Sensibilizzazione sui problemi di salute mentale dell'Asia meridionale

La salute mentale può essere un problema difficile di cui parlare per chiunque nella comunità dell'Asia meridionale. Il progetto "I Am Not (what is) Broken" mira a scoprire le esperienze di salute mentale di tutta la diaspora attraverso la narrazione scritta e visiva.

Sensibilizzazione sui problemi di salute mentale dell'Asia meridionale

"I medici l'avevano avvertita che non è mentalmente o fisicamente stabile."

Lunedì 14 maggio 2018, il progetto `` I Am Not (what is) Broken '' ha tenuto un evento di lancio meravigliosamente informativo che discute delle lotte che le comunità etniche e dell'Asia meridionale possono affrontare quando si aprono sulla loro salute mentale.

La presentazione è stata ospitata da Javayria Masood e consisteva in parole, poesie e brevi video e filmati di persone che condividevano le loro esperienze con la salute mentale.

C'è stata una vivace sessione di domande e risposte con il pannello articolato. Includevano Ayesha Aslam - Direttore della "Consulenza islamica Sakoon", Foluke Taylor - Consigliere, assistente sociale indipendente e autore di terapie, Dr Gurpreet Kaur - Psicologa clinica per NHS e Sanah Ahsan - Psicologa clinica e poeta tirocinante.

Masood è l'editore del progetto "I Am Not (what is) Broken", che cerca di "riunire storie, in forma scritta e visiva" da diversi background diasporici.

Coinvolgendo così tanti diversi oratori e individui che hanno sperimentato la salute mentale ad un certo punto della loro vita, la raccolta cerca di aumentare la consapevolezza di come una chiara comprensione della cultura e dell'etnia possa svolgere un ruolo nel benessere di una persona.

Come osserva Masood: "La narrazione può anche formare una parte della guarigione".

Comunità chiuse e tabù culturali

Senza dubbio, le discussioni sulla salute mentale sono considerate a argomento tabù nelle comunità dell'Asia meridionale e dell'Africa nel Regno Unito. Sia la cultura che le proiezioni di fede giocano un ruolo chiave.

Inoltre, come sottolinea Masood, ci sono molte condizioni diverse che ricadono sotto l'ombrello della salute mentale.

Ad esempio, la salute mentale può fare riferimento a Depressione, ansia, disturbi alimentari e molto altro ancora.

Poiché la salute mentale è di per sé un termine così ampio, comprendere alcuni dei problemi specifici che gli individui devono affrontare può essere difficile. Soprattutto nelle comunità in cui la conoscenza della salute mentale è limitata, tanto per cominciare.

La dottoressa Gurpreet Kaur ha parlato dell'esperienza della sua famiglia con la salute mentale. Da adolescente, suo fratello ha iniziato a mostrare segni preoccupanti e molto più tardi è stata diagnosticata una psicosi. Kaur ha detto:

“Quando la malattia mentale è entrata in famiglia, posso dire onestamente che è stato come se la mia vita fosse capovolta.

“Abbiamo cercato di capire come famiglia cosa stava succedendo. Da un lato, la comunità ci diceva che era stato viziato, era "jadoo" o "nazar". Nessuno di questi è stato particolarmente utile. "

Kaur racconta che la famiglia ha affrontato molte difficoltà nel capire quali soluzioni fossero disponibili e hanno ottenuto pochissimo sostegno dalla comunità. Ora, essendo lei stessa una professionista medica, trova "angosciante" vedere che da allora non è cambiato molto.

La collega Ayesha Aslam ha rivelato un altro caso di una ragazza che aveva consigliato una volta: “Era anoressica, ma il Ramadan si stava avvicinando.

“I medici l'avevano avvertita che non è mentalmente o fisicamente stabile per affrontare un digiuno. Tuttavia, molte comunità affermano che l'unico motivo accettabile per cui non è necessario digiunare è se ha il ciclo o è incinta.

“La sua famiglia pensava che questo avrebbe causato vergogna. Cedendo alle pressioni della sua famiglia, la ragazza ha digiunato solo per finire per ricadere ".

Questo è solo uno dei tanti incidenti che avvengono nelle nostre comunità, fortunatamente questa persona è sopravvissuta, ma molti no.

Sanah Ahsan ha aggiunto: "A volte percepiamo le nostre culture come la nostra fede o religione".

Molti tra il pubblico erano d'accordo con la dichiarazione di Ahsan. Si è discusso di quante comunità comunemente mescolano cultura e tradizione con la religione, il che può causare problemi.

