Il pugile indiano Vijender Singh diventa professionista

La medaglia di bronzo olimpica Vijender Singh ha concluso la sua carriera in India mentre si è rivolto alla boxe professionistica dopo aver firmato un contratto pluriennale con Queensberry Promotions. Singh combatterà sei volte nel suo primo anno da pugile professionista.

Singh

"Sono entusiasta di diventare professionista e non vedo l'ora che arrivi il nuovo capitolo".

Vijender Singh, il più grande pugile dilettante indiano, ha annunciato che ora sta diventando professionista e salterà i Giochi Olimpici del 2016 a Rio mentre lancia la sua nuova carriera.

In una conferenza stampa a Londra lunedì 29 giugno 2015, Singh ha dichiarato di aver firmato un lucrativo accordo promozionale pluriennale con Queensberry Promotions e IOS Sports & Entertainment.

L'accordo significherà che Singh combatterà un minimo di sei volte nel suo primo anno da professionista, e questo momento segna una nuova ed emozionante tappa della sua carriera.

La medaglia di bronzo delle Olimpiadi di Pechino 2008 ha dichiarato alla conferenza stampa:

“Sono entusiasta di diventare professionista e non vedo l'ora che arrivi il nuovo capitolo della mia vita.

“Voglio allenarmi duramente ed esibirmi per il mio paese a livello globale. Il mio obiettivo immediato sarà quello di lavorare sodo e fare un buon record di boxe nel prossimo anno o giù di lì. "

Singh si è già guadagnato il suo posto come uno dei pugili dilettanti di maggior successo dell'India, vincendo l'argento ai Giochi del Commonwealth del 2006 e 2014 e una medaglia di bronzo ai Giochi asiatici del 2006, Ha anche vinto l'oro ai Giochi asiatici del 2010 ed è stato valutato il numero uno al mondo pugile medio nel 2009.

La sua medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 è stato anche un momento importante nella storia sportiva dell'India, essendo la prima medaglia di boxe del paese alle Olimpiadi.

Medaglia olimpica SinghIl potenziale di Singh per progredire nella boxe è stato riconosciuto da Francis Warren, figlio del promotore della International Boxing Hall of Fame, Frank Warren. Francesco parlando ai media ha detto:

"Sono molto entusiasta di aver portato un individuo così talentuoso e determinato nel Regno Unito e non vedo l'ora di vedere cosa è capace di fare Vijender nei ranghi professionisti dopo aver ottenuto così tanto come dilettante".

Warren ha continuato: "Ha un'idea chiara di ciò che vuole ottenere e sono felicissimo che lo farà con Queensberry Promotions e BoxNation".

L'accordo tra le promozioni Singh e Queensberry è entusiasmante, poiché Queensberry è già responsabile della gestione di oltre 40 atleti di boxe professionisti. Producendo 20 campioni, la società ha gestito una serie di pugili tra cui Amir Khan, Chris Eubank e Ricky Hatton per citarne alcuni.

Neerav Tomar, MD e CEO di IOS Sports & Entertainment ha dichiarato: “È un momento storico per la boxe indiana con Vijender che diventa professionista.

"È un combattente di alto livello ed è estremamente motivato ad allenarsi duramente e ad esibirsi. Vijender sarà il portabandiera di una nazione di oltre un miliardo di persone ".

Singh, che ha 29 anni e originario dello stato di Haryana in India, è ora pronto a trasferirsi in una base di addestramento a Manchester, in Inghilterra. Lavorerà sotto l'acclamato allenatore di boxe Lee Beard, che in precedenza era l'allenatore della star britannica di boxe Ricky Hatton.

Con una squadra così impressionante intorno a lui, la carriera e lo sviluppo di Singh nel pugilato sembrano andare verso una direzione eccitante. Vijender Singh è sicuramente un pugile a cui prestare attenzione nei prossimi anni.

Eleanor è una laureata inglese, che ama leggere, scrivere e tutto ciò che riguarda i media. Oltre al giornalismo, è anche appassionata di musica e crede nel motto: "Quando ami quello che fai, non lavorerai mai un altro giorno nella tua vita".

Immagine in alto per gentile concessione di Indian Express