Ospedali universitari di Birmingham coinvolti nella battaglia legale con adolescenti

University Hospitals Birmingham è l'NHS Trust coinvolto in una battaglia legale sul trattamento di Sudiksha Thirumalesh prima della sua morte.

L'adolescente ha cercato di convincere i medici a non disattivare il supporto vitale f

"Gli eventi degli ultimi mesi devono essere stati strazianti."

Gli University Hospitals Birmingham sono stati nominati come il NHS Trust coinvolto in una battaglia legale sul trattamento di un'adolescente prima della sua morte.

Sudiksha Thirumalesh aveva un raro disturbo mitocondriale ed è morta per un arresto cardiaco il 12 settembre 2023, nel contesto del litigio segnalato dalla sua famiglia con la fiducia sull'opportunità di trasferirla alle cure palliative.

La Corte di Protezione ha sentito che Sudiksha voleva recarsi in Nord America per un potenziale studio clinico, descritto come “sperimentale”.

Ma il tribunale di Londra aveva già sentito che esisteva un “disaccordo fondamentale” tra la famiglia e l'affidamento sulle cure dell'adolescente.

Gli avvocati del trust hanno detto che Sudiksha, conosciuto come ST durante la battaglia legale, stava “morendo attivamente” e soffriva di gravi episodi respiratori.

Dopo la sua morte, la famiglia di Sudiksha e i loro avvocati sono tornati alla Corte di Tutela e hanno sostenuto con successo che lei e la sua famiglia potevano essere detto pubblicamente in relazione al caso.

Suo fratello Varshan Chellamal Thirumalesh ha detto:

“Dopo un anno di lotte e sofferenze, possiamo finalmente pronunciare in pubblico il nome della nostra bellissima figlia e sorella senza paura: lei è Sudiksha. Lei è Sudiksha Thirumalesh.

“Nonostante il nostro dolore e il continuo shock per tutto ciò che abbiamo passato, oggi una parte di noi è in pace. Sudiksha era una figlia e una sorella meravigliosa che ameremo per sempre.

“Non possiamo immaginare la vita senza di lei.”

La corte aveva già sentito che la famiglia stava pianificando di presentare un ricorso contro una precedente sentenza secondo la quale Sudiksha aveva una “profonda incapacità di contemplare la realtà della sua prognosi”.

Il 29 settembre 2023, il giudice Peel ha affermato che il Trust della Fondazione NHS degli ospedali universitari di Birmingham potrebbe ora essere nominato come il trust che si prende cura di Sudiksha.

Ma le identità dei medici che hanno curato Sudiksha non hanno potuto essere pubblicate fino alla fine di novembre.

Il giudice Peel ha dichiarato: “In questo momento, così vicino alla tragica morte di ST, è probabile che l’interesse per le circostanze che hanno portato alla sua morte sia al massimo, e allo stesso modo il rischio di una condotta impropria è al massimo”. .”

La sua decisione arriva dopo aver stabilito che Sudiksha e la sua famiglia potevano essere identificati.

Il giudice ha espresso le sue condoglianze alla famiglia di Sudiksha, concludendo:

“Mentre sedevano cortesemente in tribunale, l'angoscia della madre di ST in particolare era palpabile.

“Gli eventi degli ultimi mesi devono essere stati strazianti.

“Spero sinceramente che trovino la forza di andare avanti, confortati dai tanti ricordi felici della loro amata figlia”.

In seguito alla sentenza, il padre di Sudiksha, Thirumalesh Chellamal Hemachandran, ha detto che la famiglia è rimasta delusa dalla decisione.

Ha detto: “Siamo stati ingiustamente imbavagliati da queste restrizioni alla segnalazione per oltre sei mesi.

"Se non fosse per queste restrizioni, nostra figlia potrebbe essere ancora viva."

“Siamo molto delusi dal fatto che, anche adesso, il tribunale abbia deciso di continuare a imbavagliarci per altre otto settimane per mantenere segreta l’identità dell’ospedale e dei medici.

“Non possiamo nemmeno nominare le persone che, nei nostri momenti più bui, hanno peggiorato le cose per Sudiksha e per l’intera famiglia”.

In una dichiarazione, gli University Hospitals Birmingham hanno elogiato la “devozione e dedizione” che la famiglia di Sudiksha ha dimostrato nei confronti dell'adolescente.

Hanno aggiunto: "Offriamo le nostre sincere e sentite condoglianze alla famiglia e ai cari di Sudiksha, in questo momento devastante e difficile per loro".

Il portavoce ha descritto la sua malattia come “incurabile e progressiva: non esisteva alcun trattamento noto che potesse essere efficace”, aggiungendo che non era chiaro se Sudiksha sarebbe stata abbastanza bene da poter intraprendere il viaggio in Nord America anche se il collocamento e il finanziamento fossero stati confermati.

Dhiren è una laureata in giornalismo con la passione per i giochi, la visione di film e lo sport. Gli piace anche cucinare di tanto in tanto. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Ti piace Jaz Dhami per via del suo

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...