Problema crescente dell'autolesionismo tra le donne dell'Asia meridionale

Secondo quanto riferito, gli asiatici britannici hanno maggiori probabilità di autolesionismo rispetto ai non asiatici. DESIblitz esplora l'autolesionismo nelle donne dell'Asia meridionale e i tratti culturali dietro di esso.

Problema crescente dell'autolesionismo tra le donne dell'Asia meridionale

"Mi sono tenuto così tanto per me perché avevo paura del contraccolpo della mia famiglia"

L'autolesionismo è arrivato all'attenzione dei media solo negli ultimi anni. Ma esiste da molto più tempo. La gente presume che l'attuale generazione di adolescenti sia la prima a farsi del male.

Nel 2009, Meera Syal ha creato un documentario dedicato all'autolesionismo, intitolato Un mondo di dolore. Ha rivelato che le ragazze asiatiche britanniche sono il gruppo etnico che ha maggiori probabilità di autolesionismo.

Altre ricerche hanno dimostrato che le donne dell'Asia meridionale hanno una probabilità significativamente maggiore di autolesionismo tra i 16 ei 24 anni rispetto alle donne bianche.

Nel 2013, la ricerca ha stimato che 60,000 persone di età compresa tra i 15 ei 24 anni sono morte a causa di autolesionismo. Questo sostituisce la tubercolosi (TB) come la principale causa di morte tra i giovani adolescenti in India.

Questo porta alla domanda: perché le donne dell'Asia meridionale sentono il bisogno di farsi del male?

Cos'è l'autolesionismo?

L'autolesionismo si verifica quando qualcuno, di solito un giovane, si infligge intenzionalmente in qualche modo un danno a se stesso.

La frase autolesionismo descrive un'ampia gamma di comportamenti.

La maggior parte delle persone lo interpreta come un taglio da soli, che è la forma più comune. Tuttavia, esistono più forme di autolesionismo.

Molte persone si autolesionismo come reazione psichica al dolore emotivo. Viene anche usato come una forma di auto-punizione, sebbene le persone abbiano ragioni diverse per farlo.

Alcuni autolesionisti lo descrivono come un meccanismo di coping, proprio come alcune persone usano sigarette o alcol come meccanismo di coping per lo stress.

Problema crescente dell'autolesionismo tra le donne dell'Asia meridionale

Molte persone che si autolesionismo possono essere a rischio di suicidio. Ma molti non vogliono davvero porre fine alle loro vite. L'autolesionismo può aiutare le persone ad affrontare il disagio emotivo in modo da non uccidersi.

Tipi di autolesionismo

Sebbene il taglio sia la forma più comune di autolesionismo, non è l'unica. Altri tipi includono:

  • Pelle che brucia.
  • Darsi pugni o picchiarsi, come tirare i capelli o colpire i muri per rompere le ossa.
  • Avvelenarsi da soli cioè con compresse o anche sostanze chimiche tossiche.
  • Abuso di alcol o droghe.

Perché alcune donne dell'Asia meridionale si autolesionismo?

Le donne dell'Asia meridionale sono in genere sottoposte a forti pressioni sin dalla giovane età. Prima di tutto fare bene negli studi, spesso in una materia scelta per loro.

Dopo di che arriva la pressione del matrimonio. Alcuni sono spinti a sposarsi giovani e a sposare qualcuno della stessa religione o casta.

Problema crescente dell'autolesionismo tra le donne dell'Asia meridionale

Sebbene sia meno comune ora, succede ancora.

Il loro scontro con il mondo occidentale dei loro coetanei e la loro vita familiare potrebbe rivelarsi difficile da affrontare.

A parte tutto questo, sembra sempre tornare alla questione principale. Come le comunità Desi ignorano e fingono che problemi come questo non esistano.

Con l'autolesionismo, le persone possono facilmente nascondere le cicatrici. Questo potrebbe essere potenzialmente "attraente" per gli asiatici. Possono andare in bagno e farsi del male. Quindi, esci come se fosse tutto a posto.

Lo psichiatra dottor Kamran Ahmed dice: “Dobbiamo accettare che i problemi esistono. Ciò non rende in alcun modo cattiva la cultura asiatica; ci sono molte cose che sono fantastiche nella cultura asiatica, come il cibo, il vestito e la musica.

“Al momento non stiamo accettando efficacemente il problema. Le comunità asiatiche devono assumersi la responsabilità del problema e iniziare a parlarne e pensare a modi in cui possiamo effettivamente affrontarlo ".

Nel suo documentario, Mera Syal ha parlato con una giovane donna asiatica britannica, Satvir. Si è autolesionista dopo essere rimasta incinta prima del matrimonio.

