Violent Thug ha lanciato attacchi improvvisi contro le prostitute

Un uomo è scoppiato in violenza senza preavviso e ha lanciato orribili aggressioni contro due prostitute dopo averle incontrate.

Il delinquente violento ha lanciato attacchi improvvisi contro le prostitute f

"Sto violentando questa fottuta stronza."

Mohammed Nadeem Hussain, 26 anni, di Manchester, è stato condannato all'ergastolo per i suoi attacchi improvvisi a due prostitute.

Ha cercato di violentarne uno e di picchiare duramente l'altro dopo averli incontrati a Cheetham Hill, con gli attacchi avvenuti a pochi minuti l'uno dall'altro.

Gli attacchi sono avvenuti nelle prime ore del 10 agosto 2022. Uno è avvenuto in un parcheggio, l'altro in un vicolo.

Entrambe le donne hanno detto che Hussain inizialmente sembrava "simpatico e amichevole" e ha chiacchierato con la coppia.

Le prostitute hanno accettato di avere rapporti sessuali consensuali con lui dietro pagamento.

Ma Hussain è diventato violento “apparentemente dal nulla” e “si è rallegrato del modo degradante e umiliante con cui li ha trattati”.

La prima vittima, la donna A, ha detto alla corte di aver accettato di fare sesso orale su Hussain. Ma ad un certo punto l'ha trascinata a terra e ha cercato di violentarla.

Secondo i pubblici ministeri, la donna A credeva che Hussain la stesse filmando e ha detto:

"Sto violentando questa fottuta stronza."

L'attacco è durato circa 20 minuti prima che Hussain venisse “disturbato” da un passante.

Dal processo è emerso che la seconda vittima, la donna B, è morta da allora per una malattia non correlata.

In una video intervista prima della sua morte, ha detto che Hussain le aveva chiesto di chiamarlo “sporco stupratore” durante l’attacco.

La donna B credeva che Hussain "si stesse godendo quello che le stava facendo".

Dopo aver abbassato i pantaloni di Hussain, la donna B è riuscita a scappare.

Hussain ha affermato che gli alterchi sono avvenuti perché credeva che le lavoratrici del sesso stessero "cercando di derubarlo".

Ma è stato condannato per tentato stupro e aggressione con lesioni personali reali (ABH).

Hussain avrebbe dovuto essere condannato il 30 novembre ma si rifiutò di presentarsi in tribunale. Il caso è stato aggiornato per dargli un'altra possibilità di partecipare, ma lui ha rifiutato nuovamente.

Il 1° dicembre Hussain è stato condannato all'ergastolo, a scontare un minimo di 12 anni.

Dopo la sentenza, il sergente Natasha Feerick, del CID di North Manchester del GMP, ha dichiarato:

“In primo luogo, devo lodare il coraggio delle donne che si sono fatte avanti, questo caso è stato estremamente difficile da affrontare.

“Le vittime hanno spesso dichiarato di non sentirsi credute a causa del loro lavoro.

“I dettagli addotti dai denuncianti rivelavano che Hussain era un uomo che si compiaceva della loro sofferenza e che provava piacere nel degradarli e umiliarli.

“Alla fine, indipendentemente dal loro lavoro o da come è iniziato l'incontro, le vittime si sono fatte avanti perché, come qualsiasi altra persona, hanno autonomia sul proprio corpo e non dovrebbero essere soggette ad abusi sessuali.

“Volevano che l’uomo che li aveva violati fosse assicurato alla giustizia.

“Non avevano mai denunciato un reato sessuale alla polizia prima e una delle vittime ha trovato estremamente traumatico testimoniare – è stato molto difficile convincerla a venire in tribunale, cosa che comprendiamo sia comune con reati di questa natura.

“La sentenza di oggi testimonia il coraggio di queste donne nel farsi avanti.

“Ci hanno permesso di mettere un pericoloso delinquente dietro le sbarre e di impedirgli di fare del male a più donne”.

“Come squadra di agenti, vogliamo diffondere il messaggio affinché le vittime si sentano sicure nel denunciare il crimine a GMP.

“Non importa cosa fai o chi sei, ti sosterremo e ti tratteremo con la dignità che meriti e ti aspetti. Se ci parli, ti ascolteremo”.

Stacey Gosling, del CPS, in precedenza disse:

“Mohammed Hussain rappresenta chiaramente un pericolo per le donne.

“Ha compiuto terrificanti attacchi sessuali e violenti contro due donne a pochi minuti di distanza l’una dall’altra e le ha ulteriormente degradate chiamandole con nomi disgustosi mentre lo faceva.

“Purtroppo, una delle donne è morta a causa di una malattia non correlata prima del processo, tuttavia, abbiamo chiesto con successo al tribunale il permesso di presentare la sua video intervista alla giuria.

“Dopo un attento esame di tutte le prove, la giuria ha ritenuto Hussain colpevole degli attacchi.

“La legge sul consenso è chiara: acconsentire in una occasione non significa acconsentire in ogni occasione.

“Ogni individuo ha il diritto di revocare il consenso all’attività sessuale in qualsiasi momento lo desideri. Il CPS è impegnato a consegnare alla giustizia i colpevoli che commettono crimini contro le donne”.

Dhiren è una laureata in giornalismo con la passione per i giochi, la visione di film e lo sport. Gli piace anche cucinare di tanto in tanto. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Acquisteresti una versione standalone di Call of Duty: Modern Warfare Remastered?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...