Ziyad Rahim: Il mondo COVID-19 di Z Adventures

Il corridore d'avventura pakistano Ziyad Rahim ha fatto un audace viaggio COVID-19 intorno al mondo. Ci parla esclusivamente delle sue ispiratrici Z Adventures.

Ziyad Rahim: Il mondo COVID-19 di Z Adventures - F

"Lo Yemen è l'unico paese che inizia con Y."

Nel bel mezzo della pandemia COVID-19, il corridore d'avventura pakistano, Ziyad Rahim, ha intrapreso un viaggio molto interessante.

Ziyad non avrebbe potuto immaginare che un viaggio in Pakistan lo avrebbe portato alla fine a trottare in giro per il mondo.

Tutto è iniziato quando ha consegnato personalmente le medaglie a un amico in Pakistan. Il suo amico stava gareggiando nella maratona inaugurale dello Yemen del 2020, che Ziyad non ha potuto fare.

La corsa e il tour nello Yemen sono stati organizzati dalla compagnia di Ziyad, Z Avventure.

Ziyad Rahim, che aveva una scelta, ha avuto una discussione con sua moglie Nadia Rahim prima di andare in Pakistan.

Ricordando la conversazione con Nadia, Ziyad ha detto a DESIblitz:

"Dato che io stesso sono un gestore del rischio, ha detto, 'corri il rischio.' "Voglio dire, se vuoi farlo in questo modo, vai avanti". "

Dopo essere tornato a casa in Qatar, ha lanciato la sfida del circuito auto-isolante da Doha. Il circuito si sta rivelando un successo e sta avvantaggiando molte persone in tutto il mondo.

Diamo uno sguardo più da vicino all'ispirante mondo COVID-19 di Z Adventures. Ciò include reazioni esclusive dal multiplo Guinness World Record titolare.

Maratona e corridori dello Yemen

Ziyad Rahim: Il mondo COVID-19 di Z Adventures - IA 1

Residente in Qatar, Ziyad Rahim ha visto l'inizio di un'avventura personale COVID-19 quando ha organizzato la prima maratona in assoluto a Socotra, nello Yemen. La maratona si è svolta il 12 marzo 2020, come parte di un grande tour offerto dalla sua compagnia, Z Adventures.

Ziyad ha rivelato che quattro giorni prima di partire per lo Yemen, il Qatar ha imposto una restrizione ai viaggi in Egitto il 5 marzo 2020. Ciò è dovuto alla crescente epidemia del virus nel mondo.

Due giorni dopo, c'è stata una restrizione simile in quanto nessuno dal Qatar è stato in grado di entrare in Egitto.

Ziyad ammette di essere stato il più colpito, soprattutto essendo lui l'organizzatore dell'evento della maratona. E poiché lo Yemen è come una zona di guerra, l'unico modo per arrivarci era attraverso il Cairo.

Ha riconosciuto che non doveva preoccuparsi per i 32 corridori di tutto il mondo. Non avevano problemi ad entrare in Egitto.

Anche se il mondo si stava dirigendo verso un blocco, ha spiegato perché questi corridori erano desiderosi di partecipare a questa maratona.

“La mia clientela è come il tipo pazzo - i globetrotter della maratona. E alcuni di loro vogliono completare l'AZ delle maratone. Lo Yemen è l'unico paese che inizia con Y ".

Tuttavia, Ziyad dice che doveva ancora trovare una soluzione per tutte le medaglie, le magliette e i pettorali della maratona che erano in suo possesso.

Quindi, invece di volare in Egitto, cosa che non poteva, Ziyad partì per Lahore, in Pakistan. Trascorse lì solo una notte, inclusa l'uscita a pranzo con i suoi genitori.

Ziyad lasciò cadere tutti gli oggetti all'amico Dr Amer Yar Khan che stava volando dal Pakistan a Socotra. Il dottor Khan stava anche gareggiando come corridore nella maratona dello Yemen.

Il dottor Khan ha raggiunto Il Cairo da Lahore via Jeddah-Amman ma senza le medaglie e il resto.

Quindi un'ora prima di volare a Socotra (via Sayun) dal Cairo, il bagaglio è arrivato miracolosamente nella capitale egiziana su un aereo cargo da Saudia.

Lo sforzo di Ziyad per andare a Lahore sarebbe andato semplicemente sprecato se il bagaglio non fosse arrivato prima della partenza del dottore per Socotra.

