Nadeem Khan parla di trapianti di capelli e della Harley Street Hair Clinic

Il fondatore della Harley Street Hair Clinic Nadeem Khan ha parlato con DESIblitz dei trapianti di capelli e della normalizzazione della conversazione sulla caduta dei capelli.

Nadeem Khan parla dei trapianti di capelli e della Harley Street Hair Clinic f

"Questa tecnica lascia poche o nessuna cicatrice sul cuoio capelluto"

Nadeem Khan è il CEO e fondatore della Harley Street Hair Clinic, specializzata in trapianti di capelli.

Il suo percorso imprenditoriale è iniziato quando è diventato la prima persona nel Regno Unito a sottoporsi a un trapianto di capelli FUE nel 2015.

Nadeem in seguito lasciò la sua carriera legale per aprire la sua clinica, con l’intenzione di fornire trapianti di capelli di migliore qualità nel Regno Unito e nel 2016 fu fondata la Harley Street Hair Clinic.

Utilizzando una tecnologia all'avanguardia, la clinica ha avuto clienti famosi, tra cui Wayne Rooney.

Nelle comunità dell’Asia meridionale, le preoccupazioni relative alla caduta dei capelli possono avere impatti emotivi e sociali.

Le discussioni sulla caduta dei capelli sono ancora un tabù e Nadeem vuole normalizzare tali conversazioni nelle comunità dell’Asia meridionale.

Nadeem ha parlato con DESIblitz di come ha fondato la Harley Street Hair Clinic e di cosa si può fare per normalizzare il dibattito sulla caduta dei capelli all’interno della comunità dell’Asia meridionale.

Spiega il processo del tuo trapianto di capelli

Nadeem Khan parla di trapianti di capelli e della Harley Street Hair Clinic

Sono stata la prima persona del Regno Unito a sottoporsi a un trapianto di capelli FUE (Follicular Unit Extraction) nel 2015, dopo aver sofferto di perdita di capelli per anni.

In realtà avevo dei capelli fantastici durante la mia infanzia e quando avevo vent'anni, quindi non mi sono mai preoccupato di perderli in quel periodo.

I miei capelli hanno iniziato a diradarsi quando avevo circa 28-29 anni, ma pensavo solo che fosse dovuto allo stress in quel momento.

Poi, quando avevo circa trent’anni, quando avevo circa 32-33 anni, la caduta dei miei capelli è progredita abbastanza rapidamente, il che è stato un vero shock.

All’epoca lavoravo nel diritto della proprietà intellettuale e uno dei progetti a cui stavo lavorando riguardava la protezione dei diritti della nuova rivoluzionaria procedura di trapianto di capelli FUE.

Attraverso questo, ho acquisito una comprensione davvero profonda della nuova tecnica, perché differiva ed era migliore rispetto alle precedenti tecniche di trapianto di capelli, ma anche gli ostacoli al progresso medico della tecnica per dare ai pazienti un più ampio accesso ad essa.

Durante quel periodo la tecnica FUE non era mai stata eseguita prima nel Regno Unito, ma ho potuto partecipare a numerosi seminari e incontrare gli scienziati internazionali che stavano lavorando al suo sviluppo.

A FUE Il trapianto di capelli sostituisce essenzialmente i capelli persi o diradati prelevando follicoli sani da un’area donatrice della testa (solitamente parte posteriore e laterali) e trapiantandoli in un’area diradata della testa (come l’attaccatura dei capelli o la corona).

Per spiegarlo più in dettaglio, i chirurghi lavorano prima per estrarre un numero di innesti di capelli tipicamente in gruppi da uno a quattro capelli dai lati della testa o dalla parte posteriore del collo, utilizzando uno strumento di estrazione specializzato di meno di 1 mm di diametro.

Questi follicoli vengono poi trasferiti nell’area ricevente del cuoio capelluto (l’area calva) e impiantati utilizzando un potente stereomicroscopio.

Il chirurgo fa molta attenzione a impiantare i capelli con l’angolazione corretta per imitare i vecchi capelli, proprio come crescerebbero naturalmente, per garantire che i capelli appena trapiantati si fondano perfettamente e assomiglino a un modello di capelli naturale.

