"Jam is for Girls, Girls get Jam" di Shagufta Iqbal è arte

"Jam is for Girls, Girls get Jam" di Shagufta Iqbal è una grande raccolta di poesie, che guarda senza scusarsi alla femminilità, alla cultura e alla storia.

"Jam is for Girls, Girls get Jam" di Shagufta Iqbal è arte

"Questo inchioda assolutamente l'esperienza dell'immigrata femminile"

Descritta come una "interprete d'élite", Shagufta Iqbal è un'artista di parole, poetessa, regista e scrittrice i cui talenti risuonano attraverso la sua raccolta di debutto La marmellata è per le ragazze, le ragazze ottengono la marmellata (2017).

Il libro è una visione onesta ed emotiva dell'esperienza degli immigrati e dà voce ai viaggi delle donne in un territorio sconosciuto.

Le poesie si occupano della tenerezza dell'identità e Shagufta si intreccia con temi di disuguaglianza di genere, politica, razzismo e ingiustizia.

I dettagli, le immagini intricate e la fragilità che il poeta è in grado di dipingere sono delicati per il lettore ma rimangono impenitenti.

Analogamente, La marmellata è per le ragazze, le ragazze ottengono la marmellata si discosta dal normale scontro di culture che può diventare un tema ripetitivo con i poeti asiatici britannici.

È invece “la conferma dell'identità di terza generazione che si ritaglia uno spazio in un mondo sempre più islamofobo”.

Quindi, ci immergiamo ulteriormente nella raccolta, discutendo alcuni dei punti principali e sottolineando perché è una narrativa da leggere per gli asiatici del sud e la società in generale.

Qui per restare

"Jam is for Girls, Girls get Jam" di Shagufta Iqbal è arte

Forse uno dei temi più coerenti all'interno del libro è il superamento del razzismo e della discriminazione, soprattutto quando si cerca di consolidare il proprio posto in una nuova società.

Shagufta Iqbal scrive della transizione dei suoi genitori dall'India a Bristol, ma anche delle sue difficoltà nel cercare di esistere come una donna bruna.

Facendo riferimento a comunità multiculturali e interazioni razziste, alcune delle poesie hanno immagini così vivide che è difficile non sentire l'emozione delle parole.

Ad esempio, in "Stop and Search", Shagufta fa riferimento all'odio nei confronti delle comunità nere e alla paura che lei e la sua famiglia hanno provato durante questo periodo.

Tuttavia, la poesia mostra ancora come la comunità sapeva di tenere la testa bassa e affrontare queste esperienze:

“Allora non era tanto un nostro problema,
quell'odio quotidiano e la discriminazione
era così radicato nella Gran Bretagna impoverita della Thatcher.
Allora eravamo solo pakis,
abbiamo tenuto la testa bassa,
abbiamo fatto il nostro lavoro,
e sono uscito quando era il momento giusto.

Questo tema riappare in "Stokes Croft", dove Shagufta lotta con l'appropriazione culturale e il significato dietro di essa.

C'è una fragile battaglia che la poetessa sta combattendo in cui sente che il suo posto nella società britannica è semplicemente quello di esistere.

Tuttavia, specialmente in così giovane età quando Shagufta ha avuto queste esperienze, si sente come se quello fosse il suo ruolo, quindi lo farà correttamente:

«Siamo sparsi qui solo a scopo decorativo.
Nessuno raggiungerà con le parole e avvierà conversazioni.
Due mondi affiancati come in universi paralleli.
Sì, come stelle distanti anni luce.
Siamo sparsi qui solo a scopo decorativo.
Quindi shhhhhh, brilla e guarda la parte.

Anche se è piuttosto emozionante per una giovane Shagufta sentirsi come se l'esistenza della sua famiglia fosse così piccola, c'è un'essenza travolgente di potere.

Riconosce ciò che la circonda ma non sembra fare le cose a cuor leggero.

La cosa intelligente è che incarna la forza dei suoi anziani che hanno affrontato il difficile viaggio in Gran Bretagna.

È quasi come se accettasse qualunque ruolo svolga all'interno della comunità, ma mostra segni di movimento verso una parte più significativa della società.

Femminilità

video
riempimento a tutto tondo

Come ha detto meravigliosamente Pavan su Goodreads:

“Considererei questa collezione come quella che mi ha attratto di più. È bellissimo.

