Theresa May annuncia le elezioni generali `` Brexit '' l'8 giugno 2017

Il primo ministro britannico ha annunciato piani per un'elezione generale anticipata l'8 giugno 2017. Ha rivelato i piani sul suo podio fuori 10 Downing Street.

Theresa May annuncia le elezioni generali `` Brexit '' l'8 giugno 2017

"Abbiamo convenuto che il governo dovrebbe indire le elezioni generali, che si terranno l'8 giugno".

Il primo ministro britannico Theresa May ha annunciato che il governo pianificherà una nuova elezione generale. Il governo prevede che le "elezioni anticipate" si svolgano l'8 giugno 2017.

Ha fatto l'annuncio a sorpresa al numero 10 di Downing Street la mattina del 18 aprile 2017. Si tratta dell'ultimo sviluppo intorno alla "Brexit". Theresa May ritiene che aiuterà la posizione del paese con l'Unione europea.

Il governo britannico ha annunciato che Theresa May terrà un discorso fuori Downing Street in mattinata.

Senza alcuna idea del contenuto del discorso, erano sorte speculazioni su ciò che avrebbe detto May. La stampa ha deliberato se si sarebbe dimessa dal suo ruolo o avrebbe chiesto una nuova elezione.

Theresa May ha detto: “Ho appena presieduto una riunione del gabinetto, dove abbiamo concordato che il governo dovrebbe indire le elezioni generali, che si terranno l'8 giugno.

“La scorsa estate, dopo che il paese ha votato per lasciare l'Unione Europea, la Gran Bretagna aveva bisogno di certezza, stabilità e forte leadership, e da quando sono diventato Primo Ministro il governo ha dato proprio questo.

"Nonostante le previsioni di un pericolo finanziario ed economico immediato, dal referendum abbiamo visto la fiducia dei consumatori rimanere alta, un numero record di posti di lavoro e una crescita economica che ha superato tutte le aspettative".

Il presidente del Consiglio ha quindi spiegato le ragioni della decisione. Ha affermato che in tutti i dibattiti sulla "Brexit", i conflitti con altri partiti politici hanno creato problemi per il Regno Unito. Ha affermato: "[Essa] mette a repentaglio il lavoro che dobbiamo fare per prepararci alla Brexit a casa e indebolisce la posizione negoziale del governo in Europa".

Theresa May ha proseguito affermando:

"Abbiamo bisogno di un'elezione generale e ne abbiamo bisogno adesso, perché in questo momento abbiamo un'opportunità una tantum per farlo mentre l'Unione europea concorda la sua posizione negoziale e prima che inizino i colloqui dettagliati".

Cosa pensano gli anglo-asiatici della proposta di elezione generale?

DESIblitz ha chiesto agli inglesi-asiatici le loro reazioni all'annuncio. La maggior parte si è sentita relativamente sorpresa dalla decisione. La venticinquenne Amna l'ha descritta come “una mossa inaspettata del [Primo Ministro].

“Il problema è che molti di noi non sono ancora sicuri di come ci sentiamo riguardo alla Brexit, e ora è quasi come se il pubblico fosse costretto a prendere una decisione rapida su chi vogliono guidare il paese. Alla gente non piace essere presa in giro in questo modo.

“E con il Labour in un pasticcio, è probabile che May ottenga un alto numero di voti. D'altra parte, l'elezione di May potrebbe anche dare al Regno Unito la stabilità di cui ha bisogno per vederlo fuori dall'UE in modo efficace ".

Molti credono anche che Theresa May stia elaborando un piano ben congegnato che cerca di soddisfare i suoi interessi di partito. Il 28enne Ehsan (un sostenitore laburista) lo ha ritenuto “opportunistico”.

Ha aggiunto: "Incasina la trattativa per la" Brexit ", che è più importante. Distoglie l'attenzione da quello quando è più necessario.

"Inoltre, è un'inversione di marcia enorme da parte sua poiché ha detto non molto tempo fa che non avrebbe indetto un'elezione rapida".

Altri hanno anche condiviso opinioni simili, credendo che Theresa May voglia approfittare della scarsa popolarità del Labour. Inoltre, ritengono che le dia l'approvazione per "fare quello che vuole con la Brexit".

Un altro giovane asiatico britannico, Sam, ha anche sottolineato: “È un modo per le persone di sentirsi come se avessero un certo controllo all'interno del loro governo.

“Dalla Brexit, nonostante chi abbia votato cosa, la maggioranza si è sentita quasi tradita dal cambiamento. È un'opportunità per consentire al grande pubblico di esprimere il proprio voto su qualcosa di cui si sente maggiormente parte ".

Con l'annuncio contrassegnato come la prossima svolta nella saga della "Brexit", molti aspetteranno di sentire cosa accadrà dopo. E se le elezioni generali dell'8 giugno 2017 avvengano davvero.



Sarah è una laureata in inglese e scrittura creativa che ama i videogiochi, i libri e si prende cura del suo birichino gatto Prince. Il suo motto segue "Hear Me Roar" di House Lannister.

Immagine per gentile concessione di ITV.




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    In qualità di utente con tariffa mobile mensile a pagamento quale di queste si applica a te?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...