Cosa significa per te l'accordo sulla Brexit nel Regno Unito?

L'accordo commerciale e di sicurezza sulla Brexit tra Regno Unito e UE è uscito con il suo primo schema. Elenchiamo gli elementi chiave che dovresti conoscere.

Cosa significa l'accordo Brexit nel Regno Unito per You_-f

I cittadini britannici non avranno più la libertà di vivere, studiare, lavorare nell'UE

Il 24 dicembre 2020 il Regno Unito e l'UE hanno concluso il loro accordo commerciale e di sicurezza, il più grande patto commerciale bilaterale della storia.

Non è stato pubblicato per intero, ma il documento iniziale del 2000 ci dà un'idea di ciò che l'accordo contiene.

Diventerà esecutivo solo dopo che le due parti lo avranno approvato. Nei prossimi giorni ne sapremo di più sugli sviluppi.

L'accordo sembra molto completo e include elementi di ampio respiro come tariffe, pesca, protezione dei dati e molto altro.

L'accordo sulla Brexit avrà un impatto su persone e aziende in tutta Europa e nel Regno Unito.

Pertanto, è importante che tu sappia quali ripercussioni avrà l'accordo sulla vita quotidiana delle persone.

Ecco uno sguardo ai diversi elementi dell'accordo.

Commercio

I programmi commerciali precedentemente affidabili rimarranno in vigore, il che significa che i produttori nel Regno Unito dovranno aderire a entrambi EU e gli standard del Regno Unito.

Qualifiche professionali

La vecchia pratica di dare riconoscimento automatico a medici, infermieri, dentisti, farmacisti, veterinari, ingegneri, architetti cesserà di esistere.

Dovranno chiedere il permesso allo Stato membro in cui vogliono lavorare.

Mobilità

I cittadini britannici non avranno più la libertà di vivere, studiare, lavorare o avviare un'impresa nell'UE.

Le persone che desiderano rimanere nell'UE per più di 90 giorni dovrebbero ottenere un Visa.

Tuttavia, sarà consentito il coordinamento di alcune prestazioni di sicurezza sociale (come le pensioni di vecchiaia e l'assistenza sanitaria).

Ciò aiuterebbe le persone a lavorare all'estero ea non perdere i contributi già versati all'assicurazione nazionale.

Espandi tariffe

Ci sarà un accesso senza dazi e quote a uno dei mercati più importanti del mondo.

Supererà gli accordi che l'UE ha con Canada e Giappone.

Pesca

Il Regno Unito non farà parte della politica comune della pesca.

Il fatturato annuale dell'UE per la pesca dalle acque del Regno Unito è di circa 650 milioni di euro, mentre i pescherecci britannici ricevono 850 milioni di euro.

Ci sarà un cambiamento nelle vecchie quote poiché le nuove quote ridurranno la quota dell'UE del 25%. Ciò continuerà fino al 2026.

Entro la fine di questo periodo, un quarto delle catture dell'UE (per un valore di 162.5 milioni di euro all'anno) verrà rispedito alle navi del Regno Unito.

Attualmente, le navi dell'UE possono pescare da sei a 12 miglia nautiche dalla costa britannica.

Dopo il periodo di transizione, ci saranno negoziati annuali sull'accesso alle acque e sulla quantità di pesce catturato da ciascuna parte.

Entrambe le parti richiederanno un preavviso di tre mesi se vogliono limitare o chiudere l'accesso alle loro acque.

Se l'accesso viene negato a una parte, l'altra può chiedere un risarcimento o applicare tariffe in determinate proporzioni.

Aiuto di Stato

L'UE aveva sostenuto che il Regno Unito dovrebbe allinearsi alle sue norme sugli aiuti di Stato.

Bruxelles temeva che il Regno Unito potesse cercare un vantaggio competitivo attraverso i sussidi.

Tuttavia, Downing Street è riuscita a rifiutare con successo l'idea.

Il Regno Unito istituirà un proprio regime di sussidi. Un nuovo organismo preposto all'applicazione della legge prenderà le decisioni sulle sovvenzioni.

Questo organismo deciderà se l'aiuto di Stato crea problemi al commercio dopo che la sovvenzione è stata concessa.

Si tratta di un ampio margine di manovra concesso dall'UE al Regno Unito.

Tuttavia, il nuovo regime di sovvenzioni del Regno Unito è tenuto a rispettare i principi chiave incorporati nell'accordo.

Se in ogni caso, l'organismo nazionale di contrasto non rispetta questi principi, entrambe le parti possono ricorrere a misure correttive.

Origine delle merci

Questo accordo definisce ciò che le merci sarebbero chiamate "made in Britain".

Il Regno Unito ha chiesto che i materiali dell'UE vengano etichettati come merci britanniche quando i prodotti finiti vengono esportati nel mercato europeo.

Una tariffa decisa in base all'accordo verrebbe applicata a un prodotto solo se più del 40% del suo valore (prima della finitura) non fosse di origine britannica o da un paese non UE come il Giappone.

