L'ascesa della moda streetwear e delle influenze dell'Asia meridionale

La moda streetwear è più popolare che mai e gli asiatici del sud non sono diversi. DESIblitz esplora il passato, il presente e il possibile futuro dello stile.

L'ascesa della moda streetwear

Nonostante la maggior parte del suo abbigliamento composto da t-shirt, felpe con cappuccio e stranezze come un mattone marchiato, il marchio possiede un seguito di culto.

Nike, Adidas, Ellesse ... molti sudasiatici ricorderanno se stessi oi loro genitori indossando queste etichette di moda streetwear negli anni '1990 e all'inizio degli anni 2000.

Sebbene queste etichette spesso attirassero il ridicolo o gli stereotipi quando indossate dagli asiatici del sud e da altre minoranze etniche, stiamo assistendo all'ascesa della moda streetwear solo come moda.

Grazie alla sua attuale redditività, i marchi di alta moda stanno adottando stili streetwear nella loro collezione. Mentre sulla strada principale, gli stessi stili stanno gocciolando anche per il pubblico in generale.

Al momento stiamo assistendo a questa maggiore popolarità tra gli asiatici del sud. Ma a causa della controcultura della moda streetwear e degli inizi della comunità, esploriamo come ci sia di più in questo oltre al denaro.

Gli inizi della moda streetwear

Simile alla moda asiatica, la posizione gioca un ruolo importante nella comprensione delle radici dello streetwear.

Molti riconoscono la California degli anni '1980 come l'inizio. Questo inclusi scrittore, designer e ora documentarista, Bobby Hundreds, del 2017 Costruito per fallire, uno dei primi documentari streetwear.

Originariamente un marchio di surfwear e skater, lo Stüssy californiano ha unito abbigliamento adatto alle prestazioni e influenze hip-hop. Decorato con il loro logo disegnato a mano, il fondatore Shawn Stüssy ha contribuito a coniare l'estetica dello streetwear come la conosciamo.

Con il co-fondatore Frank Sinatra Jnr., Stüssy ha portato l'etichetta a New York. Grazie all'ormai iconico negozio Union NYC, Stüssy è cresciuto in popolarità.

Naturalmente, New York è una parte essenziale della storia della moda streetwear con le sue radici hip-hop. Ma altri siti chiave includono Londra, Miami e Tokyo, dove la storia dello streetwear continua ancora oggi.

Moda streetwear bw

 

Cos'è la moda streetwear?

Sorprendentemente, la moda streetwear è ancora difficile da definire a parole. Comprende di tutto, dalle scarpe da ginnastica alle tute, dagli slider ai pantaloncini.

Invece, è un look più istintivo sia nel modo in cui le persone mettono insieme i capi sia nel modo in cui altri riconoscono lo stile.

In effetti, lo streetwear spesso sembra avere un proprio linguaggio simile garze (indumenti) e calci (ancora un altro nome per le scarpe da ginnastica). Inoltre tutti i riferimenti a stili specifici come "Superstars" alle scarpe da ginnastica basse Adidas Originals Superstar del 1969.

Secondo la sua storia, lo streetwear è quasi un termine generico per l'abbigliamento sportivo, lo skater e la cultura del surf. Unisce sia l'elevato lusso che la moda di tutti i giorni, prendendo influenza dalla musica e dall'arte.

Forse a causa delle sue associazioni con tali sottoculture, è una sezione altamente dominata dagli uomini dell'industria della moda. Lo stilista britannico Nazir Mazhar, lo stilista russo Gosha Rubchinskiy e il fondatore di Supreme, James Jebbia sono alcuni dei più grandi nomi del settore.

Tuttavia, la redditività dello streetwear significa che molte case di alta moda stanno incassando l'appeal dello streetwear.

Moda streetwear

Autenticità contro profitto

In generale, le aziende di streetwear stanno guadagnando denaro per competere anche con grandi nomi della moda.

Nel 2017, le valutazioni stimate del marchio di streetwear Supreme hanno messo la sua azienda a $1 miliardi. Nonostante la maggior parte del suo abbigliamento composto da t-shirt, felpe con cappuccio e stranezze come un mattone marchiato, il marchio possiede un seguito di culto.

A causa del suo modello di business intelligente di una bassa offerta per una domanda sempre crescente, i prezzi elevati si moltiplicano in modo estorsivo per i rivenditori su siti come eBay.

Naturalmente, alcune delle credenziali di Supreme derivano da questa scarsità. Per non parlare del fatto che il suo fondatore, James Jebbia è anche il fondatore del già citato negozio Union NYC.

Tuttavia, il marchio rischia di perdere il suo fascino a causa del suo crescente elitarismo. Nel 2000, il marchio francese di alta moda Louis Vuitton ha inviato lettere di cessazione e desistenza Supreme per l'uso di un logo ispirato a LV. Mentre nel 2017 i due collaborato vendere capi di abbigliamento a prezzi incredibilmente alti.

Tuttavia, un problema dell'appropriazione dello streetwear da parte dell'alta moda è la facilità di rifiutare lo stile a proprio piacimento.