Questa tecnica lascia poche o nessuna cicatrice sul cuoio capelluto, sanguinamento minimo e il recupero avviene solitamente entro sette giorni con quasi nessun effetto collaterale. I risultati sono di altissima qualità con una finitura dall'aspetto naturale.

Prima dello sviluppo di questa moderna tecnica FUE, la tecnica obsoleta utilizzata per i trapianti di capelli, ma che è ancora utilizzata oggi in molte cliniche, si chiamava FUT (Trapianto di Unità Follicolari).

Questo è altrimenti noto come intervento chirurgico con strip poiché il chirurgo rimuove un'intera striscia di pelle del donatore dalla parte posteriore della testa ed estrae i follicoli piliferi da questa striscia anziché direttamente dal cuoio capelluto.

Ciò lascia cicatrici e sanguinamenti caratteristici e evidenti sul cuoio capelluto che possono richiedere settimane per guarire.

Perché hai tenuto segreto il tuo trapianto ai tuoi genitori?

C'erano molte cose da fare al momento del mio trapianto poiché stavo anche allestendo la mia clinica e, poiché la mia famiglia viveva altrove, non ne ho parlato loro se non un po' più tardi.

Tuttavia, incoraggerei sicuramente le persone ad avere conversazioni più aperte con le loro famiglie sui loro percorsi di perdita dei capelli.

Perché hai deciso di entrare nel settore del trapianto di capelli?

Nadeem Khan parla dei trapianti di capelli e della Harley Street Hair Clinic 3

Lavoravo nel diritto della proprietà intellettuale e avevo un vivo interesse per i progetti sui trapianti FUE.

Dopo aver effettuato il trapianto e aver visto gli incredibili risultati che la nuova tecnica poteva generare insieme alle cicatrici minime e agli effetti collaterali, ho deciso che volevo aiutare altri come me e migliorare l’accesso alla tecnica.

Volevo consentire alle persone nel Regno Unito di ricevere questo trattamento all'interno del Regno Unito stesso senza dover viaggiare all'estero o continuare a ricevere trattamenti FUT obsoleti che lasciavano cicatrici, sanguinamenti e lunghi recuperi.

"Prima di lavorare come legale, ero un imprenditore e avviavo attività nei settori della vendita al dettaglio e del software."

Pertanto, ho unito la mia esperienza imprenditoriale con la mia passione per la caduta e il ripristino dei capelli fondando la Harley Street Hair Clinic, offrendo trattamenti di ripristino dei capelli leader a livello mondiale, compresi i trapianti FUE.

Oltre ad aprire e gestire la mia clinica, sono stato anche coinvolto con scienziati di tutto il mondo nello sviluppo e nel finanziamento ulteriore della tecnica FUE, compresi i miglioramenti agli strumenti e alla strumentazione che ora sono una pratica standard a livello internazionale.

Ci sono state difficoltà nell’allestire la vostra clinica?

All'inizio non ho incontrato grosse difficoltà durante l'allestimento della clinica.

Ma una difficoltà continua riguarda l’educazione dei pazienti e l’aiutarli a capire come ottenere i migliori risultati possibili.

Cosa distingue la Harley Street Hair Clinic dalle altre cliniche per capelli nel Regno Unito?

Siamo stati la prima clinica nel Regno Unito ad offrire trapianti di capelli FUE ed eseguiamo solo questo tipo di trapianto di capelli poiché offre ai nostri pazienti i risultati più naturali e realistici.

La nostra clinica è una struttura leader a livello mondiale, rinomata per i risultati eccellenti dei nostri chirurghi: infatti, due dei nostri chirurghi, la Dott.ssa Albena Kovacheva e il Dott. Greg Vida, sono tra i 20 migliori chirurghi di trapianto di capelli al mondo.

Offriamo anche una consulenza senza impegno in cui lavoriamo a stretto contatto con i pazienti per scoprire i loro modelli di perdita di capelli, la loro storia, eventuali sfide e problemi che stanno affrontando e quali risultati desiderano.

