I dati sul coronavirus indiano sono accurati o superiori?

COVID-19 sta infettando più persone in India ogni giorno, ma ci sono dubbi sull'accuratezza delle cifre. I dati sul Coronavirus sono corretti o superiori?

I dati sul coronavirus indiano sono accurati o superiori f

"Sì, siamo in fase di test, sottostima."

Ci sono state domande sull'accuratezza dei dati sul Coronavirus in India.

Secondo i dati della John Hopkins University, oltre 11,000 persone sono state infettate e 392 sono morte.

Tuttavia, un rapporto della BBC News ha affermato che l'epidemia è sottostimata in India e che i medici affermano che la dimensione reale è sconosciuta a causa di come il paese è stato testato finora.

Ciò è avvenuto dopo che il primo ministro Narendra Modi ha esteso il programma nazionale lockdown fino al 3 maggio 2020.

Uno sviluppo preoccupante è stato il primo COVID-19 Il caso è stato confermato nella baraccopoli di Dharavi di Mumbai, la più grande dell'India e che ospita quasi un milione di persone che vivono in quartieri stretti e antigienici.

Ma per una popolazione di 1.3 miliardi di persone, il numero di casi è relativamente basso rispetto all'Europa e agli Stati Uniti.

Si ritiene che ciò sia collegato sia a bassi livelli di test che a uno scarso accesso a un sistema sanitario già sovraccarico con persone che non segnalano i loro sintomi.

Nel rapporto della BBC, gli operatori sanitari sono visti con indumenti protettivi che camminano per i bassifondi e controllano le persone per i sintomi.

I dati sul coronavirus indiano sono accurati o superiori?

Mumbai ha il più alto numero di casi di Coronavirus e morti in India, quindi è possibile che aumenti in modo significativo man mano che più residenti nelle baraccopoli vengono infettati.

A causa del fatto che vivono in cattive condizioni e nelle immediate vicinanze, è sufficiente una sola persona infetta per diffondere rapidamente il virus.

Nonostante questa prospettiva allarmante, gli operatori sanitari affermano che la realtà è di gran lunga peggiore.

Un medico con sede a Mumbai ha detto: “Sì, siamo in fase di test, sottostimati. Così l'altro giorno sei pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto sono stati portati morti.

“Non li abbiamo nemmeno testati, anche se c'era un forte sospetto che potessero avere COVID-19.

"Nemmeno i parenti sono stati testati."

Il medico ha continuato dicendo che il motivo per non testare il defunto è dovuto alla carenza globale di kit di test.

La mancanza di test nasconde il numero reale di casi. Finora sono stati effettuati solo 47,951 test e ci sono solo 51 centri di test approvati dal governo in tutto il paese.

È tra i più bassi al mondo, il che significa che non c'è un'idea chiara di quanto sia grave la situazione.

Un altro medico ha spiegato: “Non stanno testando le persone. Semplicemente non li stanno testando.

"Ci sono così tante persone che arrivano con i sintomi e usciranno e lo diffonderanno ad altre persone".

Questa mancanza di conoscenza sulle cifre effettive del Coronavirus significa che i medici non sono preparati per un potenziale afflusso di pazienti.

Il medico ha aggiunto: "Sono davvero spaventato personalmente come medico."

Altri medici hanno detto alla BBC che un altro problema relativo alle cifre effettive del Coronavirus è che i deceduti con condizioni di salute sottostanti non sono menzionati come morti per COVID-19.

Quindi questo indica che coloro che sono morti potrebbero aver avuto COVID-19 anche se non è stato nominato come causa.

Secondo quanto riferito, il governo non ha risposto alle domande della BBC sui numeri ufficiali.

A causa dell'incertezza, i medici temono perché le risorse stanno diminuendo anche se il picco del COVID-19 potrebbe essere ancora lontano in India.

La Custode ha riferito che i medici mancano di dispositivi di protezione individuale (DPI) come le maschere. Ciò significava che i pazienti con sintomi COVID-19 venivano allontanati.

