Spacciatore di cocaina "intoccabile" arrestato dopo un errore su Facebook

Uno spacciatore di cocaina in posa per la Ferrari che pensava di essere "intoccabile" è stato smascherato dopo aver commesso un errore su Facebook.

Spacciatore di cocaina "intoccabile" smascherato dopo l'errore di Facebook f

"è la foto di un uomo seduto al posto di guida di una Ferrari rossa"

Uno spacciatore di cocaina è stato smascherato dopo aver pubblicato i dettagli della propria pagina Facebook su EncroChat, una rete utilizzata dai criminali.

Farhan Alam pensava di essere “intoccabile” quando inviava messaggi ad altri criminali per organizzare lo spaccio di droga.

Ma quando la polizia ha violato la rete di comunicazione criptata, gli investigatori hanno trovato prove che dimostrano il coinvolgimento di Alam.

Nonostante abbia commesso crimini sotto pseudonimo, Alam ha pubblicato informazioni incriminanti che lo collegavano al nome utente "Knockoutguy" su EncroChat.

In un messaggio ha pubblicato il suo numero di cellulare e in un altro ha condiviso il codice postale di casa sua. Il suo telefono EncroChat e il suo numero di telefono personale sono stati localizzati in diverse occasioni.

Alam ha anche pubblicato i dettagli della sua pagina Facebook in una conversazione EncroChat.

Il procuratore Neil Fryman ha detto alla Crown Court di Manchester:

“Il 29 aprile 2020, Knockoutguy ha effettivamente inviato uno screenshot della pagina Facebook a un altro handle.

“Le indagini hanno rivelato che il profilo Facebook era l'imputato.

"Si può vedere chiaramente in quella foto, è l'immagine di un uomo seduto al posto di guida di una Ferrari rossa con il braccio che gli copre il viso."

Il giorno successivo, un socio ha chiesto ad Alam se sarebbe “arrivato con una Ferrari”.

Il giudice Hilary Manley ha detto ad Alam:

«Per un periodo di circa cinque mesi avete acquistato e venduto farmaci di classe A e B nell'ambito di un'associazione a delinquere.

«Eri in effetti uno spacciatore di droga all'ingrosso. Compravi e vendevi su scala commerciale.

Alam ha ammesso il suo coinvolgimento nello spaccio di droga tra marzo e agosto 2020.

Nei messaggi inviati a un contatto a maggio, Alam ha detto “haze n tops è il mio gioco” e “tops è quello che faccio”. Haze è un termine gergale per indicare la cannabis, mentre tops è un termine gergale per indicare un chilo di cocaina.

I messaggi di EncroChat hanno rivelato che Alam aveva acquistato sei chilogrammi di cocaina da rivendere. Era anche coinvolto nello spaccio di cannabis.

La polizia ha scoperto le foto di due orologi Patek Philippe di lusso, del valore di £ 103,000 e £ 69,000.

Alam negò di possederli e affermò di essere un intermediario che vendeva gli orologi dietro commissione.

Si è dichiarato colpevole di aver cospirato per fornire cocaina e cannabis.

David Toal, difensore, ha detto che Alam era dipendente dalla cocaina e aveva cercato aiuto.

Ha detto che un rapporto psichiatrico ha confermato che anche Alam soffriva di problemi di salute mentale.

La corte ha ritenuto che Alam soffrisse di problemi personali “significativi”, inclusa la rottura del suo matrimonio.

Il signor Toal ha aggiunto che durante la detenzione in carcere, il suo cliente è rimasto libero dalla droga e ha ricevuto referenze positive da parte del personale.

Alam lo era condannato a sette anni di carcere e dovrà scontarne la metà.



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Vorresti sapere se stai giocando contro un bot?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...