Nusrit Mehtab riflette su polizia, diversità e "fuori dagli schemi"

In un'intervista esclusiva con DESIblitz, Nusrit Mehtab approfondisce le complessità della polizia moderna con il suo libro di memorie, "Off the Beat".

Nusrit Mehtab riflette su polizia, diversità e "fuori dagli schemi" - f

"Non dimenticherò mai il razzismo che ho incontrato per strada."

Nel mondo della polizia, poche storie sono così avvincenti e stimolanti come quella di Nusrit Mehtab.

Il suo nuovo libro, Fuori dal ritmo, approfondisce la sua carriera rivoluzionaria come una delle prime donne musulmane di origine pakistana ad arruolarsi nella polizia metropolitana alla fine degli anni '1980.

In un’epoca piena di razzismo, misoginia e l'omofobia, il viaggio di Nusrit rappresenta una testimonianza di resilienza, tenacia e incessante ricerca della giustizia.

La nostra intervista esplora le sue motivazioni, le sfide che ha dovuto affrontare, la sua visione per un futuro più inclusivo nelle forze dell'ordine e l'impatto duraturo dei suoi coraggiosi contributi.

Le sue intuizioni illuminano il percorso verso una forza di polizia più giusta ed equa per le generazioni a venire.

Cosa ti ha motivato ad arruolarti nella polizia metropolitana alla fine degli anni '80 come donna musulmana di origine pakistana, nonostante il razzismo, la misoginia e l'omofobia presenti all'epoca?

Nusrit Mehtab riflette su polizia, diversità e "fuori dagli schemi"In realtà è stato uno scherzo del destino che mi abbia fatto finire nella polizia metropolitana.

Dopo aver lasciato l'università inizialmente volevo fare l'hostess di volo, ma il mio consulente professionale mi ha detto che non avevo il corpo giusto per farlo!

Mi ha indicato la direzione della campagna di reclutamento del Met e il resto è storia!

È stato sicuramente un passo coraggioso e inaspettato da compiere per una donna di colore.

Crescendo, non ho mai avuto la sensazione che la polizia fosse lì per proteggere persone come me, per non parlare del fatto che provenissero dalla mia comunità.

È stata la mia famiglia a farmi pensare che fosse qualcosa in cui potevo eccellere.

Sono cresciuto ascoltando le storie di mio zio che era sovrintendente di polizia nel distretto del Punjab in Pakistan, di membri della mia famiglia che hanno combattuto in entrambe le guerre mondiali e alcuni hanno perso la vita.

Potresti descrivere un momento della tua carriera in cui hai affrontato resistenze, come essere ostracizzato da colleghi ufficiali o incontrare ostacoli nella promozione, e come hai superato tutto ciò?

Un problema che incontravo costantemente era dover lottare per essere promosso.

Il sistema di promozione nella polizia è incredibilmente ingiusto e in cui la tossicità della forza si mostra davvero.

Puntare ad una promozione spesso era come essere nei Gladiators, dover combattere round dopo round.

Per una particolare promozione, i miei colleghi stavano attivamente bloccando la mia progressione.

Parte del processo richiede che i candidati presentino esempi dei nostri risultati che vengono poi verificati dai nostri colleghi.

Avevo mostrato i miei esempi a tre dei miei superiori, i quali mi avevano tutti detto che erano fantastici e avevano promesso di verificarli, solo per scoprire più avanti che ciascuno di loro si era rifiutato di confermare che i miei esempi fossero veri.

Fortunatamente, ho ricevuto le loro e-mail come prova del fatto che inizialmente avevano acconsentito e hanno presentato ricorso formale.

Alla fine ho ottenuto la promozione, ma è stata una lotta ad ogni passo. La mia tenacia mi ha fatto andare avanti.

In fondo, le promozioni riguardano davvero chi conosci e chi puoi convincere a supportarti.

Ciò impedisce a POC e WOC di progredire nell'organizzazione: semplicemente non otteniamo il supporto dei "vecchi ragazzi" come hanno fatto i nostri colleghi bianchi.

Come hai mantenuto la resilienza e sostenuto il cambiamento nonostante il comportamento razzista e sessista che hai riscontrato?

Nusrit Mehtab riflette su polizia, diversità e "fuori dagli schemi" (2)Ci sono stati molti momenti della mia carriera in cui mi sono sentito vicino a lasciare.

La lotta costante per dimostrare il tuo valore e continuare a progredire nonostante l’ostilità può lasciarti molto stanco della battaglia.

Ci è voluta un'enorme forza interiore per andare avanti, ma il mio amore per il lavoro mi ha fatto andare avanti.

"Ho davvero amato il lavoro che stavo svolgendo e le comunità con cui lavoravo."

Sia che si tratti di vittime di violenza domestica, infiltrandosi nelle reti della criminalità organizzata o lavorando nell'antiterrorismo, il lavoro era davvero appagante e valeva la pena farlo.

Più l'organizzazione cercava di spingermi verso il basso, più ero determinato a salire di livello.

Continuavo a dirmi: "Perché dovrebbero vincere i razzisti e i misogini?" Il problema sono loro, non io."

In Fuori dal ritmo, suggerisci soluzioni per affrontare le questioni culturali all'interno delle forze dell'ordine. Puoi delineare una di queste soluzioni e spiegarne il potenziale di trasformazione?

Sembra così ovvio, ma la cosa più importante e significativa che la polizia deve fare è accettare e riconoscere che ci sono razzismo istituzionale e misoginia all’interno delle forze dell’ordine.

