Sabah Kaiser condivide la sua esperienza di abusi sessuali su minori

Sabah Kaiser ha subito orribili abusi sessuali su minori nella sua vita a partire dall'età di sette anni. Con le sue stesse parole, rivela la sua esperienza.

Sabah Kaiser condivide la sua esperienza di abusi sessuali su minori ft

"Ciò che è seguito sono stati i miei anni di silenzio e lacrime".

Nel suo ruolo di ambasciatrice presso l'Inchiesta indipendente sugli abusi sessuali su minori, Sabah Kaiser non è estranea agli abusi sessuali sui minori.

L'abuso sessuale sui minori ha un enorme impatto sullo sviluppo della vita psicologica e fisiologica di una persona. È il grilletto che avvia una spirale di strani sentimenti, domande, confusione e dolore che non possono mai essere cancellati.

Dall'età di sette anni Sabah è stato introdotto nell'orribile mondo degli abusi sessuali sui minori. Gli autori iniziali non le erano sconosciuti, erano, infatti, membri della famiglia, che le erano stati presentati come suoi zii.

Alla tenera età di nove anni, Sabah fu violentata per la prima volta da bambino.

Tali abusi sessuali sui minori come nelle comunità dell'Asia meridionale raramente emergono a causa dell'onore, della paura e dell'incredulità; dove la vittima viene anche successivamente incolpata. Tuttavia, nel caso di Sabah, non sapeva nemmeno quali fossero le parole per spiegare a sua madre quello che era successo.

Purtroppo, Sabah è stato preso in carico dai servizi sociali ma gli abusi sono continuati.

L'unico modo per Sabah di rompere gli schemi sugli abusi sessuali a cui è stata sottoposta è stato quello di svelare la sua esperienza al Truth Project.

Qui, scritto con le sue stesse parole, Sabah condivide la sua storia con noi nella speranza di aiutare gli altri che hanno subito abusi sessuali su minori nelle comunità dell'Asia meridionale.

Attenzione: il seguente contenuto contiene un resoconto reale di abusi sessuali su minori.

Tradimento familiare

Sabah Kaiser condivide la sua esperienza di abusi sessuali su minori - bambino

Non c'è tradimento più profondo dell'abuso sessuale di un bambino. È un male che non riuscivo a capire e, da bambino, non avevo le parole per descriverlo.

Avevo sette anni quando è iniziato. Una ragazza pakistana, punjabi, musulmana nata e cresciuta in Inghilterra, ho amato più di ogni altra cosa giocare con le mie sorelle nella nostra bellissima casa.

Suonavamo tutto il giorno, scivolando lungo la ringhiera e inventando terre immaginarie da esplorare insieme. Poi, uomini strani iniziarono a far visita, uomini che mi fu detto erano i miei zii. 

Quello che mi hanno fatto i miei molestatori avrebbe plasmato la mia vita per sempre, ma all'epoca era al di là della mia comprensione. Come potevo chiedere aiuto per allontanarmi da qualcosa che non capivo?

Ero abituato a essere picchiato; era normale per le famiglie dell'Asia meridionale disciplinare un bambino in questo modo quando era stato cattivo.

Ho cercato di dare un senso a quello che mi stava succedendo e ho concluso, questo è il modo in cui i miei zii hanno colpito. Devo essere un bambino cattivo. Ora rifletto sul fatto che ho passato gran parte della mia infanzia a cercare di capire cosa stavo facendo di sbagliato, il che significava che venivo punito. 

Non l'ho mai risolto e il colpo è solo peggiorato.

Avevo nove anni quando sono stata violentata per la prima volta.

Ancora un bambino piccolo, dovevo trovare modi per assicurarmi la mia sopravvivenza mentale o rischiare di essere spezzato.

Ho trovato conforto a casa mia. Nelle mie terre immaginarie e nei giochi di finzione, ma più invecchiavo più diventava difficile affrontare il fatto di essere ferito.

Avevo nove anni quando aprii gli occhi per vedere che ero seduto in un bagno del mio stesso sangue. Quel giorno ho imparato a separare il mio corpo e volare via con gli uccelli, poiché a questa giovane età non ero ancora emotivamente o fisicamente in grado di separarmi da coloro che mi abusavano. 

Dai sette ai tredici anni sono stata oggetto di ripetuti e sistemici abusi sessuali, da parte di quattro membri della mia famiglia, delusi dalla polizia e dai servizi sociali.

Perso nelle cure

All'età di tredici anni, ho provato a dirlo a un insegnante a scuola. Ha informato la polizia e i servizi sociali.

Durante un colloquio con la polizia, mi hanno fatto alcune domande sulla mia casa e sulla mia famiglia, ho risposto alle loro domande e ho detto loro i loro nomi. Poi, uno degli agenti mi ha guardato molto dritto, mentre diceva: "Qualcuno ha avuto rapporti con te?" 

Ho impegnato questa domanda nella mia memoria per tutto questo tempo, e mentre scrivo la mia risposta ora, i miei occhi si riempiono di lacrime. "Cosa c'è dentro . . . ter. . . corso?"

Proprio mentre le ripetevo la parola, l'ufficiale che aveva posto la domanda si alzò in piedi, l'altro seguì l'esempio, dichiarando: “Se non sai cosa significa quella parola, non può essere successo a te. " 

Al suo annuncio, entrambi gli ufficiali se ne andarono.  

