Famiglie di prigionieri: le vittime silenziose all'esterno

Le famiglie dei prigionieri sono spesso trascurate dal sistema giudiziario. Tuttavia, sono la chiave per ridurre la recidiva e la criminalità intergenerazionale?

"Non avevo idea di cosa stesse succedendo"

L'arresto e l'incarcerazione di una persona cara può essere un'esperienza traumatica. Tuttavia, le famiglie dei detenuti spesso non hanno sostegno e guida.

Spesso i servizi e i responsabili politici trascurano queste famiglie.

La ricerca ha dimostrato che forti legami familiari riducono la recidiva e la criminalità intergenerazionale.

Tuttavia, le difficoltà che queste famiglie devono affrontare vengono messe a tacere a causa di un senso di isolamento, vergogna e stigma.

Gli effetti a catena dell'arresto e della reclusione non si fermano alla persona criminalizzata.

Esploriamo ciò che attraversano le famiglie dei detenuti e se coinvolgerli di più può avere un effetto positivo.

Definizione delle famiglie dei prigionieri

La definizione di famiglie di detenuti e famiglie di autori di reato sembra chiara.

La maggior parte presume che siano coloro che hanno o hanno avuto una persona cara in custodia / carcere.

Tuttavia, è importante notare che ci sono due tipi di famiglie di detenuti / autori di reato che richiedono supporto:

  • Quelli che sostengono un membro della famiglia in prigione e stanno lottando praticamente ed emotivamente.
  • Persone che hanno bisogno del sistema di giustizia penale (CJS) per proteggersi dai propri familiari in carcere.

Ricerca sulle famiglie dei prigionieri

La ricerca mostra che la detenzione può avere un impatto sostanziale sulla vita dei membri della famiglia, sia adulti che bambini.

Le difficoltà emotive, finanziarie e di salute aumentano quando una persona cara viene arrestata.

Inoltre, le famiglie di prigionieri affrontano sfide considerevoli durante la navigazione attraverso il CJS.

Spesso ciò è dovuto alla mancanza di conoscenza delle procedure e del supporto esistente.

Pertanto, agli occhi delle organizzazioni che guidano tali famiglie, il sostegno deve essere più visibile e accessibile.

Le famiglie devono anche sapere che è disponibile un aiuto culturalmente sensibile, imparziale e non giudicante, poiché i gruppi di neri, asiatici e minoranze etniche (BAME) costituiscono un numero sproporzionato di detenuti.

Prigionieri del Regno Unito e loro famiglie

Nel Regno Unito, i gruppi BAME costituiscono il 13% della popolazione.

Tuttavia, nel marzo 2020, gli individui BAME costituivano il 27% della popolazione carceraria.

Il 45% dei giovani autori di reato è classificato come BAME in Inghilterra e Galles.

Un numero significativo di prigionieri musulmani costituisce anche il 45% dei giovani delinquenti.

Fiducia per la riforma carceraria afferma che il costo della sovrarappresentanza BAME nel sistema carcerario del Regno Unito è di circa 234 milioni di sterline all'anno. 

Organizzazione di base con sede a Birmingham Himaya Haven Il CIC è specializzato nel sostegno alle famiglie che hanno avuto o hanno attualmente dei propri cari in custodia e carcere. 

A Himaya Haven, la maggior parte delle famiglie sostenute proviene dalle comunità pakistane e del Kashmir a Birmingham, nel Regno Unito, e si identificano come musulmane.

La popolazione musulmana del Regno Unito è del 4.8%.

Tuttavia, il numero di prigionieri musulmani è molto più di questo.

Inoltre, nelle West Midlands, dove le donne asiatiche costituiscono il 7.5% della popolazione femminile, costituiscono il 12.2% delle prime iscritte al CJS.

Inoltre, le persone asiatiche hanno il 55% di probabilità in più di essere mandate in una prigione del Regno Unito per un reato perseguibile presso la Crown Court.

Queste statistiche continuano a sollevare interrogativi su come e perché esista tale sproporzione.

Prigionieri e famiglie di prigionieri nel mondo

Inoltre, il Elenco della popolazione carceraria mondiale (2018) afferma che più di 10.74 milioni di persone sono detenute in istituti penali in tutto il mondo. 

Questo numero riflette i detenuti in attesa di giudizio / detenuti in custodia cautelare e quelli condannati e condannati.