“La poesia ha lo scopo di arrivare al tuo nucleo, e questo è successo. Ho avuto quel brivido lungo la schiena mentre leggevo.

"Questo inchioda assolutamente l'esperienza delle donne immigrate e l'identità delle donne di seconda/terza generazione".

La femminilità, l'empowerment e le esperienze femminili sono evidenziate in tutto il libro.

Però, i il poeta non ha paura di affrontare altre questioni urgenti riguardanti la disuguaglianza di genere.

In "Medusa's Rage", descrive la libertà sessuale che le donne dovrebbero avere e come non ha paura di iniziare una "guerra" per far passare il suo messaggio:

"Non è un invito a violare il mio spazio personale,
come uno straordinario pervertito.
E sento che c'è violenza
nelle tue parole, è sospeso nell'aria.
Mi soffoca, è difficile per me sopportare.
Mi fa venir voglia di colpirti dove ti trovi.
Rovescio.
Farti capire
che se mi guardi in faccia ti trasformerò in pietra. 

Questa struttura di potere è sempre presente in La marmellata è per le ragazze, le ragazze ottengono la marmellata.

In ogni poesia, che parli di donne, cultura o storia, Shagufta scrive con fiducia in se stessa che è coinvolgente.

Questa stessa natura accattivante si vede nelle poesie in cui la scrittrice si rivolge alla propria comunità e ai problemi al suo interno.

In "Excuse Me, My Brother", fa riferimento a come alcune donne musulmane vengono interrogate sulla portata delle loro "credenze", usando il corpo come simbolo.

Ma lei lo capovolge e si concentra sugli uomini. Facendo loro domande provocatorie, Shagufta Iqbal scrive:

“E dimmi, perché il tuo kuchi è in mostra, fratello mio?
Infatti, mentre ho la tua attenzione
e il diritto di discutere del tuo corpo,
permettimi di chiederti,
quanto è circonciso il tuo cazzo, fratello mio?

Oh, scusa, le mie domande ti imbarazzano?

Come ci si sente a sentirsi dire che non sei all'altezza
alla mia comprensione e alle mie esigenze
di cosa significa essere abbastanza islamici?”

L'uso di "mio fratello" è così sarcastico e potente perché giustappone le affermazioni che il poeta sta facendo.

Tuttavia, l'uso della frase si riferisce alla lingua che le persone usano nelle conversazioni nelle comunità musulmane.

C'è quasi un appello da parte di Shagufta affinché le donne siano meno sessualizzate e messe in discussione sulla loro fede.

Porta anche la visione culturale delle donne dell'Asia meridionale e il modo in cui devono seguire determinate linee guida per essere "rispettate". La poesia termina con:

“Ascolta le mie parole, 
guardami oltre il vascello
che trasporta la mia anima e la mia mente.

L'equilibrio tra fede, aspettativa e realtà è qualcosa con cui Shagufta Iqbal affronta in modi unici.

I problemi in sé sono seri, ma il tono che usa nel portare questi problemi in primo piano può essere descritto solo come autorità umoristica.

Anche in "Remember, My Daughter", parla a se stessa dal punto di vista di suo padre.

Questo tipo di conversazione è raro tra un padre e una figlia dell'Asia meridionale e parla alle lettrici e alla loro percezione di sé.

Bilanciando gli standard di bellezza, rappresentazione e identità occidentali, la poesia recita:

“Quindi ricorda quando ti ritrovi con il libro chiuso
tra immagini di donne dai capelli luccicanti d'oro,
che incarnano il desiderio e la capacità di ottenere,
che no, non troverai la tua identità su quello schermo televisivo.
Ma capisci dove appartieni,
non come Miss Mondo o Miss Universo, 
ma come una donna a cui appartiene il mondo.

I diversi filoni della femminilità e della cultura si mescolano senza sforzo all'interno La marmellata è per le ragazze, le ragazze ottengono la marmellata.

La capacità di Shagufta di parlare alle donne ed elencare così tante esperienze riconoscibili significa che la collezione parla a un tale catalogo di donne e le aiuta a sentirsi meno sole.

Cultura Storica

"Jam is for Girls, Girls get Jam" di Shagufta Iqbal è arte

Uno dei temi più importanti della collezione è l'enfasi posta sulla storia della cultura dell'Asia meridionale.