Conoscevo le parole vergogna, haya e izzat e il loro significato. Vergognosamente non conoscevo le parole per indicare parti del mio corpo, né sapevo cosa fosse il sesso.

Sono stato preso in carico, ma non creduto. La ragione addotta era che ero fuori dal controllo dei genitori e che mi stavo ribellando alla mia cultura.

Se avessi avuto le parole, le avrei dette a mia madre. Da bambina credevo che mia madre mi amasse ma siccome non potevo spiegarle cosa mi stava succedendo, l'ho persa.

I servizi sociali, la polizia e la mia scuola avevano la responsabilità di aiutarmi, di aiutarmi a trovare le parole in modo che potessi dirle a mia madre. Mi manca ogni giorno, meritava di essere amata da me.

In questi anni ho subito molti profondi cambiamenti, cominciando a cimentarmi con l'idea di non appartenere alla mia famiglia e di non essere al sicuro a casa mia, inventando anche meccanismi sempre più elaborati per farcela. 

Abuso dell'insegnante

Sabah Kaiser condivide la sua esperienza di abusi sessuali su minori - adolescenti

All'età di circa 14-17 anni sono stato poi abusato sessualmente dal mio insegnante di educazione fisica che fungeva anche da consulente. I servizi sociali non mi hanno pagato per ricevere consulenza professionale, ma hanno invece chiesto al mio insegnante di educazione fisica di consigliarmi durante l'orario scolastico. 

Il mio insegnante mi ha manipolato nella sottomissione della vittima. Il mio insegnante mi dava tempo, mi parlava con cura e mi faceva credere che si prendeva cura di me.

Quando finivo nei guai, non si comportava come un insegnante ma come un amico e mi diceva quanto fosse ingiusto.

Mi avrebbe persino aiutato a uscire dalla detenzione. Pensavo che a nessun altro importasse di me, solo al mio insegnante. Non avevo nessuno che si prendesse cura di me o che mi capisse.

Il mio insegnante ha costruito la mia fiducia e lo ha fatto per abbassare le mie inibizioni. E poi ha iniziato ad abusare sessualmente di me.

Ogni volta che vedeva quello sguardo morto nei miei occhi, vedeva che volevo che si fermasse. Ma lui diceva solo: ho permesso ad altri di abusare di me e lui ha continuato a fare quello che stava facendo. 

Silenzio e lacrime

Ciò che è seguito sono stati i miei anni di silenzio e lacrime.

Un bambino distrutto sono entrato nell'età adulta e non sono riuscito a farcela. Quasi istantaneamente ho messo piede in una relazione violenta e di controllo. Dopo di che una relazione sessualmente e fisicamente violenta.

Qual è la differenza tra danneggiato e rotto e quale sono?

Il mio silenzio era per la mia protezione. Le mie lacrime sono sacre, le mie lacrime contenevano messaggi di travolgente dolore, non di debolezza. 

La vittimizzazione può causare molto isolamento, rabbia e rabbia, può causare sofferenza e dolore ma può anche renderti più forte. Non deve distruggere la tua vita. Può farti reagire e può farti desiderare di passare il resto della tua vita a proteggere gli altri.

Svelare la verità

È stato nel 2017 quando ho finalmente rotto il mio silenzio e ho deciso di condividere il mio racconto degli abusi sessuali sull'infanzia dando il mio resoconto al Truth Project.

Ho deciso che il mio silenzio non avrà effetto sul cambiamento, non aiuterà un altro piccolo Sabah di sette anni ad affrontare quello che ho fatto io. Non voglio innescare brutti ricordi; Voglio istigare il cambiamento.

Oltre 4800 vittime e sopravvissuti hanno condiviso la loro esperienza con il Truth Project. Sono uno di loro.

Ora lavorando con l'Inchiesta come ambasciatrice, spero di usare la mia esperienza di donna dell'Asia meridionale che ha subito abusi sessuali all'interno della famiglia, per rivolgermi a quelle persone in settori della nostra società la cui voce deve ancora essere ascoltata. 

Una migliore comprensione delle barriere uniche che devono affrontare i sopravvissuti delle comunità di minoranze etniche aiuterà a informare le raccomandazioni finali dell'indagine per proteggere meglio tutti i bambini in futuro. 

Il racconto personale di Sabah Kaiser degli abusi sessuali su minori a cui è stata sottoposta molto probabilmente risuonerà con altri che potrebbero aver subito abusi simili in casa, per mano di parenti, familiari o persone di fiducia a loro note.

Rispetto al passato, ciò che è importante sapere è che c'è aiuto disponibile e puoi ottenere supporto in modo confidenziale.

Coloro che hanno sofferto in silenzio possono alleviare il peso del segreto che hanno custodito per anni.

I sopravvissuti ad abusi sessuali su minori possono condividere le loro esperienze con l'Inchiesta's Truth Project per iscritto, per telefono o tramite videochiamata. Visitare http://www.truthproject.org.uk o inviare un'e-mail a share@iicsa.org.uk. 

Amit ama le sfide creative e usa la scrittura come strumento di rivelazione. Ha un grande interesse per le notizie, l'attualità, le tendenze e il cinema. Gli piace la citazione: "Niente in caratteri piccoli è mai una buona notizia".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Quale preferiresti avere?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...