La necessità di agire su questo tema ha portato le organizzazioni a incoraggiare le discussioni internazionali.

Si consideri ad esempio il lavoro di rete Famiglie di prigionieri globali con sede presso il Center for Criminology presso l'Università di Oxford. 

Questa rete mira a promuovere e sviluppare la ricerca sulle famiglie dei detenuti.

A livello globale e nazionale, le esperienze delle famiglie dei detenuti devono essere riconosciute in tutti i settori governativi.

Perché usare la frase vittime silenziose?

Le vittime sono le persone colpite emotivamente, psicologicamente, finanziariamente o fisicamente dagli autori di reati.

Razia T Hadait, un operatore comunitario da oltre 20 anni, spiega:

“Sono le vittime silenziose all'esterno perché nessuno le riconosce come vittime.

"La gente pensa di non soffrire, ma soffre."

"Soffrono in silenzio perché non vogliono parlare di avere qualcuno in prigione".

Questo termine evidenzia che le famiglie hanno bisogno di supporto per navigare nel CJS e nelle loro nuove realtà.

Alcune organizzazioni possono anche aiutarle a ricevere più sostegno e opportunità di finanziamento.

Famiglie di prigionieri e isolamento

Molte famiglie sperimentano un senso di isolamento ed emarginazione.

Inoltre, questo è particolarmente vero per quelli delle comunità dell'Asia meridionale a causa delle aspettative culturali.

Una realtà riflessa nelle parole di Alisha Begum *. Suo fratello è stato arrestato e incarcerato per possesso di droga in Inghilterra.

Parlando della sua esperienza con il sistema giudiziario, dice:

“Non siamo stati pensati e non ci siamo sentiti in colpa per aver pensato, 'e noi?'.

“La mamma è stata presa dal panico quando mio cugino ci ha detto che mio fratello era stato arrestato.

“Non avevo idea di cosa stesse succedendo e cosa sarebbe successo dato che non ha telefonato.

"Aveva più di 18 anni, quindi la polizia non avrebbe detto niente a mamma oa me."

Organizzazioni del terzo settore (no-profit e enti di beneficenza) come Himaya Haven e PATTO può fornire supporto e informazioni essenziali alle famiglie sin dall'inizio.

Tuttavia le famiglie di solito non sono consapevoli dell'esistenza di tale supporto.

Il caos delle emozioni che provano può impedire loro di cercare organizzazioni.

Ecco perché le famiglie BAME come quella di Alisha spesso si sentono dimenticate.

Devono apprendere e comprendere le procedure giudiziarie e la legge separatamente, da sole.

I legami familiari contano: impatto dell'arresto e della reclusione

Dall'inizio dell'arresto, l'impatto sulle famiglie è multidimensionale e può avere conseguenze a lungo termine.

L'impatto include affetti emotivi, sociali, psicologici, finanziari e fisici.

Possono dominare anche emozioni come la vergogna, lo stigma e il senso di colpa.

Il figlio di Farrah Ahmed * è stato arrestato quando aveva 24 anni a Birmingham.

Spiega l'impatto che questo ha avuto sul suo benessere emotivo:

“Le mie gambe hanno ceduto quando ho ricevuto la chiamata della polizia che lo aveva arrestato.

"Ho passato giorni e giorni a chiedermi dove ho sbagliato."

"Come ha potuto andare in questo modo quando ho fatto di tutto per assicurarmi che non seguisse il percorso del suo Aba e quel lato."

Le sue parole evidenziano come i propri cari possano incolpare se stessi per le azioni dei criminali.

Questo senso di colpa può causare un notevole stress emotivo.

I figli dei prigionieri

Molti descrivono i figli di genitori detenuti come vittime di una "condanna nascosta".

La detenzione di un genitore / una persona cara può influenzare il senso di identità, appartenenza e sicurezza di un bambino.

Ciò significa anche che il genitore / tutore esterno può trovarsi con nuovi oneri finanziari.

I dati del Regno Unito mostrano che circa il 54% degli autori di reato ha figli sotto i 18 anni quando entrano in custodia.

In Europa, circa 2.1 milioni di bambini hanno un genitore in prigione.

Inoltre, i figli di autori di reato corrono un rischio maggiore di commettere reati.

