Narendra Modi ha confermato il cambio di nome “Bharat” dell’India?

Le voci sul possibile cambio di nome dell'India in Bharat continuano e il discorso di Narendra Modi al vertice del G20 le ha ulteriormente alimentate.

Narendra Modi ha confermato il cambio di nome "Bharat" dell'India f

Il signor Modi è stato anche identificato come il leader che rappresenta "Bharat".

Narendra Modi è intervenuto al vertice del G20 a Nuova Delhi e ha attirato molta attenzione perché il nome del paese è stato visualizzato come "Bharat".

Video e foto condivisi sui social media mostravano un cartello con la scritta "Bharat" mentre il Primo Ministro indiano pronunciava il suo discorso inaugurale.

Modi ha affermato: “La presidenza indiana del G20 è diventata un simbolo di 'Sabka Sath' all'interno e all'esterno del paese.

"Questo è diventato il G20 popolare in India e si sono tenuti oltre 200 incontri in tutto il paese."

Al vertice, Modi è stato identificato anche come il leader che rappresenta "Bharat".

Ciò ha portato alcuni a chiedersi se questa fosse la conferma del cambio di nome dell'India.

Voci secondo cui il governo indiano stava valutando la possibilità di cambiare il nome del paese in Bharat sono emerse quando sono emerse le foto del funzionario invitare per il vertice del G20 conteneva le parole “Presidente di Bharat”.

Alcuni membri del BJP di Modi hanno chiesto il cambio di nome.

Entrambi i nomi sono enunciati nella costituzione indiana, che fa riferimento a “India, cioè Bharat”, ma fino ad ora il nome hindi Bharat era usato principalmente solo nelle comunicazioni in lingua hindi.

Modi ha anche chiesto una “sessione speciale”, che avrà inizio il 18 settembre 2023.

Sebbene il suo programma non sia stato annunciato, molti credono che verrà utilizzato per annunciare ufficialmente il cambio di nome dell'India in Bharat.

L'idea ha attirato le critiche del partito di opposizione.

Rahul Gandhi, del National Congress Party, ha descritto il dibattito come una “tattica di distrazione” e un segno della “paura” del governo in vista delle imminenti elezioni.

Il BJP di Modi cercherà di essere rieletto per un terzo mandato all’inizio del 2024.

Praveen Chakravarty del Congresso ha detto: “La nostra opinione è abbastanza chiara: preferiremmo usare entrambi i nomi secondo la costituzione, che dice 'Bharat, cioè India'.

“Non pensiamo che dovrebbe essere l’uno o l’altro.”

Chakravarty ha affermato che “in gran parte si tratta di una tattica diversiva” per distogliere “l’attenzione dalla storia di Adani”.

Gandhi ha attaccato Modi per i suoi legami con Gautam Adani, fondatore del Gruppo Adani, che è ora sotto controllo normativo e politico in India a causa dei suoi legami con veicoli di investimento offshore opachi.

Da quando ha preso il potere nel 2014, il governo di Modi ha adottato misure per cambiare i nomi dei luoghi.

Prima del discorso inaugurale, Narendra Modi ha dato il benvenuto a personaggi del calibro del presidente degli Stati Uniti Joe Biden e Rishi Sunak al Bharat Mandapam.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, l'amministratore delegato e presidente del Fondo monetario internazionale (FMI) Kristalina Georgieva e il direttore generale dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) Ngozi Okonjo-Iweala sono stati tra i primi ad arrivare alla sede di recente costruzione a Pragati Maidan.

Modi ha dato il benvenuto ai leader mondiali sullo sfondo della replica della Ruota di Konark, un manufatto del XIII secolo che simboleggia il tempo, il progresso e il cambiamento continuo.

Il caporedattore Dhiren è il nostro redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    I film di Bollywood non sono più per famiglie?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...