La casa di moda spagnola Balenciaga trae vantaggio dall'adozione di collezioni streetwear per una strategia di marketing che attira l'attenzione. Il marchio di moda è così ben noto per questa adozione che ha generato in modo esilarante un marchio di fabbrica di animali domestici `` streetwear '', Pawlenciaga.

Ma già per la sua Primavera / Estate 2019 collezione, il direttore creativo Demna Gvasalia ha lasciato lo streetwear nella polvere.

In confronto, un settore rimane sempre fedele allo streetwear e sembra che continuerà a farlo indipendentemente dal profitto.

Moda streetwear

Cultura hip hop

Nel classico dibattito con uova e gallina, la moda influenza sempre la musica e viceversa.

L'hip hop adesso domina la scena musicale statunitense, spingendo fuori generi come la musica rock. Grazie all '"americanizzazione" del mondo occidentale, se non oltre, questo ha un effetto a catena a livello globale.

Tuttavia, questo non sta solo diffondendo il suono del genere, ma il suo stile. Dopotutto, una parte enorme dell'hip hop è la sua estetica alla moda.

Entro pochi anni dal rilascio, oltre il 75% dei giocatori NBA indossava le già citate scarpe da ginnastica Adidas Originals Superstar. Ma nel documentario del 2015, Solo per calci, Membro di Run-DMC. Darryl McDaniels, parti la storia dietro la loro canzone "My Adidas".

La canzone originariamente era per incoraggiare i giovani a smettere di imitare lo stile dei detenuti. Tuttavia, alla fine ha portato a un accordo di sponsorizzazione da 1 milione di dollari tra Adidas e il gruppo hip hop.

Un esempio di questa connessione oggi è il rapper americano Kanye West. Ha rivolto la sua mano all'abbigliamento per una seconda volta con più successo con il marchio, Yeezy.

Dopo numerose collaborazioni sneaker con Nike, poi Adidas, il ready-to-wear autunno 2015 di West collezione ha incontrato recensioni positive. Ora, l'americano è presumibilmente un miliardario a causa della stima della società prevista.

Inoltre, poiché l'aumento delle vendite digitali si traduce nel predominio della musica hip hop, è stato fatto lo stesso per lo streetwear.

Moda streetwear in un mondo digitale

In primo luogo, c'è il bello della forte presenza dello streetwear nello spazio online.

I fan dello streetwear sono alcuni dei appassionatissimo online con le community Facebook e Instagram come The Basement. Questo gruppo vanta 78 membri, leggermente meno sulla sua pagina e 000 follower su Instagram.

Internet rende più facile per questi fan condividere la loro passione e formare un vero spirito di comunità.

D'altra parte, c'è l'argomento secondo cui l'era digitale ha portato all'omogeneizzazione della moda, compreso lo streetwear.

L'e-commerce semplifica l'accesso agli stessi marchi di moda con un clic di un pulsante. Anche in paesi distanti migliaia di miglia, due persone possono acquistare dallo stesso marchio o influencer.

In effetti, l'ascesa di fashion blogger o influencer da Instagram è altrettanto complessa. Possono mostrare un talento creativo unico per servire come fonte di ispirazione per i follower.

Anche la loro presenza alle settimane della moda e la crescente importanza nel settore fanno sì che le riviste di moda non siano più i guardiani di questo mondo d'élite.

Al contrario, forse questo porta alla tattica di marchi come Balenciaga. Mettendo fuori oggetti come le crocs, può sembrare che ci sia più pressione per creare collezioni vistose e click-bait.

Moda streetwear con razza e classe

Per alcuni aspetti, è problematico che le case di alta moda possano trarre profitto dall'attrattiva dello streetwear. Come discusso, l'alta moda riprenderà e rifiuterà lo streetwear come conveniente.

Eppure, c'è ancora di più nel dibattito sulla moda streetwear che entra nella moda mainstream.

In un colloquio, Nazir Mazhar sottolinea come le case di moda come Givenchy vendano capi streetwear come tute e t-shirt ma non useranno questa etichetta.

Piuttosto Givenchy dubs questi articoli come la sua "collezione commerciale", pur sostenendo che la casa di moda parigina di 65 anni ha lo streetwear nel suo DNA.

Anche Mazhar rifiuta il termine streetwear per la sua linea di abbigliamento. Critica il fatto che il suo uso di modelli non bianchi significhi che lo streetwear sostituisce la moda nelle descrizioni del suo lavoro.

In sostanza, sembra che "streetwear", come "urbano", possa essere una parola in codice per non bianchi e classe operaia, anche "sfacciatamente". Al contrario, quando una persona non bianca indossa lo streetwear per una casa di moda, è di alta moda.

Naturalmente, questo grado di snobismo da parte di alcuni può frustrare, ma l'alta moda è spesso ciclica. In definitiva, anche se l'interesse dell'alta moda svanisce, lo streetwear dovrebbe resistere.