Come possono risolvere un problema che si rifiutano di riconoscere in primo luogo?

Ci sono state tantissime revisioni, dal rapporto Macpherson del 1999 alla Baroness Casey Review del 2023 e all’inchiesta Angiolini del 2024, che hanno riscontrato problemi seri e formulato raccomandazioni per cambiamenti positivi.

Le risposte ci sono, ma nessuna trasformazione potrà avvenire finché il Met non accetterà pubblicamente che c’è un problema.

Quali qualità ritieni siano essenziali nella leadership della polizia per promuovere un ambiente più rispettoso, data la tua esperienza su come la leadership all’interno del Met può influenzare la cultura del razzismo e della misoginia?

Nusrit Mehtab riflette su polizia, diversità e "fuori dagli schemi" (3)I grandi leader della polizia devono rafforzare gli standard professionali.

La cultura inizia con loro, quindi la loro etica e i loro valori devono essere chiari fin dall’inizio.

Dobbiamo vederli affrontare con durezza le questioni del razzismo e della misoginia per dare un esempio visibile a tutti in modo che i membri del personale delle comunità emarginate sappiano che la loro sicurezza e i loro interessi sono protetti.

Durante il mio periodo in polizia, la polizia non insegnava la leadership finché non si raggiungeva il livello di sovrintendente capo, il che è semplicemente troppo tardi.

Dal momento in cui inizi a gestire le persone sei responsabile del loro benessere, ecco allora che deve iniziare la formazione manageriale.

Ora, come docente di diritto di polizia e criminologia, quale messaggio speri di trasmettere ai tuoi studenti sulla polizia e sulle relazioni con la comunità?

Responsabilità e trasparenza.

Devono assumersi la responsabilità delle proprie azioni, il che dovrebbe essere un dato di fatto ma spesso non lo è.

Ma soprattutto devono comunicare con le comunità che sorvegliano.

Il pubblico deve sapere che la polizia è lì per loro e che ha a cuore i loro migliori interessi.

Essendo la prima donna musulmana di origine pakistana a diventare un agente sotto copertura nel Regno Unito, puoi descrivere cosa comportava questo ruolo e come ha influenzato la tua prospettiva sulla polizia e sulla diversità?

Nusrit Mehtab riflette su polizia, diversità e "fuori dagli schemi" (4)Come agente sotto copertura, ho lavorato a molte operazioni impegnative e pericolose.

Ho iniziato a lavorare come esca nelle operazioni di strisciamento sui marciapiedi, fingendomi una prostituta agli angoli delle strade in alcune delle zone più difficili di Londra.

Poi sono diventato un poliziotto sotto copertura, dove ho ricevuto un encomio per il mio lavoro, una retata per cocaina in un club che alla fine ha distrutto una catena di fornitura di droga molto più ampia.

È stato un lavoro incredibilmente teso, ma il risultato dopo un'operazione di puntura riuscita è stato incredibile.

Ho davvero amato il mio lavoro sotto copertura, ma mi ha davvero aperto gli occhi sulla sproporzionalità in termini di genere.

Alle donne operative venivano spesso assegnati solo ruoli fingendosi fidanzate o mogli, lasciando il lavoro di alto profilo agli uomini.

Spesso venivo anche mandato in giro con il niqab e non dimenticherò mai il razzismo che ho incontrato per le strade.

Mi sono chiesta come devono essere le donne che li indossano ogni giorno.

Qual è stato il punto di svolta che ti ha portato a decidere di lasciare il Met dopo 30 anni, e cosa speri che la tua partenza possa portare alla forza a lungo termine?

Mentre ero al Met, c’erano solo circa 10 ufficiali neri o asiatici al grado di sovrintendente e più della metà di loro erano sotto indagine.

La baronessa Casey ha scoperto nella sua analisi che gli ufficiali e il personale neri avevano l'81% di probabilità in più rispetto alle loro controparti bianche di subire accuse di cattiva condotta interna contro di loro.

Ho visto in prima persona come la vita dei miei colleghi indagati sia stata stravolta.

Sembrava che gli alti ufficiali neri o asiatici avessero degli obiettivi sulla schiena ed era un ambiente molto ostile da dover sopportare giorno dopo giorno.

“Col tempo la mia salute mentale ha cominciato a peggiorare davvero e sono arrivato a un punto in cui era un prezzo troppo alto da pagare”.

Quello di Nusrit Mehtab Fuori dal ritmo è un invito all'azione per un cambiamento sistemico all'interno della Polizia Metropolitana e oltre.

La sua storia sottolinea la resilienza necessaria per superare le barriere radicate e l’importanza di riconoscere e affrontare i pregiudizi istituzionali.

Mentre Nusrit continua a influenzare le future generazioni di agenti di polizia attraverso il suo lavoro di docente, le sue esperienze e intuizioni offrono lezioni preziose sulla leadership, la diversità e il perseguimento della giustizia.

Fuori dal ritmo è una lettura obbligata per chiunque sia interessato a comprendere le complessità della polizia moderna e la spinta incessante necessaria per promuovere la vera uguaglianza all'interno delle forze dell'ordine.

Per ulteriori informazioni sul libro, fare clic su qui.

Il caporedattore Ravinder ha una forte passione per la moda, la bellezza e lo stile di vita. Quando non assiste il team, modifica o scrive, la troverai mentre scorre TikTok.



Cosa c'è di nuovo

ALTRO

"Quotato"

  • Sondaggi

    Vorresti sapere se stai giocando contro un bot?

    Caricamento in corso ... Caricamento in corso ...
  • Condividere a...