La mafia indiana uccide Uomini accusati di stupro e omicidio di minori

Una folla indiana, contenente circa 1,000 persone, ha ucciso 2 uomini che sono stati arrestati dalla polizia per il presunto stupro e omicidio di un bambino di 5 anni. Li hanno trascinati fuori da una stazione di polizia e li hanno picchiati a morte.

Immagine rappresentativa dei manifestanti

"La folla ha danneggiato la stazione e portato via gli accusati prima di picchiarli a morte".

Una grande folla indiana ha ucciso 2 uomini, accusati di aver violentato e ucciso una bambina di 5 anni. Il gruppo, contenente circa 1,000 persone segnalate, le ha trascinate fuori da una stazione di polizia e le ha picchiate a morte.

L'incidente è avvenuto il 19 febbraio 2018, in una città chiamata Tezu.

I rapporti hanno identificato gli uomini come il 30enne Sanjay Sobor e il 25enne Jagdish Lohar. La folla li ha attaccati con "mazze, martelli e pietre", uccidendoli alla fine. I loro corpi sono stati poi lasciati in una piazza del mercato.

La polizia ha inizialmente arrestato i due uomini il 18 febbraio, accusati di stupro e omicidio. Un uomo di un villaggio di nome Namgo ha affermato di aver rapito, violentato e ucciso sua figlia di 5 anni. È scomparsa il 12 febbraio.

Il suo corpo è stato ritrovato 5 giorni dopo, scaricato in un fosso di una piantagione di tè. I rapporti dicono che è stata gravemente mutilata, con la testa tagliata dal corpo e anche nuda.

Mentre gli uomini venivano portati alla stazione di polizia di Tezu, i media locali hanno riportato i loro arresti e il loro presunto crimine. Ciò ha poi portato a un grande gruppo di raccolta fuori dalla stazione e ha chiesto che i due fossero consegnati loro.

Lo ha detto il capo della polizia di Lohit Issac Pertin AFP: "Il folla ha danneggiato la stazione e portato via gli accusati prima di picchiarli a morte con mazze, martelli e pietre ".

Inoltre, più di 15 agenti di polizia sarebbero stati feriti dalla mafia indiana. Dopo che i due sono stati uccisi, il grande gruppo si è disperso e gli arresti sono stati effettuati in tarda serata.

Il primo ministro Pema Khandu ha giudicato il presunto stupro e omicidio della ragazza "barbaro e disumano". Tuttavia, ha descritto le azioni della folla come "sfortunate". Ha aggiunto:

“Siamo cittadini di un grande Paese che rispettano la legge sancita dalla Costituzione. Le nostre regole e regolamenti stabiliti non ci consentono di prendere la legge nelle nostre mani ".

Tre alti ufficiali di polizia della stazione sono stati sospesi per non aver fermato il grande gruppo. Anche il sovrintendente del distretto di Lohit è stato trasferito.

Mentre la polizia continua le indagini su questo attacco, ricorderà a molti la mafia del Nagaland nel 2015. Un gruppo, contenente 7,000-8,000 persone, si è riunito per attaccare un uomo accusato di stupro.

Lo hanno spogliato dei suoi vestiti, picchiandolo mentre lo sfilavano per le strade e finendo quando lo hanno impiccato. Alla fine, 42 persone sono state accusate del linciaggio.

Con questo caso, resta da vedere se qualcuno verrà addebitato per l'incidente di Tezu.



Sarah è una laureata in inglese e scrittura creativa che ama i videogiochi, i libri e si prende cura del suo birichino gatto Prince. Il suo motto segue "Hear Me Roar" di House Lannister.

Immagine per gentile concessione del danese Siddiqui / Reuters.



  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Chi vincerà il ballo Dubsmash?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...