Donna indiana uccisa da un mafioso sospettato di sollevamento di bambini

Una donna indiana è stata linciata da una folla di villaggio nel Madhya Pradesh dopo essere stata sospettata di allevamento di bambini. Si pensa che le voci siano state diffuse tramite WhatsApp.

Donna indiana linciata dalla mafia del villaggio per presunto sollevamento di bambini

"Stiamo cercando di identificare la vittima e abbiamo fatto circolare la sua foto a tutte le stazioni di polizia"

Una donna indiana è stata linciata da una folla nel Madhya Pradesh vicino alla stazione di polizia di Morwa, sospettata di essere una rapitrice di bambini.

La donna, che non è identificata, avrebbe un'età compresa tra i 25 ei 30 anni ed è stata vista vagare per la zona alle 9:30 del 19 luglio 2018. I rapporti hanno anche descritto la donna come "mentalmente instabile".

La donna è stata presa di mira dopo che le voci circolate attraverso i messaggi di WhatsApp sostenevano che fosse un bambino rapitori erano attivi nella zona e che lei ne faceva parte.

Gli abitanti del villaggio del distretto di Bhosh sospettavano la donna senza casa e la inseguirono la sera del 22 luglio 2018. Quando fu catturata, l'hanno picchiata a morte con verghe e bastoni, prendendola ripetutamente a calci e pugni.

Dopo la brutale uccisione, gli abitanti del villaggio hanno trascinato e scaricato il suo corpo nella foresta di Bargad, non troppo lontano da dove è stata linciata.

La stazione di polizia di Morwa è stata informata dell'incidente dopo che un uomo tribale di passaggio ha individuato il corpo della donna nella giungla.

Narendra Raghuvanshi, che era l'ufficiale di polizia in carica in quel momento, ha detto Il nuovo Indian Express:

“Abbiamo portato di corsa una squadra di polizia sul posto, recuperato il corpo e avviato le indagini che ci hanno portato al villaggio di Bhosh.

"Un caso di omicidio è stato presentato sabato e la successiva indagine ci ha portato dagli abitanti del villaggio che hanno linciato la donna sospettando che fosse una sollevatrice di bambini".

Quando la polizia ha recuperato il corpo, è stato trovato coperto di ferite multiple.

Tra le 12 e le 14 persone collegate all'omicidio sono state arrestate e sono sotto custodia per accuse di sommossa e omicidio ai sensi del codice penale indiano. Molti degli arrestati sono uomini.

Uno degli uomini, di nome Hira Sinh, avrebbe aggredito la donna con un piccone.

Riyaz Iqbal, sovrintendente della polizia, Singrauli, ha dichiarato al Times of India:

“È la voce che l'ha portata a essere uccisa. Sulla base dei nostri risultati principali, pensiamo che la gente del posto sospettasse che fosse una sollevatrice di bambini e abbia iniziato a interrogarla. Poi, l'hanno picchiata a morte ".

La donna indiana non è stata ancora identificata dalle autorità. Riyaz Iqbal ha detto all'AFP:

"Stiamo cercando di identificare la vittima e abbiamo fatto circolare la sua foto a tutte le stazioni di polizia".

Negli ultimi tre mesi, ci sono stati diversi casi di attacchi di massa legati al rapimento di bambini. Secondo The Indian Express, alla luce del recente incidente di linciaggio della mafia, il governo sta cercando di stabilire leggi contro di esso che si svolgono tramite l'app dei social media:

"Non si può permettere che gli orrendi atti di mobocrazia inondino la legge del paese", ha avvertito il Parlamento indiano.

I molteplici incidenti hanno lasciato le autorità e WhatsApp di proprietà di Facebook a rimescolare per soluzioni dopo le accuse del governo indiano secondo cui l'app stava alimentando voci mortali nelle zone rurali del paese.

Infatti, in un altro caso recente, un uomo di 32 anni, Rakbar Khan, di Alwar nel Rajasthan è stato linciato da una folla per presunto contrabbando di mucche.

In particolare, WhatsApp ha 200 milioni di utenti solo in India. Il gigante della messaggistica sarebbe "inorridito da questi terribili atti di violenza".

Con gli attacchi apparentemente in aumento, BBC News afferma che WhatsApp è ora entrato in funzione con un nuovo schema che mirerà a limitare il numero di volte in cui è possibile inoltrare un messaggio.

Le voci sul sollevamento di bambini sono state importanti a causa della scia di video e messaggi falsi che circolano sui social media.

La polizia è intervenuta per rassicurare la gente del posto che le informazioni contenute nei messaggi non sono vere, tuttavia, questi incidenti non sono stati risolti.



Esther è una studentessa universitaria in giornalismo e fotografia. Le piace dedicarsi alla poesia ed esegue la parola parlata, ma soprattutto, si diverte a ridere. Il suo motto è: "Se la vita ti dà i limoni, non accontentarti, scegli qualcosa di meglio".

Immagine solo a scopo illustrativo




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    In quale di queste destinazioni per la luna di miele andresti?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...