Ci consultiamo sul trattamento giusto per loro e se sono adatti a sottoporsi a un trapianto di capelli – o se non sono ancora pronti per questo.

"Vogliamo garantire i migliori risultati ed esiti possibili per il paziente, non per la clinica."

Oltre a offrire trattamenti di ripristino dei capelli maschili e femminili a persone di tutte le etnie, conduciamo anche interventi di chirurgia dei capelli transgender per rimodellare l'attaccatura dei capelli per le transizioni da donna a uomo e da uomo a donna.

Per aiutare le persone in tutto il Regno Unito a tenere traccia del percorso dei propri capelli, all'inizio di quest'anno abbiamo anche lanciato la prima app al mondo per il monitoraggio dei capelli.

Ciò consente a chiunque, in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, di caricare foto dei propri capelli per vedere come cambiano nel tempo e di inviare direttamente messaggi ai medici leader a livello mondiale della nostra clinica che possono fornire una guida personalizzata gratuita sui propri capelli.

Hair Track è disponibile per il download tramite App Store per gli utenti Apple e Google Play Store per utenti Android.

Come rispondono gli abitanti dell’Asia meridionale ai trattamenti per la caduta dei capelli?

Nadeem Khan parla dei trapianti di capelli e della Harley Street Hair Clinic 2

La nostra clinica tratta tutti i gruppi etnici da molti anni e abbiamo studiato le differenze nei tipi di capelli per garantire di dare loro i migliori risultati possibili, sia che si tratti di farmaci per la caduta dei capelli, trattamenti di pigmentazione o trapianti di capelli.

I farmaci per la caduta dei capelli, come la finasteride o il minoxidil, possono rallentare il processo di caduta dei capelli.

Le prove suggeriscono che funzionano in modo uniforme tra le etnie, dove sono in grado di ringiovanire il fusto del capello e rallentare la caduta dei capelli, in particolare sulla sommità della testa.

Ma non rigenereranno i follicoli piliferi che sono già andati persi o danneggiati.

Quando si tratta di trapianti di capelli, gli asiatici del sud rispondono bene al trattamento. Abbiamo avuto molti pazienti che hanno ottenuto risultati brillanti con una chioma naturale e folta dopo aver sofferto di perdita di capelli, alopecia o calvizie.

“Quando si esegue un trapianto di capelli sugli asiatici del sud ci sono alcune considerazioni importanti rispetto ai capelli caucasici”.

I capelli asiatici hanno il diametro della sezione trasversale o il calibro (spessore) maggiore rispetto a quelli di altre etnie, quindi dobbiamo assicurarci di utilizzare la giusta dimensione degli strumenti nel trapianto.

Questi fusti piliferi spessi, insieme al fatto che i capelli tendono ad essere più lisci, significano che i capelli del donatore devono essere raccolti con maggiore attenzione.

Se i capelli del donatore vengono sottoposti a un prelievo eccessivo, ciò sarà molto più evidente, soprattutto con il contrasto più elevato nel colore della pelle e dei capelli negli asiatici del sud.

Di quali tipi di caduta dei capelli sono maggiormente a rischio gli asiatici?

Il tipo di perdita di capelli di cui gli asiatici sono tipicamente più a rischio è l’alopecia da trazione. Si tratta di una forma di caduta dei capelli causata da un’eccessiva tensione sul cuoio capelluto.

Ciò non è dovuto ad alcuna disposizione etnica, ma piuttosto alle acconciature tipiche della comunità.

Ad esempio, questo tipo di caduta dei capelli è causata principalmente dal fatto di portare i capelli in acconciature strette come trecce, trecce o chignon.

Il tipo di perdita di capelli che è più geneticamente determinato e quindi può essere influenzato da fattori come l’etnia è l’alopecia androgenetica.

Tuttavia, l’incidenza di questo tipo di caduta dei capelli è maggiore negli uomini caucasici, seguiti dagli asiatici e poi dagli africani.

Perché pensi che la caduta dei capelli sia un tabù nelle comunità dell’Asia meridionale?

