Il cantante veterano Jagjit Kaur muore a 93

Jagjit Kaur, cantante veterana e moglie del leggendario compositore Khayyam, è morta all'età di 93 anni.

Il cantante veterano Jagjit Kaur muore a 93 f

"Ho potuto vedere solo le lacrime che le scorrevano sulle guance"

Il cantante veterano Jagjit Kaur è morto il 15 agosto 2021, all'età di 93 anni, a causa di un'insufficienza multiorgano.

La moglie del defunto compositore di musica Khayyam era in ospedale da 15 giorni dopo che i suoi livelli di ossigeno erano scesi.

Raj Sharma è l'ex manager di Khayyam. Egli ha detto:

“Non si è tenuta bene negli ultimi 15 giorni.

“Il suo livello di ossigeno era sceso e anche i suoi organi stavano cedendo, quindi abbiamo dovuto ricoverarla in ospedale.

"È morta stamattina".

Ha continuato dicendo che ha eseguito gli ultimi riti di Jagjit come gli aveva ordinato Khayyam. Raj ha continuato:

“Khayyam saab è stato colui che mi ha portato a Mumbai nel 1975.

"Devo a lui tutto quello che ho ottenuto oggi e lui mi aveva detto, se gli succedesse qualcosa dovrò prendermi cura di Jagjitji, cosa che ho fatto".

Ha aggiunto: “Avevano perso il figlio nel 2012 e dopo la morte di Khayyam Saab, lei aveva perso interesse per la vita e non stava combattendo per sopravvivere.

"Anche qui in ospedale, ho potuto vedere solo le lacrime che le scorrevano lungo le guance quando mi teneva la mano".

Jagjit Kaur è noto per cantare artisti del calibro di "Tum Apna Ranjo Gham Apni Pareshani", "Kaahe Ko Byahi Bides" e "Pehle to Ankh Milana".

Ha sposato Khayyam nel 1954 ed è stato uno dei primi matrimoni intercomunali nell'industria cinematografica indiana.

Dopo la morte del figlio, Jagjit e Khayyam fondarono il Khayyam Jagjit Kaur KPG Charitable Trust per sostenere aspiranti artisti e tecnici in India.

Il custode di Khayyam, Yogesh, che ha vissuto con Jagjit negli ultimi due anni, ha detto di sentire ancora la sua presenza.

“Le sue condizioni negli ultimi 15 giorni erano peggiorate e il suo recupero sembrava difficile.

“Era come mia nonna, io e mia moglie ci siamo presi cura di lei. Ero lì con lei e mi assicuravo che nessuno la disturbasse.

“Il mio primo figlio è nato dopo la morte di Khayyam Saab e Jagjitji era così felice di vedere mio figlio.

“La abbracciava e diceva: 'Se Pappaji fosse stato vivo, sarebbe stato felice'.

"Vorrei che vivesse più a lungo anche se la sua salute non era buona, ma non avevo la sensazione che avesse rinunciato alla vita".

Raj Sharma ha spiegato cosa accadrà ai premi e ai beni dopo la morte di Jagjit.

Ha detto: “La fiducia deciderà se terremo la casa e sposteremo tutti i trofei e altri cimeli in un unico posto.

"Se nessuno lo reclama, terrò tutti i suoi trofei con me proprio accanto alla sua fotografia che ho in casa".

Dhiren è una laureata in giornalismo con la passione per i giochi, la visione di film e lo sport. Gli piace anche cucinare di tanto in tanto. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Preferisci il cibo Desi o Non Desi?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...