo. La prima ondata migratoria ha visto in prevalenza uomini andare in Italia, recentemente anche più donne hanno iniziato a migrare.

Il motivo principale è l'impulso di andare a stare con i loro mariti che già vivono lì.

Secondo una relazione sulla migrazione irregolare da Punjab e Haryana, la maggioranza degli indiani arriva in Italia legalmente. Tuttavia, spesso hanno falsificato documenti o utilizzano documenti falsificati per ottenere un visto.

Gli indiani pagano enormi somme di denaro ad agenti conosciuti come "Kabootarbaazi" per trasferirsi Europa irregolarmente.

In altri casi, pagano anche una commissione a un subagente del loro villaggio. Il lavoro di quella persona è mettere le persone in contatto con un agente.

Ma come fa la vita una volta raggiunta la terra tanto desiderata? Le loro aspettative incontrano la realtà? DESIblitz ha parlato con alcune persone per scoprire come l'Italia ha influenzato le loro vite.

Indiani in Italia-IA3IndiainItalytwitter2

Lavoro e vita

La maggior parte delle persone che lasciano il Punjab per stabilirsi in Italia hanno già un background agricolo. Possedevano terre lì e avevano la loro piccola fattoria.

Pertanto, gli indiani stanziali in Italia non hanno avuto difficoltà ad adattarsi al nuovo paese. Molti di loro lasciano in campagna e questo ricorda loro le loro origini.

Quasi 16.000 immigrati indiani sono impiegati nell'agricoltura in Italia, prevalentemente nella regione settentrionale.

Onkar Singh, parlando del suo lavoro ha detto: “Il mio lavoro inizia di notte alle 12.30. Ci vado e preparo tutte le macchine.

“Poi controllo tutte le mucche se alcune sono cadute o sono bloccate da qualche parte. La mungitura delle mucche è la prossima. Finisco di lavorare intorno alle 5 / 5.30 del mattino, ma le cose possono cambiare. "

Indiani in Italia-IA2STALLA

Onkar ha affermato che molti proprietari italiani si sono resi conto che gli italiani non sono disposti a lavorare in questo settore.

La ragione principale è che sentono che il lavoro implica essere sporchi e non amano le ore di lavoro. Ha aggiunto: "I proprietari italiani non hanno fiducia negli italiani per gestire la loro attività".

2016 Sindaco di Pessina Cremonese, Dalido Malaggi, parlando dei figli dei contadini indiani ha detto:

“Non so se la prossima generazione di indiani continuerà a lavorare come i loro padri nelle fattorie e nei campi.

“Questa generazione si è ben assimilata nell'ambiente accademico, eccellono a scuola, quindi potrebbero aspirare a lavori diversi.

“A quel punto, potrebbe esserci lo stesso problema che abbiamo affrontato in precedenza quando non avevamo manodopera da lavorare in questo campo. Hanno davvero salvato la nostra economia ".

Per gli indiani in Italia è importante restare attaccati alle proprie radici. Pertanto, si radunano intorno al luogo di culto locale la domenica mattina e fanno "seva" (servizio disinteressato).

Vijay, un indiano che vive a Roma parlando della vita in Italia, ha detto: “L'Italia è un bel paese con cibo fantastico e in generale gli italiani sono brave persone.

“Ha una cultura forte come l'India in termini di lingua e stile di vita. È facile quando impari a parlare italiano. "

“La fase iniziale per un indiano proveniente da una grande città - ha proseguito Vijay - potrebbe essere un po 'difficile a causa dei vari requisiti burocratici delle autorità italiane.

“Agli italiani piace essere informali e amichevoli nei luoghi di lavoro e finirai per invitarli a cena indiana. Vedranno felicemente i tuoi album di famiglia mentre sorseggiano un caffè con te in un bar ".

Indiani in Italia-IA1CHEESE2

Sfruttamento

Gli indiani in Italia sono una delle popolazioni migranti più accettate nel Paese. Sono noti per essere laboriosi e affidabili, questo li rende una risorsa molto utile per i datori di lavoro.

Sfortunatamente, molti migranti sono soggetti a condizioni di lavoro di sfruttamento. Succede in tutta Italia ma è più concentrato nel Nord Italia e nella regione Lazio.

