La moglie del giornalista pakistano riceve una ricompensa per l'omicidio

Un tribunale keniano ha stabilito che l'omicidio di Arshad Sharif è illegale e ha ordinato un risarcimento alla vedova.


L'uccisione di Sharif ha causato indignazione

La moglie di un giornalista pakistano ucciso in Kenya ha ricevuto un risarcimento.

Nel 2022, la polizia keniota ha ucciso Arshad Sharif.

Sharif, un importante conduttore televisivo, era noto per le sue forti critiche ai potenti leader militari del Pakistan e alla corruzione politica.

L'ex presidente Arif Alvi ha conferito al giornalista investigativo il Pride of Performance nel marzo 2019.

Un tribunale keniota ha ora stabilito che le autorità hanno agito illegalmente e hanno violato il diritto alla vita di Sharif.

Di conseguenza, la sua vedova, Javeria Siddique, ha ricevuto 61,000 sterline.

Sharif, padre di cinque figli, ha ricevuto numerose minacce di morte. Temendo per la sua vita, è fuggito dal Pakistan il 10 agosto 2022. È arrivato in Kenya 10 giorni dopo.

Due mesi dopo, la polizia uccise Sharif nella città keniota di Kajiado.

In tutto il Pakistan e nella comunità internazionale, l'uccisione di Sharif ha suscitato indignazione.

In effetti, la lenta risposta dei funzionari nelle indagini ha favorito UN esperti a criticare sia il Pakistan che il Kenya.

La polizia del Kenya aveva sostenuto che l'omicidio era il risultato di uno scambio di identità.

Tuttavia, i rapporti hanno evidenziato che i proiettili hanno crivellato l'auto di Sharif.

Emettendo il verdetto e la decisione sul risarcimento, il giudice Stella Mutuku ha affermato:

“La perdita di vite umane non può essere compensata in termini monetari, né lo sono il dolore e la sofferenza che la famiglia deve aver subito.

“Ma c’è consenso sul fatto che il risarcimento sia un rimedio adeguato per un risarcimento in violazione dei diritti fondamentali”.

Inoltre, il giudice ha stabilito che le autorità hanno violato i diritti di Sharif non avendo perseguito i due agenti coinvolti. Questo fallimento è stato causato dal procuratore generale e dall'autorità indipendente di controllo della polizia.

Ochiel Dudley, l'avvocato che rappresenta la moglie di Sharif, ha affermato che "questa è una vittoria per la famiglia e una vittoria per i keniani nella loro richiesta di responsabilità della polizia".

La vedova di Sharif ha espresso la sua gratitudine alla magistratura keniana per la sentenza sull'uccisione del marito.

Tuttavia, ha affermato che il suo lavoro era lungi dall'essere finito:

“Questa sentenza è stata un sollievo per me e la mia famiglia, ma non mollerò nell’ottenere la massima giustizia per mio marito”

Javeria Siddique è determinata a condurre una campagna per proteggere i giornalisti come il suo defunto marito. Il suo obiettivo è ottenere l'aiuto delle Nazioni Unite e del Comitato per la protezione dei giornalisti.

La morte di Arshad Sharif ha scioccato molti in tutto il Pakistan. Ha ottenuto tributi da colleghi giornalisti e celebrità.

L'attrice e modella Mariyam Nafees Amaan ha scritto con emozione in un post:

"Incredibile! Tragico sembra una parola così piccola.

“Hai fatto del tuo meglio. I tuoi sforzi non saranno dimenticati".

Somia è la nostra redattrice di contenuti e scrittrice che si concentra sullo stile di vita e sugli stigmi sociali. Le piace esplorare argomenti controversi. Il suo motto è: "È meglio rimpiangere ciò che hai fatto piuttosto che ciò che non hai fatto".

Twitter @javerias




Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Quale di questi sei?

    Guarda i risultati

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...