Questo darà origine a molte nuove pratiche burocratiche e procedure che le aziende dovranno comprendere in un breve periodo di tempo.

Tuttavia, il Regno Unito non è stato in grado di ottenere un accumulo diagonale.

Per questo motivo, i materiali provenienti da paesi come la Turchia e il Giappone, che hanno accordi commerciali con il Regno Unito e l'UE, non possono essere etichettati come input britannici.

In un accordo separato, l'UE ha fornito l'elenco di paesi terzi del Regno Unito, a condizione che il Regno Unito soddisfi le condizioni necessarie.

Le condizioni sono i controlli standard sulla salute degli animali e sulla biosicurezza. Sono necessari prima di esportare animali vivi e prodotti animali nell'UE.

Standard / ritorsioni

È stato stabilito un livello minimo di standard sociali, ambientali e lavorativi che entrambe le parti dovranno mantenere.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha affermato che ogni quattro anni verrà effettuata una revisione per garantire che le condizioni di parità siano intatte e funzionanti.

Secondo Downing street, l'UE ha insistito su una "clausola evolutiva" o un "meccanismo di equivalenza".

Se accettato, ciò avrebbe consentito all'UE di applicare tariffe sulle merci del Regno Unito senza reciprocità se gli standard fossero declassati nel tempo.

Se una parte innalzava o cambiava questi standard, l'altra avrebbe dovuto fare lo stesso o affrontare le conseguenze.

Alla fine, entrambe le parti sono giunte a una conclusione, che è più vicina agli obiettivi del Regno Unito che a quelli dell'UE.

Downing Street ha chiesto un'opzione di riconsiderazione per il futuro in cui entrambe le parti possono decidere di migliorare gli standard.

Il risultato finale prevede una clausola di revisione o "riequilibrio", che consentirà alle parti di avviare una revisione formale degli standard stabiliti e di altre parti economiche dell'accordo.

Se una delle parti insiste nell'introdurre nuovi standard, l'altra parte può applicare le tariffe.

Queste tariffe saranno decise da un collegio arbitrale indipendente.

Risoluzione delle controversie

Era una delle aree più cruciali e difficili da negoziare perché qualsiasi regola stabilita avrebbe governato le controversie legate al commercio per molti anni a venire.

L'UE aveva espresso preoccupazione per la capacità del Regno Unito di allontanarsi dagli standard dell'UE in futuro.

Temevano che il Regno Unito potesse assicurarsi un grande vantaggio competitivo su questo e diventare un "Singapore sul Tamigi".

Ora, se una delle parti ritiene che il commercio venga manipolato, può intraprendere l'azione appropriata dopo la discussione.

Verrà istituito un collegio arbitrale che si riunirà entro 30 giorni e giudicherà la controversia.

Se le misure o l'azione si rivelano eccessive o imprecise, la parte scontenta può chiedere un adeguato risarcimento.

Con ogni probabilità, per attuare il trattato sarà istituito un organo di governo sovrastante, composto da sottocomitati.

Scienze

Il Regno Unito ha accettato di diventare un membro associato pagante del programma faro dell'UE da 80 miliardi di euro Horizon Europe per sette anni.

Continuerà inoltre a partecipare a Copernicus ed Euratom.

Transport

Secondo l'accordo, l'aviazione e il trasporto continueranno come prima.

Gli aerei passeggeri e cargo potranno ancora volare e atterrare nell'UE.

Ciò includerebbe i voli di scalo da Heathrow e altrove nel Regno Unito che provengono dall'esterno del Regno Unito.

Gli autotrasportatori possono continuare a guidare senza permessi speciali, sebbene siano forniti in numero limitato, nei paesi al di fuori dell'UE.

Questa è una buona notizia per le persone nel settore della logistica che avrebbero potuto essere bloccate in gran numero se non fosse stato concordato.

Questo accordo è stato stipulato a condizione che il Regno Unito rimanga membro dello Spazio aereo comune europeo.

Tuttavia, in un accordo temporaneo e sarà rinegoziato nell'immediato futuro.

Erasmus

Il Regno Unito si è ritirato dal programma di scambio universitario.

Il Regno Unito ha rifiutato il programma perché l'UE voleva che fossero su un piano di pagamento di sette anni per diventare un membro associato.

Tuttavia, il 24 dicembre 2020 il governo irlandese ha confermato che gli studenti dell'Irlanda del Nord possono continuare a far parte di Erasmus.

Il governo irlandese vuole mantenere la promessa che i cittadini irlandesi non avrebbero uno svantaggio sui loro concittadini nel sud.

I cittadini dell'Irlanda del Nord possono anche sostituire il programma della tessera sanitaria europea (TEAM) con uno finanziato dal governo irlandese.

Sicurezza e forze dell'ordine

Il Regno Unito e l'UE hanno convenuto che le indagini di polizia e le forze dell'ordine transfrontaliere possono continuare a funzionare.

