Una donna indiana americana si suicida dopo 8 anni di abusi domestici

Una donna indiana degli Stati Uniti si è tragicamente tolta la vita dopo aver presumibilmente subito otto anni di abusi domestici per mano del marito.

Donna indiana americana si suicida dopo 8 anni di abusi domestici f

"Devo lasciare i miei figli e andarmene ora."

Una donna indiana degli Stati Uniti si è suicidata nella sua casa di Richmond, New York, dopo essere stata vittima di abusi domestici per otto anni.

In un video, Mandeep Kaur ha spiegato gli abusi che ha subito per mano del marito Ranjodhbeer Singh Sandhu.

Oltre agli abusi domestici, suo marito l'ha tradita con numerose donne.

La coppia è originaria di Bijnor, nell'Uttar Pradesh, e ha due figlie.

Nel video, Mandeep ha dichiarato: “Sono davvero molto triste. Sono passati otto anni. Ho fatto del mio meglio. Sono stato picchiato ogni giorno.

“Ho sofferto lui e le sue percosse, pensando che un giorno migliorerà. Ma no, mi ha picchiato per otto anni.

“Aveva relazioni extraconiugali. Abbiamo vissuto lì (in India) per i primi due anni e mezzo ed è stato un inferno.

“Poi siamo venuti qui. Si sarebbe ubriacato e mi avrebbe picchiato. A volte mi picchiava anche senza essere ubriaco. Avrebbe battuto, me e per di più, sarebbe stato con altre donne. Ho cercato di sopportarlo per i miei figli.

“Mio padre ha registrato un caso di polizia. Poi ha iniziato a chiedere l'elemosina, dicendo: 'salvami, salvami'. L'ho salvato.

“Ho cercato di sistemare tutto bene. Ma i miei suoceri non hanno fatto nulla per aiutarmi. Dio lo mostrerà a tutti. Non dirò niente. Dio punirà tutti. Vi siete uniti tutti e mi avete lasciato impotente. Devo lasciare i miei figli e andarmene adesso".

Guarda il video. Avvertimento – Filmati angoscianti

Diversi video degli abusi, che sono stati per lo più catturati dalle telecamere a circuito chiuso della casa, sono stati condivisi sui social media.

Un video mostrava Sandhu che spingeva Mandeep sul letto e la strangolava. Nel frattempo, le loro figlie piangono e lo supplicano di smetterla.

In un altro video, Sandhu la insulta verbalmente, dicendo che voleva un figlio, non figlie.

La sorella minore di Mandeep, Kuldeep Kaur, ha detto di aver parlato al telefono il 2 agosto 2022.

Kuldeep ha spiegato: “Mi ha detto come suo marito continua a picchiarla e come l'ha tradita.

"Non avevamo idea che Mandeep avrebbe fatto un passo così estremo."

Secondo quanto riferito, Mandeep e Sandhu si sono sposati nel 2014.

Kuldeep ha affermato che Sandhu era stato precedentemente espulso dalla Nuova Zelanda prima di andare negli Stati Uniti dove ha lavorato a Miami per qualche tempo prima di iniziare la sua attività di trasporto.

La famiglia di Mandeep ha detto che cercherà la custodia dei due bambini.

Hanno anche fatto appello al governo e alla comunità sikh negli Stati Uniti per aiutare a portare il suo corpo in India.

In una dichiarazione, Aiuti alle donne sikh hanno affermato di aver condotto una revisione degli omicidi domestici sulle donne sikh che sono state uccise dai loro mariti.

“Il nostro recente sondaggio ha mostrato che il 70% di tutti gli intervistati ha subito una qualche forma di abuso domestico, mentre il 35% ha subito abusi e sfruttamento sessuale da bambino.

“La comunità sikh è in crisi e il numero di donne morte per abusi domestici è in aumento”.

Il suicidio di Mandeep Kaur ha portato all'hashtag #GiustiziaPerMandeep trend su Twitter, con molti che sottolineano come il caso abbia gettato luce sulla cultura tossica che celebra la mascolinità.

Molti hanno anche protestato fuori casa sua con segni su come la società ha fallito Mandeep.

Uno ha scritto: “Riposa al potere Mandeep Kaur, mi dispiace così tanto che ti abbiamo deluso.

“Sto pregando per i tuoi angioletti, che crescano in un mondo migliore. Possa il tuo amore vegliare su di loro sempre.

Un altro ha detto: "Perché i genitori insegnano alle loro figlie che se vogliono condurre una vita cosiddetta 'felice sposata', deve sigillare le labbra per il resto della sua vita, invece di assicurarsi che siano sempre con loro e davvero con le porte sono aperti nel caso in cui incontrasse qualche sfida.

Il caporedattore Dhiren è il nostro redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Quanto spesso mangi fuori in un ristorante asiatico?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...