A loro volta, prove sostanziali mostrano che la famiglia e gli amici sono una fonte fondamentale di supporto per il reinserimento e la riabilitazione.

In effetti, i dati del Regno Unito mostrano che tra il 40% e l'80% di coloro che sono stati rilasciati di recente fanno affidamento sulle proprie famiglie per superare ostacoli, come la disoccupazione e i senzatetto.

Covid-19 e il suo impatto sulle famiglie di prigionieri

Gli effetti del Covid-19 hanno aumentato la pressione sulle famiglie, che devono affrontare crescenti livelli di incertezza.

Il 10 maggio 2020, i dati hanno mostrato che 397 prigionieri sono risultati positivi al Covid-19, in 74 carceri in Inghilterra e Galles.

Per prevenire ulteriori focolai di Covid-19 nelle carceri del Regno Unito, le visite dei familiari sono state ridotte.

Tutto ciò si è aggiunto alle preoccupazioni che le famiglie devono affrontare per i loro cari.

Una ricerca del Ministero della Giustizia del Regno Unito (MoJ) mostra che i prigionieri che ricevono visite da un membro della famiglia hanno il 39% in meno di probabilità di recidivare.

Utilizzo della tecnologia

Nel 2021, l'introduzione di Visite viola (videochiamata) per contattare i prigionieri nelle carceri del Regno Unito, sono stati accolti da famiglie e organizzazioni di tutti i settori.

Tuttavia, questo passaggio alla comunicazione digitale ha sollevato questioni relative alla povertà e alla disuguaglianza digitali.

I tagli sostanziali ai bilanci del Consiglio comunale del Regno Unito e la chiusura / riduzione dei servizi pubblici rendono il terzo settore più vitale.

I problemi di povertà, salute mentale e benessere continuano ad avere un impatto.

Le famiglie degli autori di reato e dei detenuti che stanno affrontando altre forme di disagio, devono affrontare un'ulteriore esclusione a causa dei regolamenti Covid-19 e dei tagli governativi.

La polizia, CJS e collegamenti tra agenzie

La polizia, le organizzazioni del terzo settore e gli enti governativi intraprendono un lavoro importante sostenendo i detenuti e le loro famiglie a vari livelli.

Tuttavia, le conversazioni con quelli del terzo settore suggeriscono che ci sono delle lacune.

Esiste un enorme divario di conoscenza del supporto esistente per le famiglie dei prigionieri mentre navigano nel CJS.

Razia Hadait, CEO di Himaya Haven, afferma che il sistema di segnalazione CJS è un ostacolo per la sua organizzazione nel raggiungere le famiglie:

“Direi che uno è il rinvio. La polizia ha quel primo contatto quando si tratta di arrestare, ha un portale per indirizzare le famiglie a noi.

"Ma i rinvii non avvengono come dovrebbero."

Continua dicendo:

“L'altra cosa è che dobbiamo lavorare con la polizia per entrare nelle suite di custodia, così le famiglie hanno il supporto fin dall'inizio.

“Non sta succedendo adesso. Non sanno cosa sta succedendo. "

"Quando le persone sono in custodia cautelare, è fondamentale che vengano indirizzate a noi e in questo modo le famiglie riceveranno aiuto".

I percorsi ufficiali devono creare collegamenti a lungo termine tra i settori.

L'accesso al supporto può essere problematico a livello individuale a causa dello stigma, dell'isolamento e della mancanza di fiducia.

La polizia deve collaborare con le organizzazioni di base e le organizzazioni nel CJS dall'inizio dell'arresto / custodia cautelare.

Le organizzazioni di base hanno una comprensione ricca e multiforme dei bisogni delle famiglie e delle comunità.

A loro volta, la salute mentale e il benessere devono essere impegnati molto di più e supportati da organizzazioni e governi.

Le famiglie dei detenuti sono fondamentali per aiutare i detenuti a integrarsi di nuovo nella società e contribuire a ridurre la criminalità intergenerazionale.

Somia sta completando la sua tesi esplorando la bellezza razziale e l'ombra. Le piace esplorare argomenti controversi. Il suo motto è: "È meglio rimpiangere quello che hai fatto che quello che non hai".

* I nomi sono stati cambiati per l'anonimato. Informazioni fornite da Prison Reform Trust, Ministry of Justice, Lammy Report, Crest, Center for Youth and Criminal Justice.