Satviro ha espresso come sua madre non voleva avere niente a che fare con lei a meno che non si sposasse o rinunciasse a sua figlia. Si è trasformata automaticamente in autolesionismo quando le cose andavano male.

Problema crescente dell'autolesionismo tra le donne dell'Asia meridionale

Satvir dice: “Mi sono tenuto così tanto per me perché avevo paura del contraccolpo della mia famiglia.

"Come famiglia asiatica, non vogliamo che succeda questo genere di cose, non vogliamo che se ne parli e sicuramente non vogliamo che i bianchi sappiano che questo succede".

Ricerca sull'autolesionismo nelle donne dell'Asia meridionale

Tutti gli studi condotti indicano che i tassi di tentato suicidio e di successo sono significativamente più alti tra le donne dell'Asia meridionale. In particolare tra la fascia di età più giovane.

La ricerca è stata condotta in questo campo dal 1976 al 2006. Tutti i risultati hanno mostrato che le donne Desi avevano maggiori probabilità di autolesionismo rispetto alle donne bianche e agli uomini Desi.

Uno studio di Birmingham (condotto da Merill e Owens) ha rilevato che i problemi marziali sono uno dei principali fattori di partecipazione.

La maggior parte di questi problemi era dovuta a conflitti culturali. Alcune delle donne hanno riferito che i loro mariti chiedevano loro di comportarsi in modo meno occidentalizzato.

Anche le suocere che interferivano con il modo in cui le donne gestivano le loro vite e il matrimonio erano un fattore di autolesionismo.

Matrimoni combinati, rifiuti di matrimoni combinati e altri problemi coniugali sono stati tutti segnalati come fattori.

Altri problemi includevano:

  • Controversie interpersonali
  • Aspettative del ruolo di genere
  • Problemi di relazione con la famiglia

Il dottor Nimesh ha parlato con il capo della psichiatria presso l'Istituto di comportamento umano e scienze alleate Times of India: “Man mano che i ruoli di genere cambiano e le donne acquisiscono più potere, chiedono e godono di una maggiore indipendenza finanziaria e personale.

Problema crescente dell'autolesionismo tra le donne dell'Asia meridionale

“Questo aumenta le loro frustrazioni che non possono affrontare. Chiamiamo questi disturbi della personalità e non malattie mentali.

“Tra gli adolescenti, l'autolesionismo sta diventando molto comune. Questo è il risultato del cambiamento della nostra società: aumento dello stress e riduzione del sostegno sociale. Anche l'India sta assistendo a un aumento degli episodi di autolesionismo intenzionale non fatale ".

Segni a cui prestare attenzione

Sebbene possa essere relativamente facile da nascondere, le donne che si autolesionismo possono mostrare alcuni dei seguenti sintomi:

  • Tagli o lividi inspiegabili di solito sui polsi, sulle braccia o sulle cosce.
  • Mantenendosi completamente coperti in ogni momento.
  • Diventando ritirato.
  • Cambiamenti nelle abitudini alimentari.
  • Perdita di capelli

Dove trovare aiuto?

L'autolesionismo è un problema serio. Anche se potrebbe non sembrare che ci siano molte persone che vogliono aiutarti.

Se non è possibile parlare con familiari o amici, ci sono molte organizzazioni lì per aiutare. Questi includono:

  • Samaritani ~ I Samaritani forniscono una linea di assistenza anonima gratuita. Qualcuno ti ascolterà e ti aiuterà 24 ore al giorno su 116 123. (Regno Unito)
  • GP ~ Il tuo medico di famiglia ti darà consigli e ti indirizzerà al posto migliore per ottenere aiuto, sia che si tratti di consulenza o qualche forma di trattamento.
  • Innocuo ~ Un'organizzazione guidata dagli utenti per le persone che si autolesionismo, i loro amici e le loro famiglie.

L'autolesionismo tra le donne dell'Asia meridionale è una preoccupazione crescente. Alcuni crederanno che il dolore fisico o mentale possa offrire sollievo, ma questo è solo temporaneo. Trovare una via d'uscita da questo doloroso ciclo attraverso il supporto e la consulenza può portare a una soluzione migliore a lungo termine.



Kiesha è una laureata in giornalismo che ama scrivere, musica, tennis e cioccolato. Il suo motto è: "Non rinunciare ai tuoi sogni così presto, dormi più a lungo".

Immagini per gentile concessione di Dani Clifford e Pixabay





  • Cosa c'è di nuovo

    ALTRO

    "Quotato"

  • Sondaggi

    Quale stile di capelli da uomo preferisci?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...