Nelle comunità dell’Asia meridionale, i capelli sono particolarmente legati all’identità culturale e agli standard di bellezza, dove molti apprezzano non solo una chioma, ma capelli lussureggianti, fluenti e folti e sani.

“Nei media e nella cultura dell’Asia meridionale, i capelli sono visti come un simbolo di buona salute e attrattiva”.

In molti film di Bollywood, si vede che le donne coltivano acconciature ricche e fluenti invece di tagli più corti, e gli uomini tendono a preferire capelli spessi, densi e fluenti.

Sebbene la caduta dei capelli possa avere impatti emotivi e sociali, raramente viene discussa apertamente nella società dell'Asia meridionale e, quando lo fa, viene quasi sempre discussa in modo comico.

Tuttavia, nonostante la disponibilità di opzioni chirurgiche per la caduta dei capelli nell’Asia meridionale sia storicamente limitata, recentemente si è verificata una rapida esplosione del trattamento di ripristino dei capelli.

C'è stato anche l'inizio di grandi cambiamenti nella percezione e nella capacità di parlare di problemi legati alla caduta dei capelli, ma c'è ancora molto da fare per abbattere questi tabù.

Perché pensi che la perdita/trapianto di capelli sia poco discusso tra le donne rispetto agli uomini?

In realtà penso che ci sia un tabù e un’esitazione nel discutere di perdita di capelli e trapianti sia tra gli uomini che tra le donne, non solo tra le donne.

Quest’anno abbiamo condotto una ricerca su oltre 2,000 adulti britannici, scoprendo che tre quarti degli uomini (73%) e quasi due terzi delle donne (61%) nel Regno Unito stanno sperimentando una qualche forma di perdita di capelli.

Nonostante sia così comune, esiste ancora un enorme tabù tra entrambi i sessi, con oltre un quarto (27%) di tutte le persone che perdono i capelli che ne sono imbarazzate e un quarto (24%) che ritiene di non avere assolutamente nessuno con cui possono parlare delle loro preoccupazioni.

La caduta dei capelli sta influenzando anche la percezione che le persone hanno di se stesse, facendo sì che quasi la metà (43%) delle donne e oltre un terzo (35%) degli uomini si sentano meno attraenti.

Ciò ha portato un terzo (33%) delle donne a sentirsi meno femminile e quasi un uomo su dieci (7%) a sentirsi evirato.

Cosa stai facendo per normalizzare le conversazioni sulla caduta dei capelli?

Possiamo solo rilanciare consapevolezza della caduta dei capelli incoraggiando una discussione più aperta al riguardo e diffondendo informazioni di esperti per aiutare ad abbattere i tabù all’interno delle comunità.

"Non discutendo apertamente della caduta dei capelli, manca l'educazione e la consapevolezza necessarie su come aiutarla."

Molti abitanti dell’Asia meridionale si rivolgono quindi a consigli e trattamenti inefficaci basati su miti e rimedi.

Ma ora le persone hanno più opzioni che mai per aiutare con la caduta dei capelli grazie al progresso della tecnologia e alle procedure di ripristino sicure ed efficaci.

E più si parla di questi progressi scientifici, più le persone si convinceranno delle soluzioni efficaci.

Credo che anche l’accettazione della caduta dei capelli sia un passo importante per affrontare questo tabù, cosa che si spera porterà a una migliore comunicazione delle preoccupazioni sulla caduta dei capelli.

Ho visto molti uomini dell'Asia meridionale che stanno iniziando ad abbracciare il taglio di capelli più corto, e sia uomini che donne parlare della loro perdita di capelli, che rappresenta un grande cambiamento rispetto alle preferenze degli ultimi due decenni. Spero di vedere questo continuare.

Personalmente voglio parlare più apertamente del mio percorso contro la caduta dei capelli per incoraggiare gli altri a fare lo stesso.

Così tante persone come me sperimentano la caduta dei capelli e di solito inizia abbastanza presto nella vita. Non c’è nulla di cui vergognarsi: dovremmo incoraggiare il dialogo per normalizzare la caduta dei capelli nell’Asia meridionale, soprattutto perché esistono trattamenti che possono aiutare.

