Zahir Jaffer condannato a morte per l'omicidio di Noor Mukadam

Zahir Jaffer, il primo accusato nel caso dell'omicidio di Noor Mukadam, è stato condannato a morte.

Zahir Jaffer condannato a morte per l'omicidio di Noor Mukadam f

Ma Jaffer l'ha afferrata e l'ha costretta a tornare indietro

Un tribunale di Islamabad ha condannato a morte Zahir Jaffer per la tortura e l'omicidio di Noor Mukadam.

La figlia dell'ex diplomatico Shaukat Mukadam, Noor è stata trovata assassinata a casa di Jaffer a Islamabad il 20 luglio 2021.

Shaukat ha successivamente presentato una denuncia alla polizia.

Secondo la sua denuncia, Shaukat era andato a Rawalpindi il 19 luglio per comprare una capra mentre sua moglie era andata a prendere i vestiti dal suo sarto.

Quando sono tornati a casa la sera, Noor era scomparso.

Hanno anche scoperto che il suo telefono era spento.

Hanno iniziato una ricerca, ma poco dopo Noor ha chiamato i suoi genitori per dire che stava viaggiando a Lahore con alcuni amici e che sarebbe tornata in pochi giorni.

Shaukat in seguito ricevette una telefonata da Jaffer, le cui famiglie si conoscevano. Ha detto che Noor non era con lui.

Ma il 20 luglio Shaukat ha ricevuto una telefonata dalla stazione di polizia di Kohsar, che lo informava che Noor era stato assassinato.

La FIR ha affermato che la polizia ha portato il denunciante a casa di Jaffer dove sua “figlia era stata brutalmente uccisa con un'arma affilata e decapitata”.

Jaffer è stato arrestato. Anche i suoi genitori e il personale domestico sono stati arrestati con l'accusa di "aver nascosto le prove e di essere complici del crimine".

Sei funzionari di Therapy Works, dove lavorava Jaffer, avevano visitato il luogo dell'omicidio prima della polizia. Sono stati anche accusati.

Durante il caso, l'avvocato di Shaukat ha detto che Jaffer aveva affermato che lui e Noor avevano una relazione e che Noor era stato assassinato da qualcuno che aveva partecipato a una festa della droga.

Ma si diceva che a casa di Jaffer non si tenesse mai una festa del genere.

Si è sentito che un Noor ferito è saltato dal balcone nel tentativo di scappare.

Ma Jaffer l'ha afferrata e l'ha costretta a rientrare in casa.

La polizia ha poi rivelato che Jaffer aveva confessato l'omicidio, dicendo che intendeva uccidere Noor se avesse rifiutato la sua proposta di matrimonio.

Il suo DNA e le impronte digitali hanno confermato il suo coinvolgimento nel omicidio.

Jaffer è stato condannato a morte per omicidio premeditato.

I suoi co-imputati, Mohammad Iftikhar e Mohammad Jan, sono stati incarcerati ciascuno per 10 anni per favoreggiamento in omicidio.

Ma i genitori di Jaffer, Zakir Jaffer e Asmat Adamjee, e i dipendenti di Therapy Works furono assolti.

Shaukat Mukadam aveva chiesto la "massima punizione" per l'imputato.

Parlando del giudice Ata Rabbani, Shaukat ha detto:

"Ha condotto un processo equo e trasparente".

Ha aggiunto: “È stato un momento difficile, ma avevo piena fiducia in mia figlia. Noor Mukadam era una brava ragazza e non era coinvolta in niente di sbagliato".

Dopo il verdetto, Shaukat ha salutato la sentenza pronunciata a Jaffer.

Ha detto: “Una punizione esemplare è stata inflitta all'imputato primario.

“Tutti pregavano [per la giustizia]. L'intera nazione e il mondo erano con noi".

Il caporedattore Dhiren è il nostro redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    "Chi governa il mondo" nel T20 Cricket?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...