I 10 migliori stili di canto dell'Asia meridionale che ti incanteranno

Il canto è una forma di espressione senza tempo. Attraverso vari stili, un cantante può esprimere emozioni come amore, odio, tristezza e molte altre!

10 stili di canto dell'Asia meridionale

Un cantante può esprimersi in modo diverso con ogni stile.

Da varie influenze, luoghi e stili, il canto è stato una parte prevalente delle nostre vite e si è evoluto nel corso degli anni.

Questa varietà rappresenta la vasta popolazione della comunità dell'Asia meridionale, riflettendo temi di eredità etnica, religione, lingua e status sociale attraverso il canto e le composizioni musicali.

Il canto ha molti scopi, come mostrare devozione a una divinità, celebrare l'amore e calmare l'ascoltatore nei momenti di tumulto.

La musica è un aspetto significativo della vita moderna, poiché ci immerge in generi diversi e in un crogiolo di influenze.

L'attenzione qui è sul canto dell'Asia meridionale e sulle varie tecniche coinvolte.

Per prima cosa, scopriremo un po' di teoria musicale per prepararti meglio quando approfondiremo i diversi stili di canto.

Teoria musicale indiana

I Raga, un antico sistema musicale, comprendono melodie simili ai modi o alle scale della musica occidentale. Sono raccolte di piazzole.

Nella musica indiana, diverse note naturali su una scala sono conosciute come Shudh Svar, chiamate Sa, Re, Ga, Ma, Pa, Dha, Ni.

L'ottava nota è uguale alla prima, entrambe chiamate nota tonica.

Gli equivalenti occidentali di queste note sono:

Do, Re, Mi, Fa, So, La, Ti, Do
Sa, Re, Ga, Ma, Pa, Dha, Ni, Sa

Le note bemolle, o Komal Svar, si verificano quando una nota si sposta di un semitono verso il basso dalla sua posizione naturale, diventando bemolle.

Quattro note della scala possono diventare Komal Svar: Re, Ga, Dha e Ni (la seconda, terza, sesta e settima nota della scala).

Le note diesis, o Tivra Svar, si verificano quando una nota si sposta di un semitono più in alto rispetto alla sua posizione naturale, diventando diesis.

Solo una nota, Ma (la quarta nota della scala), si sposta in una posizione diesis.

Shruti funge da standard di misurazione. Un'ottava, composta da 8 note, è composta da 22 shruti.

Le note indiane - shadja, rishabha, gandhara, madhyama, panchama, dhaivata e nishada - sono comunemente abbreviate come sa, ri, ga, ma, pa, dha e ni.

Esistono molti modi per cantare la scala, offrendo una maggiore varietà rispetto alla teoria musicale occidentale. Guarda il video qui sotto:

@indian_pravasi_kanya Cultura musicale indiana #Musica #musicista #musica classica ? suono originale – Indian_Pravasi_kanya0322

Musica classica

video
riempimento a tutto tondo

I Veda, secondo la Britannica, sono "un vasto corpus di testi religiosi originari dell'antica India".

Approfondiscono le tre classi superiori della società ariana: il Brahman (classe sacerdotale), gli Kshatriya (principi guerrieri) e i Vaishya (mercanti).

I Purana, una raccolta di poesie, descrivono la vita delle divinità indù e delle loro incarnazioni.

Il Ramayana e il Mahabharata contengono storie sulle gesta di re e nobili.

Tra questi testi è inclusa la Bhagavad Gita ("Canto del Signore"), un documento importante nell'Induismo.

Nelle prime rappresentazioni sui palcoscenici venivano rappresentate queste storie, introducendo musica teatrale cantata e accompagnata da un'orchestra.

Le melodie erano composte da modi o jati, e ciascuna nota aveva connotazioni di diverse emozioni o rasa.

I modi derivavano dai 14 murchana: sette coppie di serie ascendenti di sette note che iniziano con note diverse.

Le scale sono chiamate sadjagrama e madhyamagrama.

La musica classica dell'India settentrionale e del Pakistan ha formato la musica indostana, mentre quella dell'India meridionale è chiamata musica Karnatak.

Entrambi sono menzionati nella letteratura classica e hanno elaborate teorie musicali.

Inizialmente la musica classica veniva suonata nelle corti principesche e per i nobili facoltosi.

Dopo la spartizione del 1947, quando l'India ottenne l'indipendenza, la musica venne eseguita in grandi sale da concerto.

La musica classica è basata su raga e tala.

'Raga' ha la radice del significato di 'colorare', associando quindi l'esperienza emotiva al colore della mente.

La maggior parte dei raga sono evidenti nell'improvvisazione quando si canta e non esiste il concetto di un'altezza fissa.

Nella musica dell'India settentrionale esprime le stagioni dell'anno, i colori, le divinità, gli stati d'animo e i periodi della giornata.

