Perché la maternità surrogata in India non è disponibile per tutti

L'India è una destinazione popolare per le coppie alla ricerca di madri surrogate. Esaminiamo le preoccupazioni culturali e sociali che circondano la maternità surrogata in India.

Perché la maternità surrogata in India non è disponibile per tutti

"Non riesco a capire perché stiamo andando indietro."

La maternità surrogata commerciale ha raggiunto il suo apice in India.

Il boom dei bambini stranieri portati dalla classe più povera dell'India, ha invitato nella nazione un nuovo tipo di commercio al consumo, che ha lasciato un segno monetario notevole.

La BBC stima che l'industria della maternità surrogata o IVF (fecondazione in vitro) in India valga 2.3 miliardi di dollari (1.6 miliardi di sterline).

Altri rapporti suggeriscono che quasi 10,000 stranieri visitano il paese per esplorare i servizi riproduttivi. Mentre ogni anno nascono tra 5,000 e 25,000 bambini tramite questo processo.

In effetti, l'India è considerata uno dei paesi d'oltremare più popolari per il trattamento IVF. Samar ha detto:

"Principalmente a causa del suo costo che, se confrontato con qualsiasi altro paese, l'India può fornire lo stesso risultato a un prezzo molto conveniente".

In India, il costo della maternità surrogata può essere compreso tra $ 15,000 (£ 10,000) e $ 25,000 (£ 17,000). In America e nel Regno Unito, i costi possono essere il doppio o il triplo di tale importo.

Ma nonostante l'enorme incremento dell'economia nazionale, la maternità surrogata in India è sbocciata in un business enorme e in gran parte non regolamentato, con la Corte Suprema che lo chiama "turismo della maternità surrogata".

Di conseguenza, il governo indiano ha preso in considerazione la messa al bando della maternità surrogata per i clienti stranieri a partire da ottobre 2015. Il disegno di legge del ministero della Sanità dell'Unione deve ancora essere approvato dal Parlamento.

Perché la maternità surrogata in India non è disponibile per tutti

In precedenza, solo alle persone single e ai gay era vietato l'uso di madri surrogate. Ora le nuove leggi consentirebbero solo alle coppie con passaporto o cittadinanza indiana di poter avviare una famiglia attraverso la maternità surrogata.

Pankaj Nagpal, fondatore di IVF Surrogacy, afferma: “È estremamente sorprendente che il Direttore Generale dei Servizi Sanitari abbia proposto un emendamento in base al quale gli stranieri non dovrebbero essere ammessi. Non riesco a capire perché stiamo tornando indietro.

“La Corte Suprema ha affermato che la maternità surrogata commerciale è un'industria legale. La Corte Suprema ha depenalizzato l'omosessualità. La Corte Suprema ha affermato che le relazioni conviventi sono legali. Non capisco perché qualcuno voglia vietare agli stranieri o alle coppie non sposate ".

Il motivo alla base di questo blocco della maternità surrogata è dovuto alla paura dello sfruttamento delle donne che vengono utilizzate dai clienti stranieri come madri surrogate.

L'avvocato Prerana Saraf spiega: “La maggior parte delle madri surrogate indiane proviene dalla classe inferiore o dalla classe medio-bassa e vogliono guadagnare un po 'di soldi.

"Gli NRI hanno iniziato a venire in India per la maternità surrogata e si credeva che molte donne povere bisognose di denaro fossero sfruttate poiché queste donne hanno accettato qualcosa del genere solo a causa della condizione di impotenza in cui vivevano".

A causa di questa paura dello sfruttamento, il governo indiano ha tentato, attraverso il disegno di legge (regolamento) sulla tecnologia di riproduzione assistita, di affrontare la questione.

Il disegno di legge propone numerosi fattori; compresa l'età della madre surrogata, il numero di gravidanze surrogate che le possono essere concesse, quanto deve essere compensata o pagata e protezione contro le coppie straniere che violano la legislazione prevista.

Perché la maternità surrogata in India non è disponibile per tutti

Il disegno di legge evidenzia anche ulteriori preoccupazioni sullo status giuridico del bambino nato:

"La maternità surrogata transfrontaliera porta a molti problemi come la nazionalità, la cittadinanza, i diritti dei bambini con diverse occasioni in cui ai bambini è stata negata la nazionalità dai paesi", dice Sadaf.

Molti genitori intenzionati devono combattere battaglie legali per far vivere e rimanere con loro il figlio surrogato.

