Sadia Siddiqui ~ londinese pakistana che chiama i colpi in passerella

La produttrice di moda pakistana con sede a Londra Sadia Siddiqui ha recentemente curato la vetrina della PSFW 2017 a Lahore ed è il cervello dietro Fashion Parade London.

Sadia Siddiqui ~ londinese pakistana che chiama i colpi in passerella

"Avevo un vantaggio ... generalmente non ho un filtro. Dico quello che voglio dire senza inibizioni"

Sadia Siddiqui è la madre di Laila Naim, la bambina modella pakistana che ha preso d'assalto il mondo con la sua campagna pubblicitaria Burberry. Ma sarebbe semplicemente troppo ingiusto fare di questa la definizione centrale della sua esistenza.

Sadia è sulla buona strada per diventare la doyenne della produzione di moda. È la mente dietro Fashion Parade London che ogni anno porta a Londra alcuni dei migliori del settore.

Il suo curriculum impressionante include la cura della sfilata Brand Pakistan a Berlino con Elan e gioielli di Sherezad, oltre a guidare la produzione della settimana della moda più ambita del Pakistan, la PFDC Sunsilk Fashion Week (PSFW).

In un'intervista esclusiva con DESIblitz, Sadia Siddiqui parla del suo breve incontro con il mondo delle modelle, del suo passaggio alla televisione e della sua impresa nel campo della moda.

Inizio modello e TV

Sadia Siddiqui parla di moda, affari e modellismo

Il viaggio di Sadia risale a 16 anni fa, quando si è trasferita per la prima volta nel Regno Unito. Dopo alcuni incarichi di modella e un fugace periodo come agente di modelle, ha avuto l'opportunità di presentarsi per uno spettacolo chiamato Dive parlanti sul canale ARY:

“L'agenzia di modelle ha funzionato abbastanza bene ma dopo un po 'mi sono stufato. C'è solo una certa quantità di creatività che va nel settore della modellazione e volevo fare di più. L'ho trovato molto limitante ", condivide Sadia Siddiqui con DESIblitz.

“Allora sono entrato a far parte di Dive parlanti con i miei meravigliosi amici, Sanya e Faryal. Era un talk show e io sono sempre stato un chiacchierone che aveva qualcosa da dire su tutto. Mi sono reso conto che ti offre una posizione in cui puoi parlare di questioni su cui ti senti fortemente ed è così che ho avuto il bug per la televisione ".

Subito dopo la fine dello spettacolo, Sadia ha incontrato Kevin Rego di B4U Entertainment e ha prodotto il primo talk show serio del canale girato interamente a Londra.

Sì, hai indovinato. Sadia Siddiqui è la presentatrice audace, bella e arguta che si è confrontata con artisti del calibro dell'ex presidente pakistano Pervez Musharraf e del leggendario attore britannico-indiano Saeed Jaffrey nello show, Achievers:

“Ho prodotto lo spettacolo, l'ho scritto e l'ho presentato. A parte il capelli e trucco loschi nella prima stagione, mi è piaciuto molto imparare dalle persone che ho intervistato ”, ricorda Sadia.

Sadia Siddiqui parla di moda, affari e modellismo

“Ad esempio, intervistare Sabyasachi Mukherjee è stato il tipo di opportunità che mi ha permesso di scoprire e attingere alla mente di un genio.

“Tutto ciò che usciva dalla sua bocca aveva perfettamente senso e non volevo concludere l'intervista. Penso che volevo essere il suo migliore amico. È una forza creativa e la sua umiltà e il suo approccio sono semplicemente stimolanti ".

“E poi c'era Pervez Musharraf. Deve essere uno dei politici più affascinanti in circolazione. È molto affettuoso e ha eluso molto educatamente le domande a cui non voleva rispondere ma non era disonesto.

"Ma sai che il giornalismo è un lavoro duro e ho studiato molto sulle persone che partecipano allo show", aggiunge.

“Tuttavia, avevo un vantaggio in quanto generalmente non ho un filtro. Dico quello che voglio dire senza inibizioni. E questo Il modo davvero audace di intervistare è stato ciò che ha colpito il pubblico e abbiamo finito per fare tre stagioni dello spettacolo ".

Unire affari e moda

Sadia Siddiqui ~ londinese pakistana che chiama i colpi in passerella

È stato durante la produzione di Achievers che Sadia Siddiqui ha fondato la sua casa di produzione - Mustang Productions - che in seguito ha trovato il suo scopo nel regno della moda e ha dimostrato di essere una mossa fondamentale per la carriera.