Dal 2015, questo è stato il primo tour di maratona a cui non ha potuto partecipare come organizzatore. Nonostante non fosse lì di persona, la sua squadra nello Yemen ha fatto un buon lavoro, inclusa la cura dei corridori.

Ziyad è stato molto grato al buon amico Dan Micola (CZE) che stava prendendo parte alla gara. Micola è stata un grande supporto, guidando tutti i corridori.

Grandi nomi del mondo del running hanno partecipato alla maratona. Il dottor Brent Weigner (USA), Beth Sanden (USA) e Scott McIvor (Regno Unito) sono solo alcuni dei nomi.

I corridori apparentemente hanno avuto un'avventura tutta loro mentre il Cairo stava chiudendo il loro spazio aereo. Così, un aereo speciale è volato dal Cairo per prendere questi corridori da Socotra prima che lo spazio aereo venisse chiuso.

Ziyad Rahim: Il mondo COVID-19 di Z Adventures - IA 2

Z avventure e rischio di successo

Ziyad Rahim: Il mondo COVID-19 di Z Adventures - IA 3

L'avventura di Ziyad Rahim non si è conclusa a Lahore, poiché era solo l'inizio. Il giorno in cui avrebbe dovuto tornare indietro, il Qatar ha imposto una restrizione a quattordici paesi, incluso il Pakistan.

Ziyad ha detto di aver poi tentato di entrare in Qatar attraverso l'Oman, cosa che gli è stata negata.

Si è poi diretto in Scozia attraverso Abu Dhabi e Dublino per scontare nove giorni di quarantena con i suoi suoceri anziani a Glasgow.

Inoltre, giocando a golf e correndo pensando alle distanze sociali, si è principalmente autoisolato al chiuso.

Non vedendo l'ora di ricongiungersi con la sua famiglia di lockdown, aveva continuamente in mente priorità di lavoro:

“Ovviamente c'era del lavoro da fare. Ero andato per due giorni a consegnare le medaglie e altre cose ".

Anche se la Scozia era comoda e conveniente per lui, c'era un'altra svolta:

“In realtà sarei rimasto per altri due, tre giorni. Ma poi ho scoperto che il Qatar stava chiudendo il suo spazio aereo per tutti. Quindi sono arrivato [in Qatar] un'ora prima dell'entrata in vigore del nuovo regolamento. "

"Quindi, se non avessi preso quel volo Qatar Airways da Edimburgo a Doha, quel lunedì in particolare, sarei ancora in Scozia".

Dopo l'atterraggio a Doha, Ziyad ci dice di aver superato con successo un test della temperatura di imaging video. Successivamente, gli è stato consigliato di isolarsi da solo a casa per quattordici giorni.

Considerando che poteva gestire solo così tante distanze sociali quando viaggiava, era un'impresa notevole che Ziyad non avesse sintomi.

Nonostante Ziyad abbia una scelta prima di intraprendere questa avventura globale, spiega il suo ragionamento positivo dietro il rischio di viaggiare:

“Avevo una scelta. Avrei potuto restare indietro e avrei potuto spedire le medaglie a tutti i corridori dopo la maratona.

“Ma non è così che funziona Z Adventures e non è così che opero.

“Il modo in cui opero è quando organizzo la gara, voglio assicurarmi che i corridori ottengano una medaglia alla fine della gara.

“Ricevono un trofeo alla fine della gara. Hanno una maglietta da gara, hanno i pettorali perché organizzo delle vere e proprie maratone.

"Quindi ho messo a rischio la mia vita per assicurarmi di seguire l'essenza di Z Adventures."

"Alla fine della giornata, forse è stata un'avventura."

Ha anche menzionato la sua valutazione del rischio per Socotra. Era del parere che fosse un'isola isolata con solo 5,000 persone che risiedevano lì.

Quindi, la probabilità di contrarre il coronavirus in uno dei luoghi più sicuri al mondo era praticamente zero

Con Ziyad inteso come "rischio reputazionale" è stata certamente una serie di avventure indimenticabili.

