L'aumento della domanda di pornografia infantile online in India

La pornografia infantile è pericolosamente aumentata in mezzo a Covid-19, e Pornhub è il luogo in cui la maggior parte dei dipendenti da pornografia infantile ora sfoga i propri desideri sessuali.

L'aumento della domanda di pornografia infantile online in India f

"è difficile spiegare perché voglio che qualcuno la accompagni"

Lo sfruttamento sessuale infantile è stato un grave problema da tempo immemorabile e durante la pandemia di pornografia infantile è aumentato in modo incontrollabile, rendendo Internet insicuro per bambini e adulti.

In una raccolta globale di rapporti CSAM (Child Sexual Abuse Material), l'India è il primo paese, con l'11.7% delle segnalazioni totali, seguita dal Pakistan.

Recenti statistiche dell'India Child Protection Fund (ICPF) dimostrano che il consumo di pedopornografia in India è aumentata del 95% tra il 24 e il 26 marzo 2021.

L'ICPF ha anche scoperto che, in media, ci sono stati 5 milioni di download al mese, con una crescente domanda di contenuti violenti che coinvolgono bambini.

In mezzo al blocco, i cittadini della rete, inclusi stupratori di bambini, pedofili e dipendenti dalla pornografia infantile, hanno iniziato a soddisfare i loro desideri sessuali online, su siti web come PornHub, che attrae 3.5 miliardi di visite al mese.

Il sito web è stato recentemente oggetto di pesanti indagini per il suo coinvolgimento in video di pornografia infantile, traffico sessuale e stupro, a seguito di un rapporto dettagliato del New York Times.

Mastercard e Visa hanno persino agito contro la società bloccando tutti i pagamenti al sito, con il risultato che Pornhub ha rimosso diversi video espliciti caricati da utenti non verificati.

Su Pornhub, gli utenti cercano principalmente "pornografia infantile", "bambino sexy" e "video di sesso per adolescenti", mostrando chiaramente le loro preferenze sessuali per i minori impegnati in tali attività.

Anche agenzie internazionali come Europol, le Nazioni Unite e ECPAT (End Child Prostitution and Trafficking) hanno segnalato un aumento dei pedofili che prendono di mira i bambini stringendo amicizia con loro online e successivamente inducendoli a svolgere attività sessuali attraverso foto e video.

Misure per i genitori per proteggere i bambini

Durante un'intervista con India Mashable, La dott.ssa Mary L. Pulido ha affermato che una comunicazione regolare è fondamentale. I genitori dovrebbero parlare regolarmente con i loro figli della sicurezza di Internet e dei social media.

Chiarendo questo punto, Pulido ha detto:

“Il NYSPCC consiglia ai genitori di discutere questo problema con i loro figli.

“Sebbene apparentemente a disagio, anche i bambini piccoli hanno mostrato la capacità di afferrare i concetti di abuso sessuale e sicurezza del corpo se viene utilizzato il linguaggio appropriato all'età.

“Inquadra la discussione sulla 'salute e sicurezza del corpo' piuttosto che sull''abuso ', che potrebbe essere meno spaventoso, e discuti sulle' parti intime '.

“Discuti i due tipi di tocchi, sicuro e non sicuro, usando questi termini invece di 'buono / cattivo' per renderlo più chiaro per il bambino.

“Ad esempio, a volte un buon tocco - la vaccinazione nell'ambulatorio del medico - può dare fastidio e un tocco cattivo - solletico / carezza inappropriata - può far sentire bene.

“Concentra la conversazione sul fatto che devono dirlo subito a un adulto di cui si fida se questo dovesse accadergli. L'importante è che il bambino si senta a proprio agio a parlare.

“Affronta il problema della segretezza o minaccia che alcuni autori usano con i bambini per tenerli tranquilli. Rafforza con il bambino che non è mai colpa loro se è stato toccato o fotografato in modo pericoloso ”.

Se un bambino è vittimizzato, il dottor Pulido ha anche suggerito di contattare le forze dell'ordine o qualsiasi sistema istituito nella tua città, regione o paese, per affrontare questi crimini.

In che modo i genitori indiani parlano di stupro e sesso?

L'aumento della domanda di pornografia infantile online in India-girl

Tutto ciò che riguarda il sesso è considerato tabù nella società dell'Asia meridionale. Paradossalmente, l'India è considerata uno dei paesi più pericolosi per le donne, con un grave problema di stupro.

