Call Center truffa con clienti statunitensi perquisiti dalla polizia in India

I call center fraudolenti che guadagnano fino a £ 180,000 al giorno truffando i clienti statunitensi sono stati perquisiti dalla polizia in India. Rapporti DESIblitz.

Call Center truffa con clienti statunitensi perquisiti dalla polizia in India

"La polizia sta ancora conducendo le indagini".

Thane Crime Branch e 200 poliziotti hanno fatto irruzione in tre call center indiani che hanno ingannato le persone negli Stati Uniti.

Con oltre 700 dipendenti coinvolti, i call center presumibilmente gestivano un falso racket di riscossione delle tasse in cui chiamavano i cittadini statunitensi per drenare denaro dai loro conti bancari.

Il commissario che ha condotto il raid, Param Bir Singh, ha commentato:

“Chiamavano i cittadini americani che si spacciavano per impiegati dell'Internal Revenue System. Usando documenti d'identità falsi, avrebbero minacciato le vittime con azioni legali.

“Allora davano loro una facile via d'uscita, che consisteva nel pagare loro subito una certa somma come garante. Il denaro è stato trasferito utilizzando carte di credito ".

Il raid è durato quasi 12 ore, durante le quali la polizia ha sequestrato materiale del valore di Rs 1 crore (circa £ 120,000). Hanno anche arrestato otto persone, che ritengono stesse gestendo l'intera operazione fraudolenta.

C'erano un totale di nove call center in funzione nelle tre diverse aree:

"Solo il 10 per cento delle loro chiamate aveva successo, ma questo li ha portati a prendere denaro", ha aggiunto Singh.

I call center operavano utilizzando un software per duplicare i numeri americani locali, per ingannare i cittadini statunitensi facendogli credere che la chiamata non fosse internazionale.

Coloro che ricevevano il messaggio sarebbero stati poi informati che l'IRS aveva trovato alcune prove di evasione fiscale e che la polizia locale sarebbe stata informata di arrestarli se avessero interrotto la chiamata.

Il chiamante offrirebbe a queste vittime una via d'uscita. Gli è stato detto di acquistare carte bancomat dai negozi e di rivelare il codice a 16 cifre sulle carte. Il denaro è stato trasferito alla controparte del chiamante in America, che a sua volta ha accreditato l'importo sul suo conto.

Dopo aver detratto una quota del 30%, il resto dell'importo è stato poi trasferito su conti bancari indiani. Si ritiene che il fatturato giornaliero fosse di Rs 1.5 Crore o £ 180,000.

La polizia, quindi, ritiene che ci siano persone al di fuori dell'India che hanno anche contribuito a gestire la truffa e stanno ancora conducendo le indagini per cercare di individuare altri che sono dietro a questo crimine.

Un totale di 772 lavoratori sono stati arrestati dalle incursioni. 70 sono stati posti sotto arresto formale, 630 sono stati rilasciati in attesa di interrogatorio nei prossimi giorni e 72 sono stati liberati senza ulteriori indagini.

Jaya è una laureata in inglese che è affascinata dalla psicologia umana e dalla mente. Le piace leggere, disegnare, riprodurre video di animali carini su YouTub e visitare il teatro. Il suo motto: "Se un uccello ti fa la cacca, non essere triste; sii felice che le mucche non possano volare".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Quale di questi sei?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...