Sotto il suo ombrello, Sadia non ha prodotto solo la sfilata di nozze di Aashni and Co., ma anche la mostra personale di Manish Malhotra al Dorchester, Londra, in collaborazione con UBS. Ma per Sadia, è l'annuale Fashion Parade che mette in moto le cose per creare un'alchimia da passerella:

"Quando tu hai qualcosa di eccezionale da offrire ma non ci sono opportunità sul mercato, quindi crei tu stesso l'opportunità ", sottolinea Sadia.

"C'era un certo tipo di sfilata di moda che volevo fare. Volevo regalare le passerelle teatrali e i segmenti coreografici che richiedevano ai modelli di camminare e formare un triangolo o un cerchio.

“Tali formati avevano valore nel giorno in cui hanno iniziato, ma il mondo della moda è andato avanti e il Pakistan è un po 'bloccato a fare spettacoli teatrali con modelli che seguono routine complicate e coreografiche.

“Così ho deciso di fare Fashion Parade sulla falsariga delle settimane internazionali della moda. Qualunque sia il poco che avevo, lo uso per creare rampe piatte, coinvolgere gli stilisti e creare un tema.

"L'idea di una sfilata di moda è vedere l'abito e in qualche modo, ho sentito, stavamo mescolando le cose, sembrava una produzione teatrale e non stavamo prendendo la moda sul serio."

"Con ciò la gente ha iniziato a prendere atto di ciò che Mustang stava facendo e le opportunità si sono riversate".

#mustangproductions #pfdcsunsilkfashionweek #showdirector #sadiasiddiqui

Un post condiviso da Mustang Productions (@mustangproductions) su

Il meglio del Pakistan nel cuore di Londra

Sadia Siddiqui è riuscita con successo a plasmare la moda pakistana per un pubblico internazionale nel modo giusto. Perché Londra è nota per ospitare una gran parte di sfilate di moda pakistane a basso budget, spesso di cattivo gusto, che prendono di mira la diaspora pakistana. E questo non rappresenta necessariamente il meglio della moda pakistana.

A differenza delle sue controparti, Fashion Parade London ha messo in mostra nomi di spicco come Ali Xeeshan, Faiza Samee e Nomi Ansari:

“Fashion Parade ha grandi nomi perché vuoi creare l'attrazione; vuoi promuovere lo spettacolo e vuoi che i media vengano a parlare dello spettacolo. I giornalisti possono essere molto spietati quando si tiene una sfilata di moda senza grandi nomi ", dice Sadia Siddiqui.

Sadia Siddiqui ~ londinese pakistana che chiama i colpi in passerella

“Ma allo stesso tempo, promuoviamo il talento giovane e giovanile del Pakistan. Ad esempio, Seher Tareen di Studio S è con noi da tre anni. È una giovane designer e imprenditrice straordinaria.

“L'idea è di promuovere il meglio del Pakistan e quando si attribuisce il nome di un paese a uno spettacolo, c'è una certa responsabilità che ne deriva; devi assicurarti che sia un grande spettacolo.

“E questo è uno spettacolo che può essere apprezzato a livello internazionale e soddisfa gli standard internazionali. In modo che si rifletta bene sul Pakistan.

“Voglio mostrare il meglio del Pakistan e il meglio del Pakistan deve essere messo in mostra nel modo giusto; con i modelli giusti, la giusta illuminazione, la giusta atmosfera e il giusto tipo di folla seduta nelle file per apprezzarla. "

Tuttavia, come in ogni vetrina di moda, anche la Fashion Parade è stata oggetto di alcune critiche accanite.

Principalmente rispetto allo scopo che intende servire per non è né un evento pubblico che garantisce le vendite né offre gran parte di una curva di apprendimento essendo una via per le collaborazioni.

In effetti, la Fashion Parade è pensata più per la cerchia ristretta essendo un evento solo su invito per un pubblico selezionato.

Sadia siddiqui con Ali Zafar Parade

Sadia Siddiqui, tuttavia, è fiduciosa sull'identità che ha Fashion Parade; non è una piattaforma per vendere:

“Lo scopo di Fashion Parade non è vendere ma marcare, promuovere e creare consapevolezza sui designer pakistani.