Il secondo elemento, tala, è la misura del tempo. Ha due componenti principali:

Secondo la Britannica, «la durata del tempo si misura in termini di unità temporali che variano a seconda del tempo scelto; e la distribuzione dello stress all'interno della misura temporale.'

Tradizionalmente, le canzoni vengono eseguite in piccoli ensemble, non più di cinque o sei musicisti, con un'enfasi sulla creatività e sensibilità dell'esecutore solista.

I musicisti indiani imparano esercitandosi ripetutamente con le sillabe in schemi particolari. Alcuni cantanti improvvisano nei loro pezzi.

Ascolta il grande cantante Pandit Jasraj e concentrati sulla sua improvvisazione sulle sillabe Sargam nel raga "Bhairav ​​Bahar".

Khayal

video
riempimento a tutto tondo

Questo si riferisce ai pensieri o all'immaginazione, dove i tuoi pensieri guidano la tua voce e la tua melodia.

La voce del cantante deve passare dolcemente tra le ottave inferiore, media e alta, esplorando le variazioni nei diversi raga.

Si basa su canzoni hindi, caratterizzate dal contrasto tra un tempo lento seguito da uno più veloce.

Di solito è accompagnato dalla tabla o dal flauto, con l'accompagnamento delle percussioni che segue il ciclo temporale.

L'esecuzione si basa su uno schema ripetuto (theka) eseguito dall'accompagnatore.

Voce carnatica

video
riempimento a tutto tondo

Il canto carnatico è originario delle regioni meridionali dell'India, in particolare degli stati di Karnataka, Tamil Nadu, Andhra Pradesh e Telangana.

Il cantante scorre dolcemente attraverso tutte e tre le ottave, offrendo una melodia impeccabile.

Il canto carnatico coinvolge una varietà di tecniche vocali, inclusi i gamaka, che sono "giramenti aggraziati, curve o tocchi angolari dati a una singola nota o a un gruppo di note, aggiungendo enfasi all'individualità di ogni raga".

In secondo luogo, c'è meend, che scivola tra le note con transizioni continue tra le altezze.

Infine c'è Sargam, che è 'Solfege, chiamato anche “solfeggio” o “solfa”, un sistema in cui a ogni nota di una scala viene assegnata una sillaba unica, usata per cantare quella nota ogni volta che appare.'

Ciò aggiunge espressione e sentimento al canto.

Le composizioni di musica carnatica includono il Varnam ritmico e melodico, i canti devozionali strutturati noti come Kriti e la narrazione interattiva di Keertanam.

Thumri

video
riempimento a tutto tondo

Thumri fu sviluppato nel 19° secolo alla corte di Lucknow, nel nord dell'India, dal sovrano Wajid Ali Shah.

Questo stile enfatizza l’espressione emotiva.

"Thumakna" si riferisce a un ulteriore elemento di danza, con Kathak spesso ballato su questa musica.

Si è evoluto più a est nella città di Benares, ora chiamata Varanasi, dove c'era un'interpretazione emotiva più pesante e un ritmo più lento.

Era fortemente guidato dai testi, che erano più importanti della musica.

tappa

video
riempimento a tutto tondo

Questo stile di canto semi-classico ha avuto origine dai cavalieri di cammelli del Punjab. È rapido, intricato e, alcuni potrebbero dire, ricco di sfumature.

"Tappa" significa "salto" in persiano.

Queste canzoni sono essenzialmente folklore di amore e passione, scritte in Punjabi.

Descrive le emozioni di un amante con schemi ritmici complessi e un ritmo veloce.

Le composizioni sono brevi e basate sullo Shringara Rasa.

Varanasi e Gwalior, così come il Bengala, che è stato fortemente influenzato, celebrano Tappa.

I cantanti possono usare gamaka e murki per aggiungere carattere.

Murki è "molto simile a un trillo in quanto di solito comporta l'alternanza di due o tre note vicine molto rapidamente e leggermente".

Nelle composizioni dal ritmo frenetico, di derivazione folk, i murkis sono resi leggeri e taglienti. Nelle composizioni più lente e sensuali, come il thumri, sono attenuati.'

Drupade

video
riempimento a tutto tondo

Questo è lo stile di canto più antico della musica indostana, che è devozionale.

Si ispira al Gandharva Veda, la scienza vedica della musica.

Una performance Dhrupad (Darbari) comprende due componenti principali: l'alaap e la composizione.

L'alaap può durare fino a un'ora ed è generalmente diviso in tre sezioni: alap (senza ritmo), jor (con ritmo costante) e jhala (strimpellata accelerata).

La sezione della composizione è composta da quattro elementi: sthayi (sezione iniziale), antara (seconda sezione), sanchari (esplorazione) e abhoga (conclusione).

Ogni parte contribuisce allo svolgersi della storia attraverso un raga, con l'uso della ripetizione di sillabe o frasi caratteristiche di questo stile.

Un cantante può allenarsi per ottenere akhara, che si riferisce a una qualità risonante che suona piena e sostenuta.

qawwali

video
riempimento a tutto tondo

Temi di devozione a un essere superiore sono incorporati nei testi, ispirati alle poesie sufi.

