Vinesh Phogat ferito dal silenzio di Modi sulla questione degli abusi sessuali

Il wrestler indiano Vinesh Phogat ha espresso il suo disappunto per il silenzio di Narendra Modi sulla questione degli abusi sessuali nel wrestling.

Vinesh Phogat ferito dal silenzio di Modi sulla questione degli abusi sessuali f

"Ho provato solo un profondo senso di umiliazione"

Il campione del Commonwealth Vinesh Phogat ha criticato il ritmo di un'inchiesta della polizia sulle accuse di molestie sessuali contro il presidente della Wrestling Federation of India (WFI) Brij Bhushan Sharan Singh.

Ha aggiunto di essere stata ferita anche dal silenzio del primo ministro Narendra Modi sulla questione.

Phogat è una delle sette atlete ad aver presentato una denuncia alla polizia Custodie contro Singh, accusandolo di averli molestati sessualmente.

Singh ha negato le accuse.

Fogato disse: "Ho provato solo un profondo senso di umiliazione da quando ho trovato il coraggio di protestare".

La polizia di Delhi ha intentato due cause contro Singh, di cui una ai sensi della legge sulla protezione dei bambini dai reati sessuali.

Vinesh Phogat ha affermato che durante i campi di addestramento e i tornei, Singh avrebbe usato "ogni modo possibile per individuare i giovani atleti e palpeggiarli ripetutamente".

Ha continuato: "Era lo stesso schema disgustoso ancora e ancora e io sono tra le vittime".

Nella sua denuncia, Phogat ha affermato di aver contemplato il suicidio dopo il "trauma mentale". Si è sentita rinvigorita dopo un incontro del 2021 con Narendra Modi, che ha promesso di esaminare le lamentele delle lottatrici.

Ma due anni dopo, dal PM non ha più notizie.

Phogat ha dichiarato: "È stato emotivamente estenuante, il primo ministro non ha detto nulla su questo caso".

Ha detto che le presunte vittime si erano anche lamentate con il ministro dello sport Anurag Thakur in "maggiori dettagli".

"Ma lui (Thakur) non era solo interessato ad ascoltare le mie preoccupazioni... era impegnato al telefono mentre gli parlavo."

Un avvocato e stretto collaboratore di Brij Bhushan Sharan Singh ha affermato che le accuse erano false e fabbricate dagli atleti per offuscare la sua carriera.

Phogat ha spiegato: "Il fatto che nessuno ci stesse ascoltando ha costretto me e altri a iniziare una protesta pubblica perché volevamo che la nazione sapesse come venivano maltrattati i migliori atleti".

I lottatori hanno iniziato a protestare nel gennaio 2023, ma si sono fermati dopo che Singh è stato privato di ogni potere amministrativo al WFI.

La protesta è ripresa il 23 aprile, ma diversi lottatori sono stati brevemente arrestati e il luogo della protesta è stato sgombrato con la forza il 28 maggio, suscitando critiche.

I lottatori hanno anche minacciato di gettare le loro medaglie nel Gange prima di accettare di incontrare il ministro dell'Interno Amit Shah e successivamente il ministro dello sport.

Anurag Thakur ha detto che la polizia avrebbe completato le indagini entro il 15 giugno e ha chiesto ai lottatori di non manifestare fino ad allora.

Vinesh Phogat ha continuato: "Volevamo che Singh fosse trascinato fuori da casa sua, ma poiché è un uomo potente va in giro e ci viene detto di restare a casa".

Domenica Singh terrà una manifestazione pubblica nel suo collegio elettorale politico.

Il Comitato olimpico internazionale ha condannato la detenzione dei lottatori e ha criticato la "mancanza di risultati" nelle indagini.

Dhiren è una laureata in giornalismo con la passione per i giochi, la visione di film e lo sport. Gli piace anche cucinare di tanto in tanto. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    È giusto abortire per "izzat" o per onore?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...