Mazhar ha un numero di celebrità seguaci come Rihanna, Skepta e Tinashe e una relazione di lunga data con la sporcizia. Collabora spesso con artisti grime per disegnare per loro o vederli camminare nei suoi spettacoli.

Ovviamente continueranno ad esserci marchi come Supreme, che vendono streetwear prezzi esorbitanti per i ragazzi ricchi da sfoggiare su Instagram.

Tuttavia, come lo sporco, lo streetwear continua a lasciare spazio alla creatività, all'indipendenza e alla diversità.

Come Mazhar, non hai bisogno di una laurea in moda per disegnare streetwear, o come alcuni appassionati di streetwear, ricchezza estrema per acquistare pezzi.

Invece, al centro dello stile streetwear ci sono i talenti e le etichette indipendenti che mescolano influenze o alta e bassa moda.

Modello asiatico di moda streetwear

Asiatici del sud e moda streetwear

Come accennato, gli uomini sono solitamente il volto della moda streetwear. Ma come modello e scrittore, Simran Randhawa sottolinea, sempre più donne stanno guadagnando una piattaforma. Cita marchi e venditori indipendenti come lappone, Pam Pam ed Jehu-Cal.

Quindi, l'omonimo marchio della designer danese Astrid Andersen "fonde il mondo del lusso e dello sport". Anche se rimane ancora accessibile per il consumatore medio con la sua collaborazione con Topshop che si è esaurita a tempo di record.

Allo stesso modo, mentre l'influenza della comunità nera deve ricevere credito, gli asiatici britannici stanno creando stili di fusione tra lo streetwear e la moda desi.

C'è il marchio di abbigliamento femminista, brava ragazza gang. Poi Cercare rifugio è un modesto marchio streetwear per dare potere alle donne e rappresentare i musulmani.

Altrove, fondatori e fratelli, Tanmit e Sunmit Singh hanno fondato Rootsgear Abbigliamento Co. È iniziato nel 2004 in risposta alle loro esperienze come sikh nell'America del dopo 9 settembre.

Ora un marchio globale che raggiunge il pubblico del Regno Unito, fonde l'eredità punjabi e lo stile streetwear. Inoltre, collabora con cantanti come Raxstar e vende merce dei rapper Fateh Doe e Raja Kumari.

Ma questo può essere visto in giovani asiatici del sud alla moda come il modello, Neelam Gill o il già citato Simran Randhawa.

Abbigliamento asiatico di moda streetwear

Randhawa ha collaborato con Stella McCartney per celebrare la nuova collezione Loop Sneaker, una delle prime sneakers quasi completamente riciclabili in assoluto.

Per quanto riguarda i giovani uomini asiatici britannici, basta guardare lo stile di YouTuber Sangiev Sriskumar.

Tuttavia, gli influencer dello streetwear non sono solo le giovani generazioni. Giornalista, consulente del marchio e presentatore di Soho Radio, Kish Kash è un altro appassionato di streetwear, noto per il suo amore per le sneakers.

In confronto alla diaspora, lo streetwear non ha trovato piede in India secondo L'influencer della moda indiana, Keshav.

Streetwear Moda modelli asiatici sw

 

Moda comunitaria e streetwear

Tuttavia, forse lo streetwear non ha bisogno di avere lo stesso seguito in Asia meridionale come la diaspora.

Lo streetwear è emerso dalle controculture del pattinaggio e del surf per diventare sinonimo di cultura hip hop molto fraintesa. Lo stile ha legami con la subordinazione razziale e di classe delle minoranze etniche, comprese le comunità nere e latine.

Ma, mentre lo streetwear può continuare a provocare stereotipi negativi, gli asiatici del sud e altre comunità possono ancora usarlo per ottenere effetti positivi.

Lo streetwear è semplicemente comodo e ha un bell'aspetto, recitando una parte Club culture asiatica negli anni '1980 e '1990.

Dopotutto, anche Sognando Beckham ha preso atto dell'amore delle nonne asiatiche britanniche per l'abbinamento di abiti tradizionali punjabi con scarpe da ginnastica.

Allo stesso modo oggi, i giovani asiatici del sud della diaspora sembrano usarlo come un modo per ribellarsi e costruire una comunità nel mondo occidentale.

Che si tratti di fondere lo stile Desi con lo streetwear o di entusiasmare per la prossima collezione di Supreme, c'è molto da amare sullo streetwear per gli asiatici britannici.

La moda streetwear è più di uno stile, ma un'intera cultura. Certo, l'appartenenza a una cultura è familiare a molti sud-asiatici.

Laureato in inglese e francese, Daljinder ama viaggiare, girovagare per i musei con le cuffie e farsi troppo investire in uno spettacolo televisivo. Ama la poesia di Rupi Kaur: "Se sei nato con la debolezza di cadere, sei nato con la forza di rialzarti".

Immagini per gentile concessione degli account Instagram ufficiali di Stüssy, adidas, Louis Vuitton, Nazir Mazhir, Neelam Gill, Keshav e Sangiev.




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Era giusto deportare Garry Sandhu?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...