Il film ispirato a Qandeel Baloch sarà presentato in anteprima al Red Sea Film Festival

Un film parzialmente ispirato alla star pakistana dei social media Qandeel Baloch sarà presentato in anteprima al Red Sea Film Festival.

Il film ispirato a Qandeel Baloch sarà presentato in anteprima al Red Sea Film Festival f

"Qandeel Baloch era una volgare star dei social media"

Un film basato su Qandeel Baloch sarà presentato in anteprima al Red Sea Film Festival.

Wakhri è parzialmente ispirato al fenomeno dei social media, che è stato assassinato in un delitto d'onore.

Kaleem Aftab, responsabile della programmazione internazionale del Red Sea Film Festival, ha spiegato in dettaglio come il film è stato selezionato per il festival.

Ha detto: "Beh, non voglio sbilanciarmi troppo prima che vengano proiettati, ma penso che la gente rimarrà molto colpita dal nuovo film di Iram Bilal, Wakhri: unico nel suo genere.

“Penso che sia un film che parla di un incidente accaduto in Pakistan e sta cambiando la narrazione al riguardo.

“Sono anche felice di avere Zarrar Kahn in Flames, sempre dal Pakistan, che ha cambiato il genere.

Parlando del film, Iram ha detto:

“Qandeel Baloch era una volgare star dei social media proveniente dalle masse più povere del Pakistan.

“Scatenare i coraggiosi e i provocatori; estremamente popolare e selvaggiamente odiato.

“Abbiamo saputo di lei esattamente una settimana prima che fosse brutalmente uccisa... da lei fratello.

“Si è trattato di un delitto d'onore atipico perché la famiglia era ben consapevole dei suoi 'modi' e ne traeva anche un guadagno finanziario. Era un nuovo modo di provare la "vergogna". Era un nuovo tipo di "linciaggio".

“È stata una tempesta perfetta incredibilmente orribile provocata, in gran parte, dall’immenso trolling sui social media e in parte dall’instancabile società patriarcale in cui viviamo.

“Ciò che ha dato il via alla stesura di questa storia è stato il suo spirito resiliente e irriverente.

“Stranamente non riuscivamo a smettere di pensare a lei. Era molto personale: questo sentimento di sconfitta e la rabbia crescente che ribolliva nei nostri cuori.

“Ogni donna che possedeva la sua storia e osava occupare l’avatar di un personaggio pubblico in Pakistan, anche se online, veniva odiata e messa a tacere.

“Tutto ciò che sarebbe stata definita era in correlazione con suo padre, fratello o marito.

"Non osava parlare apertamente o essere definita come la sua persona."

“Inoltre, abbiamo osservato che, pur riconoscendo la morte di Qandeel, alcune femministe che si autoidentificavano mancavano in modo scioccante di empatia nei suoi confronti.

“Ci ha fatto capire che la comprensione errata del concetto di 'onore' era molto più profonda nella nostra cultura di quanto volessimo ammettere. Avevamo già perso amici a causa di questa narrazione.

“Tuttavia, lo zeitgeist militante ottimista che è in noi non voleva scrivere una storia senza speranza.

“Non vogliamo glorificare un delitto d'onore. Vogliamo fare un film in cui diamo al pubblico pakistano, al pubblico mondiale, una seconda possibilità per salvarla.

“Questa è la genesi di Wakhri, una storia di fantasia ispirata alla storia di Qandeel ma non limitata alla sua lotta, uno studio per tracciare la correlazione tra crimini d'odio e incendi sui social media.

“Questo film è un inno a tutte quelle donne nell’ombra che sono state ispirate dal suo coraggio. Desideriamo soffiare vento sotto le ali di tutte le donne che vogliono essere viste e ascoltate”.

Sana viene da un background legale che sta perseguendo il suo amore per la scrittura. Le piace leggere, ascoltare musica, cucinare e fare la sua marmellata. Il suo motto è: "Fare il secondo passo fa sempre meno paura che fare il primo".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Acquisteresti la PlayStation TV?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...