“Quando pubblichi una pubblicità per dire Nescafe in televisione, il team non sa subito quali saranno i ritorni da quel particolare annuncio. Successivamente si traduce in vendite. E questo si chiama branding. Marchio questi designer ”, sottolinea Sadia Siddiqui.

“Molte delle persone che invito provengono sia dal mainstream che dalla comunità indiana perché non si sa mai con chi l'outfit colpisce un accordo.

“Ad esempio, lo stilista di Rihanna si è messo in contatto con Ali Xeeshan dopo lo showcase e quest'anno, Nomi Ansari e io abbiamo avuto 10 minuti di studio sulla televisione BBC World proprio il giorno dopo lo spettacolo, il che è fantastico.

“Nomi è stato invitato con la sua collezione e questo è il miglior tipo di promozione che un marchio pakistano possa ottenere. Qualcosa può tradursi in vendite solo se c'è consapevolezza al riguardo.

Trasudando lo stesso livello di sicurezza e aggrappandosi alla sua bibbia personale della produzione di moda, Sadia si è recentemente recata in Pakistan per trasformare la passerella della PSFW 2017.

Il solito formato di spazio unico e grande è stato modificato in due aree separate in cui sono state esposte collezioni alternative. I critici locali sembravano amare il layout, l'energia e l'atmosfera e hanno accolto con favore il nuovo marchio di una vetrina di moda.

Figlia Laila Naim e Passing on the Gene

Sadia Siddiqui parla di moda, affari e modellismo

Quando si tratta di branding, la figlia di Sadia Siddiqui, Laila, è diventata responsabile del marchio che "è pakistano" abbastanza presto nella sua vita.

Il bambino di cinque anni, all'epoca, divenne una star durante la notte e forse la rappresentazione più desiderata dell'industria della moda pakistana come volto della campagna Burberry for Kids. Si può dire con certezza che la sua fama trascende quella di sua madre.

Ma sembra che sua madre non se la stia dando alla testa. Laila, che entra nella stanza nel bel mezzo della nostra conversazione con un paio di jeans alla moda e un top fiorito, è più preoccupata per il dolore all'orecchio e per l'antistaminico che le aggiusterà per andare a scuola il giorno successivo .

Fresco di un prestigioso editoriale di Vogue, Laila sembra solo un altro ragazzino nella sua pre-adolescenza:

“Per quanto il mondo sappia di Laila, Laila non conosce il mondo. Non sa di aver fatto niente di speciale perché l'abbiamo mantenuta con i piedi per terra ”, sottolinea Sadia.

“Ha appena fatto un servizio fotografico per Vogue ed è stata la prima ragazzina pakistana a fare un editoriale di Vogue e sebbene sia stato un momento importante per me perché Vogue è come la bibbia della moda, Laila non ha idea di cosa sia Vogue. È appena andata a fare un altro servizio fotografico. I suoi amici, gli insegnanti e il preside non ne parlano ".

“È una bambina normale che svolge un'attività extracurricolare. La modellazione di Laila non definisce Laila. È una fantastica cavaliere a cavallo, è un'ottima nuotatrice e ha una bella voce e canta molto bene. Laila vuole crescere per essere un'artista. Quindi il suo modo di fare la modella non la definisce ".

Sadia Siddiqui ~ londinese pakistana che chiama i colpi in passerella

Una madre amorevole e una donna d'affari concentrata, Sadia Siddiqui è una delle tante donne moderne che sfidano l'idea di Mira Rajput di un genitore perfetto.

È ben consapevole della quantità di impegno e attenzione necessari per crescere un bambino, nonché della quantità di impegno e dedizione necessari per avere successo nel business della moda.

Ha sicuramente alzato il livello di come la moda pakistana è proiettata a Londra e ha lavorato duramente per marchiare la sua immagine in modo che sia all'altezza degli standard internazionali di presentazione della moda. E ha portato la sua idea a casa, dove vengono ancora pubblicate le recensioni del suo lavoro.

E quando tutto sarà finito, non segnerà la fine del suo viaggio perché Sadia Siddiqui ha un bel po 'in serbo per il prossimo anno.

Giornalista pakistano residente nel Regno Unito, impegnato a promuovere notizie e storie positive. Un'anima dallo spirito libero, le piace scrivere su argomenti complicati che infrangono tabù. Il suo motto nella vita: "Vivi e lascia vivere".

Immagini per gentile concessione dell'account Instagram di Mustang Productions, SecretCloset.pk e StyleBlazer.com




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Come guardi i film di Bollywood?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...