Raja Kumari è una "figlia del re" hip hop desi

Raja Kumari è in missione per promuovere la cultura usando le sue radici dell'India meridionale per dimostrare che è davvero "figlia del re" quando si tratta di musica.

Raja Kumari è una "figlia del re" hip hop desi

"La mia musica è una fusione di tutte le influenze che ho avuto crescendo."

Raja Kumari è un nome forte quanto l'artista stessa. Svetha Rao, alias Raja Kumari, che significa "Figlia del Re", è un'artista, rapper e cantautrice indiana nata negli Stati Uniti.

DESiblitz ha colto l'occasione per scoprire di più su questa intrigante e audace artista di Claremont, in California, che sappiamo è destinata a lasciare un segno con la sua incredibile fusione di musica classica indiana e forme di musica hip hop statunitense, in un'intervista esclusiva.

Svetha Rao, nata nel 1986, è di origine tamil e proviene da una famiglia di amanti della musica e della danza classica indiana. Ha studiato al Bachelor of Arts con una laurea in studi religiosi, specializzandosi nelle religioni dell'Asia meridionale.

Alla giovane età di sette anni, Svetha ha iniziato a ballare come ballerina classica indiana. Specializzata in forme di danza come Kuchipudi e Bharatnatyam, ha girato l'India da bambina.

Entrare nella musica non è stato difficile per lei essendo un'artista nella danza:

“La musica era davvero come un'estensione naturale della mia danza classica. A casa mia abbiamo sempre sostenuto le arti. I miei genitori ascoltano sempre la musica classica del Karnatak e mia madre ha sempre voluto diventare una ballerina classica ".

Raja Kumari è una "figlia del re" hip hop desi

La transizione per il suo passaggio alla musica dalla danza è stata innescata quando si è imbattuta in The Score, l'album Fugees. Ciò la portò a perseguire la musica ea 14 anni, quando era al liceo, ricevette il soprannome di "Principessa indiana" alias "IP" quando divenne una MC freestyle.

Non essendo così affezionata al nome "IP", Svetha voleva un'identità più forte per se stessa e voleva un antico tocco mitologico. Ciò ha portato al nome, Raja Kumari, una persona e un personaggio che rappresenta il volto unico della sua musica. Quello che lei chiama la "versione più alta di se stessa".

Kumari è un fratello di due fratelli maggiori che hanno seguito percorsi di carriera "tradizionalmente previsti" di posti di lavoro sicuri e protetti. Suo fratello maggiore è un neurochirurgo e il fratello di mezzo è un avvocato. Quindi, quanto è stato facile per i suoi genitori accettare il suo percorso musicale scelto? Lei dice:

“Ho detto ai miei genitori che ne avevano uno per ciascuno, quindi dovrebbero essere soddisfatti di me che faccio musica! Di tutti i miei cugini nati in America, sono l'unico che fa musica! "

La cultura di Kumari gioca un ruolo importante:

"La mia cultura influenza decisamente tutto ciò che faccio."

A 15 anni Raja Kumari ha iniziato a fare la sua musica. Ma la musica non riguardava solo se stessa, voleva lavorare con altri artisti e questa era un'aspirazione chiave per lei.

Quando la sua lista dei desideri di artisti come Gwen Stefani e Fall Out Boy è diventata realtà, sapeva che la musica era la sua strada scelta.

Raja Kumari ha collaborato e co-scritto molte canzoni come il singolo 'Change Your Life' di Iggy Azalea per il suo album nominato ai Grammy The New Classic, il singolo doppio platino dei Fall Out Boy 'Centuries', 'Boss Mode' dei Knife Party, "Like Mariah" dei Fifth Harmony con Tyga, Twin Shadow's Eclipse, "Broken Hearted" di Kalin e Myles e "Mirage" di Lindsey Sterling.

Nel 2015, Raja Kumari ha recitato in "Runnin", una canzone nella colonna sonora originale della serie televisiva di successo Empire. Ha anche lavorato a "Set Me Free" per la serie Netflix originale di Baz Luhrmann The Get Down sulla nascita dell'hip hop.

Raja Kumari è una "figlia del re" hip hop desi

Raja Kumari ha collaborato con Gwen Stefani per il suo album "This Is What the Truth Feels" e include le canzoni Naughty, Red Flag, Loveable, Splash, War Paint e Obsessed.

Maggio 2016 ha messo in luce Kumari ai BMI Pop Awards 2016 per aver scritto "Centuries" con Fall Out Boy.