Molti progetti di ricerca hanno dimostrato che alcuni indiani hanno un impiego irregolare. Sono pagati con salari inferiori al minimo e lavorano un numero eccessivo di ore.

Altre ingiustizie includono il mancato pagamento per il lavoro straordinario, la mancanza di salute e sicurezza e l'assistenza medica di base.

Per alcuni, il loro "stile di vita italiano" chiaramente non è quello che pensavano che sarebbe stato prima di lasciare il paese. Non pensavano che la loro ricerca di un futuro migliore sarebbe caduta nelle mani di gruppi criminali.

Indiani in Italia-IA6

Marco Omizzolo, a Eurispe il sociologo ha spiegato che in Agro Pontino, nel Lazio, la questione è più radicata.

Afferma: “Il lavoro agricolo è vasto lì. Ideologicamente, l'Agro Pontino è ancora legato alle radici fasciste. Quindi vedono i migranti come invasori e anche come una risorsa da sfruttare.

“I migranti devono lavorare 13-14 ore quasi tutti i giorni del mese. Vengono pagati 3,50 / 4 euro l'ora quando il minimo secondo le leggi italiane dovrebbe essere di 9 euro. "

Molti dei reclutatori provengono dall'India e hanno sviluppato un programma di traffico di esseri umani. Tentano di portare più lavoratori in Italia.

Marco ha spiegato che i migranti sono costretti a lavorare secondo le loro condizioni o iniziano a ricevere minacce. L'intimidazione proviene dal trafficante indiano o dal datore di lavoro.

Inoltre, ha detto che non hanno altra scelta poiché devono ripagare i loro debiti ai trafficanti.

Marco ha spiegato: “Sono abituati a riferirsi al loro datore di lavoro come il loro“ padrone ”.

Quando lo vedono fanno due o tre passi indietro e guardano in basso con paura. I migranti hanno solo una pausa di 10-15 minuti durante l'intera giornata.

“Spesso vengono loro somministrati farmaci o antidolorifici che migliorano le prestazioni dai loro datori di lavoro. Questo li aiuta a portare avanti il ​​lavoro.

“Immagina un uomo di 50 anni inginocchiato per terra a lavorare tutto il giorno sotto il sole bollente. Sta per lottare ma non ha nemmeno un'altra opzione ".

Secondo Marco il modo per diminuire questo crimine è applicare leggi più forti.

Ha anche detto che molti migranti sono isolati. Trovano conforto rimanendo nella comunità indiana perché non parlano italiano.

Inoltre, non conoscono i loro diritti o cosa sia un contratto di lavoro, questo li rende un bersaglio per i trafficanti.

Marco parlando dell'isolamento di alcuni indiani in Italia ha dichiarato: "Una comunità isolata è più soggetta al ricatto, una comunità inclusiva è invece più forte".

Jagjit Singh, parlando ai media, ha fornito una visione migliore di come sia la realtà per alcuni migranti in Italia. Disse:

“Eravamo liberi in India, avevo la mia attività. Potrei arrivare tardi al lavoro e tornare a casa presto se ne avessi bisogno, qui non funziona così.

“Qui sei pagato solo se lavori, ma io sto ancora meglio degli altri. Alcuni prendono solo 3,50 euro l'ora, io 5,50 ".

Un altro uomo ha detto: "Il problema è che è più duro sulla schiena e fa sempre male".

Guarda la storia di Jagjit Singh qui:

video
riempimento a tutto tondo

Un immigrato illegale che desidera rimanere anonimo ha parlato con DESIblitz esclusivamente del suo viaggio dall'India all'Italia. Lo chiameremo Amrik Singh.

Il mio viaggio illegale in Italia (agosto 1995)

Amrik, originario del Punjab, ha spiegato quanto ha dovuto lavorare duramente per risparmiare i soldi per il viaggio.

Ha venduto terreni, ha lavorato in vari luoghi a Mumbai e ha dato tutti i suoi guadagni a un agente che ha organizzato il suo viaggio movimentato.