Tuttavia, questo dipende dall'accordo secondo cui il Regno Unito rimarrà una parte, non tutti, ma alcuni programmi di scambio chiave.

Inoltre, il Regno Unito non prenderà più parte al sistema di mandato d'arresto europeo.

Inoltre, non sarà un membro a pieno titolo di Europol o Eurojust.

Tuttavia, il Regno Unito sosterrà Europol ed Eurojust e continuerà a cooperare con la polizia nazionale e le autorità giudiziarie.

Il Regno Unito disporrà inoltre di un "meccanismo di accesso" per il sistema d'informazione Schengen (SIS II).

SIS II è un database automatizzato che condivide le informazioni della polizia relative a furti e persone scomparse.

È stato inoltre stipulato un accordo che entrambe le parti continueranno a utilizzare congiuntamente i Passenger Name Records, che fornisce dati in tempo reale sul movimento dei passeggeri aerei e dei traghetti.

Si tratta di uno strumento che aiuta a tenere traccia delle attività terroristiche, del DNA, del database Prüm delle impronte digitali e delle targhe automobilistiche dei sospettati.

Servizi TV

Con un duro colpo, il Regno Unito ha perso un accordo favorevole nel settore audiovisivo. La Francia è stata in grado di escludere quest'area dall'accordo.

Questa è una battuta d'arresto enorme per il Regno Unito perché ospita circa 1,400 emittenti che costituiscono il 30% di tutti i canali nell'UE.

I fiorenti fornitori di servizi televisivi e video on demand del Regno Unito non saranno in grado di offrire servizi paneuropei ai telespettatori europei.

A meno che non trasferiscano parte della loro attività in uno stato membro dell'UE, non potranno farlo.

Viaggia nell'UE per lavoro retribuito

Il personale nominato nell'UE per affari, come dirigenti e specialisti, potrà restare fino a tre anni.

I dipendenti in formazione possono rimanere fino a un anno.

Le persone che intraprendono un'attività a breve termine avranno bisogno di un permesso di lavoro e possono rimanere per un periodo fino a 90 giorni in un periodo di 12 mesi.

I lavoratori distaccati britannici e le persone che viaggiano per affari e rimangono nell'UE per un breve periodo potrebbero dover affrontare multe.

Dopo l'uscita dal mercato unico del Regno Unito, tuttavia, se ottengono l'autorizzazione preventiva, non saranno multati.

L'accordo prevede disposizioni specifiche "per facilitare viaggi di lavoro di breve durata e distacchi temporanei di dipendenti altamente qualificati".

Parlando dell'uso di un framework per MRPQ all'interno dell'accordo, il Regno Unito ha affermato:

"Dall'inizio del 2021, il governo fornirà aiuto e guida alle autorità di regolamentazione e agli organismi professionali del Regno Unito"

MRPQs - Mutual Recognition of Professional Qualifications - è un meccanismo che consente a lavoratori come medici, ingegneri e architetti di ottenere il riconoscimento delle proprie qualifiche in tutti gli Stati membri.

Il Regno Unito ha detto che questo non sarà ignorato.

Per i contratti più piccoli, le due parti possono accedere reciprocamente ai mercati degli appalti pubblici.

Ciò sarà della massima importanza perché entrambe le parti hanno fatto enormi investimenti e stanno cercando di riprendersi dalla pandemia Covid-19.

Altri servizi

A causa della Brexit, il Regno Unito perderà parte dell'accesso al mercato per il commercio di servizi finanziari.

Il settore dei servizi rappresenta più di 40% delle esportazioni totali del Regno Unito verso l'UE e vale l'80% dell'attività economica del Regno Unito.

Inoltre, nell'accordo è stata prevista anche una disposizione per il flusso di dati.

Ciò è possibile solo se entrambe le parti sono convinte che le regole di protezione dei dati dell'altra parte siano sufficientemente solide da consentire lo spostamento dei dati tra le due.

Tuttavia, secondo il Regno Unito, questa disposizione è a breve termine e rimarrà "non più di 6 mesi".

Passo successivo

Per far rispettare l'accordo, dovrà ottenere l'approvazione dei governi membri del blocco attraverso il Consiglio dell'UE entro il 31 dicembre 2020.

Il Parlamento europeo guarderà con attenzione all'accordo sulla Brexit e voterà l'accordo all'inizio del 2021.

Dall'altro lato, ci sarà un incontro tra la Camera dei Lord del Regno Unito e la Camera dei Comuni il 30 dicembre 2020, dove si svolgeranno le votazioni.

Gazal è laureata in letteratura inglese e media e comunicazione. Ama il calcio, la moda, i viaggi, i film e la fotografia. Crede nella fiducia e nella gentilezza e vive secondo il motto: "Sii impavido nella ricerca di ciò che infiamma la tua anima".

Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Quale di questi è il tuo marchio preferito?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...