In casi più gravi, i bambini surrogati sarebbero stati addirittura abbandonati a causa di anomalie alla nascita, o anche perché i genitori previsti hanno divorziato.

La dott.ssa Soumya Swaminathan, direttore generale dell'Indian Council for Medical Research (ICMR), concorda sul fatto che le madri surrogate indiane devono essere protette:

“È una cosa triste che le persone siano così disperate da essere disposte ad affittare i loro corpi per qualcosa del genere.

“Voglio dire, data la possibilità di scegliere se potessero guadagnarsi da vivere in modo decente, sono sicuro che non vorrebbero che questa fosse l'opzione con cui guadagnano. Le cliniche guadagnano molto di più dalle coppie che dalle donne ”, aggiunge.

Ma alcuni sosterranno se saranno solo i clienti stranieri a sfruttare queste madri indiane. Non si può dire lo stesso per le coppie locali che vogliono un figlio?

Dei costi surrogati (£ 17,000) sostenuti dai genitori stranieri previsti, si pensa che £ 6,000 vadano direttamente alle madri surrogate stesse. Questo pagamento è molto più basso per le coppie indiane locali.

Per le classi più povere dell'India, una somma così alta per un cliente straniero può cambiare la vita e molte giovani madri dipendono da questo reddito per nutrire e ospitare le proprie famiglie.

Una madre surrogata, Devi Parmar, ha detto alla BBC: “Non c'è niente di sbagliato in questo. Sono riuscito a malapena a tirare avanti con i soldi che ho guadagnato senza la maternità surrogata, quindi non potrei mai pensare di costruire la mia casa. Cambierà la mia vita. "

Un'altra madre surrogata, Aasima ha detto a The Guardian: “Cosa faremo se lo interrompono? È meglio farlo rispetto a cose immorali [cioè prostituzione]. "

Ma mentre l'India è un mercato redditizio per l'industria della produzione di bambini, lo stigma che circonda la maternità surrogata è uno che continua a esistere.

Simile all'adozione e all'affido, la cultura asiatica tradizionalmente attribuisce un senso di "vergogna" a una donna che non è in grado di concepire un figlio da sola.

Perché la maternità surrogata in India non è disponibile per tutti

Le fondamenta dei matrimoni dell'Asia meridionale si fondano sulla santità di creare una propria famiglia. E la prospettiva di infertilità è preoccupante per ogni donna sposata che è sotto pressione per avere figli, sia dal marito che da lei per legge.

Lo stesso vale per quelle donne che trasportano il bambino. Una madre surrogata, Najima Vohra, spiega:

“Pensano che sia sporco - che si verifichino atti immorali per rimanere incinta. Eviterebbero la mia famiglia se lo sapessero. "

Ma si può sostenere che la popolarità degli aspiranti genitori che vengono in India dall'estero, compresi gli NRI, hanno effettivamente lavorato positivamente per iniziare a rilassare i tabù che circondano la maternità surrogata nelle comunità locali.

Questo è particolarmente vero nelle aree rurali dell'India da cui proviene la maggior parte delle madri surrogate e dove tali mentalità culturali sono le più risolute.

La discussione aperta sull'argomento, così come il boom delle cliniche di fecondazione in vitro in tutto il paese (circa 3,000), hanno fatto bene a incoraggiare le coppie indiane locali a risolvere le proprie preoccupazioni sul concepimento.

Ha persino raggiunto l'amata industria dell'intrattenimento, dove famose star di Bollywood come Shahrukh Khan hanno utilizzato il processo di maternità surrogata per espandere le proprie famiglie.

Ma ora con i piani del governo di vietare la maternità surrogata per le coppie all'estero, potrebbe esserci un impatto negativo sul modo in cui la maternità surrogata viene percepita in India dalla popolazione locale?

Sfornerà quelle donne povere che lottano per sfamare le loro famiglie nelle strade?

La dottoressa Nanya Patel, che gestisce una clinica di maternità surrogata in Gujarat, dice: “Non siamo nel business del 'noleggio di uteri'.

"Perché togliere il diritto umano fondamentale di avere un bambino?" insiste.

Aisha è un editore e uno scrittore creativo. Le sue passioni includono musica, teatro, arte e lettura. Il suo motto è "La vita è troppo breve, quindi mangia prima il dessert!"

Seconda immagine per gentile concessione del dottor Anoop Gupta e Delhi-IVF.com




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Proveresti Face Nails?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...