I dati sul coronavirus indiano sono accurati o superiori - rifornimenti

La mancanza di DPI ha anche significato che i medici devono improvvisare, rischiando ancora di più la vita.

A Calcutta, i medici sono stati costretti a indossare impermeabili di plastica per esaminare possibili pazienti affetti da Coronavirus. Un medico di Delhi ha fatto ricorso a un casco da motociclista per coprirsi il viso.

Un giovane medico ha descritto come “per più di una settimana siamo entrati in stretto contatto con sospetti pazienti affetti da corona senza un adeguato equipaggiamento protettivo. Siamo tutti lasciati alla mercé di Dio ".

Il medico ha continuato dicendo che era certo che il virus si stesse diffondendo tra le comunità, cosa che il governo ha detto che non stava accadendo.

Ha detto: “Ogni giorno migliaia di persone si riuniscono qui, cercando cure per molte malattie infettive.

“La scorsa settimana, ho notato che centinaia di persone, con molti colpi di tosse, febbre e problemi respiratori, stavano in coda in attesa del loro turno per essere visitati da noi.

"Sono rimasti in coda per ore e molti di loro tossivano e starnutivano."

“Ho tutte le ragioni per credere che molti fossero portatori di COVID-19 che hanno diffuso l'infezione a persone nella stessa linea, che a loro volta la stanno diffondendo nella comunità, centinaia o migliaia di volte più persone dovrebbero essere testate per l'infezione. Altrimenti, la situazione del coronavirus diventerà ingestibile ".

I dati sul coronavirus indiano sono accurati o superiori - letti

Nonostante il numero crescente di casi, il blocco è rigorosamente forzata che si dice abbia ridotto in una certa misura l'onere per gli ospedali.

Tuttavia, senza un aumento dei test, sarà molto difficile battere il virus.

Il dottor Ashish Jha, dell'Harvard Global Health Institute, ha dichiarato:

“Altre persone malate continueranno a venire e venire e venire fino a quando non avrai una strategia ampia e di isolamento o non potrai restare in isolamento per un lungo periodo di tempo.

"Ma rimanere in isolamento per l'India ha di nuovo un costo enorme soprattutto per il povero. "

Con la mancanza di test, molti cittadini trasmettono inconsapevolmente il virus ed è questo che potrebbe causare l'infezione di un gran numero di persone.

Tre università statunitensi e la Delhi School of Economics hanno pubblicato congiuntamente un rapporto in cui si afferma che potrebbero esserci fino a 1.3 milioni di infezioni da COVID-19 in India entro metà maggio.

In un paese in cui l'assistenza sanitaria non è delle migliori, ciò lascerebbe i medici estremamente sopraffatti.

Ma sembra che la capacità di test possa aumentare.

Mylab Discovery, una società con sede a Pune, è diventata la prima azienda indiana ad ottenere la piena approvazione per la produzione e la vendita di kit di test, che sono già stati spediti ai laboratori di Pune, Mumbai, Delhi, Goa e Bangalore. Ogni kit Mylab può testare 100 campioni e costa Rs. 1,200 (£ 12).

La società privata Practo ha inoltre annunciato di essere stata autorizzata dal governo a condurre test privati ​​sul Coronavirus, prenotabili direttamente.

La struttura è disponibile solo per i residenti di Mumbai, ma dicono che presto sarà estesa a tutto il paese.

Sebbene sembri che si stiano compiendo sforzi per combattere COVID-19, il danno potrebbe già essere stato fatto poiché le cifre del Coronavirus potrebbero essere molto più alte di quanto suggeriscono i numeri riportati.

Se questo è vero e le persone si ammalano gravemente, il sistema sanitario indiano potrebbe affrontare una crisi.

Guarda il BBC News Report

video
riempimento a tutto tondo


Il caporedattore Dhiren è il nostro redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".

Immagini per gentile concessione di BBC News e AP




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Da dove pensi che abbia avuto origine il Chicken Tikka Masala?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...