Ad esempio, i genitori e le generazioni più anziane credono regolarmente che la fede di per sé sia ​​un trattamento praticabile che può rendere tutto migliore. Purtroppo non è così che funziona.

Come ha spiegato il pannello informativo, una più chiara comprensione della salute mentale come condizione che deve essere diagnosticati e trattati è l'unico modo in cui gli individui possono sperare di riprendersi in modo sicuro.

Razzismo e idee sbagliate

Un altro motivo per cui esiste la salute mentale nelle nostre comunità è dovuto alla quantità di razzismo che si verifica. Anche nell'anno 2018, molte comunità etniche devono ancora affrontarlo.

Javayria ha parlato della sua infanzia e di essere cresciuta con insulti. In particolare, sentirsi dire che "odora di curry" e essere chiamata "paki".

Forse non suona così male, ma in realtà molti bambini crescono con provocazioni come queste. Il costante insulti può davvero avere un impatto sulla salute mentale di un giovane.

Lo psicoterapeuta Foluke Taylor afferma: "La realtà è che il razzismo esiste e gioca un ruolo importante".

Come genitore di cinque figli dice:

"Una delle cose [i miei figli] mi hanno insegnato abbastanza presto, ciò da cui non potevo proteggerli è il fattore di stress per la salute mentale che è il razzismo".

Taylor aggiunge che uno degli interessi principali nel suo lavoro di professionista della salute mentale è l'idea di sopravvivere o sopravvivere come mezzo di resistenza. Diventando l'eroe o l'eroina della propria storia, un individuo può iniziare a riprendere il controllo della propria vita.

Ed è ascoltare queste storie che possono far parte della guarigione non solo per se stessi ma anche per gli altri.

Guarigione e terapia

Una delle questioni chiave discusse durante l'evento è stata "auto-accettazione" e "auto-responsabilità". Come dice Sana Ashad: "C'è una narrazione di facciata di 'non va bene soffrire'".

Per poter guarire, bisogna accettare il fatto che stanno soffrendo e rendersi conto che va bene.

Una volta che sarai in grado di comprendere e accettare la tua sofferenza, sarai in grado di fare il passo nella terapia e guarire te stesso. La sofferenza rende più forti a lungo termine. Durante la presentazione del lancio dell'evento, domande e risposte, i relatori discutono di come le persone possono essere vulnerabili a volte e di come la terapia sia la prima opzione quando ci si sente giù.

Tuttavia, ci sono molte idee sbagliate che derivano dalla consulenza e dalla terapia. Molti credono che possa essere un percorso piuttosto costoso. Ma ci sono molte risorse online gratuite che possono aiutare le persone.

Lo stigma circonda anche la terapia, specialmente nei circoli dell'Asia meridionale e dei neri, presentando un'altra sfida.

Ciò che è anche degno di nota è come ci siano anche pochissimi terapisti etnici. Sanah ha detto: "L'80% dei terapisti sono donne bianche di mezza età".

Può essere difficile spiegare, figuriamoci per un terapeuta con cui relazionarsi, ciò che noi come comunità stiamo attraversando.

Essere in grado di sentirsi a proprio agio con il terapeuta è essenziale.

Il dottor Gurpreet Kaur ha poi parlato degli antidepressivi e dell'aspetto medico della guarigione della malattia mentale. Non molte persone nel panel né tra il pubblico erano disponibili ad adottare questo approccio. Foluke Taylor dice: "Parlare con qualcuno dovrebbe essere l'opzione uno".

Ha aggiunto che gli antidepressivi, sebbene possano essere utili a breve termine, potrebbero portare a dipendenza ed effetti collaterali indesiderati.

Io non sono (cosa è) rotto

Nel complesso l'evento è stato estremamente commovente e informativo. Condividere esperienze e parlare con chi sa relazionarsi è molto importante.

Ci sono sempre più lezioni di terapia di gruppo per determinate comunità se ritieni di non poterlo gestire da solo.

Puoi guardare l'intero evento qui sotto:

video
riempimento a tutto tondo

Ulteriori informazioni sul progetto, inclusi video e storie, possono essere trovate sul sito web "I Am Not (what is) Broken" qui.

Priyanka è una studentessa di cinema e televisione che ama leggere, giocare a badminton e ballare coreografie. Le piace stare con la famiglia ed è un'appassionata di Bollywood. Il suo motto: "Lavora così duramente che i tuoi idoli ora diventino i tuoi concorrenti alla pari in seguito".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    La pubblicità dei gioielli di Aishwarya e Kalyan era razzista?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...