Humza Yousaf accusa l'asilo nido di discriminazione contro i bambini

Il segretario alla Sanità scozzese Humza Yousaf ha accusato un asilo nido di discriminare sua figlia di due anni.

Politico scozzese accusato di aver alimentato le tensioni anti-indù f

"Io e Nadia vogliamo davvero una spiegazione"

Il segretario alla salute scozzese Humza Yousaf ha chiesto un'indagine su un asilo nido per presunte discriminazioni nei confronti della figlia di due anni.

Durante un'indagine da parte di sua moglie Nadia El-Nakla, l'asilo nido ha affermato di non avere spazio disponibile per tre richiedenti che avevano nomi etnici dal suono musulmano, inclusa la figlia della coppia Amal.

Tuttavia, quando hanno lanciato la propria sonda e hanno chiamato l'asilo nido di Dundee per conto di diversi bambini con nomi non etnici, l'asilo ha detto che c'erano spazi.

Humza Yousaf ha ora presentato una denuncia all'Ispettorato delle cure, chiedendo spiegazioni sulle diverse risposte del Little Scholars Nursery di Broughty Ferry.

Ha chiesto all'autorità di vigilanza di stabilire se vi fosse stata discriminazione per "etnia o religione".

Il signor Yousaf ha anche trasmesso diverse e-mail tra i richiedenti e la direttrice del vivaio Michelle Mill.

Ha detto Il record giornaliero: “Io e Nadia vogliamo davvero una spiegazione del perché ci siano risposte così contrastanti alle email, inviate da nomi etnici e bianchi dal suono scozzese.

“Eppure, nonostante gli siano state date molte opportunità per chiarire la propria posizione, l'asilo si è rifiutato di spiegare le diverse risposte via e-mail.

"Lo trovo inquietante e di conseguenza mi sono rivolto all'Ispettorato per la cura per ottenere risposte".

La sig.ra El-Nakla ha fatto domanda per un posto per Amal nel settembre 2020 e di nuovo nel maggio 2021.

Le risposte della sig.ra Mill sarebbero state "altrettanto brusche", spingendo la sig.ra El-Nakla ad approfondire ulteriormente la questione.

Ha detto: “Ho appena sentito nel mio istinto che c'era qualcosa che non andava.

"Così ho deciso di informarmi utilizzando nomi non etnici per vedere cosa ciò ha suscitato".

La signora El-Nakla ha quindi chiesto alla sua amica Julie Kelly di inviare un'e-mail all'asilo su uno spazio per suo figlio di due anni.

Nonostante alla signora El-Nakla sia stato detto che "al momento" non c'era disponibilità, solo 24 ore dopo, alla signora Kelly è stato detto che lunedì, martedì e giovedì pomeriggio erano disponibili da luglio, così come un tour dell'asilo.

La signora El-Nakla ha dichiarato: “Avrebbe potuto tornare da me e darmi la possibilità di spazio disponibile da luglio, ma non c'è stata alcuna discussione sulle opzioni e mi ha detto che al momento non c'era nulla.

"Se non c'era niente al momento, perché a Julie è stato detto che c'era?"

È stato riferito che il 17 maggio 2021, la signora Mill ha spinto attivamente la signora Kelly a dire che se non avesse voluto lo spazio "a causa dell'elevata domanda" sarebbe "tornato in offerta".

La signora Kelly ha rifiutato gli spazi il 18 maggio.

Sara Ahmad, una parente della sig.ra El-Nakla, il 12 maggio ha presentato domanda di disponibilità. Ma il 20 maggio, le sarebbe stato detto che non c'era disponibilità "al momento o per il prossimo futuro".

Lo stesso giorno, secondo quanto riferito, la signora El-Nakla ha inviato una falsa e-mail con il nome di Suzy Sheppard.

Il giorno successivo, la signora Mill ha detto alla "signora Sheppard" di compilare un modulo. Pochi giorni dopo, martedì, mercoledì e giovedì erano disponibili.

The Record ha quindi fatto le proprie indagini utilizzando nomi fasulli.

Sotto il nome di Aqsa Akhtar, il 7 luglio è stato chiesto alla signora Mill di avere dei pomeriggi liberi per una bambina di tre anni di nome Amira.

Il 12 luglio, la signora Mill ha affermato che "non c'era disponibilità per un bambino di tre anni" e non c'era alcuna offerta di un modulo di registrazione, un tour dell'asilo o un'opzione spontanea di una lista d'attesa.

È stata fatta una falsa inchiesta per conto di una bambina di tre anni di nome Sophie.

La signora Mill ha risposto, dicendo che l'asilo "ti farà sapere la disponibilità e organizzerà per te un orario adatto per uno spettacolo".

La signora El-Nakla ha dichiarato: "Se quattro pomeriggi erano improvvisamente disponibili, perché non sono stati offerti ad Aqsa Akhtar che aveva fatto domanda prima di Susan Blake?"

La signora Mills ha negato le accuse di discriminazione e ha affermato che a nessun candidato nell'ultimo anno era stato offerto un posto che non fosse stato in lista d'attesa per almeno sei mesi.

Usha Fowdar, portavoce del proprietario del vivaio, ha dichiarato:

“Il nostro vivaio è estremamente orgoglioso di essere aperto e inclusivo a tutti e qualsiasi affermazione contraria è palesemente falsa e un'accusa che confuteremmo con la massima fermezza.

“Oltre al fatto che i nostri proprietari sono di origine asiatica, in più di un decennio abbiamo regolarmente accolto sia bambini che personale di diverse origini religiose, culturali, etniche e razziali, tra cui attualmente due famiglie musulmane.

"Abbiamo anche preso regolarmente accordi per adattarsi a diversi stili di vita, ad esempio fornendo un menu halal per quei bambini che provengono da famiglie musulmane".

Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".

Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Hai mai avuto razzismo nello sport?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...