In primo luogo, tutte le poesie sono suddivise in diversi capitoli.

Questi capitoli, ad eccezione del primo, sono intitolati con i nomi di famosi fiumi asiatici come il fiume Sutlej, il fiume Jhelum e il fiume Ravi.

Questi non solo accennano alla preoccupazione generale di quelle poesie specifiche, ma si riferiscono alla rilevanza di ciascun fiume.

La dimostrazione più toccante di questo strumento letterario è mostrata in "Empire", che si trova sotto il capitolo River Chenab.

Questo fiume scorre attraverso l'India e il Pakistan e la poesia è una rivisitazione emotiva del 1947 Partizione.

Shagufta Iqbal trasforma abilmente l'evento storico in un tipo di relazione. Questo non solo lo modernizza per i lettori più giovani, ma dà alla partizione una nuova prospettiva:

“L'avevo lasciato tenere
la mia faccia tra le sue mani. 
Sussurro nelle mie orecchie.
Lascia che muti la mia spezia.
Ha strappato i cimeli dalla mia nudità,
dita, collo, polsi, caviglie esposti. 
Metti il ​​suo cazzo nel mio terreno.

Mostra quanto sia stato difficile questo periodo per molti asiatici del sud. Come migliaia di persone sono state bandite dalle loro case, private della loro identità e sottratte alla loro cultura.

Shagufta poi spiega:

“Ho dato alla luce i bambini che ha negato.
Ha tracciato linee sul mio corpo,
mi ha fatto a pezzi senza nazione. 

Questi versi avvincenti mostrano quanto fosse storica la Partizione e come le cicatrici siano sempre presenti oltre 75 anni dopo.

Shagufta riesce in modo sorprendente a significare le conseguenze dell'evento, ma mette in risalto la forza di coloro che hanno sofferto.

La cultura storica si riferisce anche alla storia dello schiarimento della pelle e degli standard di bellezza nella cultura dell'Asia meridionale.

Descrivendo gli aspetti quotidiani della sua vita, Shagufta Iqbal spiega in "Truth" come i media svolgano un ruolo così importante negli ideali di bellezza, che lo sappiano o no.

Questo non solo ha un effetto negativo sull'autostima di qualcuno, ma anche su come pensano che gli altri li percepiscano:

“Ho scritto questa poesia per ogni volta
Ho sfogliato le pagine della rivista Asiana
e si è confrontato con prodotti schiarenti per la pelle.
Ho scritto questa poesia per ogni volta che ho acceso 
BBC 1Xtra e BBC Asian Network,
ed era tutta ragazza dalla pelle chiara e goriya veh.
Ho scritto questa poesia quando la rivista Diya
silenziosamente avvolto nella mia casa,
la mia cassetta delle lettere che rivela come i modelli indiani,
sono stati sostituiti con quelli europei”. 

Questo inesorabile indirizzo delle ideologie all'interno della cultura dell'Asia meridionale e l'esplosione di determinate aziende o folle è ciò che rende questa raccolta una lettura così imperdibile.

La combinazione di esperienze femminili, storia, razzismo, dolore e molto altro non travolge il lettore.

Invece, collega un filo attraverso tutti questi temi per evidenziare quanti problemi urgenti hanno affrontato alcune persone.

Allo stesso modo, mostra come tutti abbiano un ruolo nelle esperienze dell'Asia meridionale e dell'Asia britannica.

Shagufta Iqbal è un poeta eccezionale, la cui scrittura e il cui uso distinto della letteratura altera il modo in cui vediamo noi stessi e il mondo.

La sua capacità di celebrare ma anche mettere in discussione le sue stesse comunità è innovativa, stimolante e perspicace.

La marmellata è per le ragazze, le ragazze ottengono la marmellata è una splendida raccolta e una lettura obbligata per tutti, dagli amanti della poesia ai lettori alle prime armi.

Prendi una tua copia qui.



Balraj è un vivace laureato in scrittura creativa. Ama le discussioni aperte e le sue passioni sono il fitness, la musica, la moda e la poesia. Una delle sue citazioni preferite è "Un giorno o un giorno. Tu decidi."

Immagini per gentile concessione di Instagram.

Video per gentile concessione di YouTube.






  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    I Brit Awards sono giusti per i talenti asiatici britannici?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...