Amrik è atterrato per la prima volta in Ucraina, dove ha preso un treno per la Polonia con altri 16 migranti. Parlando del viaggio, dice:

“Una volta raggiunta la Polonia, abbiamo visto qualcosa che sembrava un'auto della polizia. Eravamo così spaventati così abbiamo corso in direzioni diverse.

“In seguito, le persone che lavoravano per il nostro trafficante ci hanno cercato. Ogni volta che trovavano uno di noi, portavano la persona in un campo isolato.

“Eravamo così spaventati, era buio e non sapevamo che ora fosse. Inoltre, non avevamo telefoni con noi. All'epoca non molte persone avevano telefoni cellulari ".

Indiani in Italia-IA

Amrik dice che tutte le 16 persone sono state poi portate in un garage per riparazioni auto dove si sono dovute nascondere per la notte.

Continua a dire:

“Il trafficante ci ha rinchiusi dentro, non avevamo un posto dove sdraiarci e niente servizi igienici. È stata una lotta perché tra noi c'erano anche tre donne.

“Il giorno successivo siamo stati portati in una giungla. Siamo stati divisi in piccoli gruppi e ad ogni gruppo è stato dato un piccolo gonfiabile per attraversare il fiume vicino.

“Abbiamo dovuto attraversare la giungla e raggiungere il fiume separatamente. A tutti i gruppi è stato detto quando partire con un segnale da parte del trafficante. Poi ha vegliato su di noi con un binocolo.

"Ci è stato detto di non menzionare la presenza dei trafficanti nel caso venissero fermati da qualcuno".

Amrik poi parla delle condizioni e dice:

“Faceva molto freddo, i nostri vestiti ci sono stati portati via. Indossavamo solo una canotta e dei boxer.

“Le condizioni erano terribili.

"Uno dei ragazzi ci stava implorando di sdraiarci sopra di lui durante il giro gonfiabile in modo che non avesse freddo."

Amrik ha spiegato che dopo aver attraversato il fiume sono stati accolti dalle persone che lavoravano per il trafficante. Hanno ripreso i vestiti e hanno nuovamente affrontato la minaccia di incontrare agenti di polizia.

Mentre gli aiutanti del trafficante sono fuggiti, il migranti dovette sdraiarsi a terra e aspettare che tornassero.

Amrik aggiunge:

“Ci hanno portato a Berlino e siamo dovuti scendere mentre la macchina era ancora in movimento. Abbiamo quindi cercato un luogo di culto dove potessimo rimanere per alcuni giorni.

“Più tardi ho chiesto asilo politico e hanno messo Berlino come città. All'epoca si sapeva che stabilirsi in Italia era più facile.

“Un giorno ho incontrato un ragazzo indiano dalla Francia che si è offerto di portarmi lì. Gli ho detto che non avevo soldi da dargli ma che avrei potuto prenderli dall'India.

“Una volta arrivato in Italia, ho iniziato a lavorare e ho continuato a farlo fino ad ora. Sono riuscito a ottenere lo status di residente permanente e poi ho chiamato la mia famiglia qui.

"Adesso sono cittadino italiano."

Molte persone che sono ben stabilite in Italia, guadagnano bene, vivono una buona vita e contribuiscono all'economia. Tuttavia, non è lo stesso per tutti. Alcuni si trovano a vivere in condizioni molto estreme.

È molto probabile che i consumatori entrino in contatto con prodotti derivati ​​dallo sfruttamento lavorativo ogni volta che mangiano. Avere poca o nessuna conoscenza delle difficoltà sopportate dai lavoratori.

Fino a quando questo non etico sfruttamento dei lavoratori in Italia continuerà e non verrà affrontato, la difficile vita di molti indiani in Italia rimarrà immutata.

Amneet è laureata in radiodiffusione e giornalismo con la qualifica NCTJ. Parla 3 lingue, ama leggere, bere caffè forte e ha una passione per le notizie. Il suo motto è: "Fallo accadere, ragazza. Scuoti tutti".

Immagine per gentile concessione di Erik Messori, capitano Al Jazeera, Marco Valle, India in Italia Twitter, Reuters e Yenisafak.




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Perché ami Superwoman Lilly Singh?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...