La guardia di sicurezza pakistana accoltellata a Sydney potrebbe ottenere la residenza

A una guardia di sicurezza pakistana accoltellata nell'attacco di Sydney potrebbe essere offerta la residenza permanente o la cittadinanza.

La guardia di sicurezza pakistana accoltellata a Sydney potrebbe ottenere la residenza f

"Credo di meritare riconoscimento e considerazione per la cittadinanza".

Il primo ministro australiano ha affermato che a una guardia di sicurezza pakistana accoltellata nell'attacco di Sydney potrebbe essere offerta la residenza permanente o la cittadinanza.

Ciò avviene dopo che il Paese ha fatto un’offerta simile a un cittadino francese.

Anthony Albanese ha affermato che tutti coloro che hanno mostrato coraggio durante l'attacco al Westfield Bondi Junction del 13 aprile 2024 sono stati una "luce in mezzo all'oscurità" e meritano la gratitudine dell'Australia.

Ha detto che il governo “certamente” prenderà in considerazione la possibilità di estendere un'offerta di residenza a Muhammad Taha.

Albanese ha confermato che Damien Guerot, soprannominato "Bollard Man" per aver affrontato l'aggressore Joel Cauchi con un dissuasore nel centro commerciale, avrà la residenza permanente in Australia.

È stato riferito che Muhammad, gravemente ferito nell'attacco, aveva chiesto perché non gli era stato offerto lo stesso dal momento che anche lui e il collega Faraz Tahir, che è stato ucciso, avevano affrontato Cauchi.

Il visto qualificato di sottoclasse 487 della guardia di sicurezza scade nel maggio 2024.

Ha detto: “Come vittima diretta dell’incidente, credo di meritare il riconoscimento e la considerazione della cittadinanza.

"Così come [come] le guardie che lavoravano a fianco [che] sono arrivate correndo verso il punto dell'incidente e rischiando la vita... [anche a loro] dovrebbe essere offerta la cittadinanza."

Al signor Albanese è stato chiesto se il governo avrebbe riconsiderato l'offerta di residenza o cittadinanza al signor Taha sulla stessa base del signor Guerot.

Il Primo Ministro ha detto: “Sì, lo faremo sicuramente.

“Damien Guerot, il cittadino francese che è stato elogiato durante la notte dal mio amico presidente [Emmanuel] Macron che era là fuori molto orgoglioso di lui… quello che lui [Guerot] stava cercando, era qui con un visto temporaneo, stava cercando un visto permanente , non per cambiare la sua cittadinanza, ma oggi gli verrà concesso un visto permanente.

“E certamente, le circostanze in cui le persone lavorano lì come guardie di sicurezza, la tragedia di Faraz Tahir che ha perso la vita, quest’altra persona Muhammad Taha, ha affrontato questo ragazzo, il [presunto] autore Joel Cauchi, sabato [saranno prese in considerazione ].

“Dimostra semplicemente un coraggio straordinario, queste sono persone che... non pensavano a se stesse... mettendosi in pericolo proteggendo gli australiani che non conoscevano, semplicemente persone che andavano a fare la spesa.

“E questo è il tipo di coraggio a cui vogliamo dire grazie, francamente. Quelle straordinarie storie di coraggio in mezzo alla carneficina e alla tragedia a cui abbiamo assistito sabato.

"È un po' di luce in mezzo all'oscurità che hai visto questi atti straordinari."

Il vice primo ministro Richard Marles aveva già affermato che “certamente le azioni del signor Taha sono state enormemente coraggiose, su questo non c'è dubbio”.

Ha aggiunto: “Non sono a conoscenza delle particolari richieste del signor Taha… ma non ho dubbi che la sua situazione verrà risolta.

“L’idea che il tipo di coraggio dimostrato da Taha sia ciò che vogliamo vedere in questo paese è, ovviamente, giusta”.



Dhiren è un redattore di notizie e contenuti che ama tutto ciò che riguarda il calcio. Ha anche una passione per i giochi e la visione di film. Il suo motto è "Vivi la vita un giorno alla volta".



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Sei d'accordo con il divieto di pubblicità del condom sulla TV indiana?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...