Il luglio 2016 ha segnato l'uscita del singolo di debutto di Raja Kumari 'Mute' con Elvis Brown e prodotto da Jules Wolfson pubblicato su Epic Records. Il singolo "impenitente" ritrae la fusione di una donna indiana americana cresciuta con la musica classica indiana e l'hip hop ed è una libera espressione di ciò che Raja Kumari ritiene rappresentativo della diaspora.

Allora, da dove viene il suo gusto musicale e quali sono le sue influenze? Raja Kumari ha detto:

“La mia musica è una fusione di tutte le influenze che ho avuto crescendo. Sono stato ispirato dalla grande musica. Che provenga da AR Rahman o Lauren Hill o Steven Marley e Bob Marley o Sizzla. Tutti questi diversi tipi di suoni hanno davvero giocato un ruolo in chi sono e nel tipo di musica che faccio ".

Lavorando al suo EP, The Come Up, Raja Kumari ha pubblicato "Believe in You", un brano dal sapore etnico prodotto da Jules Wolfsen, contenente clip di Kumari che balla in competizioni quando era giovane e premiato dal maestro di sitar il defunto Pandit Ravi Shankar.

Guarda l'intervista esclusiva completa con Raja Kumari:

video

Il suo EP di debutto, L'arrivo, pubblicato nel novembre 2016, contiene i brani The Come Up, Tribe, Meera, The City, Mute e Believe in You.

Allora, cos'è "The Come Up"? Kumari risponde: "The Come Up è una raccolta di canzoni su cui ho lavorato 'sul nascere' ed è davvero solo una storia di come ci si sente a essere sul presupposto di tutto ciò che desideri e solo manifestare le idee in realtà . Quindi, "The Come Up" deve essere ascoltato. "

Parlando delle sue ambizioni con l'album, dice:

"Ho deciso che quando ho realizzato questo album volevo che significasse qualcosa e non solo musica di riempimento."

Quindi quali sono i suoi obiettivi quando si trattava di fare la sua musica e le sue tracce? Raja Kumari ha detto:

“Il mio obiettivo per la mia musica è essere il ponte tra l'est e l'ovest. Mi piacerebbe portare i suoni orientali nel mondo occidentale ed esporre le persone a nuove idee, nuove energie e la mia musica è rivolta a tutti coloro che amano la grande musica! "

Kumari partecipa anche ad attività filantropiche, tra cui aiutare a creare un ospedale a Bangalore, una sala di mediazione nel sud dell'India e una scuola per bambini disabili.

Il riconoscimento per il suo contributo alle arti le è valso il Kohinoor Award per l'eccellenza nelle arti classiche dal Governatore del Tamil Nadu.

Raja Kumari è una "figlia del re" hip hop desi

Descrivendosi in tre parole, Raja Kumari dice:

"Persistente. Genere. Mi piace essere gentile con le persone, a volte è una rovina. E il cioccolato! Sono un drogato di cioccolato! "

Per quanto riguarda il cibo preferito, Raja Kumari ama un piatto specifico preparato da sua madre. Si chiama Daddojanam, una combinazione di yogurt e riso, originaria del sud dell'India.

Kumari continua a lavorare con diversi artisti come Soulshock, JR Rotem, Rodney Jerkins, Polow Da Don, Karlin, Fernando Gariba, Tricky Stewart e The-Dream e Justin Tranter. Una collaborazione degna di nota è con il rinomato produttore, Timbaland. Parlando di questo team-up, dice:

“Lavorare con Timbaland è la manifestazione del sogno di me stesso di 13 anni! Quindi, solo essere in una stanza con un genio come lui, anche solo poter condividere esperienze musicali e imparare da lui è un tale dono ".

“Ogni volta che lavoro con lui imparo qualcosa di nuovo e affinamento le mie capacità di cantautore. Quindi, in futuro verrà da me e Timbaland molta musica fantastica. "

Raja Kumari è un ottimo esempio di artista etnica femminile cresciuta in Occidente e in missione per promuovere la cultura attraverso la fusione di suoni e testi a un livello che non può essere ignorato. Dimostra che la sua determinazione a scrivere e produrre canzoni con una forte ambizione dimostrerà sempre che è una "figlia del re" ed è qui per regnare alla fine.

Nazhat è un'ambiziosa donna "Desi" con interessi nelle notizie e nello stile di vita. Come scrittrice con un determinato talento giornalistico, crede fermamente nel motto "un investimento nella conoscenza paga il miglior interesse", di Benjamin Franklin.