Ragazze e ragazzi non affrontano argomenti sessuali per paura, genitori autoritari o semplicemente perché trovano imbarazzante aprirsi.

Di conseguenza, c'è un'immagine di Asia meridionale e l'India come del tutto repressa sessualmente nell'immaginazione del mondo occidentale.

Lo psicologo infantile di Delhi, il dottor Parikh, ha affermato che i genitori indiani hanno iniziato ad avere queste conversazioni con i loro figli più apertamente di prima. Tuttavia, non è così diffuso come dovrebbe essere.

Inoltre, l'educazione fa la differenza in termini di conforto e fiducia dei genitori nel parlare di queste cose.

Per esplorare meglio quanto i genitori scelgono di dire ai propri figli, la giornalista Nikita Mandhani ha raccolto diverse voci in tutta l'India.

Mona Desai, madre di una figlia di 11 anni a Mumbai, non voleva che suo figlio fosse esposto a molte notizie e conversazioni su stupri e aggressioni sessuali.

“Quando aveva cinque anni, le ho spiegato che aveva bisogno di essere consapevole e vigile su ciò che le stava accadendo e intorno a lei.

"Poi circa due anni fa, ha letto di 'stupro' in un libro e mi ha chiesto cosa significasse."

“Non sono entrato nei dettagli grafici ma ho spiegato che significava che qualcuno stava abusando di qualcun altro o violando la privacy del proprio corpo in un modo inaccettabile.

“Mia figlia e le sue amiche sono sconvolte e sconvolte per quello che è successo alla bambina di otto anni nel Kashmir.

“A volte, mi chiede se il mondo là fuori è così o se si tratta di un incidente una tantum.

“Si spaventa, ma ha anche quell'età della sua vita in cui vuole spingere i suoi limiti per l'indipendenza.

"Quindi, è difficile spiegare perché voglio che qualcuno la accompagni ovunque vada o perché voglio che si vesta in modo più conservativo nel nord dell'India".

Sunayana Roy, madre di due figli, di 11 e 3 anni a Bangalore, ha discusso di questi problemi con il figlio maggiore.

"Ho parlato a mio figlio maggiore di episodi di stupro e violenza sessuale alcune volte."

“A volte legge le notizie, quindi scelgo di inquadrare le conversazioni sul consenso e sulla violenza intorno agli incidenti nei media.

“Ho anche sempre discusso con lui dei problemi delle donne. Penso che, in quanto maschio indù della classe alta, debba essere consapevole di queste preoccupazioni e rendersi conto che gioca un ruolo nel determinare il cambiamento.

“Penso che sia importante che i miei figli siano consapevoli della cultura dello stupro. La violenza sessuale è una delle più grandi paure delle donne che li circondano e quindi alla fine ha un impatto sulla vita e sul comportamento di tutti.

“Le battute, le frasi ei pensieri sessisti vengono richiamati in casa nostra ed esaminati per capire quanto possano essere dannosi.

“Non proteggo i miei figli dalle notizie. Tuttavia, lascio che portino questi argomenti in discussione piuttosto che imporre loro queste conversazioni.

"Forse i miei figli non sempre capiscono il pieno significato di ciò di cui sto discutendo, ma mi basta sapere che per la loro madre un comportamento del genere non è accettabile".

Prima Caso Nirbhaya, L'India era sempre stata in letargo sulla cultura dello stupro in tutto il paese.

Gli stupri che coinvolgono donne istruite attaccate da estranei sono sempre stati di alto profilo, ma che dire delle donne povere e di caste inferiori?

Secondo il giornalista Kalpana Sharma, sono le vittime più vulnerabili e prese di mira in India e, di solito, conoscono molto bene i loro stupratori.

Sharma ha anche aggiunto che c'è un grande indignazione per la violenza nelle aree urbane perché sono familiari a molte persone.

Anche il modo in cui gli autori vengono puniti è preoccupante, poiché solo circa un terzo dei casi di stupro denunciati alla polizia risulta in una condanna.

Manisha è una laureata in Studi dell'Asia meridionale con la passione per la scrittura e le lingue straniere. Ama leggere la storia dell'Asia meridionale e parla cinque lingue. Il suo motto è: "Se l'opportunità non bussa, costruisci una porta".

Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Pensi che i giochi multiplayer stiano conquistando l'industria dei giochi?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...