Poesia sbattuta per aver fatto riferimento ai corpi di Covid-19 nel Gange

Una nuova poesia di Parul Khakhar sta ricevendo un forte contraccolpo per aver fatto riferimento ai corpi delle vittime di Covid-19 che galleggiano nel fiume Gange.

Poesia sbattuta per aver fatto riferimento ai corpi di Covid-19 nel Gange f

"Queste persone vogliono diffondere rapidamente il caos"

Una nuova poesia sta affrontando un contraccolpo per aver fatto riferimento ai corpi di sospette vittime di Covid-19 che galleggiano nel Gange.

La Gujarat Sahitya Academy ha criticato la poetessa Parul Khakhar per il suo ultimo lavoro, Shav Vahini Ganga, uscito il 11 maggio 2021.

La poesia discute la sofferenza degli indiani durante la tragica seconda ondata di Covid-19.

Critica anche il governo di Narendra Modi.

Nel complesso, la poesia è una critica dei corpi sospetti di Covid-19 pazienti che galleggiano nel fiume Gange.

In un editoriale nell'edizione di giugno 2021 della loro pubblicazione, Shabdashrushti, l'accademia accusa il poema di diffondere “anarchia”.

L'editoriale, scritto dal presidente dell'accademia Vishnu Pandya, si riferisce anche a coloro che scelgono di condividere la poesia come "Naxals letterari".

Poesia criticata per aver fatto riferimento ai corpi di Covid-19 nel Gange - poesia

Tradotto approssimativamente, parte dell'editoriale di Pandya diceva:

"La suddetta poesia è stata usata come spalla a cui sparare da tali elementi che hanno dato vita a una cospirazione, il cui impegno non è per l'India ma per qualcos'altro, che sono di sinistra, i cosiddetti liberali, a cui nessuno presta attenzione...

"Queste persone vogliono diffondere rapidamente il caos in India e creare l'anarchia...

“Sono attivi su tutti i fronti e allo stesso modo si sono lanciati nella letteratura con intenzioni sporche.

"Lo scopo di questi Naxal letterari è influenzare una parte di persone che metterebbero in relazione il proprio dolore e la propria felicità con questo (il poema)."

Pandya anche etichette Shav Vahini Ganga come “inutile angoscia espressa in uno stato di agitazione”.

Vishnu Pandya non menziona il poema di Parul Khakhar per nome nel suo editoriale. Tuttavia, ammette che si tratta di Shav Vahini Ganga.

Parlando alla Indian Express riguardo alla poesia di Khakhar, Pandya disse:

"Non c'è essenza di poesia in esso e non è nemmeno il modo corretto di scrivere la poesia."

"Questo potrebbe essere semplicemente sfogare la propria rabbia o frustrazione, ed è usato in modo improprio da elementi liberali, anti-Modi, anti-BJP e anti-Sangh (RSS)."

Vishnu Pandya ha anche detto che non porta rancore verso Parul Khakhari per la sua poesia.

Ha rivelato che l'Accademia ha già pubblicato il suo lavoro.

Tuttavia, dice che "sarebbe benvenuta dai lettori gujarati se scrivesse dei buoni pezzi in futuro".

Da quando ha pubblicato la sua poesia l'11 maggio 2021, Khakhar's Shav Vahini Ganga è stato tradotto in almeno sei lingue diverse, tra cui hindi e inglese.

Louise è una laureata in inglese in scrittura con la passione per i viaggi, lo sci e il pianoforte. Ha anche un blog personale che aggiorna regolarmente. Il suo motto è "Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo".

Immagini per gentile concessione di Women's Web e Zee News India