Ziyad Rahim: Il mondo COVID-19 di Z Adventures - IA 4

Circuito autoisolatore e funzionamento

Ziyad Rahim: Il mondo COVID-19 di Z Adventures - IA 5

Il coronavirus ha avuto un impatto positivo su Ziyad Rahim e Z Adventures al ritorno in Qatar. Ha più tempo per allenarsi e pianificare. Ha anche permesso a Ziyad di allenarsi con la sua famiglia e di essere innovativo.

Con le persone che non sono in grado di correre liberamente all'aperto, nelle maratone e in altre serie, ha inventato una sfida.

È stato una forza trainante dietro il Circuito autoisolante, che sta guadagnando molto slancio. Ziyad è stato ispirato da una persona in Cina che ha corso una maratona sul suo balcone.

Ha quindi deciso di renderlo un evento ufficiale per incoraggiare gli altri.

Ziyad ha perseguito questa idea in modo che i corridori rimanessero attivi. Descrive il circuito autoisolante, dicendo:

“Con la sfida dell'autoisolamento, devi correre dentro casa tua. Come nel tuo soggiorno o nel tuo cortile.

“Non puoi andare su un tapis roulant. Non puoi nemmeno uscire, per strada a correre. Quindi questa è la sfida. E le persone hanno corso maratone complete su un circuito di 20 metri ".

Ziyad afferma che la sfida è possibile in un giorno. L'opzione alternativa è condurre la sfida nell'arco di una settimana. Qui è dove si può correre lentamente per 6k al giorno fino al completamento di una maratona completa (42k).

Dopo aver completato la sfida, le persone ricevono certificati, che possono quindi pubblicare sui social media per ispirare gli altri.

Ziyad afferma che questa sfida sta guadagnando popolarità in tutto il mondo. Molte persone si stavano iscrivendo da USA, Regno Unito e Cina.

Il Self-Isolator-Circuit sta sicuramente avendo un effetto moltiplicatore e coinvolgendo la comunità del running.

Alcune persone stanno persino trasmettendo in live streaming la sfida su Facebook. Lo stesso Ziyad sta facendo il circuito di autoisolamento con la sua famiglia ogni giorno al mattino.

Definisce il circuito a casa sua, affermando:

“Abbiamo misurato un circuito di 50 metri, che inizia nel soggiorno. Poi andiamo in sala da pranzo e in cucina e poi torniamo.

“Lo facciamo più volte. Normalmente impieghiamo 45-50 minuti per farlo ".

Ziyad afferma che il più grande vantaggio del circuito è aumentare la consapevolezza sull'allontanamento sociale. Il potenziamento del sistema immunitario e della salute mentale, insieme alla riduzione della diffusione del virus, sono gli altri principali vantaggi.

Ziyad Rahim: Il mondo COVID-19 di Z Adventures - IA 6.jpg

Ziyad corre anche un'ora a giorni alterni nel suo tranquillo complesso recintato. Inoltre, va in bicicletta a giorni alterni usando il suo turbo trainer a casa. Il turbo trainer è come un tapis roulant da ciclismo.

Infine, fa anche una sessione di mattoni in cui prima va in bicicletta e poi va a correre. Secondo Ziyad, questo è ottimo per l'allenamento di triathlon.

Sta anche usando ZWIFT, che è un'app di allenamento virtuale per ciclismo e corsa a casa. Collega il suo allenatore intelligente al software per rendere più difficile il completamento di diversi corsi.

Ziyad Rahim e la sua compagnia Z Adventures si stanno preparando per eventi futuri, a seguito di alcune cancellazioni del 2020. Ciò include l'organizzazione della seconda edizione della Khunjerab Pass Marathon Challenge il 19 settembre 2020.

Ha tutte le carte in regola per farcela nel 2020, nonostante la pandemia globale di coronavirus. Con tutti i suoi eventi di Z Adventure, Ziyad deve essere molto meticoloso con i preparativi.

Deve organizzare permessi e voli charter, oltre a ottenere corsi certificati.

Ziyad Rahim non avrebbe potuto scrivere meglio le sue avventure di corsa durante l'epidemia di COVID-19. La sua storia sarebbe un ottimo film sportivo.



Faisal ha un'esperienza creativa nella fusione di media e comunicazione e ricerca che aumentano la consapevolezza delle questioni globali nelle società postbelliche, emergenti e democratiche. Il suo motto di vita è: "perseverare, perché il successo è vicino ..."

Immagini per gentile concessione di Ziyad Rahim.






  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Guarderai Cinquanta sfumature di grigio?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...