Desidero inoltre continuare a innovare le tecniche di ripristino dei capelli per continuare a migliorare la qualità dei risultati e la soddisfazione del trapianto di capelli.

Più questi migliorano, più le persone si sentiranno più a loro agio nel parlarne.

Che consigli hai su come gli asiatici possono prevenire i danni e la caduta dei capelli?

Ci sono molti modi che le persone possono migliorare la salute dei capelli, aiutare a rallentare il processo di caduta dei capelli e promuoverne la crescita:

Dieta bilanciata

Un’alimentazione inadeguata o carenze di alcune vitamine e minerali possono contribuire alla caduta dei capelli. Le diete dovrebbero idealmente includere molta frutta, verdura, cereali integrali e proteine.

Le persone dovrebbero anche avere un apporto completo di nutrienti, comprese le vitamine A, C, D ed E, nonché minerali come ferro e zinco, che sono importanti per una crescita sana dei capelli.

Massaggio con olio

I massaggi regolari con olio possono aiutare a nutrire e condizionare i capelli. Scegli oli come olio di cocco, olio di mandorle o olio d'oliva e massaggiali delicatamente sul cuoio capelluto.

Ciò può favorire la circolazione sanguigna, rafforzare i follicoli piliferi e prevenire la secchezza.

Idratazione e umidità

I capelli dell'Asia meridionale possono essere soggetti a secchezza, quindi è importante mantenerli idratati e idratati. Usa shampoo e balsami idratanti adatti al tuo tipo di capelli.

Considera l'idea di incorporare balsami senza risciacquo o oli per capelli per fornire ulteriore idratazione e ridurre al minimo l'effetto crespo.

Districante delicato

Maneggia i capelli con cura per evitare che si rompano. Usa pettini a denti larghi o le dita per districare, partendo dalle punte e procedendo verso l'alto.

Evitare pettinature o spazzolature aggressive, soprattutto quando i capelli sono asciutti.

Proteggere dal calore

Limita l'uso di strumenti per lo styling termico come piastre, arricciacapelli e asciugacapelli, poiché il calore eccessivo può causare danni e secchezza.

Se usi il calore, applica prima uno spray o un siero termoprotettivo. Abbraccia acconciature naturali e lascia asciugare i capelli all'aria quando possibile.

Condizionamento profondo

Trattamenti regolari di condizionamento profondo possono aiutare a ripristinare l’umidità e migliorare la salute dei capelli.

Cerca balsami profondi o maschere per capelli formulati specificamente per il tuo tipo di capelli.

Considera l'idea di applicare calore con una cuffia da doccia per potenziare gli effetti condizionanti.

Acconciature protettive

Optare per acconciature protettive che minimizzino la manipolazione e riducano lo stress sui capelli.

Trecce, colpi di scena, chignon o indossare parrucche o intrecci possono aiutare a proteggere i capelli e trattenere l'umidità. Assicurati che gli stili non siano troppo stretti, poiché ciò può portare all'alopecia da trazione.

Cura del cuoio capelluto

Mantieni un cuoio capelluto pulito e sano lavandolo regolarmente con uno shampoo delicato.

Presta attenzione a eventuali problemi del cuoio capelluto, come forfora o prurito, e affrontali con trattamenti adeguati.

Mantieni il cuoio capelluto idratato e valuta la possibilità di incorporare massaggi sul cuoio capelluto per stimolare la circolazione.

Oltre a gestire una clinica per capelli di successo, Nadeem Khan cerca di affrontare il tabù relativo alla caduta dei capelli.

È una conversazione di cui si parla raramente nelle comunità dell’Asia meridionale, ma Nadeem vuole assicurarsi che non sia così.

Ed è attraverso la consapevolezza dell’argomento che sempre più persone saranno in grado di affrontare la caduta dei capelli e adottare misure per prevenirla.

Per saperne di più sulla Harley Street Hair Clinic, consulta il sito web.

Dhiren è una laureata in giornalismo con la passione per i giochi, la visione di film e lo sport. Gli piace anche cucinare di tanto in tanto. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Il franchise di Call of Duty dovrebbe tornare sui campi di battaglia della seconda guerra mondiale?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...