Questo stile ha influenzato in modo significativo le strutture ritmiche nella composizione delle canzoni successive.

Le esibizioni di Qawwali sono note per la loro elevata energia e intensità emotiva, affascinando gli ascoltatori con il loro ritmo e incoraggiandoli a dondolarsi al ritmo della musica.

Il ruolo del cantante è particolarmente impegnativo e richiede la capacità di produrre un suono basso e deciso che non venga soffocato dall'accompagnamento, nonché di raggiungere note più alte.

qawwali è eseguita da un cantante solista, supportato da un gruppo di coristi.

La performance presenta un'interazione dinamica di chiamata e risposta tra il cantante e il coro, migliorando l'esperienza comune.

L'improvvisazione melodica e ritmica, guidata dall'emozione del cantante e dall'atmosfera degli strumenti, aggiunge un senso di spontaneità e una qualità effimera alla performance.

Ghazal

video
riempimento a tutto tondo

Questo è un sottogenere della musica sufi.

I Ghazal sono poesie che parlano di crepacuore e celebrano l'amore.

Le melodie possiedono una qualità morbida e il canto agisce quasi come una conversazione, evidente attraverso le frasi melodiche.

L'attenzione si concentra sulle sottigliezze delle parole piuttosto che su qualcosa di eccezionale o evidente.

È considerato un gusto acquisito ma è ricco di un linguaggio meraviglioso sulla vita e sulla filosofia.

Bhajan

video
riempimento a tutto tondo

Si tratta di canti devozionali cantati nelle tradizioni religiose, dove un cantante spesso esprime amore e devozione a una divinità.

Il canto rappresenta una connessione spirituale che il cantante ha con la musica e la divinità a cui sta cantando.

Le melodie sono relativamente facili da seguire, rendendole accessibili sia ai cantanti esperti che a quelli meno esperti.

Le emozioni comuni espresse includono amore, resa e gioia.

Esiste una varietà di variazioni tonali che un cantante può utilizzare, guidato da ciò che ritiene giusto in quel momento.

inni

Nella prima metà del II millennio a.C., gli Ariani, che erano tribù semi-nomadi, scesero in India dal nord-ovest.

Il loro stile di vita poneva una forte enfasi sugli inni, che erano lodi degli dei cantate durante i sacrifici.

Questa tradizione si diffuse nell'India settentrionale, dove la poesia religiosa orale guadagnò popolarità.

Ad esempio, il Rigveda era un'antologia di straordinaria poesia. Inizialmente, questa poesia non era scritta, quindi il canto e i testi sono stati tramandati di generazione in generazione.

Le poesie dell'antologia sono state organizzate in base alla loro popolarità. Poco dopo i versi iniziarono ad essere arrangiati in forma musicale.

Di conseguenza, il canto risultava alquanto distorto a causa delle pause, della ripetizione di sillabe e dei cambiamenti fonetici.

Veda

video
riempimento a tutto tondo

I seguaci vedici erano le persone che vennero in India e stabilirono tradizioni che modellarono l'induismo.

I Veda, testi sacri, erano usati per gli inni e includevano anche incantesimi e incantesimi.

I testi dei Veda comprendevano aspetti mistici, simbolismo e ideologie cosmologiche.

Per il popolo ariano, la letteratura vedica era espressa attraverso strumenti a corda e a fiato, nonché vari tipi di tamburi e piatti.

I sacerdoti Brahman li cantavano ai matrimoni e ai funerali come atto di devozione.

L'enciclopedia online menziona che i Veda ispirarono altri testi, in particolare i Brahmana e le Upanisad, affermando:

"Dei due corpi di testo, le Upanisad sono più speculative e filosofiche, mentre i Brahmana sono più espositivi e sviluppano i principi delineati nei quattro canoni vedici."

Per quanto riguarda la storia di questi inni, quando i missionari americani arrivarono in India a metà del diciannovesimo secolo, molti libri di inni furono pubblicati per il culto nelle chiese.

Ciò ha portato a una natura ibrida della musica, incorporando ghazal e bhajan, nonché inni per le canzoni della scuola domenicale.

Esistono molti stili di canto, ognuno con le sue sfumature, che consentono ai cantanti di esprimersi in modo diverso con ciascuno stile.

La musica è al centro della cultura sotto molti aspetti.

Si è evoluto nel corso degli anni, ma gli stili tradizionali sono ancora ricordati mentre guardiamo le registrazioni delle prime esibizioni e ascoltiamo le canzoni tramandate dalle generazioni più anziane.



Kamilah è un'attrice esperta, conduttrice radiofonica e qualificata in teatro drammatico e musicale. Ama il dibattito e le sue passioni includono l'arte, la musica, la poesia del cibo e il canto.

Centro per la musica mondiale




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    I diritti dei gay dovrebbero essere accettabili in Pakistan?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...